Furlan: “Per andare in pensione, alle donne per ogni figlio un anno di contributi in meno”

Furlan: “Per andare in pensione, alle donne per ogni figlio un anno di contributi in meno”

🔈Firenze, a margine del ‘Festival delle Generazioni’, Annamaria Furlan, segretario generale della Cisl, ha risposto ad una serie di domande sulla nota di aggiornamento al Def del governo M5s-Lega.

Sulle pensioni “faccio una proposta: se la maternità è un valore sociale per tutto il paese, per ogni figlio un anno di contributi in meno – ha detto la Furlan – Quota 100 è una buona base di confronto – ha spiegato ai cronisti – assolutamente positiva: vanno però capite meglio alcune condizioni. Ad esempio, le donne in questo paese, in modo particolare nel Sud ma non solo nel Sud, ben difficilmente riescono a totalizzare 38 anni di contributo”.

“Quello che a me interessa innanzitutto capire sul reddito di cittadinanza è che non diventi un sussidio fine a sé stesso, ma diventi davvero un percorso verso il lavoro: le spiegazioni date fino a adesso mi sembrano del tutto insufficienti – ha risposto la segretaria Cisl – il reddito di cittadinanza è ancora abbastanza lacunoso nei suoi contenuti: sarà davvero indispensabile capire sino in fondo se è davvero possibile che accompagni strutturalmente il lavoro, dove il lavoro c’è. È questo il grande tema”.

Sempre secondo Furlan poi “noi abbiamo bisogno di investire innanzitutto nel Mezzogiorno. Lì posti di lavoro ce ne sono pochi perché abbiamo poche imprese, poche e fatiscenti infrastrutture, pochissimi investimenti per il futuro”.

“Non mi scandalizza per niente una partecipazione” dello Stato in Alitalia, – Ha detto la Furlan – ad esempio attraverso Cdp, o ancora meglio attraverso aziende di proprietà pubblica che possono essere interessate anche in termini di sistema: credo che però vada innanzitutto cercato un partner industriale internazionale per rafforzare davvero Alitalia”.

“Credo che Alitalia – ha spiegato ai cronisti Annamaria Furlan – sia un’azienda assolutamente importante nell’economia del Paese. Siamo un Paese turistico: avere una grande compagnia è importante. Ci vuole, quindi, un progetto”.

Alla domanda di cosa sarebbe mancato, secondo lei, nella manovra economica del governo, “Una visione di Paese che punti innanzitutto alla crescita – ha detto – credo che nel dialogo e nel confronto che il governo mi auguro finalmente attivi con le parti sociali, tenga davvero presente questo aspetto. Noi ci presenteremo al governo – ha aggiunto – con proposte maturate da Cgil, Cisl e Uil, le confronteremo con la nostra base associativa, con i lavoratori. Per creare il futuro del Paese bisogna ripartire dal lavoro. E non si riparte dal lavoro se innanzitutto non si pensa ad investire in reddito e sviluppo”.

Il ‘Festival delle Generazioni’, organizzato dalla Fnp-Cisl si tiene ogni due anni a Firenze ed è nato con l’intenzione di avviare una confluenza delle migliori energie degli anziani e dei giovani per un impegno comune nella soluzione della crisi che condiziona la nostra società:

Gimmy Tranquillo ha intervistato Francesca Zaffino, direttrice artistica del Festival e Annamaria Furlan:

L'articolo Furlan: “Per andare in pensione, alle donne per ogni figlio un anno di contributi in meno” proviene da www.controradio.it.

Firenze, bomba capodanno: Interno e Difesa parti civili

Firenze, bomba capodanno: Interno e Difesa parti civili

Ministero dell’Interno e Ministero della Difesa  ammessi dalla corte di assise di Firenze come parti civili nell’udienza odierna del processo a 39 anarchici imputati per vari fatti nel capoluogo toscano.

Il più grave di questi, il tentato omicidio dell’artificiere della polizia di Stato, Mario Vece. Egli rimasto ferito gravemente a causa di una bomba posizionata la notte del Capodanno 2017 davanti alla libreria Il Bargello di Casapound a Firenze.

Si sono costituiti parti civili anche il sindacato di polizia Siulp, Casapound, la libreria Il Bargello.
Nel processo gli imputati, tutti di area anarchica, sono accusati a vario titolo dei reati del tentato omicidio di Vece. Lesioni, resistenza, danneggiamento, occupazioni illecite di edifici. All’udienza hanno assistito in aula alcune decine di militanti che, in alcuni casi, hanno alzato la voce in segno di contestazione e per salutare gli imputati costringendo il presidente della corte a richiamarli più volte all’ordine.
Prossima udienza il 18 ottobre.

L'articolo Firenze, bomba capodanno: Interno e Difesa parti civili proviene da www.controradio.it.

Conte, lavoriamo alla crescita domani cabina regia investimenti a Palazzo Chigi

Conte, lavoriamo alla crescita domani cabina regia investimenti a Palazzo Chigi

🔈Firenze, il presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, è intervenuto, al polo delle Scienze sociali dell’Università di Firenze, per tenere una prolusione agli studenti della Scuola di Giurisprudenza.

Prima del suo intervento, Conte ha rilasciato alcune dichiarazioni sulla prima manovra economica del Governo M5s-Lega, la cui bozza dovrà essere inviata entro il 15 ottobre alla Commissione Ue: “Il rapporto debito/Pil noi lo conterremo, scenderemo, il problema è semplicemente che se avessimo proseguito le manovre fin qui fatte, noi saremmo sempre il fanalino di coda della crescita economica d’Europa”.

“Confidiamo che la crescita sarà sicuramente superiore alle previsioni del FMI – ha detto poi Conte – Siamo ben determinati abbiamo ben meditato questa manovra, questa linea di azione. Dobbiamo consentire alla nostra economia di poter esprimere le sue potenzialità e dobbiamo ovviamente pensare anche allo sviluppo sociale del paese. Lo facciamo con la massima ragionevolezza”.

“Per quanto riguarda i rapporti con l’Europa andremo a spiegare la manovra: con la Commissione inizieremo una interlocuzione – ha continuato Conte riferendosi alla lettera di bocciatura del Def dell’Unione Europea, arrivata nei giorni scorsi – Voi avete letto molto negativamente la lettera che Dombrovskis e Moscovici hanno anticipato. In realtà si conclude con un ‘siamo aperti a un dialogo costruttivo’. Ed è chiaramente una valutazione, come loro precisano, prima fase. Non poteva essere diversamente: la nostra manovra non rispecchia quelle che erano le loro aspettative. Noi siamo disponibilissimi a spiegare questa manovra, confrontarci in modo ragionevole. Confido che non ci siano toni un po’ agitati da nessuna parte perché non è proficuo per nessuno, né per l’Europa né per l’Italia”.

“Vi preannuncio che domani pomeriggio a Palazzo Chigi si riunirà la cabina di regia per gli investimenti – ha anticipato poi Giuseppe Conte, presidente del Consiglio annunciando le prossime mosse del Governo – Sono state invitate le più grandi aziende partecipate del nostro paese – e siamo a valutare quale sarà un piano addizionale per gli investimenti. Lavoriamo seriamente per la crescita”.

Gimmy Tranquillo ha raccolto le dichiarazioni del premier Giuseppe Conte:

L'articolo Conte, lavoriamo alla crescita domani cabina regia investimenti a Palazzo Chigi proviene da www.controradio.it.

Firenze, incidente stradale: scontro bus scooter, ferito 15enne

Firenze, incidente stradale: scontro bus scooter, ferito 15enne

Un ragazzo di 15 anni è rimasto ferito a seguito di un incidente stradale avvenuto attorno alle 13,15 in via Benedetto Fortini, a Firenze.

Secondo quanto ricostruito dalla polizia municipale di Firenze, il 15enne, era all guida del suo scooter quando in una curva si è scontrato frontalmente con un bus della compagnia Li-nea.

A seguito dell’urto il ragazzo ha riportato varie lesioni, anche al volto, e un trauma cranico. Ora si trova ricoverato in osservazione all’ospedale di Careggi e non è in pericolo di vita. Sono in corso accertamenti sulla dinamica dell’incidente.

L'articolo Firenze, incidente stradale: scontro bus scooter, ferito 15enne proviene da www.controradio.it.

Firenze: fabbricava false carte circolazione Vespa, scoperto

Firenze: fabbricava false carte circolazione Vespa, scoperto

un uomo di 40 anni, residente in provincia di Macerata, è stato scoperto e denunciato dalla polizia stradale di Firenze. Per  farli sembrare ‘antichi’, macchiava documenti col caffè, li accartocciava e li ingialliva col fumo delle sigarette o lasciandoli al sole.

Fabbricava falsi libretti di circolazione per motocicli, in particolare della Vespa Piaggio, così da reimmettere i mezzi sul mercato come veicoli storici. Così un uomo di 40 anni, residente in provincia di Macerata, è stato scoperto e denunciato dalla polizia stradale di Firenze.

Il 40enne addirittura pubblicizzava la sua attività ai mercatini dell’usato usando un carrello della spesa corredato di volantini dove erano illustrati tutti i suoi servizi.
Secondo l’accusa di Firenze, non si sarebbe limitato a falsificare i modelli delle carte di circolazione, ma anche marche da bollo in lire e timbri della motorizzazione civile in uso negli anni ’60.

Per farli sembrare ‘antichi’, macchiava documenti col caffè, li accartocciava e li ingialliva col fumo delle sigarette o lasciandoli al sole.
Le indagini che hanno portato alla denuncia, coordinate dalla procura di Firenze, sono scattate quando i poliziotti si sono imbattuti in un libretto da lui confezionato, facilmente riconoscibile come falso poiché emesso, stando a quanto scritto sopra, dalla motorizzazione di Prato nel 1973: anno in cui l’ufficio non era ancora stato istituito non esistendo la provincia di Prato in quell’epoca.

Infine nella sua abitazione sono state sequestrate marche da bollo false da 100 lire, vari libretti di circolazione in bianco o già compilati, normografi, una paletta delle forze dell’ordine e altro materiale.

L'articolo Firenze: fabbricava false carte circolazione Vespa, scoperto proviene da www.controradio.it.