Istituto Agrario di Firenze presenta il percorso di Enofood.com

Istituto Agrario di Firenze presenta il percorso di Enofood.com

Fondazione Its EAT: l’Istituto Agrario di Firenze presenta Enofood.com, il percorso di formazione per tecnici superiori che avranno il compito di valorizzare nel mondo il settore agrario e agroalimentare toscano

Giovedì 11 ottobre, alle 15.00, l’aula magna della scuola di via delle Cascine ospiterà una giornata rivolta ai giovani tra i 18 e i 29 anni in cui sarà presentato il programma didattico del prossimo biennio e in cui sarà possibile avere un primo incontro con le tante aziende coinvolte nelle 1.200 ore di lezioni in aula e nelle 800 ore di tirocinio. 

Promosso dalla Fondazione Its EAT – Eccellenza Agroalimentare Toscana, l’Open Day fiorentino di Enofood.com è a partecipazione libera e gratuita, e rappresenta l’ultima occasione per avere informazioni in vista della scadenza delle iscrizioni (prorogata a giovedì 18 ottobre) e dell’inizio delle lezioni di martedì 30 ottobre.

Enofood.com è promosso dalla Fondazione Its EAT – Eccellenza Agroalimentare Toscana che opera in stretta sinergia con le aziende, le associazioni e le istituzioni regionali per proporre una formazione post-diploma di alta specializzazione orientata ad aumentare la competitività del settore primario. L’ambizione è di creare un collegamento tra i giovani e il mondo del lavoro, attraverso la formazione di professionisti in ruoli innovativi di cui le imprese agrarie e agroalimentari hanno bisogno per vivere un’ulteriore fase di crescita.

L’organizzazione di Enofood.com risponde proprio a queste esigenze e accompagnerà venticinque allievi all’acquisizione di tutte le competenze legate alla valorizzazione, alla comunicazione e al marketing dell’agribusiness toscano. Particolare attenzione sarà rivolta ad una delle eccellenze regionali maggiormente conosciute e ricercate nel mondo, il vino,
con lezioni e stage portati avanti insieme ai produttori e agli imprenditori legati al Consorzio del Vino Chianti Classico, alla denominazione di San Gimignano e al Vino Nobile di Montepulciano.

Il settore enologico è anche un fattore di attrattività turistica e, di conseguenza, gli allievi di Enofood.com riceveranno nozioni anche per configurare le aziende sempre più come luoghi di esperienze in cui i clienti possano sentirsi coinvolti in un percorso di conoscenza della realtà e del territorio. Al termine del percorso, i tecnici avranno anche le capacità per gestire i rapporti commerciali e il lancio di prodotti enogastronomici, per analizzare le domande dei mercati emergenti e proporre soluzioni innovative, o per implementare le strategie di marketing e di comunicazione anche attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie.

“Il settore primario sta cambiando – spiega Paola Parmeggiani, direttrice della Fondazione Its EAT, – e sta diventando all’avanguardia, puntando sempre più su una dimensione esperienziale e investendo anche sui social network. Enofood.com nasce da un confronto con le aziende, in primis quelle del settore enologico, volto ad individuare le nuove strategie per farle crescere e per formare quei professionisti da inserire in ruoli innovativi ma sempre più importanti. Prima dell’inizio dei corsi, dunque, invitiamo i giovani all’Open Day dell’11 ottobre”.

L'articolo Istituto Agrario di Firenze presenta il percorso di Enofood.com proviene da www.controradio.it.

A Pistoia si formano i futuri professionisti dell’agribusiness

A Pistoia si formano i futuri professionisti dell’agribusiness

A Pistoia si formano i futuri professionisti per lo sviluppo e la valorizzazione del settore agricolo toscano. Dal mese di ottobre prenderà il via il percorso di Agri.Mktg.4.0 organizzato presso il polo universitario pistoiese Uniser. A promuovere e a coordinare l’intero percorso è la Fondazione Its EAT – Eccellenza Agroalimentare in Toscana che si occupa di alta formazione post-diploma e che ha organizzato un doppio Open Day per incontrare i ragazzi interessati e per illustrargli il programma.

I due anni di studio permetteranno infatti di formare tecnici superiori per il controllo, la valorizzazione e il marketing delle produzioni agrarie, agro-alimentari e agro-industriali, contribuendo a migliorare la competitività del sistema economico e produttivo italiano nel mondo. La validità di Agri.Mktg.4.0 è dimostrata dal coinvolgimento di ventinove realtà locali (imprese, scuole e associazioni di categoria) che hanno sostenuto il progetto e che contribuiranno con i loro professionisti alle 1.200 ore di lezioni in aula e, soprattutto, alle 800 ore di tirocinio.

Il percorso è orientato ad accompagnare venticinque ragazzi tra i 18 e i 29 anni all’acquisizione di competenze e conoscenze necessarie per un futuro inserimento nel mondo del lavoro in posizioni innovative di cui le aziende hanno evidenziato il bisogno.

Il primo Open Day sarà lunedì 17 settembre all’istituto “Martini” di Montecatini Terme e il secondo sarà giovedì 20 settembre al palazzo comunale di Pistoia, entrambi con inizio alle 16.00. «Il punto di forza di Agri.Mktg.4.0 è la stretta collaborazione con il mondo del lavoro – spiega Paola Parmeggiani, direttrice della Fondazione Its EAT. – Ci siamo prima confrontati con le aziende per capire le figure professionali di cui avevano maggior bisogno, poi insieme a loro abbiamo strutturato il piano di studi e infine le abbiamo coinvolte in modo diretto per tenere le lezioni e per ospitare i tirocini degli allievi coinvolti».

Terminato Agri.Mktg.4.0, le aziende potranno fare affidamento su tecnici specializzati nell’intero processo di commercializzazione dei beni agricoli ed agroalimentari, nei rapporti commerciali e nelle attività connesse al lancio dei prodotti eno-gastronomici.

Gli allievi riceveranno competenze legate al marketing, al management, alla gestione del web e alla comunicazione aziendale tramite social media, imparando ad analizzare le domande dei mercati emergenti e a proporre soluzioni innovative per rendere le imprese più competitive.

Il corso, frequentato con esito positivo, è inoltre equiparato al periodo di praticantato richiesto per poter sostenere l’esame di stato per l’abilitazione alla professione di perito agrario. Il termine per le iscrizioni è fissato in lunedì 3 ottobre. «L’obiettivo del corso è duplice – aggiunge Parmeggiani, – fornire ai ragazzi una concreta futura opportunità lavorativa e permettere alle imprese del settore agricolo e agro-alimentare di poter fare affidamento su professionisti in grado di renderle più competitive nel panorama nazionale e internazionale».

L'articolo A Pistoia si formano i futuri professionisti dell’agribusiness proviene da www.controradio.it.