Danza, musica e poesia con “Sovicille d’estate”

Danza, musica e poesia con “Sovicille d’estate”

Dal 21 al 27 agosto a Sovicille torna “Sovicille d’estate”, la rassegna realizzata da Fondazione Toscana Spettacolo onlus e Amministrazione comunale che propone un cartellone con tante proposte artistiche.

Il Museo del Bosco, la Tinaia e il Chiostro di Sovicille, il Circolo ARCI di Ancaiano, la Terrazza della Bottega di Stigliano, la Pieve di Ponte allo Spino, il chiostro dell’Abbazia di Torri sono, dal 21 giugno al 27 agosto, palcoscenici d’eccezione per le performance di poesia, musica e danza previste dal calendario di “Sovicille d’estate”, che intreccia la tradizione con lo spettacolo dal vivo in tutte le sue declinazioni.

Anche per quest’anno, è l’associazione Idilio Dell’Era, realtà culturale dedicata al poeta e scrittore senese del Novecento, ad aprire la rassegna, venerdì 21 giugno (ore 21.30) nella Tinaia di Sovicille, con Not(t)e di poesia, omaggio all’uomo e all’artista.

Il via alla musica è sabato 29 giugno (ore 21.30), al Circolo ARCI di Ancaiano, con la cover band La Settima Onda, che propone un Omaggio ai Nomadi con un concertoche ripropone le loro canzoni.

Venerdì 5 luglio (ore 21.30) sulla Terrazza della Bottega di Stigliano è di scena il jazz senese con il Tobia Bondesan Quartet (Emanuele Parrini al violino, Tobia Bondesan ai sax tenore/soprano/alto, Michele Bondesan al contrabbasso, Giuseppe Sardina alla batteria).

Giovedì 25 luglio (ore 21.30) al Museo del Bosco di Orgia è la volta della poesia recitata, cantata, suonata. La Buona Novella di Fabrizio De André approda in scena restituita dai Khorakhanè e da Chiara Riondino, un omaggio al “poeta” di Via del Campo. L’altra voce solista è di Fabrizio Coveri, mentre gli arrangiamenti e la direzione musicale sono di Fabio Battistelli.

Domenica 28 luglio (ore 21.15) la Pieve di Ponte allo Spino ospita il primo dei due concerti in cartellone degli allievi delle classi di violino e pianoforte dell’Accademia Musicale Chigiana.

Martedì 30 luglio (ore 21.15), nel Chiostro dell’Abbazia di Torri, il cartellone di “Sovicille d’estate” propone un concerto del clarinettista David Krakauer, accompagnato al pianoforte da Kathleen Taag, seconda parte del progetto curato dall’Accademia Musicale Chigiana.

Chiude la sezione musica, e anche il festival, martedì 27 agosto (ore 21.30), alla Tinaia di Sovicille, il duo Giulio Stracciati, chitarra, e Stefano “Cocco” Cantini, sax, altri due esponenti del jazz senese.

Il festival propone inoltre serate di danza, che inizieranno giovedì 11 luglio (ore 21.30) presso il Museo del Bosco a Orgia con la Compagnia Motus Danza e il loro spettacolo Interferenze, coreografia di Martina Agricoli, che analizza il concetto di interferenza soprattutto dal punto di vista linguistico, come sovrapposizione di un nuovo significato a quello originario.

Giovedì 1 agosto (ore 21.30), sempre presso il Museo del Bosco a Orgia, è la volta della Compagnia Francesca Selva Con.Cor.D.A. con la creazione Oppio, coreografia di Francesca Selva, danzatrice Silvia Bastianelli: un balletto ispirato dallo stordimento che il papavero dona a chi ne fa uso, come la dea Demetra che lo sceglie per stordirsi dal dolore per la morte della figlia.

Ancora il Museo del Bosco a Orgia fa da cornice, martedì 13 agosto (ore 21.30), a Dinamiche Illogiche, nuova produzione della Compagnia Motus Danza con la coreografia di Simona Cieri.

A chiudere la sezione danza è, mercoledì 21 agosto, la nuova produzione site specific della Compagnia Francesca Selva Con.Cor.D.A. Frammento Barocco su musiche diJ. S. Bach e W.A. Mozart, proposta in due tappe a Sovicille: alle 21,30 nel Chiostro del Comune e alle 22 nella Tinaia.

Per ulteriori informazioni consultare il sito toscanaspettacolo.it  

L'articolo Danza, musica e poesia con “Sovicille d’estate” proviene da www.controradio.it.

“Pistoia teatro Festival”: a giugno e luglio la terza edizione

“Pistoia teatro Festival”: a giugno e luglio la terza edizione

A Pistoia a giugno e luglio spettacoli, musica e danza grazie alla terza edizione del “Pistoia teatro Festival”, l’evento promosso da Associazione Teatrale Pistoiese Centro di Produzione Teatrale, con Comune di Pistoia, Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, Regione Toscana, Ministero dei beni e delle attività culturali, Fondazione Toscana Spettacolo onlus, con il sostegno di Unicoop Firenze e la collaborazione del Polo Museale della Toscana.

All’interno del Festival torna, dall’11 al 28 giugno, “Teatri di Confine”, la vetrina delle produzioni della scena contemporanea proposta da Fondazione Toscana Spettacolo onlus e Associazione Teatrale Pistoiese, che offre uno spaccato del teatro contemporaneo e vede anche quest’anno l’ospitalità del Centro Culturale il Funaro. Quattro appuntamenti con artisti e compagnie che con le loro drammaturgie originali rappresentano un punto di riferimento per le nuove generazioni dello spettacolo dal vivo: gli italiani Sotterraneo, Cristina Kristal Rizzo, Marina Giovannini, Orchestra Multietnica di Arezzo, e gli argentini Alfonso Barón e Luciano Rosso.

L’inaugurazione è affidata ai Sotterraneo (compagnia Premio Ubu 2018, in residenza artistica presso l’Associazione Teatrale Pistoiese), con l’anteprima di “Shakespearology”, l’originale lavoro dedicato al grande Bardo e presentato ora in una versione inedita per “Teatri di Confine”, in scena Woody Neri. La scrittura di Daniele Villa conduce lo spettatore in un viaggio alla scoperta del più celebre fantasma di un artista del passato: un one man show, una biografia, un pezzo teatrale che dà voce al bardo in persona e rovescia i ruoli abituali (martedì 11 giugno, ore 21.15).

Si continua, martedì 18 giugno, con le performance di Cristina Kristal Rizzo e Marina Giovannini, due danzatrici e coreografe. Alle 21.15 Cristina Kristal Rizzo presenta “VN”, un lavoro nel quale la danza di matrice postmoderna dialoga con la grande musica: la Notte trasfigurata di Arnold Schönberg (Verklärte Nacht, nella versione del 1943per orchestra d’archi diretta da Herbert von Karajan con la Filarmonica di Berlino). Segue, alle ore 22, “Duetto nero”, coreografia Marina Giovannini, anche interprete con Vanessa Geniali. Presentato nella sezione “Aperto” della Biennale Danza 2016, Duetto nero “vede in scena due prospettive diverse: trentuno anni separano le due danzatrici, ma il nero le avvolge, le unisce, le accompagna nel loro percorso di ricerca e scoperta, a volte anche le separa. Il nero come sintesi universale, simbolo di potenza misteriosa, il prima e il dopo di ogni cosa”.

Sempre al Funaro “Un poyo rojo”, lo spettacolo degli argentini Alfonso Barón e Luciano Rosso, diretto da Hermes Gaido con la coreografia di Nicolás Poggi e dello stesso Rosso: un lavoro che unisce teatro, danza acrobatica e sport (venerdì 28 giugno, ore 21.15). Nello spogliatoio di una palestra, due uomini si scrutano, si squadrano, si provocano, si affrontano tentando di sedursi in una danza acrobatica. Fusione di generi e di discipline, questo duello contemporaneo oscilla tra la danza e l’atletica passando per le arti marziali, l’acrobatica, la clownerie.

Si terrà alla cinquecentesca Fortezza medicea di Santa Barbara, uno dei monumenti più rappresentativi della città, il concerto dell’ Orchestra multietnica di Arezzo, diretta da Enrico Fink (martedì 25 giugno, ore 21.30) che ospita in concerto tre cantautori: Paolo Benvegnù, fondatore degli Scisma, Dente (Premio Italiano della Musica Indipendente nel 2011 e nel 2014) e Alessandro Fiori. L’attuale formazione dell’OMA conta trentacinque musicisti provenienti da Albania, Argentina, Bangladesh, Colombia, Costa d’Avorio, Giappone, Libano, Palestina, Romania, Russia, Somalia, Svizzera e dalle più svariate regioni italiane.

La Fortezza Santa Barbara a luglio ospiterà altri tre appuntamenti. Martedì 2 Luglio (ore 21.30), in collaborazione con Fondazione Pistoiese Promusica, si terrà il concerto dell’Orchestra Leonore, diretta da Daniele Giorgi. Apre il concerto la Suite per orchestra di varietà, proposta dall’Ensemble Leonore nella versione per trio classico e trio di percussioni, una delle opere più note di Šostakovič, soprattutto per il settimo movimento, il Valzer n. 2 che Stanley Kubrick utilizzò nella colonna sonora del suo ultimo film “Eyes Wide Shut”. Nella seconda parte, Daniele Giorgi condurrà l’Orchestra Leonore nell’interpretazione dell’ultima sinfonia di Dvořák, la Sinfonia “Dal Nuovo Mondo”. L’Orchestra (protagonista anche della Stagione Sinfonica invernale al Teatro Manzoni di Pistoia, organizzata dal Associazione Teatrale Pistoiese in collaborazione con Fondazione Pistoiese Promusica) è un ensemble nato nel 2014 sotto la guida di Daniele Giorgi.

Banditaliana fa tappa a Pistoia, mercoledì 3 luglio (ore 21.30), per festeggiare con i propri concittadini i suoi 25 anni di carriera e presentare il nuovo album “Argento”, uscito per l’etichetta Visage Music: nuove canzoni e composizioni strumentali che profumano di Mar Mediterrano, da sempre fonte di ispirazione per una musica senza frontiere. Il quartetto è formato da Riccardo Tesi all’organetto diatonico, Maurizio Geri alla chitarra e voce, Claudio Carboni al sax e Gigi Biolcati alle percussioni, voce e GGtarra. L’incasso della serata sarà destinato da Unicoop Firenze – Sezione Soci Pistoia ad un progetto per la città.

A chiusura degli eventi alla Fortezza Santa Barbara, venerdì 19 luglio (ore 21.30 – ingresso libero), l’anteprima della XVIII edizione di Serravalle Jazz, il Festival dedicato al jazz internazionale, curato da Maurizio Tuci e da quest’anno promosso da Associazione Teatrale Pistoiese in collaborazione con Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia.
Una serata Swing con il Nico Gori Swing 10tet sulle note dell’ultimo disco “Swingin’ hips”.

Completa la programmazione, giovedì 11 luglio (ore 21.15), l'”Ensemble le musiche” di Simone Bernardini, con la XV edizione del progetto “Musica nei Borghi”, a cura dell’Associazione Opera Barga, nato per invitare il pubblico ad ascoltare musica in luoghi poco frequentati o raramente utilizzati a questo scopo. Il concerto, realizzato in collaborazione con Istituti Raggruppati, sarà proposto nel Chiostro di Palazzo San Gregorio, residenza del mecenate e filantropo pistoiese Niccolò Puccini fino al 1852, in seguito ristrutturato come “Conservatorio degli Orfani” (e oggi sede della scuola media “Marconi”). L’Ensemble Le Musiche di Simone Bernardini – primo violino dei Berliner Philharmoniker, docente di violino presso l’Universität der Künste di Berlino e, da quest’anno, direttore assistente presso la London Symphony Orchestra diretta da Simon Rattle – è un complesso di musica da camera formato da giovani musicisti, membri di orchestre o accademie europee che si riuniscono in Toscana per suonare insieme, proponendo programmi che uniscono brani noti ad altri meno conosciuti.

Per ulteriori informazioni consultare il sito www.teatridipistoia.it 

L'articolo “Pistoia teatro Festival”: a giugno e luglio la terza edizione proviene da www.controradio.it.

“Pistoia teatro Festival”: a giugno e luglio la terza edizione

“Pistoia teatro Festival”: a giugno e luglio la terza edizione

A Pistoia a giugno e luglio spettacoli, musica e danza grazie alla terza edizione del “Pistoia teatro Festival”, l’evento promosso da Associazione Teatrale Pistoiese Centro di Produzione Teatrale, con Comune di Pistoia, Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, Regione Toscana, Ministero dei beni e delle attività culturali, Fondazione Toscana Spettacolo onlus, con il sostegno di Unicoop Firenze e la collaborazione del Polo Museale della Toscana.

All’interno del Festival torna, dall’11 al 28 giugno, “Teatri di Confine”, la vetrina delle produzioni della scena contemporanea proposta da Fondazione Toscana Spettacolo onlus e Associazione Teatrale Pistoiese, che offre uno spaccato del teatro contemporaneo e vede anche quest’anno l’ospitalità del Centro Culturale il Funaro. Quattro appuntamenti con artisti e compagnie che con le loro drammaturgie originali rappresentano un punto di riferimento per le nuove generazioni dello spettacolo dal vivo: gli italiani Sotterraneo, Cristina Kristal Rizzo, Marina Giovannini, Orchestra Multietnica di Arezzo, e gli argentini Alfonso Barón e Luciano Rosso.

L’inaugurazione è affidata ai Sotterraneo (compagnia Premio Ubu 2018, in residenza artistica presso l’Associazione Teatrale Pistoiese), con l’anteprima di “Shakespearology”, l’originale lavoro dedicato al grande Bardo e presentato ora in una versione inedita per “Teatri di Confine”, in scena Woody Neri. La scrittura di Daniele Villa conduce lo spettatore in un viaggio alla scoperta del più celebre fantasma di un artista del passato: un one man show, una biografia, un pezzo teatrale che dà voce al bardo in persona e rovescia i ruoli abituali (martedì 11 giugno, ore 21.15).

Si continua, martedì 18 giugno, con le performance di Cristina Kristal Rizzo e Marina Giovannini, due danzatrici e coreografe. Alle 21.15 Cristina Kristal Rizzo presenta “VN”, un lavoro nel quale la danza di matrice postmoderna dialoga con la grande musica: la Notte trasfigurata di Arnold Schönberg (Verklärte Nacht, nella versione del 1943per orchestra d’archi diretta da Herbert von Karajan con la Filarmonica di Berlino). Segue, alle ore 22, “Duetto nero”, coreografia Marina Giovannini, anche interprete con Vanessa Geniali. Presentato nella sezione “Aperto” della Biennale Danza 2016, Duetto nero “vede in scena due prospettive diverse: trentuno anni separano le due danzatrici, ma il nero le avvolge, le unisce, le accompagna nel loro percorso di ricerca e scoperta, a volte anche le separa. Il nero come sintesi universale, simbolo di potenza misteriosa, il prima e il dopo di ogni cosa”.

Sempre al Funaro “Un poyo rojo”, lo spettacolo degli argentini Alfonso Barón e Luciano Rosso, diretto da Hermes Gaido con la coreografia di Nicolás Poggi e dello stesso Rosso: un lavoro che unisce teatro, danza acrobatica e sport (venerdì 28 giugno, ore 21.15). Nello spogliatoio di una palestra, due uomini si scrutano, si squadrano, si provocano, si affrontano tentando di sedursi in una danza acrobatica. Fusione di generi e di discipline, questo duello contemporaneo oscilla tra la danza e l’atletica passando per le arti marziali, l’acrobatica, la clownerie.

Si terrà alla cinquecentesca Fortezza medicea di Santa Barbara, uno dei monumenti più rappresentativi della città, il concerto dell’ Orchestra multietnica di Arezzo, diretta da Enrico Fink (martedì 25 giugno, ore 21.30) che ospita in concerto tre cantautori: Paolo Benvegnù, fondatore degli Scisma, Dente (Premio Italiano della Musica Indipendente nel 2011 e nel 2014) e Alessandro Fiori. L’attuale formazione dell’OMA conta trentacinque musicisti provenienti da Albania, Argentina, Bangladesh, Colombia, Costa d’Avorio, Giappone, Libano, Palestina, Romania, Russia, Somalia, Svizzera e dalle più svariate regioni italiane.

La Fortezza Santa Barbara a luglio ospiterà altri tre appuntamenti. Martedì 2 Luglio (ore 21.30), in collaborazione con Fondazione Pistoiese Promusica, si terrà il concerto dell’Orchestra Leonore, diretta da Daniele Giorgi. Apre il concerto la Suite per orchestra di varietà, proposta dall’Ensemble Leonore nella versione per trio classico e trio di percussioni, una delle opere più note di Šostakovič, soprattutto per il settimo movimento, il Valzer n. 2 che Stanley Kubrick utilizzò nella colonna sonora del suo ultimo film “Eyes Wide Shut”. Nella seconda parte, Daniele Giorgi condurrà l’Orchestra Leonore nell’interpretazione dell’ultima sinfonia di Dvořák, la Sinfonia “Dal Nuovo Mondo”. L’Orchestra (protagonista anche della Stagione Sinfonica invernale al Teatro Manzoni di Pistoia, organizzata dal Associazione Teatrale Pistoiese in collaborazione con Fondazione Pistoiese Promusica) è un ensemble nato nel 2014 sotto la guida di Daniele Giorgi.

Banditaliana fa tappa a Pistoia, mercoledì 3 luglio (ore 21.30), per festeggiare con i propri concittadini i suoi 25 anni di carriera e presentare il nuovo album “Argento”, uscito per l’etichetta Visage Music: nuove canzoni e composizioni strumentali che profumano di Mar Mediterrano, da sempre fonte di ispirazione per una musica senza frontiere. Il quartetto è formato da Riccardo Tesi all’organetto diatonico, Maurizio Geri alla chitarra e voce, Claudio Carboni al sax e Gigi Biolcati alle percussioni, voce e GGtarra. L’incasso della serata sarà destinato da Unicoop Firenze – Sezione Soci Pistoia ad un progetto per la città.

A chiusura degli eventi alla Fortezza Santa Barbara, venerdì 19 luglio (ore 21.30 – ingresso libero), l’anteprima della XVIII edizione di Serravalle Jazz, il Festival dedicato al jazz internazionale, curato da Maurizio Tuci e da quest’anno promosso da Associazione Teatrale Pistoiese in collaborazione con Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia.
Una serata Swing con il Nico Gori Swing 10tet sulle note dell’ultimo disco “Swingin’ hips”.

Completa la programmazione, giovedì 11 luglio (ore 21.15), l'”Ensemble le musiche” di Simone Bernardini, con la XV edizione del progetto “Musica nei Borghi”, a cura dell’Associazione Opera Barga, nato per invitare il pubblico ad ascoltare musica in luoghi poco frequentati o raramente utilizzati a questo scopo. Il concerto, realizzato in collaborazione con Istituti Raggruppati, sarà proposto nel Chiostro di Palazzo San Gregorio, residenza del mecenate e filantropo pistoiese Niccolò Puccini fino al 1852, in seguito ristrutturato come “Conservatorio degli Orfani” (e oggi sede della scuola media “Marconi”). L’Ensemble Le Musiche di Simone Bernardini – primo violino dei Berliner Philharmoniker, docente di violino presso l’Universität der Künste di Berlino e, da quest’anno, direttore assistente presso la London Symphony Orchestra diretta da Simon Rattle – è un complesso di musica da camera formato da giovani musicisti, membri di orchestre o accademie europee che si riuniscono in Toscana per suonare insieme, proponendo programmi che uniscono brani noti ad altri meno conosciuti.

Per ulteriori informazioni consultare il sito www.teatridipistoia.it 

L'articolo “Pistoia teatro Festival”: a giugno e luglio la terza edizione proviene da www.controradio.it.

Teatro Amore Mio: il teatro dei piccoli in gara a Firenze

Teatro Amore Mio: il teatro dei piccoli in gara a Firenze

Teatro Amore Mio è la prima edizione della rassegna rivolta ai ragazzi per sperimentare la grammatica del teatro: Dal 16 al 18 maggio il palcoscenico del Teatro La Fiaba di Firenze (via delle Mimose 12) ospiterà le scuole e le associazioni del territorio che hanno risposto all’invito di realizzare spettacoli “originali”, autoprodotti dai ragazzi.

Il progetto  è pensato come un allenamento per le nuove generazioni, il pubblico di domani, a osservare e raccontare il mondo che li circonda attraverso il teatro e il linguaggio teatrale, strumento educativo e didattico.

Attraverso laboratori coordinati da insegnanti e tutor, i partecipanti si sono confrontati con la scrittura, la regia, la creazione di scene e costumi, fino alla recitazione: un lavoro complesso e articolato che ha portato alla messa in scena di dieci spettacoli costruiti partendo da tematiche di attualità, fiabe, letteratura, suggestioni pittoriche, ritratti di esperienze giovanili e di figure storiche.

I progetti presentati sono frutto dell’impegno di ragazzi provenienti da scuole primarie (G. Pascoli di Siena, G. Bechi di Firenze), scuole secondarie di primo grado (Don Milani di Firenze, Istituto Comprensivo Coverciano di Firenze) e associazioni (Teatreria, I Topi Dalmata, Guarnieri di Lucca gruppo Gianburrasca, Quelli del Bazar, Teatro Dalmaviva, cooperativa Arc en Ciel, ENTR’ARTe).

Gli spettacoli verranno valutati da una giuria di esperti di teatro; il premio per i primi tre classificati consisterà in un laboratorio di clownerie condotto da André Casaca per ciascun gruppo.

L’ingresso è gratuito: tutte le scuole di Firenze sono invitate a partecipare; è un’occasione importante per i ragazzi perché l’educazione al teatro passa anche attraverso la “didattica della visione”.

Teatro Amore Mio è, quindi, un’occasione di confronto sul teatro, ma anche di incontro e di scambio di esperienze, all’insegna della collaborazione e dell’amicizia.

Progetto realizzato dall’associazione Quelli del Bazaar onlus con Fondazione Toscana Spettacolo onlus e Unicoop Firenze, con la collaborazione del Consiglio di Quartiere 4 del Comune di Firenze.

Il programma:

*Mercoledì 16, dalle ore 10.25: Beauty-Full a cura di Teatreria; Effetto Hamelin a cura di I Topi Dalmata; Coral Land scuola primaria G. Bechi classi VA e VB, Istituto Comprensivo Pier della Francesca (Firenze); Il sogno di Lorenzo a cura di Guarnieri di Lucca gruppo Gianburrasca e Miriam Iacopi.

*Giovedì 17, dalle ore 12: I Topastri a cura di Quelli del Bazar onlus; Di che viaggio sei? a cura di Teatro Dalmaviva; Dante, chi è costui? scuola secondaria di primo grado Don Milani (Firenze), gruppo di Teatro extracurriculare a cura di Arc en Ciel.

*Venerdì 18, dalle ore 12: Decameron Comedy scuola secondaria di primo grado, classe IIF, Istituto Comprensivo Coverciano (Firenze); Domani a cura di Quelli del bazar onlus; Sogno era notte, era quasi estate a cura di ENTR’ARTe.

L'articolo Teatro Amore Mio: il teatro dei piccoli in gara a Firenze proviene da www.controradio.it.