Beatrice Magnolfi e Patrizia Coletta scelte per vertici FTS onlus

Beatrice Magnolfi e Patrizia Coletta scelte per vertici FTS onlus

“I vertici della Fondazione Toscana Spettacolo onlus diventano sempre più protagonisti del sistema nazionale dello spettacolo dal vivo. La presidente, Beatrice Magnolfi, e il direttore, Patrizia Coletta, hanno ricevuto, negli ultimi giorni, prestigiose nomine in alcuni degli organismi più importanti per la scena nazionale.”

Secondo quanto riporta il comunicato dell’Ufficio stampa della Fondazioe Toscana Spettacolo onlus: “All’interno dell’Agis, che dal 1945 rappresenta tutte le realtà dello spettacolo, Beatrice Magnolfi è stata nominata componente dell’ufficio di presidenza nazionale (il 12 dicembre), nonché vicepresidente dell’Associazione per la Toscana (dal 13 dicembre). Nuovi incarichi che affiancherà alla presidenza di Toscana Federvivo, l’associazione in seno ad Agis Toscana che guida fin dalla sua istituzione, all’inizio del 2019.

Contestualmente, ieri, a Roma, nel corso dell’assemblea nazionale in sede Agis Federvivo, Patrizia Coletta è stata nominata vicepresidente di A.R.T.I., l’Associazione delle Reti Teatrali Italiane che raccoglie i 13 circuiti regionali multidisciplinari dello spettacolo dal vivo, che associano oltre 600 teatri in tutta Italia.

FTS onlus

<<Questi nuovi riconoscimenti – dice Beatrice Magnolfi – valorizzano il lavoro svolto alla guida di Fondazione Toscana Spettacolo onlus, i cui importanti risultati vengono premiati con incarichi di prestigio in questi organismi>>.

<<Fare sistema è fondamentale – sottolinea Patrizia Coletta –; sono onorata di questa nomina che mi consentirà di mettere la mia esperienza al servizio degli altri circuiti della rete>>.”

L'articolo Beatrice Magnolfi e Patrizia Coletta scelte per vertici FTS onlus proviene da www.controradio.it.

Da domani al 22 dicembre al teatro Magnolfi di Prato “La piazza”

Da domani al 22 dicembre al teatro Magnolfi  di Prato “La piazza”

La regista esordiente, vincitrice del progetto “Davanti al pubblico 2019” Fiammetta Perugi mette in scena “La piazza”, una commedia scritta a quattro mani con Marco Bartolini. La storia di alcuni bottegai che si trovano ad affrontare la moderna evoluzione del commercio permette di riflettere sulla crisi economica, che ha fatto fallire molti piccoli esercizi, e sulla paura di rimanere soli.

Ecco la trama nel dettaglio:

Nel ridente paesino di Borgo Abbatuffoli quattro bottegai superstiti si trovano ad affrontare la moderna evoluzione del commercio, fra la gemmazione continua di grandi supermercati e centri commerciali e la subdola concorrenza dell’e-commerce.

Nanni, il macellaio del paese, una mattina si sveglia e invece di aprire la bottega comunica alla piazza la notizia della sua imminente chiusura. La macelleria sarà il secondo negozio a chiudere nel giro di un mese, rendendo sempre più Borgo Abbatuffoli un paese fantasma.

Graziano, proprietario della libreria, terrorizzato all’idea di essere il prossimo, inizierà a tessere una rete di bugie per convincere Nanni a rimanere… una rete nella quale rimarrà egli stesso intrappolato.

Note di Regia

Da una parte la crisi economica che ha messo in ginocchio molti piccoli esercizi, dall’altra la paura di rimanere soli. E se fossero la conseguenza l’una dell’altra?

La desertificazione delle piazze lascia un vuoto dentro che talvolta non riusciamo a identificare o nominare: con essa arriva la paura di perdere il proprio passato e l’incapacità di comunicare questo dolore. Così i protagonisti, specchio di questo momento storico, non riescono a parlarsi e a dire quello che davvero pensano, ed è solo quando la crisi li spinge al punto di rottura che, finalmente, agiscono.

La produzione di questo spettacolo è frutto del progetto triennale di avviamento al lavoro destinato a giovani registi neodiplomati nel contesto di “Davanti al pubblico”, un’iniziativa intrapresa dal Teatro Metastasio nel 2018.  Verrà poi presentato nei teatri del circuito della Fondazione Toscana Spettacolo onlus.

L'articolo Da domani al 22 dicembre al teatro Magnolfi di Prato “La piazza” proviene da www.controradio.it.

Da domani al 22 dicembre al teatro Magnolfi di Prato “La piazza”

Da domani al 22 dicembre al teatro Magnolfi  di Prato “La piazza”

La regista esordiente, vincitrice del progetto “Davanti al pubblico 2019” Fiammetta Perugi mette in scena “La piazza”, una commedia scritta a quattro mani con Marco Bartolini. La storia di alcuni bottegai che si trovano ad affrontare la moderna evoluzione del commercio permette di riflettere sulla crisi economica, che ha fatto fallire molti piccoli esercizi, e sulla paura di rimanere soli.

Ecco la trama nel dettaglio:

Nel ridente paesino di Borgo Abbatuffoli quattro bottegai superstiti si trovano ad affrontare la moderna evoluzione del commercio, fra la gemmazione continua di grandi supermercati e centri commerciali e la subdola concorrenza dell’e-commerce.

Nanni, il macellaio del paese, una mattina si sveglia e invece di aprire la bottega comunica alla piazza la notizia della sua imminente chiusura. La macelleria sarà il secondo negozio a chiudere nel giro di un mese, rendendo sempre più Borgo Abbatuffoli un paese fantasma.

Graziano, proprietario della libreria, terrorizzato all’idea di essere il prossimo, inizierà a tessere una rete di bugie per convincere Nanni a rimanere… una rete nella quale rimarrà egli stesso intrappolato.

Note di Regia

Da una parte la crisi economica che ha messo in ginocchio molti piccoli esercizi, dall’altra la paura di rimanere soli. E se fossero la conseguenza l’una dell’altra?

La desertificazione delle piazze lascia un vuoto dentro che talvolta non riusciamo a identificare o nominare: con essa arriva la paura di perdere il proprio passato e l’incapacità di comunicare questo dolore. Così i protagonisti, specchio di questo momento storico, non riescono a parlarsi e a dire quello che davvero pensano, ed è solo quando la crisi li spinge al punto di rottura che, finalmente, agiscono.

La produzione di questo spettacolo è frutto del progetto triennale di avviamento al lavoro destinato a giovani registi neodiplomati nel contesto di “Davanti al pubblico”, un’iniziativa intrapresa dal Teatro Metastasio nel 2018.  Verrà poi presentato nei teatri del circuito della Fondazione Toscana Spettacolo onlus.

L'articolo Da domani al 22 dicembre al teatro Magnolfi di Prato “La piazza” proviene da www.controradio.it.

In Piazza SS. Annunziata torna “Muovere un Cielo Pieno di Figure Vive”

In Piazza SS. Annunziata torna “Muovere un Cielo Pieno di Figure Vive”

Domani alle ore 23 torna ,a distanza di due anni, in Piazza SS. Annunziata “Muovere un Cielo Pieno di Figure Vive”, l’opera di teatro/architettura ideata da Giancarlo Cauteruccio in omaggio a Filippo Brunelleschi.

“Muovere un Cielo Pieno di Figure Vive” si confronta in chiave contemporanea con la facciata dell’Ospedale degli Innocenti, caposaldo del Rinascimento italiano. Nella Piazza SS. Annunziata si concretizza un capolavoro di simmetrie in cui Arte e Architettura traspirano umanesimo ed invenzione, dando vita ad uno dei luoghi più belli al mondo incastonato nel cuore pulsante di Firenze.

Il regista di Teatro Studio Krypton, noto per le sue creazioni di teatro/architettura, trova in questo lavoro grande ispirazione e possibilità di esprimere la fascinazione e il suo amore per gli scenari fiorentini nati dall’incontro tra Arte e Scienza.

L’edizione 2019 celebra il seicentenario dell’Istituto degli Innocenti e si realizza grazie all’invito della Presidente Mariagrazia Giuffrida e al sostegno di Fondazione Toscana Spettacolo Onlus, Comune di Firenze e Regione Toscana.

“Muovere un Cielo Pieno di Figure Vive” si fonda sulla geometria, sulle proporzioni, sulla simmetria, parole chiave di tutta l’opera brunelleschiana che, come tali, guidano l’idea del regista. Un videomapping di cinquanta metri di base determina lo scenario di un’architettura dinamica, un viaggio di visioni in chiave tecnologica per raccontare con un nuovo sguardo uno dei monumenti simbolo di Firenze nel mondo e rendere omaggio al genio fiorentino, scultore, architetto, matematico, scenografo e orafo, iniziatore, con Donatello e Masaccio, del fulgido Rinascimento.

Prossimi progetti di teatro/architettura ad opera di Teatro Studio Krypton sono la ripresa dello spettacolo “Dal Monte una Luce Aurorale” per la Basilica di San Miniato al Monte, “Il Diluvio” di Leonardo da Vinci , site-specific per il magnifico chiostro di Sant’Ivo alla Sapienza di Roma, capolavoro di Francesco  Borromini, su invito dell’Università capitolina, e successivo allestimento a Firenze nel Chiostro dell’Accademia di Belle Arti.

L'articolo In Piazza SS. Annunziata torna “Muovere un Cielo Pieno di Figure Vive” proviene da www.controradio.it.

Danza, musica e poesia con “Sovicille d’estate”

Danza, musica e poesia con “Sovicille d’estate”

Dal 21 al 27 agosto a Sovicille torna “Sovicille d’estate”, la rassegna realizzata da Fondazione Toscana Spettacolo onlus e Amministrazione comunale che propone un cartellone con tante proposte artistiche.

Il Museo del Bosco, la Tinaia e il Chiostro di Sovicille, il Circolo ARCI di Ancaiano, la Terrazza della Bottega di Stigliano, la Pieve di Ponte allo Spino, il chiostro dell’Abbazia di Torri sono, dal 21 giugno al 27 agosto, palcoscenici d’eccezione per le performance di poesia, musica e danza previste dal calendario di “Sovicille d’estate”, che intreccia la tradizione con lo spettacolo dal vivo in tutte le sue declinazioni.

Anche per quest’anno, è l’associazione Idilio Dell’Era, realtà culturale dedicata al poeta e scrittore senese del Novecento, ad aprire la rassegna, venerdì 21 giugno (ore 21.30) nella Tinaia di Sovicille, con Not(t)e di poesia, omaggio all’uomo e all’artista.

Il via alla musica è sabato 29 giugno (ore 21.30), al Circolo ARCI di Ancaiano, con la cover band La Settima Onda, che propone un Omaggio ai Nomadi con un concertoche ripropone le loro canzoni.

Venerdì 5 luglio (ore 21.30) sulla Terrazza della Bottega di Stigliano è di scena il jazz senese con il Tobia Bondesan Quartet (Emanuele Parrini al violino, Tobia Bondesan ai sax tenore/soprano/alto, Michele Bondesan al contrabbasso, Giuseppe Sardina alla batteria).

Giovedì 25 luglio (ore 21.30) al Museo del Bosco di Orgia è la volta della poesia recitata, cantata, suonata. La Buona Novella di Fabrizio De André approda in scena restituita dai Khorakhanè e da Chiara Riondino, un omaggio al “poeta” di Via del Campo. L’altra voce solista è di Fabrizio Coveri, mentre gli arrangiamenti e la direzione musicale sono di Fabio Battistelli.

Domenica 28 luglio (ore 21.15) la Pieve di Ponte allo Spino ospita il primo dei due concerti in cartellone degli allievi delle classi di violino e pianoforte dell’Accademia Musicale Chigiana.

Martedì 30 luglio (ore 21.15), nel Chiostro dell’Abbazia di Torri, il cartellone di “Sovicille d’estate” propone un concerto del clarinettista David Krakauer, accompagnato al pianoforte da Kathleen Taag, seconda parte del progetto curato dall’Accademia Musicale Chigiana.

Chiude la sezione musica, e anche il festival, martedì 27 agosto (ore 21.30), alla Tinaia di Sovicille, il duo Giulio Stracciati, chitarra, e Stefano “Cocco” Cantini, sax, altri due esponenti del jazz senese.

Il festival propone inoltre serate di danza, che inizieranno giovedì 11 luglio (ore 21.30) presso il Museo del Bosco a Orgia con la Compagnia Motus Danza e il loro spettacolo Interferenze, coreografia di Martina Agricoli, che analizza il concetto di interferenza soprattutto dal punto di vista linguistico, come sovrapposizione di un nuovo significato a quello originario.

Giovedì 1 agosto (ore 21.30), sempre presso il Museo del Bosco a Orgia, è la volta della Compagnia Francesca Selva Con.Cor.D.A. con la creazione Oppio, coreografia di Francesca Selva, danzatrice Silvia Bastianelli: un balletto ispirato dallo stordimento che il papavero dona a chi ne fa uso, come la dea Demetra che lo sceglie per stordirsi dal dolore per la morte della figlia.

Ancora il Museo del Bosco a Orgia fa da cornice, martedì 13 agosto (ore 21.30), a Dinamiche Illogiche, nuova produzione della Compagnia Motus Danza con la coreografia di Simona Cieri.

A chiudere la sezione danza è, mercoledì 21 agosto, la nuova produzione site specific della Compagnia Francesca Selva Con.Cor.D.A. Frammento Barocco su musiche diJ. S. Bach e W.A. Mozart, proposta in due tappe a Sovicille: alle 21,30 nel Chiostro del Comune e alle 22 nella Tinaia.

Per ulteriori informazioni consultare il sito toscanaspettacolo.it  

L'articolo Danza, musica e poesia con “Sovicille d’estate” proviene da www.controradio.it.