Kme, denuncia: “Da politica locale logiche Nimby”

Kme, denuncia: “Da politica locale logiche Nimby”

Secondo l’azienda Kme, si tratta di “atteggiamenti di una politica, altrove paladina dello sviluppo sostenibile con dati verificabili e scelte razionali, che in Valle del Serchio cavalca strumentalmente logiche “Nimby” (non nel mio cortile) forse per interessi elettoralistici o personali”.

“La realtà è che a questa politica il consolidamento e lo sviluppo della fabbrica non interessano affatto”. Lo afferma Kme, riguardo ad alcune reazioni politiche al progetto per lo stabilimento di Fornaci di Barga.

“Il senatore Andrea Marcucci- sostiene l’azienda – preannuncia interrogazioni parlamentari sul progetto Kme senza nemmeno aver visto i risultati delle verifiche in corso presso le istituzioni preposte. Il sindaco di Barga, Marco Bonini, ci chiede, dopo mesi di sceneggiate, un confronto tecnico”.

Per Kme questa politica “non supporta sviluppo e occupazione dice (in modo palesemente ipocrita) di voler sostenere il piano di rilancio dell’azienda per aumentarne la produzione, ma rifiuta a priori un progetto che ha come obiettivo la riduzione delle emissioni (effettive!) a parità di produzione metallurgica. Purtroppo si esprime per slogan e sentito dire, ma la contraddizione è evidente”.

L'articolo Kme, denuncia: “Da politica locale logiche Nimby” proviene da www.controradio.it.

Fornaci Barga, sindacati: “90 esuberi ma certezze su ammortizzatori sociali”

Fornaci Barga, sindacati: “90 esuberi ma certezze su ammortizzatori sociali”

Lo affermano il coordinatore nazionale della Uilm siderurgia, Guglielmo Gambardella, e il segretario della Uilm area nord Toscana Giacomo Saisi.

Nello stabilimento di Fornaci di Barga (Lucca) “Kme non aprirà nessuna procedura di mobilità. Nessun lavoratore sarà quindi licenziato e questa è per noi la notizia più importante emersa dal tavolo con l’azienda e i rappresentanti del Ministero dello sviluppo economico”. Lo affermano il coordinatore nazionale della Uilm siderurgia, Guglielmo Gambardella, e il segretario della Uilm area nord Toscana Giacomo Saisi, dopo l’incontro oggi al Mise.
“L’esito è stato tutto sommato positivo – sottolinea Saisi in una nota – almeno per quanto riguarda la salvaguardia dei posti di lavoro. Stiamo lavorando, inoltre, alla definizione degli strumenti da utilizzare come ammortizzatori sociali. Non è ancora certo, ma c’è la possibilità di trasformare i contratti di solidarietà in essere in cassa integrazione straordinaria in modo che dopo il 23 settembre, quando scadranno gli ammortizzatori sociali in essere, potremo chiedere una proroga di altri 12 mesi di Cigs. Le possibilità sono alte, come ha confermato il Ministero”. Confermati, si legge ancora, “anche i numeri degli esuberi, 90 per lo stabilimento di Fornaci di Barga, per i quali l’azienda chiederà aiuti a Roma”.
“Oggi abbiamo avuto un elemento di certezza fondamentale per gli ammortizzatori sociali allo stabilimento di Fornaci – osserva Gambardella -. Non è una soluzione di prospettiva ma ci consente di gestire almeno la prima fase iniziale per la realizzazione del piano di rilancio di Kme. Gli esuberi ci sono ma se saranno confermate le previsioni di mercato e l’incremento della produzione già da quest’anno sarà possibile riassorbire ben presto alcuni lavoratori, ridimensionando anche l’importo degli ammortizzatori”.

L'articolo Fornaci Barga, sindacati: “90 esuberi ma certezze su ammortizzatori sociali” proviene da www.controradio.it.

Valle del Serchio, Fattori: “pirogassificazione? progetto sbagliato”

Valle del Serchio, Fattori: “pirogassificazione? progetto sbagliato”

Lo afferma il capogruppo di Sì-Toscana a Sinistra, Tommaso Fattori, che ha presentato un’interrogazione sul progetto a Fornaci di Barga del colosso del rame Kme, chiedendo alla regione un ripensamento sull’ utilizzo della pirogassificazione.

“La pirogassificazione è un nome moderno che nasconde una modalità vecchia e sbagliata per smaltire i rifiuti. Si vuol continuare a distruggere materia e a inquinare invece di progettare nuove strategie industriali, che prevedano il riciclo degli scarti di pulper e che concilino sviluppo economico e difesa della salute e dell’ambiente, generando allo stesso tempo occupazione”, continua Fattori.

“Kme intende collocare nell’area industriale di Fornaci di Barga un pirogassificatore, modo elegante per definire un particolare tipo d’inceneritore”, ricorda Fattori, “in grado di produrre gas attraverso gli scarti di lavorazione del cartone per imballaggio, poi impiegabile per la generazione di energia”. “Ma in questa zona si dovrebbe lavorare al miglioramento delle condizioni ambientali, piuttosto che ad aumentare gli impatti, giacché la mortalità e la presenza di malattie cronico degenerative è qui maggiore rispetto alla media regionale, a causa della presenza di fonti di emissione di metalli pesanti e di altri inquinanti presenti nel territorio”, continua Fattori.
“Siamo stati contattati dal gruppo di PaP Media Valle Garfagnana, allarmato per quanto sta accadendo, di qui è nata l’idea di elaborare assieme e presentare un’interrogazione che faccia chiarezza e che produca elementi e dati utili per fermare il progetto e avviare un percorso partecipativo che coinvolga la popolazione locale”.
“Si fa finta di ignorare l’esistenza di progetti come ‘Life Eco-Pulplast’ nel distretto cartario lucchese, volto a riciclare lo scarto di pulper prodotto dalle cartiere realizzando euro-pallet in plastica ecosostenibili da utilizzare in loco, eliminando i costi ambientali e monetari di trasporto e di smaltimento” sostiene il capogruppo di Si Toscana.
“E’ anche necessario installare una centralina fissa per il controllo dell’aria nel Comune di Barga, dato che sono stati ripetutamente rilevati sforamenti dei limiti per alcuni tipi d’inquinanti. Condividiamo pienamente le preoccupazioni espresse dal Gruppo per l’Ambiente ‘La Libellula’ rispetto alla collocazione di un simile impianto in una zona come la Valle del Serchio, caratterizzata da forti inversioni termiche e da una situazione epidemiologica tutt’altro che rassicurante, così come le richieste del Consorzio Garfagnana Produce, che pone la questione dei vincoli alla realizzazione d’interventi industriali con forte impatto ambientale che compromettano la salubrità dell’aria e dei suoli”.
Nel testo dell’interrogazione si pongono precise domande alla giunta, con l’intento di cambiare rotta. Il punto fondamentale, dice il capogruppo, è “il definitivo superamento di antiquate modalità di smaltimento dei rifiuti, quali la combustione e la gassificazione. Le stesse linee guida sull’economia circolare stabiliscono che, data la crescente scarsità di materie prime, ogni processo di recupero di materia è da preferire al recupero di energia”.
Nella interrogazione si domanda “se corrisponde al vero quanto apparso sulla stampa circa un accordo di programma per la realizzazione di un pirogassificatore presso lo stabilimento KME di Fornaci di Barga; se la Regione sia a conoscenza dei dettagli specifici del progetto e della tecnologia proposta, e come valuti, a fronte degli studi e delle rilevazioni sulla salute della popolazione locale, la situazione sanitaria e ambientale della zona”.
Infine, aggiunge Fattori, “al di là del nostro giudizio su un progetto che guarda al passato anziché al futuro, c’è la questione fondamentale del metodo da adottare in casi come questi: il minimo è garantire percorsi di socializzazione e confronto con la popolazione locale, oltre al massimo approfondimento riguardo alle tecnologie proposte, coinvolgendo il mondo universitario, esperti, agenzie regionali e associazioni di categoria. Niente di tutto questo, per ora, è stato fatto”, termina Fattori.

L'articolo Valle del Serchio, Fattori: “pirogassificazione? progetto sbagliato” proviene da www.controradio.it.