Firenze Estate 2018; aprono al pubblico torri, porte e fortezze cittadine

Firenze Estate 2018; aprono al pubblico torri, porte e fortezze cittadine

Torna anche per l’ estate 2018 la proposta di valorizzazione del sistema difensivo cittadino: Al via le visite al Forte Belvedere, Torre San Niccolò, Zecca, Porta Romana, Baluardo a San Giorgio. Per la prima volta visite guidate alla Fortezza da Basso.

Ecco perché dal 24 giugno riapre i battenti Torre San Niccolò, “regina” delle torri fiorentine, che sarà visitabile tutti i giorni fino al 30 settembre dalle h17 alle h20 (dal 1 settembre dalle h16 alle h19; ultimo accesso mezz’ora prima della chiusura): l’accesso include sempre la visita guidata, che dai piedi della torre consente di raggiungere la cima seguendo un vero e proprio viaggio nel tempo e arrivando a godere di un incredibile panorama sulla città in estate.

Nelle settimane successive prendono il via invece le visite alle altre torri e porte cittadine, che vedranno protagoniste per tutta l’estate Torre della Zecca, Porta Romana – anch’esse parte, come San Niccolò, della cerchia muraria fiorentina realizzata a partire dal 1284 per volere della Signoria di Firenze, il cui progetto è legato al nome di Arnolfo di Cambio – e Baluardo San Giorgio, preludio del secondo capitolo di questa storia.

Il Baluardo è infatti parte dell’aggiornamento del sistema difensivo cittadino in età moderna, resosi necessario anche a Firenze per l’avvento dell’artiglieria e delle armi da fuoco. Ed è al Cinquecento, in effetti, che si legano non solo il Baluardo San Giorgio ma anche le due grandi fortezze cittadine: la  Fortezza da Basso, oggi sede di prestigiosi eventi fieristico-congressuali e in gestione a Firenze Fiera  e Fortezza San Giorgio – più noto come Forte di Belvedere e oggi sede di grandi mostre del contemporaneo: attualmente è in corso la mostra Gong. Eliseo Mattiacci. Entrambe le fortezze sono testimonianze preziose degli interventi di architettura militare promossi nel corso del Cinquecento dai governanti medicei e saranno fruibili al pubblico da quest’estate, permettendo così ai visitatori di scoprire due nuovi importanti tasselli di una storia che non manca, ogni volta, di riservare nuove sorprese: fra queste gli inediti percorsi sotterranei che corrono sotto la muraglia della Fortezza da Basso.

Da non scordare, infine, la Torre di Palazzo Vecchio e il camminamento di ronda, aperti tutti i giorni: la torre, attribuita ad Arnolfo di Cambio, accompagnata dal merlato Camminamento di ronda, è il compimento del primo nucleo del palazzo di governo, edificato tra Duecento e Trecento ed è stata fino a poco tempo fa chiusa ai visitatori. La Torre di Arnolfo, con i suoi 95 metri di altezza, svetta sulla città, costituendo uno dei suoi inconfondibili simboli e punti di riferimento.

 

L'articolo Firenze Estate 2018; aprono al pubblico torri, porte e fortezze cittadine proviene da www.controradio.it.

Mostra di street artist alla Fortezza da basso

Mostra di street artist alla Fortezza da basso.Evento FLORENCE BIENNALE – Mostra internazionale di arte contemporanea nell’ambito dell’82a Mostra internazionale dell’artigianato

FLORENCE STREET ART
ART CAN CHANGE THE WORLD
mostra di street artist, 21 aprile – 1° maggio 2018
Padiglione Rastriglia, Fortezza da basso, Firenze
Per la prima volta un evento di Florence Biennale – Mostra internazionale di arte contemporanea, troverà spazio all’interno del programma della Mostra internazionale dell’Artigianato di Firenze, da sabato 21 aprile fino a martedì 1° maggio 2018.

florence s

Si tratta del progetto “Florence Street Art – Art Can Change the World” che, in collaborazione con Street Levels Gallery, si pone l’obiettivo di dare spazio e visibilità ai cosiddetti street artist nella città di Firenze, in occasione di una delle mostre più frequentate dal pubblico toscano e non solo, che per l’occasione ospiterà un’area espositiva curata da Florence Biennale.

All’interno del Padiglione Rastriglia della Fortezza da Basso di Firenze, i visitatori potranno ammirare le opere di vari artisti italiani e internazionali; tra questi l’eclettico australiano Stormie Mills; il pittore e designer Diego Gabriele, di Poggibonsi (SI), che ha già operato in ambito nazionale e internazionale; i romeni Vlad Mititeu (graffiti artist) e Ache 77 (specializzato in stencil); l’illustratore, pittore, storyteller e artista urbano Exit Enter, attivo sulla scena fiorentina e noto soprattutto per le sue figure che giocano e rincorrono un palloncino rosso sui muri della città.

Molta attesa anche per la presenza alla manifestazione dello street artist fiorentino Zed1 – conosciuto per le sue realizzazioni provocatorie e umoristiche – che, oltre a esporre alcune sue opere, all’interno del Rastriglia su un parallelepipedo realizzerà quattro pitture murali cosiddette double skin, di 10 mq ciascuna, che il pubblico sarà chiamato a “svelare”, ora dopo ora, togliendo via la carta (anch’essa dipinta) che temporaneamente ne celerà la visione. Quando anche l’ultimo brandello di carta sarà rimosso, finalmente si potranno ammirare per intero le pitture sul grande solido.

Completa la squadra di artisti presenti al Padiglione Rastriglia della Fortezza da Basso un altro australiano, Tim Guider, che all’XI edizione di “Florence Biennale” dello scorso ottobre, si è aggiudicato il primo premio nella categoria “Istallazioni” grazie a due rombi luminosi che campeggiavano all’ingresso del Padiglione Spadolini.

La Fortezza ha accolto oltre 4mila “Chianti Lovers”

La Fortezza ha accolto oltre 4mila “Chianti Lovers”

Raddoppiato rispetto allo scorso anno il flusso di visitatori per la mostra enologica fiorentina, che quest’anno per la prima volta ha offerto anche gli stand del consorzio “Tutela del Morellino”.

Sono stati circa 4 mila i visitatori, il doppio rispetto allo scorso anno, che ieri hanno partecipato a ‘Chianti Lovers’, l’anteprima del consorzio Chianti, organizzata per il secondo anno consecutivo alla Fortezza Da Basso di Firenze.

Ad attendere gli amanti del vino, spiega una nota, erano presenti oltre 100 aziende con circa 500 diverse etichette. “Siamo entusiasti – sottolinea il presidente del consorzio Giovanni Busi – siamo stati il primo consorzio in Toscana a decidere di aprire al grande pubblico questo appuntamento. Una scelta che si è rivelata subito vincente”.

L’edizione di questo anno è stata contrassegnata dalla partecipazione per la prima volta di un altro consorzio, quello di Tutela del Morellino di Scansano che ha festeggiato i 40 anni della denominazione mettendo in vetrina l’annata 2017 e la Riserva 2015 di oltre 20 aziende.

“E’ un primo passo – ha spiegato Busi – verso un appuntamento a cui ci auguriamo potranno partecipare in futuro altri consorzi. Siamo convinti che la Toscana debba presentarsi unita in questa occasione raccontando al mondo la nostra eccellenza e rendendosi così ancora più vincente e competitiva nei mercati internazionali”.

“È proprio il caso di dire ‘buona la prima’ – ha commentato Rossano Teglielli, presidente del consorzio del Morellino di Scansano -. La scelta di organizzare la nostra anteprima, per la prima volta, in collaborazione con il Chianti si è dimostrata giusta e ci auguriamo che questa sintonia possa rafforzarsi ulteriormente negli anni a venire”.

L'articolo La Fortezza ha accolto oltre 4mila “Chianti Lovers” proviene da www.controradio.it.

Via quest’anno a lavori Fortezza da Basso di Firenze

Via quest’anno a lavori Fortezza da Basso di Firenze

“Già quest’anno cominceranno i primi lavori di ristrutturazione e restauro dei Bastioni della
Fortezza da Basso”. Lo ha detto Dario Nardella, sindaco di Firenze, che oggi ha partecipato all’apertura di Pitti Uomo, la rassegna che si svolge proprio alla Fortezza.

“Sono 2 milioni di euro che vengono dal patto per Firenze che ho firmato con
l’allora presidente del Consiglio Renzi – ha ricordato – e che si basano su un progetto esecutivo già approvato il mese scorso.
Sulla Fortezza, principale struttura fieristica della città, Nardella ha osservato che “c”è un impegno di 80 milioni di euro della Camera di Commercio, di Firenze Fiera, e del governo: sono soldi che portano lavoro, ma che soprattutto consegneranno alla città a partire dal 2019-20 un polo fieristico che è un gioiello del patrimonio storico, ma allo stesso tempo anche un’infrastruttura moderna funzionale e tecnologicamente molto avanzata”.

Ascolta le dichiarazioni di Nardella raccolte da Chiara Brilli


L’articolo Via quest’anno a lavori Fortezza da Basso di Firenze proviene da www.controradio.it.