Coronavirus: in tamponi meno virus

Coronavirus: in tamponi meno virus

Lo afferma il virologo Francesco Broccolo, dell’Università di Milano Bicocca e direttore del laboratorio Cerba di Milano. “Una delle spiegazioni più probabili potrebbe essere nell’uso più diffuso delle mascherine”.

Ci sono sempre meno particelle di virus nei tamponi e una delle spiegazioni più probabili potrebbe essere nell’uso più diffuso delle mascherine. “Dopo l’utilizzo di massa delle mascherine è evidente che i contagi avvengano con dosi infettive più basse rispetto a gennaio e febbraio, quando l’uso di queste protezioni non era molto diffuso”, ha osservato il virologo Francesco Broccolo, dell’Università di Milano Bicocca e direttore del laboratorio Cerba di Milano. “La gravità della malattia dipende dalla dose infettiva: se c’è meno carica virale, la sintomatologia più bassa”, ha osservato l’esperto. Su questo tema non ci sono ancora dati ufficiali, anche se “l’evidenza clinica indica che ci sono meno casi gravi e meno casi urgenti, meno ricoveri nei pronto soccorso e meno nelle unità di terapia intensiva, ma su questa base non si può dire che il virus non c’è più, né che si è attenuato o adattato all’uomo. Non c’è infatti un solo lavoro scientifico che dica che virus si sia modificato e che abbia subito una mutazione che ne giustifichi un’attenuazione”.

L'articolo Coronavirus: in tamponi meno virus proviene da www.controradio.it.