Dai migranti a Pasolini, la settimana del Flower al Piazzale

Dai migranti a Pasolini, la settimana del Flower al Piazzale

Domani appuntamento con Book Flower, tra libri, musica live e talk show con vista su Firenze.

Torna domani l’appuntamento con Book Flower, con il dialogo tra Ilaria Guidantoni e Izzedin Elzir.

Tanti ospiti e un appuntamento diverso ogni sera della settimana: il programma del Flower, spazio estivo con vista al piazzale Michelangelo, si apre martedì 17 luglio con “Firenze cuore del Mediterraneo”, nuovo incontro del ciclo “Book Flower”, la rassegna dedicata ai libri in collaborazione con La Nottola di Minerva. Domani nel salotto estivo di Firenze Ilaria Guidantoni, autrice del libro “Viaggio di ritorno. Firenze si racconta” (Oltre Edizioni), dialogherà con Izzedin Elzir, guida della Comunità islamica fiorentina (ore 18.30, ingresso libero).

Mercoledì 18 luglio al via la nuova rassegna “L’ora di letteratura”, a cura del Teatro della Toscana, quattro momenti dedicati a quattro grandi capolavori di quelli che albergano nella memoria scolastica, portati in scena da I Nuovi del Niccolini, il gruppo dei diplomati della Scuola Orazio Costa della Fondazione, impegnati da marzo 2018 nella gestione del Teatro Niccolini. Il primo dei tre appuntamenti è dedicato a Pier Paolo Pasolini, riletto in corrispondenza dell’anniversario del 1968. Non c’è anno più controverso, forse, per Pasolini, non c’è anno in cui la sua coscienza fu più turbata dalle scelte di campo, dalle misurazioni dei fatti. Una lettura drammatizzata che ripercorre, con lo sguardo del giovane d’oggi, quel Pasolini così problematico (ore 21, ingresso libero).

Giovedì 19 luglio torna il Talk (Radio) Show “This is Florence”, ciclo di incontri ideato da Controradio in collaborazione con La Nave di Teseo editrice. A questo giro il giornalista Raffaele Palumbo intervisterà l’autore Francesco Magris e lo storico Giovanni Gozzini. Francesco Magris è professore ordinario presso l’Università François Rabelais di Tours (Francia) e autore di diversi saggi tra cui Tornaconti. Nell’ultimo saggio “Libertà Totalitaria” Francesco Magris ci guida alla scoperta e all’analisi dei fenomeni sociali e politici che maggiormente caratterizzano questa epoca, offrendo risposte a domande che spesso non siamo ancora in grado di porci. Il talk show è trasmesso in diretta radiofonica su Controradio e in web TV sulla pagina Facebook Controradio Firenze, in streaming sul sito www.controradio.it e sulla app Controradio (ore 21, ingresso libero).

Venerdì 20 luglio spazio alla musica, nel contesto intimista del ciclo “Ed io tra voi”, che porta al Flower al Piazzale Silvia Conti. Icona del pop nostrano, già protagonista a Castrocaro e poi sul palco di Sanremo, calcato nel 1985 con Luna nuova; da sempre vicina all’arte che non ha mai abbandonato, sia come musicista che come attrice, Silvia Conti ha dato alle stampe lo scorso anno un nuovo disco, ‘A piedi nudi’, frutto anche del sodalizio a tutto tondo con Bob Mangione, dove racconta pezzi della sua vita e dei suoi pensieri recenti. Al Flower porta quello che meglio sa fare, ovvero stare in mezzo alla gente e suonare (ore 21, ingresso libero).

Sabato 21 luglio, invece, sarà la volta di Beatriz Oyarzabal duo, per il ciclo dedicato agli artisti di strada, con una esibizione live a base di musica classica e rinascimentale (ore 21, ingresso libero).

Domenica 22 luglio a chiudere la settimana sarà la Sunday Night Jazz, con il trio di big composto da Jacopo Martini alla chitarra, Franco Nesti a voce e contrabbasso e Alessandro Fabbri alla batteria (ore 21, ingresso libero).

Il chiosco in legno e ferro dai richiami ottocenteschi del Flower al Piazzale è aperto tutti i giorni per colazioni con panorama, pranzi, spuntini rinfrescanti, aperitivi e cene a cura di amblé, “tramezzineria” nota in città per l’attenzione all’ambiente, agli ingredienti di filiera corta e al riciclo, a partire dal packaging in carta riciclata. Niente plastica, anche le cannucce sono bio, e rifiuti al minimo.

ART in progress è un’Associazione senza scopi di lucro che ha tra i suoi obiettivi la creazione di progetti per il tempo libero e per l’intrattenimento, ideati di volta in volta tenendo conto delle realtà sociali e culturali dei territori con i quali intende interagire.

Flower è l’acronimo del motto che abbiamo scelto per il progetto: For living on a wonderful ecological resource. L’idea è di poter vivere un’esperienza in un ambiente che tiene conto delle sue potenzialità naturali nel rispetto dell’ambiente stesso. Ecologia intesa non solo in riferimento alla natura, ma anche al modo di viverla, partecipando insieme delle sue possibilità nel rispetto delle diversità sociali e culturali.

L'articolo Dai migranti a Pasolini, la settimana del Flower al Piazzale proviene da www.controradio.it.