Marcheschi (FdI): “Ticket alcol a pronto soccorso, contro abuso”

Marcheschi (FdI): “Ticket alcol a pronto soccorso, contro abuso”

Prevedere “un alcol ticket” nei pronto soccorso della Toscana come deterrente contro lo sballo del sabato sera e “affinché l’abuso privato non diventi un costo collettivo”. Lo prevede una proposta di legge del capogruppo Fdi in Consiglio regionale della Toscana Paolo Marcheschi.

“I dati Eurispes confermano una deleteria consuetudine dei nostri giovani, che non solo fanno uso, ma abusano dell’alcol – sottolinea Marcheschi – Una deriva che bisogna arginare e propongo perciò al Consiglio regionale una misura normativa che funga da deterrente contro lo sballo del sabato sera, e contro il cosiddetto ‘binge drinking’, ovvero l’abbuffata alcolica”.

La proposta ldi egge di Marcheschi prevede di introdurre “un alcol ticket per coloro che usano le ambulanze senza ritegno, come fossero taxi, e intasano le sale d’aspetto dei pronto soccorso, con tanto di atteggiamento molesto nei confronti degli operatori sanitari. Oltretutto, magari, sottraendo medici e infermieri alle vere urgenze. Ho raccolto l’appello dei medici dei pronto soccorso regionali e italiani”.

“Propongo di far pagare, a coloro che si intossicano di alcol – conclude l’esponente Fdi – tutti i servizi che il sistema sanitario offre. Un ticket salato, da fascia alta, per non far ricadere questi notevoli costi sulla collettività. Un ticket specifico che si aggiunge a quelli già esistenti”.

L'articolo Marcheschi (FdI): “Ticket alcol a pronto soccorso, contro abuso” proviene da www.controradio.it.

Firenze, consiglio comunale: “Via dall’aula per protestare contro sindaco e PD”

Firenze, consiglio comunale: “Via dall’aula per protestare contro sindaco e PD”

Oggi i consiglieri capigruppo Jacopo Cellai (Fi), Tommaso Grassi (Fras), Arianna Xekalos (M5S), Alessio Rossi (Art.1-Mdp), Francesco Torselli (FdI), Cristina Scaletti (La Firenze Viva) e Miriam Amato (PaP) hanno abbandonato polemicamente, tutti insieme, i lavori del Consiglio comunale. La protesta riguarda un rimpasto, voluto dal sindaco Nardella, giudicato illegittimo.

La dichiarazione congiunta rilasciata subito dopo l’opposizione e l’abbandono dell’aula è stata la seguente:”Abbiamo deciso di abbandonare i lavori del consiglio comunale di oggi per protesta, dopo che il presidente del Consiglio Andrea Ceccarelli ha vietato il dibattito sulla comunicazione del sindaco Dario Nardella, che ha annunciato la nomina di Massimo Fratini come nuovo assessore e la cacciata di Anna Paola Concia.

Nomina che potrebbe essere illegittima, a meno che le dimissioni da parte di Concia non siano già state presentate, oppure se il sindaco (come sembrerebbe, dato che non ha parlato di dimissioni) l’ha silurata, perché ad oggi la giunta risulterebbe composta da 11 assessori quando il limite di legge è di 10”.

I capigruppo hanno aggiunto: ”Certo se il sindaco ha dato il ben servito alla sua assessora giudichiamo quantomeno ipocrita che venga oggi in consiglio a ringraziarla.

Con la forza dei numeri che caratterizza la compagine del Pd, non comprendiamo le ragioni e a chi faccia comodo forzare le procedure e mettere il bavaglio alle opposizioni”.

L'articolo Firenze, consiglio comunale: “Via dall’aula per protestare contro sindaco e PD” proviene da www.controradio.it.

Elezioni, Toscana: Pd perso quasi 200mila voti

Elezioni, Toscana: Pd perso quasi 200mila voti

Secondo l’Osservatorio elettorale il centrodestra in controtendenza rispetto alla scorsa tornata elettorale: 225mila voti in più. Fratelli d’Italia ha raddoppiato i consensi, lieve incremento  per M5S.

Alle politiche, in Toscana il Pd, rispetto alle precedenti elezioni del 2013, ha perso quasi 200mila voti – 120mila se si considera la coalizione di centrosinistra nel suo complesso – mentre il centrodestra ne ha guadagnati circa 225 mila (+11,4%), con una forte modifica dei rapporti interni a favore della Lega che ha attratto una percentuale consistente dei consensi ricevuti dal Pdl cinque anni fa. Sono alcuni dei dati raccolti ne ‘Il voto in Toscana. Le elezioni politiche del 4 marzo 2018’, analisi appena pubblicata dall’Osservatorio elettorale della Regione Toscana, curata da Antonio Floridia e Antonio Folchetti.
Nello studio, spiega una nota, sono presentati i dati generali e alcune prime analisi sui risultati delle politichenella regione. Nel centrodestra Fdi  ha più che raddoppiato i consensi passando in 5 anni da 40mila a 89mila voti. M5s ha segnato un lieve incremento in termini percentuali (+0,68) e un leggero decremento in termini assoluti (-5.686 voti). A sinistra del Pd, Leu ha ottenuto quasi 100mila consensi (4,6%), mentre Potere al popolo circa 42mila (1,98%). Nel 2013 Sel ne ottenne 84mila e Rivoluzione civile quasi 60mila. L’area dell’estrema destra ha spuntato un incremento dello 0,8%, grazie a CasaPoundpassata da 4.519 a  22.250 preferenze, mentre stabile è stato il voto a Forza nuova. Sul fronte della partecipazione, tenuto conto che gli aventi diritto al voto sono diminuiti di circa 44mila unità, hanno poi votato 84mila elettori in meno. Le schede bianche e nulle, nel complesso, sono state circa 65mila, il 2,9% dei votanti.

L'articolo Elezioni, Toscana: Pd perso quasi 200mila voti proviene da www.controradio.it.

Elezioni: Toscana, eletti in totale 56 parlamentari

Elezioni: Toscana, eletti in totale 56 parlamentari

E’ ‘pareggio’ in Toscana tra centrodestra e centrosinistra per numero di eletti in regione alle politiche di domenica scorsa. Dei 56 che andranno in Parlamento grazie al voto toscano (18 senatori e 38 deputati), 23 appartengono al centrodestra, altrettanti al centrosinistra. Nove invece gli eletti da M5s e uno da Leu.

Come spiega il direttore dell’Osservatorio elettorale e del settore ‘Politiche per la partecipazione della Regione Toscana Antonio Floridia, al Senato “il centrosinistra ha eletto 7 senatori, 4 nel proporzionale e 3 nell’uninominale (6 il Pd e 1 Insieme), il centrodestra ne ha eletti 8, 4 nel proporzionale (2 la Lega, 1 Fi, e 1 Fdi), e altrettanti nell’uninominale (2 Fi, 1 Fdi e Lega). Tre i senatori M5s, tutti eletti nel proporzionale”. Alla Camera, ha spiegato ancora Floridia, “nell’uninominale sono stati eletti 7 deputati dal centrosinistra (tra cui uno con Civica popolare), e 9 in quota proporzionale dal Pd. Il centrodestra ha eletto 7 deputati in quota uninominale e nel proporzionale altri 8: 4 della Lega, 3 di Forza Italia, e 1 di Fratelli d’Italia. M5s ne ha eletti 6 nel proporzionale e 1 Leu”.

L'articolo Elezioni: Toscana, eletti in totale 56 parlamentari proviene da www.controradio.it.

Elezioni, Torselli(FdI): “voto è avviso di sfratto a Enrico Rossi”

Elezioni, Torselli(FdI): “voto è avviso di sfratto a Enrico Rossi”

Francesco Torselli, coordinatore regionale di Fratelli d’Italia commenta così il risultato della tornata elettorale in Toscana: “Rossi ha fallito inseme al centrosinistra”.

“Il voto è un avviso di sfratto al governatore della Toscana Enrico Rossi, che ha fallito insieme ad una maggioranza di centrosinistra solo virtuale, che non rappresenta più i cittadini toscani: il Pd e i transfughi della sinistra ne prendano atto e restituiscano immediatamente la parola agli elettori”.

Lo ha affermato Francesco Torselli, coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, commentando i risultati delle elezioni politiche. FdI porta in Parlamento i due eletti nei collegi uninominali col centrodestra (Patrizio La Pietra e Riccardo Zucconi), e calcola di eleggere anche Giovanni Donzelli ed Achille Totaro nel proporzionale. “Noi abbiamo già lanciato la sfida – ha aggiunto Torselli – e siamo pronti a portare l’esperienza di città come Pistoia, Grosseto e Arezzo al governo della Regione”.

L'articolo Elezioni, Torselli(FdI): “voto è avviso di sfratto a Enrico Rossi” proviene da www.controradio.it.