Uffizi: danza e sculture per giornata persone con disabilità

Uffizi: danza e sculture per giornata persone con disabilità

Iniziative come la danza ‘tattile’ ed una statua da toccare a disposizone del pubblico sono al centro della Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità alle gallerie degli Uffizi

Una performance di danza ‘tattile’ ed una antica statua da toccare a disposizione del pubblico, sono al centro delle iniziative organizzate dalle Gallerie degli Uffizi in occasione della Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità. Per il 4 dicembre sono in programma eventi gratuiti, organizzati su tre turni, alle 11, 15 e 16 nell’auditorium Vasari e curati dal dipartimento di mediazione culturale e accessibilità del museo.

L’evento principale sarà la performance ‘Vietato Toccare’ di Agnese Lanza e Giuseppe Comuniello, un’esibizione che ruoterà intorno all’Arianna Addormentata, scultura romana in marmo del II secolo d.C.. A seguire sono in programma laboratori tattili, nell’ambito dei quali i partecipanti potranno toccare sculture messe a disposizione per l’iniziativa.

“Questa Giornata – ha spiegato il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt – offre l’occasione per favorire la fruizione più ampia possibile del patrimonio culturale. E tengo a ricordare che le Gallerie hanno tra i loro obiettivi fondamentali quello di garantire pari opportunità di accesso alla cultura, promuovendo la partecipazione sociale e l’abbattimento di ogni barriera fisica, culturale e sociale”.

L'articolo Uffizi: danza e sculture per giornata persone con disabilità proviene da www.controradio.it.

Uffizi, Schimdt: ” A novembre netto aumento visitatori”

Uffizi, Schimdt: ” A novembre netto aumento visitatori”

“In questo novembre, primo mese della cosiddetta bassa stagione, a continuare la tendenza di fine ottobre, in modo del tutto inedito, stiamo avendo alle Gallerie degli Uffizi un netto aumento di presenze”.

Lo ha detto oggi il direttore degli Uffizi, Eike Schmidt, a margine della presentazione della mostra personale di Cai Guo-Qiang che apre domani.

Per Schmidt il risultato “è frutto delle politiche che portiamo avanti con l’obiettivo della ‘destagionalizzazione’, per cercare di distribuire i flussi dei visitatori più coerentemente durante tutti i mesi dell’anno, tra cui il biglietto con lo sconto stagionale e le grandi mostre che servono come attrattori internazionali”.

Il direttore ha anche evidenziato che “un buon incremento di visitatori agli Uffizi in questo mese” è “un’ottima notizia per Firenze: l’aumento delle persone porta con sé buone ricadute economiche da milioni di euro che vanno a beneficio di tutta la città”.

Riguardo a riapertura del Corridoio Vasariano agli Uffizi   Eike Schmidt ha assicurato che:
“Già nelle prossime settimane si aprirà la procedura che porterà Invitalia a bandire i lavori, l’avvio di questo iter è imminente. Il progetto esecutivo è completo, dettagliato e pronto ad essere realizzato: dunque, poiché al netto delle pratiche amministrative e legali i lavori per l’adeguamento e restauro del Corridoio non sono così ponderosi e impegnativi, si può dire che l’apertura di questo spazio al grande pubblico ha la possibilità di essere l’opera pubblica più velocemente realizzata in Italia negli ultimi tempi.”

L'articolo Uffizi, Schimdt: ” A novembre netto aumento visitatori” proviene da www.controradio.it.

Flora Commedia: Cai Guo-Qiang agli Uffizi

Flora Commedia: Cai Guo-Qiang agli Uffizi

Preceduto da un’inaugurazione col botto, anzi, con i botti – gli straordinari giochi pirotecnici diurni offerti alla città domenica 18 novembre – apre agli Uffizi Flora Commedia, la mostra dedicata al celeberrimo artista cinese Cai Guo-Qiang.

Flora Commedia è la mostra che gli Uffizi dedicano a Cai Guo-Qiang, nato nel 1957, artista che dopo studi di scenografia all’Accademia di Shanghai è rapidamente diventato noto a livello mondiale.

In particolare i toscani hanno avuto modo di vedere la sua bella istallazione di 99 lupi “in volo” al museo Pecci, nella mostra che ne celebrava la riapertura due anni fa (potete rinfrescarvi la memoria qui).

Ora agli Uffizi 10 sale ospitano il suo lavoro. Flora Commedia comprende 62 lavori, tutti realizzati con polvere da sparo. Sono tele, molte immense.

Insieme a vari disegni, sono opere ispirate da lavori raccolti agli Uffizi, e in particolar modo da quelli di Botticelli, Caravaggio e Leonardo da Vinci.

La mostra poi fa parte di un progetto più ampio che si chiama “Viaggio di un individuo attraverso la Storia dell’Arte Occidentale”. Si tratta di un viaggio che comprende tappe in vari grandi musei dell’Occidente. Dopo il Museo Puskin di Mosca e il Prado di Madrid, Firenze e gli Uffizi con Flora Commedia sono il terzo stop. L’anno prossimo sarà la volta del Museo Archeologico di Napoli. Dopo di che ci sarà il rientro alla base, in oriente.

Detta così sembra un pò il programma di quei tour organizzati delle agenzie orientali per far vedere l’Europa in una settimana. Invece, Cai Guo-Qiang è venuto più volte a Firenze e ci ha passato del tempo, studiando sia i disegni conservati al Gabinetto dei Disegni e delle Stampe degli Uffizi che la flora del giardino di Boboli, lavorando anche a stretto contatto con i giardinieri.

E poi…ha dato fuoco alle polveri.

Flora Commedia presenta lavori straordinari sotto molti punti di vista. La cosa più interessante è che ci fanno capire come il futuro, che sarà -anzi è già- cinese, guarda a noi e alla nostra arte.

Come dice Cai Guo-Qiang stesso, ” Quando ti raffronti con l’arte del passato, in realtà stai distruggendo la sua struttura. Lo rispetti o ci entri in competizione? Lo attacchi o lo ami? L’obiettivo è andare avanti. Il metodo è guardare al passato. L’ambizione sta nel futuro”.

Margherita Abbozzo. Tutte le fotografie sono mie.

L'articolo Flora Commedia: Cai Guo-Qiang agli Uffizi proviene da www.controradio.it.

Uffizi: al via progetto rafforzamento Scalone Lorense

Uffizi: al via progetto rafforzamento Scalone Lorense

Via ad un progetto architettonico per il consolidamento e il restauro dell’ossatura lignea che sostiene la volta dello Scalone Lorenese, al secondo piano della Galleria degli Uffizi di Firenze

La volta Scalone Lorense fu realizzata con la metodologia tecnico-costruttiva ‘ad incannucciato’ alla fine dell’Ottocento, quando ebbe luogo un intervento di ampliamento; oggi, a distanza di oltre un secolo, a seguito di una serie di controlli tesi a verificare lo stato di salute del complesso monumentale degli Uffizi (e ad incrementare il livello di sicurezza per le migliaia di visitatori che giornalmente visitano il museo) è emersa la necessità di provvedere ad una operazione di irrobustimento della struttura di sostegno.

I lavori partiranno lunedì 19 novembre, a realizzarli saranno le Gallerie degli Uffizi insieme alla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Firenze e le Province di Pistoia e Prato. Nel loro ambito è prevista l’immediata installazione di un ponteggio nell’area dello scalone: il montaggio sarà effettuato in orario di chiusura del museo, consentendo durante il giorno il normale afflusso alla zona da parte dei visitatori, che potranno accedervi regolarmente tramite un tunnel protetto. Le opere d’arte esposte lungo il percorso interessato dall’allestimento del ponteggio saranno temporaneamente spostate in altri punti della Galleria e torneranno ai loro posti consueti alla fine dei lavori.

“Nell’ambito del cantiere dei Nuovi Uffizi, già a partire dal 2013, è stato eseguito un costante monitoraggio, anche mediante rilievi laser scanner, della struttura lignea che sostiene la volta, monitoraggio che oggi ci consente di programmarne la manutenzione straordinaria”, spiega il sovrintendente architettonico Andrea Pessina. Il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, sottolinea che con l’operazione di consolidamento dello scalone “si vuole perseguire la scelta strategica della manutenzione preventiva, attraverso l’attento monitoraggio dei beni e la progettazione di interventi conservativi di limitata invasività se non perfettamente reversibili”.

L'articolo Uffizi: al via progetto rafforzamento Scalone Lorense proviene da www.controradio.it.

Musei: Schmidt, progetto Vasariano ok, probabile riapra 2020

Musei: Schmidt, progetto Vasariano ok, probabile riapra 2020

Terminato il progetto di riapertura al pubblico del Corridoio Vasariano, lo ha detto Schmidt, il direttore degli Uffizi: “I tempi dipendono dal bando, costo 7-8 milioni”

Il progetto di riapertura al pubblico del Corridoio Vasariano, il passaggio che collega gli Uffizi a Palazzo Pitti, è stato terminato: lo ha annunciato a Firenze Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi, parlando a margine della presentazione della mostra ‘Fragili tesori dei principi’. I tempi per la riapertura, ha spiegato Schmidt, “dipendono dal bando” per l’esecuzione dei lavori gestito da Invitalia, ma “se tutto andrà liscio apriremo nel 2020”.

Il costo dell’operazione, ha spiegato ancora il direttore degli Uffizi, “si aggira fra i 7 e gli 8 milioni”. Per i visitatori “ci saranno due biglietti diversi: uno sarà per il ‘Percorso del principe’ che inizia a Palazzo Vecchio e attraverso gli Uffizi e il Corridoio va a Palazzo Pitti e Boboli per poi finire nel Forte Belvedere. Ovviamente non tutti saranno in grado di dedicare così tanto tempo ed energia a questo, e quindi ci sarà anche un biglietto più piccolo che comprende proprio il Corridoio: la gente entrerà dall’odierno auditorium Vasari”.

L'articolo Musei: Schmidt, progetto Vasariano ok, probabile riapra 2020 proviene da www.controradio.it.