Spazio Alfieri: “Zampalesta u cane tempesta”

Spazio Alfieri: “Zampalesta u cane tempesta”

Domenica 14 aprile, alle ore 16 allo Spazio Alfieri Angelo Gallo presenta lo spettacolo di burattini tradizionali calabresi, vincitore del premio Otello Sarzi, “Zampalesta u cane tempesta”.

In un piccolo paese della calda Calabria, un cane lupo ridotto in catene dal suo padrone, scappa seminando il panico in tutta la comunità. Zampalesta incontra gli archetipi che hanno caratterizzato la terra calabra, in un susseguirsi di scene scopriremo che Zampalesta è il simbolo della paura verso la diversità o mostruosità degli animali.

Angelo Gallo con questo progetto, grazie alla collaborazione artistica del burattinaio napoletano Gaspare Nasuto, tenta di far entrare la Calabria nella mappa internazionale delle regioni con la tradizione autentica dei burattini ancora attiva e prova a far ripartire l’arte dei burattini tradizionali fatti nel modo antico, attraverso la costruzione dei burattini intagliati nel legno dallo stesso burattinaio, la recitazione rigorosamente dal vivo e il movimento dei piccoli attori di legno.

Per ulteriori informazioni consultare il sito www.spazioalfieri.it

L'articolo Spazio Alfieri: “Zampalesta u cane tempesta” proviene da www.controradio.it.

Spazio Alfieri: “Zampalesta u cane tempesta”

Spazio Alfieri: “Zampalesta u cane tempesta”

Domenica 14 aprile, alle ore 16 allo Spazio Alfieri Angelo Gallo presenta lo spettacolo di burattini tradizionali calabresi, vincitore del premio Otello Sarzi, “Zampalesta u cane tempesta”.

In un piccolo paese della calda Calabria, un cane lupo ridotto in catene dal suo padrone, scappa seminando il panico in tutta la comunità. Zampalesta incontra gli archetipi che hanno caratterizzato la terra calabra, in un susseguirsi di scene scopriremo che Zampalesta è il simbolo della paura verso la diversità o mostruosità degli animali.

Angelo Gallo con questo progetto, grazie alla collaborazione artistica del burattinaio napoletano Gaspare Nasuto, tenta di far entrare la Calabria nella mappa internazionale delle regioni con la tradizione autentica dei burattini ancora attiva e prova a far ripartire l’arte dei burattini tradizionali fatti nel modo antico, attraverso la costruzione dei burattini intagliati nel legno dallo stesso burattinaio, la recitazione rigorosamente dal vivo e il movimento dei piccoli attori di legno.

Per ulteriori informazioni consultare il sito www.spazioalfieri.it

L'articolo Spazio Alfieri: “Zampalesta u cane tempesta” proviene da www.controradio.it.