Toscana, Confagricoltura: “Calo dei consumi fino al 12%”

Toscana, Confagricoltura: “Calo dei consumi fino al 12%”

Secondo Confagricoltura, anche la Toscana verrebbe “travolta dal rallentamento dei consumi” nel comparto ortofrutticolo registrato in tutta Italia e denunciato dalla grande distribuzione organizzata.

La frutticoltura registra un calo del 10% nelle vendite, con un conseguente abbassamento dei prezzi: “La nostra regione si è certamente difesa meglio, ma non è rimasta immune al calo della domanda e alla conseguente diminuzione del valore del prodotto in questi primi quattro mesi dell’anno” spiega Antonio Tonioni, presidente della sezione Ortofrutta di Confagricoltura Toscana, che riporta inoltre le preoccupazioni dei produttori toscani in merito alle mele raccolte nel 2018 e stoccate nei magazzini. “Ci aspettavamo un buon andamento delle vendite. Cosa che non è avvenuta. Le scorte negli impianti frigo, infatti, sono decisamente superiori alla media”.

Le caratteristiche del prodotto toscano, quindi, non hanno impedito il calo della domanda: le mele top di gamma non hanno subito grandi variazioni, nei consumi del prodotto di fascia media è stato registrato un -9% e addirittura un -12% in quello di fascia bassa.

I prossimi mesi saranno decisivi per tirare le somme, ma intanto i produttori sono davanti a un bivio. “Dovremo capire se sarà più strategico abbassare ulteriormente i prezzi per incentivare il consumo o se rischiare di rimanere con il prodotto invenduto nei magazzini” conclude Tonioni.

L'articolo Toscana, Confagricoltura: “Calo dei consumi fino al 12%” proviene da www.controradio.it.

Toscana, Confagricoltura: “Calo dei consumi fino al 12%”

Toscana, Confagricoltura: “Calo dei consumi fino al 12%”

Secondo Confagricoltura, anche la Toscana verrebbe “travolta dal rallentamento dei consumi” nel comparto ortofrutticolo registrato in tutta Italia e denunciato dalla grande distribuzione organizzata.

La frutticoltura registra un calo del 10% nelle vendite, con un conseguente abbassamento dei prezzi: “La nostra regione si è certamente difesa meglio, ma non è rimasta immune al calo della domanda e alla conseguente diminuzione del valore del prodotto in questi primi quattro mesi dell’anno” spiega Antonio Tonioni, presidente della sezione Ortofrutta di Confagricoltura Toscana, che riporta inoltre le preoccupazioni dei produttori toscani in merito alle mele raccolte nel 2018 e stoccate nei magazzini. “Ci aspettavamo un buon andamento delle vendite. Cosa che non è avvenuta. Le scorte negli impianti frigo, infatti, sono decisamente superiori alla media”.

Le caratteristiche del prodotto toscano, quindi, non hanno impedito il calo della domanda: le mele top di gamma non hanno subito grandi variazioni, nei consumi del prodotto di fascia media è stato registrato un -9% e addirittura un -12% in quello di fascia bassa.

I prossimi mesi saranno decisivi per tirare le somme, ma intanto i produttori sono davanti a un bivio. “Dovremo capire se sarà più strategico abbassare ulteriormente i prezzi per incentivare il consumo o se rischiare di rimanere con il prodotto invenduto nei magazzini” conclude Tonioni.

L'articolo Toscana, Confagricoltura: “Calo dei consumi fino al 12%” proviene da www.controradio.it.

Toscana, Confagricoltura: “Calo dei consumi fino al 12%”

Toscana, Confagricoltura: “Calo dei consumi fino al 12%”

Secondo Confagricoltura, anche la Toscana verrebbe “travolta dal rallentamento dei consumi” nel comparto ortofrutticolo registrato in tutta Italia e denunciato dalla grande distribuzione organizzata.

La frutticoltura registra un calo del 10% nelle vendite, con un conseguente abbassamento dei prezzi: “La nostra regione si è certamente difesa meglio, ma non è rimasta immune al calo della domanda e alla conseguente diminuzione del valore del prodotto in questi primi quattro mesi dell’anno” spiega Antonio Tonioni, presidente della sezione Ortofrutta di Confagricoltura Toscana, che riporta inoltre le preoccupazioni dei produttori toscani in merito alle mele raccolte nel 2018 e stoccate nei magazzini. “Ci aspettavamo un buon andamento delle vendite. Cosa che non è avvenuta. Le scorte negli impianti frigo, infatti, sono decisamente superiori alla media”.

Le caratteristiche del prodotto toscano, quindi, non hanno impedito il calo della domanda: le mele top di gamma non hanno subito grandi variazioni, nei consumi del prodotto di fascia media è stato registrato un -9% e addirittura un -12% in quello di fascia bassa.

I prossimi mesi saranno decisivi per tirare le somme, ma intanto i produttori sono davanti a un bivio. “Dovremo capire se sarà più strategico abbassare ulteriormente i prezzi per incentivare il consumo o se rischiare di rimanere con il prodotto invenduto nei magazzini” conclude Tonioni.

L'articolo Toscana, Confagricoltura: “Calo dei consumi fino al 12%” proviene da www.controradio.it.

Il cibo protagonista di “Si fa di sabato!” allo Stensen

Il cibo protagonista di “Si fa di sabato!” allo Stensen

Prosegue il 6 aprile alle 11:30 al Cinema Stensen di Firenze “Si fa di sabato!”, la trasmissione live di Controradio con Paolo Hendel, Daniela Morozzi, Gaia Nanni e Raffaele Palumbo. In collaborazione con la Città Metropolitana di Firenze e Publiacqua.

Tema della puntata, il cibo. Ne parleranno Leonardo Torrini, trippaio di Gavinana, dove ha il suo chiosco, e membro esecutivo di SlowFood Toscana. La dottoressa Francesca Faldi, dietista e nutrizionista, si occupa di malattie legate al cibo e fa parte dello staff Laurenziana Basket. Jean-Michel Carasso, pioniere della cucina multietnica in Italia, esperto enciclopedico di ricette e spezie del mondo, proprio a Firenze ha iniziato la sua carriera di chef.

Per la rubrica “Genio Fiorentino” sarà presente Maurizio Lombardi. Attore, regista e autore, lo abbiamo visto di recente in TV nelle serie “Il nome della rosa” e “I Medici”, ma anche “I delitti del BarLume” e molte altre. Le sue interpretazioni al cinema vantano ruoli e collaborazioni importanti, ma è al teatro che Lombardi deve la sua passione per la recitazione. Il 9 aprile torna sul palcoscenico con “L’uomo rondine” da lui scritto, diretto e interpretato.

In ogni appuntamento si tiene un focus sulle attività e sugli eventi del territorio fiorentino, in cui saranno raccontati i progetti in corso d’opera e futuri. A parlarne sabato 6 aprile sarà il consigliere metropolitano Andrea Ceccarelli.

Chiuderanno il live con brani sul cibo (a chilometro zero) gli ormai famosi Duova.

L’ingresso è libero, diretta su Controradio e su Facebook.

L'articolo Il cibo protagonista di “Si fa di sabato!” allo Stensen proviene da www.controradio.it.

Bistecca patrimonio Unesco, accordo per la candidatura

Bistecca patrimonio Unesco, accordo per la candidatura

Insieme per supportare e promuovere la candidatura della bistecca fiorentina a patrimonio Unesco. Comune di Firenze, Regione Toscana e Accademia della Fiorentina siglano l’accordo che getta le basi del percorso verso l’inclusione della ‘tradizione e cultura gastronomica della bistecca alla fiorentina’ nella lista del patrimonio immateriale dell’Unesco.

E’ quanto prevede la delibera che ha avuto oggi il via libera della giunta di Palazzo Vecchio, su proposta dell’assessora allo Sviluppo economico Cecilia Del Re.
“L’accordo di oggi sarà la base di un percorso di candidatura che dovrà vedere la più ampia partecipazione possibile della comunità – ha detto l’assessora Del Re – Un percorso che sarà portato avanti dal comitato coordinato dall’Accademia della Fiorentina e che sarà supportato dal Comune di Firenze e dalla Regione Toscana”.
“Crediamo che sia importante sostenere questa iniziativa – commenta l’assessore regionale Marco Remaschi – perché la bistecca alla fiorentina è una delle più significative testimonianze dell’immenso patrimonio agroalimentare toscano fatto da prodotti unici, ottenuti grazie alle tradizioni e ai saperi millenari dei nostri agricoltori che con la loro fatica hanno reso la Toscana quello che è oggi, con i suoi paesaggi e con le sue eccellenze”.

Nell’ambito dell’accordo, la Regione Toscana si impegna a curare i rapporti con i ministeri competenti e con la filiera agricola e agroalimentare toscana, in modo da sollecitare gli operatori economici toscani a realizzare iniziative a supporto del processo di candidatura. Il Comune di Firenze si impegna a sostenere il processo di candidatura e ad attivare i propri canali di comunicazione per assicurare il più alto coinvolgimento della comunità locale e dare il massimo risalto alle attività del comitato promotore e dell’Accademia. L’Accademia della Fiorentina si impegna a coordinare il comitato promotore; elaborare e presentare la piattaforma per la procedura di riconoscimento; promuovere l’adesione a iniziative, la realizzazione di incontri divulgativi e altre azioni richieste.

Il comitato, che sarà costituito dall’Accademia della Fiorentina presieduta da Andrea Giuntini, vedrà un’ampia partecipazione della comunità locale, con rappresentanze dell’Amministrazione comunale e regionale, categorie economiche, mondo scientifico e degli altri soggetti rappresentativi della filiera del territorio. Nei mesi scorsi, il sindaco Dario Nardella ha accolto positivamente la proposta dell’Accademia della Fiorentina di farsi capofila della costituzione del comitato che lavorerà alla presentazione della candidatura. L’idea della candidatura era stata lanciata proprio dal sindaco in occasione dell’ultima assemblea dell’Accademia della Fiorentina. L’iter di candidatura alla lista del patrimonio immateriale Unesco è analogo a quello seguito per il Patrimonio culturale, con alcune variazioni legate proprio alla natura ‘non tangibile’ dell’arte di preparare la bistecca alla fiorentina per la quale si richiede il riconoscimento.

Il dossier di candidatura dovrà essere presentato dallo Stato (con firma finale del ministero competente) e dovrà soddisfare una serie di requisiti. In particolare, il documento dovrà dimostrare il ruolo del ‘bene immateriale’ come patrimonio culturale del territorio di riferimento; contribuire a garantire visibilità e consapevolezza del significato del patrimonio culturale immateriale e incoraggiare il dialogo, quindi riflettere la diversità culturale in tutto il mondo e testimoniare la creatività umana.

La candidatura deve prevedere la più ampia partecipazione possibile della comunità e dimostrare lo sviluppo di misure di salvaguardia per proteggere e promuovere il bene immateriale: dall’organizzazione di eventi dedicati e corsi di preparazione, alle misure di identificazione, documentazione e ricerca e valorizzazione.

L’Accademia della Fiorentina, con sede in via dei Ginori, è nata nel 1991 su iniziativa dell’Associazione fiorentina Macellai insieme ad artisti, uomini di cultura, cuochi, gestori di ristoranti tipici della città con l’obiettivo di valorizzare e diffondere gli aspetti enogastronomici culturali e storici legati e alla ‘Fiorentina’ quale eccellenza simbolo della città di Firenze.

Con la delibera di oggi, il Comune di Firenze nomina come proprio rappresentante nel comitato promotore (in qualità di osservatore) il titolare dell’Ufficio Unesco Carlo Francini. La Regione Toscana si impegna a nominare un proprio rappresentante nel comitato.

L'articolo Bistecca patrimonio Unesco, accordo per la candidatura proviene da www.controradio.it.