Botti: oltre 5 quintali sequestrati nel fiorentino da Gdf

Botti: oltre 5 quintali sequestrati nel fiorentino da Gdf

Circa 10.000 botti di Capodanno, per un peso complessivo di oltre 5 quintali di materiale pirotecnico, sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza a tre grossisti operanti tra il distretto industriale fiorentino dell’Osmannoro, nel comune di Sesto Fiorentino, e Campi Bisenzio.

Denunciati i tre responsabili, tutti cinesi per violazione dell’articolo 678 del codice penale: i botti, spiega la Gdf di Firenze, erano conservati con modalità “non sicure” perché si trovavano vicino ad altro materiale altamente infiammabile come accendini, carta e oggetti in plastica e in un’area aperta al pubblico.

Il sequestro è stato effettuato nell’ambito di controlli condotti nei giorni scorsi dalle fiamme gialle anche ai fini della repressione del commercio di falsi. Accertamenti quest’ultimi che hanno portato al sequestro di 500 paia di scarpe recanti marchi di note griffe di moda contraffatti e di 2600 articoli di telefonia non originali. Quattro titolari di altrettanti esercizi commerciali sono stati così denunciati.

Sequestrati inoltre in via amministrativa 4.770 apparecchi elettrici (soprattutto lampadine e luminarie natalizie) privi del marchio Ce.

L'articolo Botti: oltre 5 quintali sequestrati nel fiorentino da Gdf proviene da www.controradio.it.

‘Ndrangheta: Dda e Gdf Firenze, 6 fermi per coltivazione illecita

‘Ndrangheta: Dda e Gdf Firenze, 6 fermi per coltivazione illecita

Sei persone sono state sottoposte stamani da Dda e GdF di Firenze a fermo di indiziato di delitto per coltivazione illecita di stupefacenti aggravata dall’aver agito nell’interesse di un clan di ‘ndrangheta. I sei fermati sono considerati dagli inquirenti contigui alle cosche della ‘ndrangheta Bellocco. Tra i fermati ci sono un 50enne a suo tempo già condannato per aver importato 200 kg di cocaina dal Sudamerica, e un 30enne considerato esperto nella coltivazione di marijuana.

Secondo le Fiamme gialle, i provvedimenti rappresentano la fase finale dell’operazione ‘Erba di Grace’ che nel 2017 portò al sequestro, in un vivaio di Pistoia, della più grande coltivazione di marijuana mai scoperta in Toscana, con 3.185 piante equivalenti a oltre 350.000 dosi di stupefacente, e all’arresto in flagranza di cinque persone.

La fase successiva delle indagini, coordinate dal pm della Dda di Firenze Eligio Paolini, ha consentito di ricostruire tutta la filiera – dalla preliminare organizzazione della serra e semina, fino alla coltivazione e alla essiccazione dello stupefacente – e di risalire ai destinatari degli attuali provvedimenti di fermo.

Inoltre, sempre secondo le indagini, sarebbe stato il gruppo criminale, che ha riferimenti nell’area di Reggio Calabria, a proporre a un vivaista di origini calabresi, attivo nel Pistoiese, di coltivare marijuana nelle sue serre, confidando probabilmente nel fatto che la coltivazione illecita sarebbe passata inosservata in un territorio dalla nota e diffusa tradizione florovivaistica con numerose aziende nel settore.

L'articolo ‘Ndrangheta: Dda e Gdf Firenze, 6 fermi per coltivazione illecita proviene da www.controradio.it.

‘Ndrangheta: Dda e Gdf Firenze, 6 fermi per coltivazione illecita

‘Ndrangheta: Dda e Gdf Firenze, 6 fermi per coltivazione illecita

Sei persone sono state sottoposte stamani da Dda e GdF di Firenze a fermo di indiziato di delitto per coltivazione illecita di stupefacenti aggravata dall’aver agito nell’interesse di un clan di ‘ndrangheta. I sei fermati sono considerati dagli inquirenti contigui alle cosche della ‘ndrangheta Bellocco. Tra i fermati ci sono un 50enne a suo tempo già condannato per aver importato 200 kg di cocaina dal Sudamerica, e un 30enne considerato esperto nella coltivazione di marijuana.

Secondo le Fiamme gialle, i provvedimenti rappresentano la fase finale dell’operazione ‘Erba di Grace’ che nel 2017 portò al sequestro, in un vivaio di Pistoia, della più grande coltivazione di marijuana mai scoperta in Toscana, con 3.185 piante equivalenti a oltre 350.000 dosi di stupefacente, e all’arresto in flagranza di cinque persone.

La fase successiva delle indagini, coordinate dal pm della Dda di Firenze Eligio Paolini, ha consentito di ricostruire tutta la filiera – dalla preliminare organizzazione della serra e semina, fino alla coltivazione e alla essiccazione dello stupefacente – e di risalire ai destinatari degli attuali provvedimenti di fermo.

Inoltre, sempre secondo le indagini, sarebbe stato il gruppo criminale, che ha riferimenti nell’area di Reggio Calabria, a proporre a un vivaista di origini calabresi, attivo nel Pistoiese, di coltivare marijuana nelle sue serre, confidando probabilmente nel fatto che la coltivazione illecita sarebbe passata inosservata in un territorio dalla nota e diffusa tradizione florovivaistica con numerose aziende nel settore.

L'articolo ‘Ndrangheta: Dda e Gdf Firenze, 6 fermi per coltivazione illecita proviene da www.controradio.it.

Gdf Firenze: facevano ‘cartello’ per vendere divise, interdetti 9 imprenditori

Gdf Firenze: facevano ‘cartello’ per vendere divise, interdetti 9 imprenditori

Un’inchiesta della GdF di Firenze ha scoperto un ‘cartello’ di imprenditori volto a vendere divise per Comuni ed enti pubblici. L’operazione è stata condotta anche dal pm fiorentino Leopoldo De Gregorio. I 9 imprenditori sono titolari di ditte toscane che producono capi di abbigliamento da lavoro. Indagati anche tre funzionari pubblici.

I nove imprenditori sono stati interdetti per aver costituito un’associazione a delinquere finalizzata a turbare il corretto svolgimento delle procedure di affidamento di pubbliche forniture, in particolare divise, per Comuni e altri enti pubblici. Le indagini della GdF, avviate dopo una denuncia presentata due anni fa dall’ufficio anticorruzione, trasparenza e controlli del Comune di Firenze, avrebbero “messo in luce alterazioni nelle procedure di affidamento indette da alcuni Comuni ed enti pubblici della Toscana”. Tali imprese, in circa cinque anni, sono risultate più volte aggiudicatarie delle gare bandite da alcuni enti pubblici, territoriali e non, per l’acquisizione prevalentemente di divise e accessori per la polizia municipale, per servizi di guardiania e di rappresentanza.

L’inchiesta avrebbe svelato l’esistenza di un ‘cartello’ di imprese. “Sarebbe emerso un forte vincolo a carico di alcune delle principali società attive nelle forniture dei beni, fondato su interessi perseguiti secondo logiche di non aggressione e accordi attraverso cui alcune aziende si sarebbero divise i territori di diverse regioni del Centro-nord”, si legge nella nota della GdF di Firenze. Le misure interdittive sono state emesse dal gip Alessandro Moneti.
Anche alcuni dipendenti pubblici sono indagati nell’inchiesta. Secondo quanto appreso a tre funzionari pubblici viene contestato il reato di turbativa d’asta. La procura ha perciò chiesto la misura cautelare dell’interdizione dai pubblici uffici sulla quale il gip deciderà dopo l’interrogatorio non ancora avvenuto. Si tratterebbe di un funzionario della polizia municipale di San Giuliano Terme (Pisa), e di due dipendenti dei Comuni di Siena e Cecina (Livorno).
Secondo l’accusa, i funzionari si sarebbero accordati con alcuni degli imprenditori indagati per falsare l’esito di alcune delle gare oggetto dell’inchiesta. Tra i bandi finiti al centro delle indagini nel corso degli anni, ci sono quello per le forniture di divise ai dipendenti della Galleria dell’Accademia di Firenze, dell’Opera primaziale pisana, di fornitura di divise alla polizia municipale di Firenze, di Siena e di Massa.

L'articolo Gdf Firenze: facevano ‘cartello’ per vendere divise, interdetti 9 imprenditori proviene da www.controradio.it.