Festival delle Generazioni

Il Festival delle Generazioni,promosso da Cisl pensionato col patrocino del Ministero del Lavoro,della regione Toscana e del comune di Firenze è in programma a Firenze dal 2 al 4 ottobre 2014,col tema “Né vecchi né giovani: cittadini”.

Festival delle Generazioni: né vecchi né giovani: cittadini
Nasce da un progetto che ha le sue radici in un’indagine previsionale su come evolverà il rapporto anziani-giovani da qui al 2020 ed è diventato l’occasione di incontro e confronto fra le generazioni, la sede in cui giovani e anziani possono affrontare congiuntamente i problemi comuni in un’atmosfera serena e festosa, segnata da una serie di eventi eccellenti, capace di creare, allo stesso tempo, il ruolo di un osservatorio permanente, laboratorio intelligente, Festival esaltante.
Il rapporto fra le generazioni più giovani e quelle più anziane è un tema centrale del dibattito pubblico di questo Paese. Da molti anni a questa parte, un discorso ricorrente riguarda la (presunta) contrapposizione fra gli interessi economici e sociali dei giovani (gli attuali 20enni e 30enni) e quelli delle generazioni precedenti che, per motivi anagrafici, hanno potuto usufruire di un sistema pensionistico più favorevole dell’attuale.
Chiedersi se gli interessi degli anziani e dei giovani siano in contraddizione fra loro o se invece possano conciliarsi, e in quali termini, è una questione decisiva per comprendere ciò che sta accadendo in Italia e soprattutto in quale direzione vada il nostro Paese, dove troverà le risorse per rilanciarsi e, quando il rilancio avverrà, come ne verranno distribuiti i benefici.
Il principio ispiratore dell’edizione 2014 del Festival delle Generazioni è rovesciare l’assunto che oggi sia in corso una lotta tra generazioni e che lo strumento che i vecchi hanno per “picchiare” i giovani sia il debito pubblico che lo Stato accumula, sia attraverso l’imposizione fiscale, sia attraverso i risparmi frutto dei sacrifici delle generazioni passate, presenti e future. La realtà è un’altra. E’ impossibile che esista uno Stato in costante pareggio di bilancio. Lo Stato è un’entità in continua evoluzione e il pareggio di bilancio è o un’illusione o uno strumento ideologico per distruggere la spesa pubblica e gli investimenti pubblici. Invece del conflitto tra generazioni va posto in evidenza il principio di cittadinanza conquistato, dopo decenni di lotte, dai lavoratori e dalla cultura solidaristica di molti segmenti della borghesia internazionale, consapevole che non può esservi crescita senza pace e coesione sociali. Dobbiamo cominciare a smontare la macchina ideologica e menzognera del debito pubblico come lotta tra generazioni. Solo così facendo si può veramente aprire una prospettiva per le nuove generazioni, oggi annichilite dall’altissima disoccupazione e dalla crisi del sistema educativo.
L’evento, promosso dalla Fnp Cisl, è alla sua seconda edizione ed è il primo del genere in Italia. Momenti di riflessione si intrecciano con momenti di svago. I problemi degli anziani e dei giovani vengono analizzati e vissuti attraverso un’esperienza fatta non solo di ricerca e di analisi, ma anche di concerti, rassegne stampa, laboratori, incontri con letterati ed esperti. Un Festival per condividere le esperienze di due generazioni. Un Festival pensato per progettare un modello di vita finalmente possibile. Migliaia di anziani e di giovani confluiranno a Firenze, città culturalmente prestigiosa e logisticamente epicentrica, prendendo parte ad un evento unico nel suo genere per originalità dei contenuti e della forma, per accuratezza della progettazione, coralità della realizzazione.
Il rapporto tra le generazioni verrà esplorato intrecciando momenti di analisi e riflessione, attraverso convegni, dibattiti e laboratori; momenti di sperimentazione diretta, attraverso lezioni, dimostrazioni; momenti ludici, attraverso mostre, concerti, teatro, recital.
Sarà un Festival multidisciplinare, che si svilupperà in dieci sezioni principali: Lettura dei giornali, Tavole rotonde, Concerti, Mostre, Musica e Parole, Maratona di scrittori, Faccia a Faccia, Dono delle Idee, Eventi speciali e Grandi Eventi, ognuna delle quali curate da un noto professionista del settore.
Edicola cafè offrirà al pubblico una lettura interattiva dei giornali. In due caffè storici, in due piazze tra le più belle della città medicea, ogni mattina i giornali saranno letti, commentati e discussi con il pubblico da prestigiosi giornalisti televisivi e della carta stampata come Mia Ceran, Tommaso Labate, Myrta Merlino e Carlo Puca, con uno sguardo speciale ai problemi dei giovani e degli anziani. Il tutto sarà moderato dal giornalista Andrea Pancani, vicedirettore del Tg La7 e conduttore di “Omnibus”.
Sempre Pancani modererà le Tavole rotonde Italia Viceversa e Hotel Europa: due momenti per affrontare, insieme a politici, economisti ed esperti della finanza, i problemi legati alla crisi finanziaria in atto da alcuni anni e intravederne le possibili soluzioni, anche alla luce dei cambiamenti avvenuti all’interno della classe dirigente del nostro Paese. Interessante sarà anche la sezione Capitale umano: quattro temi che verranno discussi in altrettanti dialoghi tra protagonisti d’eccezione, in settori cruciali per il rapporto tra le generazioni come economia, comunicazione, scienza e ambiente, impresa e Made in Italy tra cui Alan Friedman, Massimo Bernardini, Fabrizio Rondolino, Paolo Agnelli.
La sezione Arti visive offrirà due mostre: la prima avrà come curatore Pippo Onorati, direttore creativo, fotografo, designer, e regista. Nella mostra Di generazione in generazione, Pippo ci guiderà in un intenso viaggio fotografico che, attraversando la nostra penisola, racconta le storie di 15 coppie di giovani e anziani, le loro esperienze, i loro rapporti nel lavoro e nella vita. La seconda mostra “I luoghi del perduto” sarà a cura di Michele Spera e Alessandro Cecchi Paone, interpreterà le modificazioni irreversibili e drammatiche del paesaggio e il doloroso dissesto ambientale del nostro Paese.
Musica e parole permetterà di incontrarci in Piazza Santa Croce, in due diversi momenti della giornata (alle 12.00 e alle 19.00) per condividere dialoghi e intermezzi musicali con personaggi del mondo dello spettacolo e della cultura. Il confronto armonico tra le generazioni si duplica nel confronto tra musica e parole, dove la musica sarà un interlocutore attivo, fornendo spunti di conversazione attraverso generi e stili differenti. In un clima giocoso ma non frivolo, la ragione giocherà con l’emozione, la sfrontatezza con la riflessione. Tra i protagonisti Carla Fracci e Eleonora Abbagnato; Mogol e Simone Cristicchi; Umberto Galimberti e Diego Fusaro; Dario Vergassola con Giuseppe e Vincenzo Abbagnale. Curatrice della sezione sarà Francesca Chialà, esperta di comunicazione e fund raising per progetti culturali e artistici. Marco Stancati, docente alla Sapienza di Roma e consulente direzionale per l’area Comunicazione, curerà la sezione Il Futuro è già ieri. Effettivo scambio tra generazioni attraverso laboratori di Twitteratura e Realtà aumentata, un passaggio di testimone inteso come scambio di conoscenze e di “strumenti per fare”. Nei giorni del Festival saranno in programma una serie di appuntamenti a tema che si svilupperanno in tante tappe. Un piccolo percorso alla fine del quale il partecipante non ha soltanto assistito a qualcosa di piacevole e interessante, ma si porta a casa effettivamente qualcosa di utile.
Giovani autori di opere prime come Alessio Arena, e romanzieri di consolidato prestigio, tra cui Raffaele La Capria e Corrado Augias, confronteranno i loro punti di vista sulle generazioni, a partire dalle loro opere recenti, nella sezione Maratona di scrittori. Il curatore di questa stimolante maratona letteraria, dalle 11.00 del mattino fino alle 19.30 della sera, sarà Francesco Durante, giornalista, critico letterario e docente universitario. Piazza della Repubblica ospiterà la sezione più operativa e pratica del Festival, Il Dono delle idee. Esperti delle due generazioni metteranno a disposizione di tutti i partecipanti le loro conoscenze sulle nuove tecnologie, sulla prevenzione, sull’orientamento dei giovani nel mondo del lavoro, sull’organizzazione del tempo libero.
Fra gli Eventi speciali che animeranno in maniera creativa e originale il Festival, la Maxitela delle Generazioni: 100 metri di tela che vedranno impegnati giovani e anziani in una performance artistica in strada: il Laboratorio sulla creatività dal titolo Età anagrafica età reale, curato da Hubert Jaoui, scrittore francese tra i maggiori esponenti della creatività applicata; Dalla Nuvola alla terra, incontro con i giovani e le scuole per parlare del mondo del lavoro, coordinato da Dario Di Vico. Nella sezione Grandi eventi, ci saranno tre momenti imperdibili: il primo dedicato al teatro in piazza, con due Interviste impossibili a Cosimo e Giuliano de’ Medici interpretati da due attori d’eccezione come Mariano Rigillo e Alessio Boni; il secondo sarà quello dedicato alla musica leggera con Red e Chiara Canzian; Roberto e Arrigo Vecchioni; Ron e La Scelta; per finire spazio al cabaret con l’esilarante comicità di Enrico Brignano.
Tutti gli eventi sono gratuiti, con prenotazione obbligatoria.