Riaperto il Parco dei Renai, per massimo 1060 persone

Riaperto il Parco dei Renai, per massimo 1060 persone

Signa in provincia di Firenze, è stato riaperto il Parco dei Renai con nuove regole per il distanziamento sociale a causa del Coronavirus, accesso contingentato a 1060 visitatori alla volta e divieto di praticare sport e pic nic e con inoltre l’obbligo di indossare la mascherina.

L’inaugurazione della stagione del Parco dei Renai è stata caratterizzata da un simbolico omaggio al Tricolore: oltre 100 bandiere sono state issate lungo il perimetro del parco alla presenza del sindaco di Signa, Giampiero Fossi, del presidente e dell’amministratore delegato della società di gestione del parco, Daniele Donnini e Andrea Marzi. In tempi di emergenza Covid-19 e in osservanza delle disposizioni del Governo nazionale e della Regione Toscana, l’accesso al parco dovrà avvenire nel rispetto di un regolamento fissato con un’ordinanza dal Comune.

L’apertura riguarda il lotto zero; per il momento l’unica attività aperta è la gelateria che effettuerà esclusivamente servizio da asporto. L’accesso è contingentato in modo da consentire l’ingresso di ogni cittadino solo all’uscita di un altro.

È possibile stare nell’area verde rispettando il distanziamento sociale tra le persone (la misura è 1,80 mt come fissato dalla Regione) con eccezione dei nuclei familiari. È obbligatorio l’uso della mascherina, con la sola esclusione dei bambini al di sotto dei 6 anni.

Le biciclette all’interno del parco vanno portate a mano. È consentito passeggiare e fare attività motoria ma non fare sport. I controlli saranno fatti dai vigili urbani e dai volontari. Previsti interventi di sanificazione (due volte al giorno) per panchine e servizi igienici.

“La riapertura del parco dei Renai – ha detto il sindaco di Signa, Giampiero Fossi – ha un valore simbolico e di rinascita. Offriamo il nostro polmone verde ai cittadini, in modo che possano trascorrere il loro tempo libero. Sono stati momenti difficili, ma i signesi si sono dimostrati responsabili. La nostra speranza è che si possa progressivamente ricominciare con la vita di tutti i giorni”

L'articolo Riaperto il Parco dei Renai, per massimo 1060 persone proviene da www.controradio.it.

Viabilità: annunciato corteo alle Signe per nuovo ponte Arno

Viabilità: annunciato corteo alle Signe per nuovo ponte Arno

Per la giornata di domani è in programma una manifestazione dei Comuni di Lastra a Signa e Signa, insieme al Comitato Nuovo Ponte per la Piana per richiedere, si legge in una nota, che si arrivi in tempi brevi alla realizzazione di un nuovo ponte sull’Arno che alleggerisca il traffico sulla rete viaria, migliorando la vivibilità dei territori. Un’opera considerata strategica, in grado di rappresentare un collegamento tra la Fi-Pi-Li e la zona a ovest di Firenze.

Lo slogan della giornata è ‘Il ponte più difficile da attraversare è quello che separa le parole dai fatti’. La manifestazione partirà alle 16 con ritrovo davanti ai Comuni di Lastra a Signa e Signa: da qui si formeranno due cortei che sfileranno per congiungersi sull’attuale ponte sull’Arno. Dalle 16 alle 19 il ponte sull’Arno, a Ponte a Signa, sarà chiuso al traffico.
Alla manifestazione sono invitati a partecipare altri sindaci dei Comuni della cintura fiorentina: tra coloro che hanno già confermato la presenza c’è il sindaco di Scandicci Sandro Fallani. “Sarà una manifestazione di comunità – ha spiegato il sindaco di Lastra a Signa Angela Bagni – senza slogan politici né strumentalizzazioni”.
L’obiettivo, ha dichiarato il sindaco di Signa Giampiero Fossi “sarà portare a manifestare 1.000 persone: si tratta di un’iniziativa in cui i due Comuni sono fortemente uniti e per la quale, per prima volta, stanno stanno lavorando insieme e dove il Comitato ha avuto un ruolo fondamentale”. “Questa manifestazione sarà una possibilità per tutti i cittadini – ha aggiunto Manuela Palchetti del Comitato Nuovo Ponte per la Piana – di far sentire la loro voce in maniera unitaria e incisiva”.

L'articolo Viabilità: annunciato corteo alle Signe per nuovo ponte Arno proviene da www.controradio.it.

Olimpiadi 2032, Signa e Lastra: proposti laghi Renai e strade bianche

Olimpiadi 2032, Signa e Lastra: proposti laghi Renai e strade bianche

I sindaci di Lastra e Signa propongono di utilizzare i laghi dei Renai per il canottaggio e le strade bianche per la mountain bike in occasione delle Olimpiadi 2032. “Piena disponibilità ad offrire non solo il nostro territorio e i suoi splendidi scenari ma anche i nostri impianti“, si legge nella nota congiunta.

I due sindaci di Lastra a Signa Angela Bagni e di Signa Giampiero Fossi hanno proposto di utilizzare i laghi dei Renai per il canottaggio in occasione delle Olimpiadi 2032. “I laghi dei Renai e in particolar modo la stecca remiera nel lotto 1 possono essere sede ideale per le gare del canottaggio viste le ottime condizioni ambientali del campo di gara”, ha aggiunto il sindaco di Signa. Proposte anche le strade bianche. “Le colline lastrigiane – ha sottolineato il sindaco di Lastra a Signa -, a ridosso del Chianti e allo stesso tempo a un passo dalla città di Firenze, offrono una serie di strade bianche e sali-scendi adatti per uno spettacolare circuito di mountain bike che potrebbe attraversare anche l’incantevole giardino di Villa Caruso”.
Secondo i due primi cittadini serva un’unione di intenti. “Appoggiamo pienamente l’idea del sindaco di Firenze Dario Nardella di candidare Firenze e Bologna come sedi delle Olimpiadi del 2032 e, proprio nell’ottica di un’organizzazione dei giochi diffusa su tutto il territorio che lo valorizzi sfruttando tutte le potenzialità che questo offre”, concludono nella nota.

L'articolo Olimpiadi 2032, Signa e Lastra: proposti laghi Renai e strade bianche proviene da www.controradio.it.