Ferragosto: Firenze ‘regina’ del turismo museale

Ferragosto: Firenze ‘regina’ del turismo museale

Uffizi secondi per presenze in Italia. in tutto 5 musei firoentini tra i primi 8  I musei italiani hannofesteggiato il picco dell’estate facendo il pieno di visitatorie confermando l’anno record per i luoghi della cultura

Come spiega il ministro Dario Franceschini  il 2017 “potrebbe chiudere con 50 milioni di ingressi” nei siti statali. E non si parla solo di “big”, come il Colosseo (che ha raccolto tra ieri e l’altro ieri quasi 22 mila visitatori) e gli  Uffizi (oltre 14 mila) ma anche delle tantissime strutture piccole e medie che fanno dell’Italia un multiforme e ininterrotto museo diffuso.
Il ponte di Ferragosto ha comunque premiato la Toscana, anzi, in paarticolare Firenze, che piazza 5 musei tra i primi 8 più visitati in Italia. Ben 10.038 visitatori hanno affollato la Galleria dell’Accademia di Firenze, 8.420 il Giardino di Boboli, 4.170 il Palatino, 3.723 il Foro Romano, 2.237 Palazzo Pitti e  2.227 le Cappelle Medicee

A seguire 1.179 le Terme di Caracalla, 1.077 il Museo Nazionale Romano e 813 il Museo Nazionale Archeologico di Taranto. E nella sola giornata di Ferragosto sono stati 2.324 gli ingressi ai Musei Reali di Torino, 1.932 quelli alla Galleria Borghese di Roma, 1.106 al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, 849 alla Galleria Nazionale di Arte Moderna e Contemporanea di Roma e 828 al Museo di Capodimonte, dove nel Real Bosco si sono riversati 5.535 visitatori.
Nel capoluogo piemontese, inoltre, l’iniziativa del biglietto d’ingresso a 1 euro a Ferragosto ha fatto entrare oltre 9 mila persone nei quattro siti della Fondazione Torino Musei: 3.239 a Palazzo Madama, 2.030 al Museo d’Arte Orientale, 1.229 alla galleria d’Arte Moderna, 2.756 al Borgo Medievale. Nei quattro giorni del ponte le presenze complessive sono state 14.316. Pienone anche al museo nazionale di Reggio Calabria che sta festeggiando i 45 anni dalla scoperta dei Bronzi di Riace (esattamente il 16 agosto 1972) con una media di 3 mila visitatori al giorno per tutto agosto. Affluenza in crescita anche nei musei e parchi archeologici di Locri, Crotone e Monasterace e la Cattolica di Stilo è stata meta di oltre trecentocinquanta visitatori.
A Napoli oltre tremila persone nel lungo ponte hanno partecipato alle visite guidate del Teatro di San Carlo e ieri 6227 visitatori, record assoluto di presenze in una sola giornata, hanno visitato il Museo del tesoro di San Gennaro facendo anche posticipare la chiusura di due ore per consentire, a tutti coloro che erano in coda da ore, di entrare. Tanti visitatori anche nelle Marche. Il 14 e 15 agosto la
Galleria Nazionale delle Marche e il Palazzo del Duca Federico hanno accolto 2.200 persone. La Rocca di Gradara, teatro dell’amore sfortunato fra Paolo e Francesca, qualcosa di più:2.300 visitatori.
E anche in Sardegna, la regina delle spiagge, in molti si sono “distratti” dalle acque cristalline per visitare monumenti e musei e non solo a Cagliari e a Sassari: a Caprera è stata buona l’affluenza al Compendio Garibaldino e al museo nazionale Memoriale Giuseppe Garibaldi e a Cabras in centinaia hanno visitato i resti della colonia fenicia di Tharros e il museo dei Giganti di Mont’e Prama.

L'articolo Ferragosto: Firenze ‘regina’ del turismo museale proviene da www.controradio.it.

Ferragosto in Toscana tra musei e concerti

Ferragosto in Toscana tra musei e concerti

In occasione di Ferragosto tanti musei aperti a Firenze e concerti tra rock, jazz e reggae in Toscana. Idee ed eventi per trascorrere la festa dell’Assunzione.

I principali musei fiorentini si preparano alla giornata di Ferragosto, con aperture straordinarie anche fino a sera.

Gli Uffizi (oggi 8,15-18,50 e domani 8,15-21,50), la Galleria dell’Accademia (entrambi i giorni 8,15-18,50) e Boboli (8,15-19,30).

Aperti anche il museo nazionale del Bargello (8,15-17), le Cappelle Medicee (8,15-17), Palazzo Davanzati (8,15-13,59) e, solo oggi, Orsanmichele (10-17).

Da visitare anche il percorso museale di Santa Maria Novella con l’annessione dei nuovi spazi (12-18,30), ma anche il Museo Novecento.

Su prenotazione è possibile anche visitare il Museo del Bigallo, con visite alle 10, alle 12 e alle 15.

Varie le aperture dei musei statali anche nelle altre città toscane, dalla Basilica di San Francesco ad Arezzo alla villa di Napoleone all’isola d’Elba, dalla Chiesa del Tau a Pistoia alla Certosa di Calci a Pisa (il 15 agosto).

A Prato apertura straordinaria del museo comunale di Palazzo Pretorio, con orario prolungato fino alle 22.

L’elenco completo sul sito www.beniculturali.it/15agosto2017.

Per l’intrattenimento serale, a Firenze, lo spazio dei Chille de la Balanza nell’ex manicomio di San Salvi ospita domani sera elle 21,30 il concerto di Riccardo Tesi e della sua Banditaliana.

Al Giardino dell’Orticultura, invece, è in scena domani sera “Tuttapposto a Ferragosto”, rassegna di concerti con ingresso gratuito.

Infine, nel capoluogo toscano, al Fiorino sull’Arno continuano le giornate dedicate al tango argentino con “Milonga del cuore”, dalle 21,30.

A Follonica, invece, domani sera sarà protagonista del palco di Parco centrale, Max Gazzè, dalle ore 21,30.

A Ripescia (Grosseto), invece, ospite a Festambiente il reggae di Luciano the Messenjah (ore 22,30); mentre a Castellina Marittima (Pisa)la serata è dedicata a Pop X, nuovo progetto musicale e multimediale nato dall’incontro tra Davide Panizza e Walter Biondani.

Infine, il Grey Cat Festival porta i Purple Whales al museo di San Pietro all’Orto di Massa Marittima (Grosseto) dalle 21,30. Si tratta di un originale lavoro in cui giovani musicisti si esibiscono in un tributo a Jimi Hendrix.

L'articolo Ferragosto in Toscana tra musei e concerti proviene da www.controradio.it.

Ferragosto in Toscana tra musei e concerti

Ferragosto in Toscana tra musei e concerti

In occasione di Ferragosto tanti musei aperti a Firenze e concerti tra rock, jazz e reggae in Toscana. Idee ed eventi per trascorrere la festa dell’Assunzione.

I principali musei fiorentini si preparano alla giornata di Ferragosto, con aperture straordinarie anche fino a sera.

Gli Uffizi (oggi 8,15-18,50 e domani 8,15-21,50), la Galleria dell’Accademia (entrambi i giorni 8,15-18,50) e Boboli (8,15-19,30).

Aperti anche il museo nazionale del Bargello (8,15-17), le Cappelle Medicee (8,15-17), Palazzo Davanzati (8,15-13,59) e, solo oggi, Orsanmichele (10-17).

Da visitare anche il percorso museale di Santa Maria Novella con l’annessione dei nuovi spazi (12-18,30), ma anche il Museo Novecento.

Su prenotazione è possibile anche visitare il Museo del Bigallo, con visite alle 10, alle 12 e alle 15.

Varie le aperture dei musei statali anche nelle altre città toscane, dalla Basilica di San Francesco ad Arezzo alla villa di Napoleone all’isola d’Elba, dalla Chiesa del Tau a Pistoia alla Certosa di Calci a Pisa (il 15 agosto).

A Prato apertura straordinaria del museo comunale di Palazzo Pretorio, con orario prolungato fino alle 22.

L’elenco completo sul sito www.beniculturali.it/15agosto2017.

Per l’intrattenimento serale, a Firenze, lo spazio dei Chille de la Balanza nell’ex manicomio di San Salvi ospita domani sera elle 21,30 il concerto di Riccardo Tesi e della sua Banditaliana.

Al Giardino dell’Orticultura, invece, è in scena domani sera “Tuttapposto a Ferragosto”, rassegna di concerti con ingresso gratuito.

Infine, nel capoluogo toscano, al Fiorino sull’Arno continuano le giornate dedicate al tango argentino con “Milonga del cuore”, dalle 21,30.

A Follonica, invece, domani sera sarà protagonista del palco di Parco centrale, Max Gazzè, dalle ore 21,30.

A Ripescia (Grosseto), invece, ospite a Festambiente il reggae di Luciano the Messenjah (ore 22,30); mentre a Castellina Marittima (Pisa)la serata è dedicata a Pop X, nuovo progetto musicale e multimediale nato dall’incontro tra Davide Panizza e Walter Biondani.

Infine, il Grey Cat Festival porta i Purple Whales al museo di San Pietro all’Orto di Massa Marittima (Grosseto) dalle 21,30. Si tratta di un originale lavoro in cui giovani musicisti si esibiscono in un tributo a Jimi Hendrix.

L'articolo Ferragosto in Toscana tra musei e concerti proviene da www.controradio.it.

L’ARTE CONTEMPORANEA DI XHIXHA IN PIAZZA S. FIRENZE

Xhixha Arte contemporanea Piazza S. Firenze

Da oggi fino a ottobre, davanti all’ex tribunale di Piazza San Firenze verrà esposta una statua di Helidon Xhixha. E da domani fino al 29 ottobre una mostra al giardino di Boboli.

L’arte contemporanea in piazza San Firenze: da oggi a fine ottobre davanti all’ex tribunale è stata posta una statua dell’artista albanese e italiano d’adozione Helidon Xhixha. Si tratta di un’esposizione in collaborazione con le Gallerie degli Uffizi, che da domani al 29 ottobre ospita al giardino di Boboli una personale del maestro.

“In questa piazza che custodisce tre secoli di architettura, dal Bargello medievale a Palazzo Gondi del Rinascimento al barocco dell’ex tribunale – ha detto il sindaco Nardella – adesso ospitiamo una nuova sfida contemporanea. Firenze, nella sua storia, ha sempre avuto grandi artisti contemporanei che hanno messo in discussione lo status quo e da qualche anno riproponiamo questa filosofia, valorizzando con l’arte di oggi gli spazi pubblici che non solo semplicemente piazze ma sale museali a cielo aperto. Grazie al direttore Schmidt per questa collaborazione che mai si è vista così intensa negli ultimi anni e grazie all’artista che ha accettato questa sfida”.
L’opera in San Firenze è intitolata ‘La “O” di Giotto’, in riferimento alla leggendaria idea di perfezione per il pittore Giotto da Bondone, ed è in acciaio lucidato. La mostra complessiva, dal titolo ‘In Ordine Sparso’, è curata dal direttore delle Gallerie degli Uffzi Eike Schmidt insieme al critico d’arte Diego Giolitti ed ha il patrocinio del Comune. In quindici sculture e installazioni monumentali, distribuite tra il giardino di Boboli e la città di Firenze, Helidon Xhixha esplora l’idea di caos e ordine. Le sue opere rendono omaggio al modo in cui questi concetti sono stati affrontati nei secoli, in filosofia e nelle arti (geometria sacra), ma anche nel mondo naturale.

The post L’ARTE CONTEMPORANEA DI XHIXHA IN PIAZZA S. FIRENZE appeared first on Controradio.

Weekend nei musei fiorentini

Ricco Weekend nei musei fiorentini con aperture straordinarie, conferenze e mostre nell’ultimo fine settimana di marzo.

Villa medicea di Poggio a Caiano
Appuntamento sabato 29 e domenica 30 marzo nella Villa medicea di Poggio a Caiano per il programma di visite guidate agli appartamenti monumentali e al Museo della Natura Morta, a cura del personale della Villa. Gli assistenti alla vigilanza saranno a disposizione dei visitatori per brevi esposizioni sulla storia della villa e sulle sue collezioni. Le visite saranno articolate secondo il seguente orario giornaliero:
Appartamenti monumentali: ore 10.30, 11.30, 12.30, 13.30, 14.30, 15.30 e 16,30;
Museo della Natura Morta: ore 11, 12, 14 e 15.
Solo sabato 29 marzo è prevista anche un’apertura straordinaria serale dalle ore 19 alle 22 con visite guidate condotte dal personale della villa. Le visite verranno svolte ai seguenti orari: appartamenti monumentali ore 19 e ore 21; Museo della Natura Morta ore 20.

Galleria d’arte moderna
Si intitola “Colori e musica” la rassegna di tre concerti organizzata dall’associazione degli Amici di Palazzo Pitti con il contributo dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze. Gli appuntamenti musicali, a ingresso libero per i visitatori del museo, si terranno nel Saloncino delle statue con inizio sempre alle 11.30. Il primo concerto, previsto per sabato 29 marzo, vedrà protagonisti Pietro L. Horvath al violino e alla viola, Antonio Fornaroli al clarinetto e Eleonora Frosecchi al pianoforte, con musiche di Ysaye, Stravinsky, Enescu, Khachaturian e Berio.

Galleria degli Uffizi
Fino al 12 aprile si svolge un programma di visite illustrate gratuite ai nuovi recenti allestimenti della Galleria degli Uffizi. Il sabato pomeriggio, alle ore 14.30, 15.30, 16.30 vengono illustrate gratuitamente le sale del Seicento fiorentino e senese (cosiddette sale gialle) ubicate al piano primo dell’edificio vasariano (sale 95-100); il ritrovo è fissato nella sala 95 pochi minuti prima dell’inizio della visita.

Museo di San Marco
Sabato 29 marzo, alle ore 14.30 e 15.30, ultimo appuntamento nel Museo di San Marco con le visite ai Chiostri del Museo, con apertura straordinaria del Chiostro di San Domenico. Le visite sono comprese nel costo del biglietto d’ingresso al Museo. La prenotazione per la partecipazione alle visite e il punto di ritrovo per i gruppi, composti al massimo da 12 persone, saranno presso l’ingresso del Museo.

Giardino di Boboli
A completamento del calendario di aperture straordinarie previste nell’ambito della manifestazione “Boboli aperto: la Limonaia”, la Direzione del Giardino di Boboli e l’Associazione “Per Boboli” organizzano interessanti momenti di studio e divulgazione sul tema degli agrumi e non solo. Il primo appuntamento si terrà sabato 29 marzo 2014 alle ore 16 presso il Teatro del Rondò di Bacco (Piazza Pitti, 1 – Firenze) e prevede la conferenza “La pompìa, un antico agrume sardo”, a cura del professor Mario Cosimo Corrìas, uno dei massimi esperti di questa rarità botanica. Poco si sa di questo ibrido ancora in fase di classificazione e da sempre usato per preparare dolci e liquori. L’incontro offrirà l’occasione per scoprirne la storia e le curiosità e si concluderà con una piccola degustazione di specialità prodotte secondo le antiche ricette sarde.

Le mostre in corso
Agli Uffizi si possono vedere due mostre. La prima è in galleria e si intitola “Le stanze delle Muse. Dipinti Barocchi dalla Collezione di Francesco Molinari Prandelli”. Nota a livello internazionale, la raccolta Molinari Pradelli è la più significativa formatasi a Bologna nel Novecento e si segnala, oltre che per la consistenza delle opere e la selezionata qualità, per la specifica connotazione conferitale dal gusto raffinato del celebre direttore d’orchestra Francesco Molinari Pradelli (1911-1996) attraverso i numerosi viaggi e le relazioni internazionali sull’onda del successo della professione (orario: 8.15-18.50, ingresso 11 euro, prenotazioni 055-294883).
Al Gabinetto Disegni e Stampe fino al 4 maggio è in corso “Storia e vicende della collezione grafica agli Uffizi nell’età della prima mondializzazione (1848-1918)”. La selezione delle opere in mostra ribadisce la continuità con il passato nel sottolineare come a Firenze l’attenzione al disegno si coniughi a un desiderio di rappresentatività della collezione su scala internazionale, nonché alla ricezione degli aspetti artistici contemporanei da parte di un collezionismo nutrito sia di saperi tecnici che di riflessioni teoriche sulla natura e la funzione del disegno, padre delle tre arti (orario: 8.15-18.50, ingresso 11 euro, prenotazioni 055-294883).
Alla Galleria dell’Accademia prosegue la mostra “Ri-conoscere Michelangelo. La Scultura del Buonarroti nella fotografia e nella pittura dall’Ottocento ad oggi”. In occasione delle celebrazioni per i quattrocentocinquanta anni dalla morte di Michelangelo Buonarroti, coordinate dall’Accademia delle Arti del Disegno, la Galleria dell’Accademia di Firenze, in collaborazione con la Fratelli Alinari I.D.E.A. S.p.A., presenta un’esposizione che affronta il complesso tema del rinnovato interesse e dell’ammirazione per l’artista dall’Ottocento alla contemporaneità, attraverso l’opera di scultori, pittori e fotografi che hanno guardato alla figura del Buonarroti e alle sue opere come riferimento iconografico per le loro realizzazioni (orario: 8.15-18.50, ingresso 11 euro, prenotazioni 055-294883).
Nella Sala Bianca di Palazzo Pitti (Galleria Palatina) è in corso fino al 27 aprile la mostra “Una volta nella vita. Tesori dagli archivi e dalle biblioteche di Firenze.  Nell’esposizione si possono ammirare, tra i 133 pezzi archivistici e librari presenti in mostra, tre documenti archivistici di Michelangelo; un disegno di Raffaello; la registrazione del battesimo di Leonardo da Vinci e un altro testo che reca le sue postille; due lezioni di Galileo su Dante e sul suo Inferno; opere di Andrea Mantegna, Alessandro Allori e Giovanni Stradano; autografi di Girolamo Savonarola, Poliziano, Cosimo I de’ Medici, Joachim Winckelmann, Ugo Foscolo, Giuseppe Pelli Bencivenni, Giovanni Fabbroni, Pietro Vieusseux, Eugenio Barsanti, Vasco Pratolini, Eduardo De Filippo e Dino Campana, del Premio Nobel Eugenio Montale, presente anche con due inediti acquerelli (orario: 8.15-18.50, ingresso 13 euro, prenotazioni 055-294883).
Sempre in Galleria Palatina, ma nella sala delle Nicchie, è ospitata una particolare esposizione di sei dipinti dal titolo “La bellezza e il mito”, opere del pittore parigino Jean-Marc Nattier, del nizzardo Charles van Loo e del veneto Antonio Bellucci, curata da Daniele Rapino. L’esposizione propone, tutti insieme, tre dipinti permanentemente in mostra nella Sala Verde degli Appartamenti Reali, e altri tre conservati nei depositi della Galleria Palatina e poco noti. L’occasione nasce dalla presentazione del recente restauro, di cinque di essi, finanziato con fondi del Polo Museale fiorentino, dove protagoniste sono figure femminili, nella giornata dedicata alle donne. Parallelamente è previsto un programma di visite introduttive all’esposizione a cura del personale interno della Galleria; durante questo weekend queste si tengono il sabato e la domenica alle 10.30, alle 12.30, alle 15 e alle 17 (orario: 8.15-18.50, ingresso 13 euro, prenotazioni 055-294883).
Infine la Galleria del Costume di Palazzo Pitti, con la mostra “I cappello tra arte e stravaganza”, apre le porte ad un manufatto destinato a non passare inosservato. Si tratta della mostra monografica dedicata al cappello, le cui collezioni, patrimonio del museo – ascrivibili alla generosità di molti donatori – ammontano a oltre mille unità custodite solitamente nel deposito, di cui soltanto una parte sarà destinata alla mostra (orario: 8.15-18.50, ingresso 10 euro, prenotazioni 055-294883).