‘Bright 2018’, l’appuntamento con la ricerca in Toscana

‘Bright 2018’, l’appuntamento con la ricerca in Toscana

🔈Firenze, oltre 500 ricercatori coinvolti nel vasto e articolato  programma  di iniziative che porterà  la ricerca e la scienza nelle piazze delle città  della regione il prossimo 28 settembre, con ‘Bright  2018’ torna infatti l’appuntamento con la Notte delle ricercatrici e dei ricercatori in Toscana, in contemporanea con l’evento  dedicato alla ricerca che si svolge in tutta  Europa.

Bright è promosso dalla Regione Toscana, coordinato  all’Università di Siena, annovera eventi in tutta la Toscana, e si rivolge al pubblico di tutte le età, offrendo la possibilità di avvicinarsi al complesso mondo della scienza incontrando le donne e gli uomini che lavorano quotidianamente nella ricerca.

L’evento “Bright 2018” vede la partecipazione  delle  Università  di Firenze e Pisa, dell’Università  per Stranieri  di Siena, della Scuola Superiore Sant’Anna, della Scuola Normale Superiore e della Scuola IMT Alti Studi di Lucca, insieme  al CNR (area  della  ricerca  di  Pisa), l’Istituto Nazionale  di  Fisica Nucleare  e  l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Sezione di Pisa).

Grazie a un lavoro di squadra collaudato, che vede la collaborazione  attiva di tutti gli organizzatori, i ricercatori  mostreranno al pubblico  il loro lavoro e sveleranno i segreti dei laboratori, portando nel cuore delle città  la ricerca, con attività  dedicate alla scienza, alla letteratura, alla storia, alle materie   sociali  e  politologiche. Tutte  le  discipline,  nessuna  esclusa, parteciperanno  a questa grande festa, per la quale vi è già molta attesa.

Gli eventi si svolgeranno ad Arezzo, Cascina, Firenze, Grosseto, Isola d’Elba- Portoferraio, Livorno, Lucca, Pisa, Pontedera, Prato,Siena e Viareggio.

Gimmy Tranquillo ha intervistato, Luigi Dei, Rettore dell’Università di Firenze, e la Vicepresidente, nonché assessora a Cultura Università e Ricerca, Monica Barni:

INFO: http://www.bright-toscana.it/

L'articolo ‘Bright 2018’, l’appuntamento con la ricerca in Toscana proviene da www.controradio.it.

Consegnate le Chiavi della Città a Michael Bay

🔈Firenze, sono state consegnate, questo pomeriggio in Palazzo Vecchio, le Chiavi della Città a Michael Bay.

Il riconoscimento a Michael Bay, regista  e produttore cinematografico di fama internazionale, è stato deciso per aver “scelto come set del film ‘Six Underground’, Firenze e per aver mostrato la culla del Rinascimento a una velocità mai vista”.

Dopo aver diretto grandi successi come “Bad Boys”, “Armageddon – Giudizio finale”, “Pearl Harbor” e “Transformers” nella nostra città Bay sta girando un film di azione e del cast fanno parte Melania Laurent, Corey Hawkins, Adria Ariona, Manuel Garcia-Ruffo, Ben Hardy, Lior Raz e Dave Franco.

Il film sarà trasmesso su Netflix nel 2019.

“Abbiamo una prassi – ha ricordato la vicesindaca Cristina Giachi nel suo intervento – che è quella di tributare le Chiavi della Città a registi che dirigono a Firenze produzioni di una certa importanza. E così, secondo questa bella abitudine, quest’anno le conferiamo a Michael Bay”.

La vicesindaca ha poi annunciato che saranno destinati alla riqualificazione del mercato di Sant’Ambrogio gli oltre 500mila euro che il Comune incasserà come indotto diretto della produzione, tra suolo pubblico, servizi, musei e somma donata all’amministrazione dalla produzione.

Al termine della cerimonia a Michael Bay è stata consegnata anche una maglia della Fiorentina.

Gimmy Tranquillo ha intervistato Michael Bay:

L'articolo Consegnate le Chiavi della Città a Michael Bay proviene da www.controradio.it.

Aeroporto, appello ai partecipanti alla conferenza dei servizi

Aeroporto, appello ai partecipanti alla conferenza dei servizi

🔈Firenze, in occasione della Conferenza dei servizi sull’aeroporto di Peretola, del 7 settembre, indetta dal Ministero delle Infrastrutture per verificarne la conformità urbanistica, un coordinamento formato da numerosi comitati lancia un appello nel quale si chiede ai partecipanti alla Conferenza di non approvare il progetto.

“Approvare l’aeroporto sarebbe un atto letale nei confronti delle città e dell’ecosistema, il quale potrebbe viceversa essere l’unico elemento ancora capace di salvare l’intero insediamento umano, per il tempo attuale e per il futuro”, si legge nel testo dell’appello ai partecipanti alla conferenza dei servizi, distribuito dai comitati per il no all’aeroporto di Firenze.

Secondo i firmatari dell’appello, “L’idea che l’Aeroporto e le sue aree di competenza facciano parte di un più vasto ecosistema – fondamentale per la sopravvivenza delle persone, del territorio e delle relazioni paesaggistiche e che la costruzione dell’Aeroporto distruggerebbe completamente, irrimediabilmente e in maniera letale – non compare nel dibattito pubblico e tantomeno nel Masterplan, nel quale il concetto di ecosistema è totalmente ignorato. Il documento si perde in progetti non richiesti sulle aree di “compensazione” invadendo ambiti di programmazione di competenza dei Comuni e dei loro abitanti, progetti che non saneranno mai la perdita del polo centrale dell’ecosistema stesso, e dell’intera sua natura di “sistema”, ecologico ed economico”.

“La distruzione della Piana, quella conseguente dell’intero Ecosistema e della biodiversità, produrrebbero l’asfissia progressiva di tutti gli abitati e degli abitanti stessi, tutti collocati intorno a quello che è divenuto il baricentro vivente dell’intero sistema. Così l’aeroporto, sia con la sua presenza invasiva sia con la sua attività pericolosa ed inquinante nei confronti di tutti i cittadini della Piana più o meno direttamente sorvolati, diviene il fattore di morte di tutto il complesso e del sistema, distruttore inoltre del cuore verde di tutta la Città Metropolitana: un unico lago di cemento e di asfalto si salderebbe dalla Chiesa di Michelucci (ad ovest) fino a Rovezzano (ad est) per poi dilagare fino a Prato, Scandicci, Signa, Carmignano e al territorio pistoiese”.

Il documento esorta infine ad “EVITATE di mettere a rischio letale un milione di persone, senza considerare turisti e pendolari per ragioni di lavoro, di compromettere una porzione essenziale dell’Italia, e di degradare il patrimonio e la vita degli abitanti di tre città – Firenze, Prato, Pistoia -, di borghi e paesi della Città Metropolitana”.

Gimmy Tranquillo ha intervistato il Prof. Giorgio Pizziolo, Docente di Analisi e pianificazione territoriale presso la facoltà di Architettura di Firenze:

L'articolo Aeroporto, appello ai partecipanti alla conferenza dei servizi proviene da www.controradio.it.

La stagione del cinema La Compagnia

La stagione del cinema La Compagnia

Firenze, si è svolta lunedì 3 settembre, al cinema La Compagnia, la conferenza stampa di presentazione della nuova stagione cinematografica con i principali appuntamenti, tra rassegne, anteprime, eventi e grandi festival.

La stagione del cinema La Compagnia di Firenze riparte con la rassegna ‘Fiction vs Reality’, 14 documentari e film che racconteranno, in parallelo, sette temi di attualità e storici.

“Due prospettive e due media diversi – ha detto stamani alla presentazione la curatrice Camilla Toschi – con da una parte i documentari, che ci contraddistinguono, dall’altra i film di finzione”. Fiction vs reality, che proseguirà fino al 19 settembre, si è aperta oggi con il ritratto di Yves Saint Laurent, con l’omonimo film e il documentario ‘L’amour fou’; tra gli altri temi che saranno proposti la pedofilia, con il film ‘Il caso Spotlight’ e il documentario ‘Mea Maxima Culpa’. Spazio anche alle famiglie, con due film per tutti: ‘E.t. l’extraterrestre’, abbinato al documentario in anteprima ‘The visit’, e i film ‘Kedi’ e gli ‘Aristogatti’.

Tanti gli appuntamenti di settembre, tra cui la XI edizione del festival del film etnomusicate ‘Immagini e suoni dal mondo’, dal 14 al 16; in programma anche l’anteprima italiana del film ‘The song of the phoenix’ del regista cinese, recentemente scomparso, Wu Tianming.

Ancora la Cina sarà protagonista della rassegna ‘Discovering chinese women filmaker’, dal 28 al 30 settembre, dedicata al cinema femminile cinese con una rassegna di sei film di autrici del paese asiatico. Si parlerà di donne anche con Serena Dandini, che porterà alla Compagnia il festival itinerante ‘L’eredità delle donne’, il 21, 22 e 23 settembre, con incontri e spettacoli.

Tra gli altri eventi in programma in questa stagione, i tradizionali festival ospitati dal Cinema La Compagnia, come il ‘Florence Queer Festival’, dal 2 al 7 ottobre, e il premio ‘Nice Città di Firenze’, il 14 dicembre.

Gimmy Tranquillo ha intervistato Camilla Toschi, responsabile programmazione ed eventi Cinema La Compagnia:

INFO: http://www.cinemalacompagnia.it/

L'articolo La stagione del cinema La Compagnia proviene da www.controradio.it.

Indian Nation, commenti dei viaggiatori

Indian Nation, commenti dei viaggiatori

Firenze, quest’anno al Western Dream, si è aggiunto un secondo road trip nel south-west degli Stati Uniti d’America, ‘Indian Nation’.

Indian Nation è un viaggio attraverso cinque stati del ‘Far West’ che parte da Las Vegas in Nevada, e viaggiando intorno ai ‘Four Corners’, dove Colorado, New Mexico, Utah ed Arizona, si incontrano in un sol punto immaginario, esplora parchi nazionali, meno noti ma di incredibile bellezza, come Canyonland, Arches, Mesa Verde, Acoma Pueblo, e Canyon de Chelly, e piccole città del west come Silverstone, Durango e Santa Fe.
La particolarità di Indian Nation è quella di portare i viaggiatori all’interno delle ‘riserve indiane’, visitando parchi nazionali lontano dalle grandi città e sconosciuti al turismo di massa.
Durante il viaggio infatti, non abbiamo mai incontrato un autobus turistico, e ci siamo ritrovati per esempio, a discendere e poi scalare le pareti dell’incredibile ‘Canyon de Chelly’, praticamente da soli, apprezzando in pieno la bellezza e l’energia di questo luogo sacro alla tribù dei Navajo.
La particolarità di Acoma Pueblo, e l’importanza di ‘Mesa Verde’, parco nazionale americano considerato anche sito archeologico e culturale nonché terra di origine di tutte le tribù dei nativi americani della zona, ci hanno fatto apprendere la bellissima storia dei cosiddetti ‘Indiani d’America’, tramutatasi in tragedia all’arrivo degli ‘Uomini Bianchi’.
Il viaggio ha entusiasmato e commosso i nostri viaggiatori che hanno commentato sul gruppo WhatsApp creato per l’occasione, di seguito alcuni di questi commenti per i quali sarò per sempre grato.
Gimmy Tranquillo

Grazie Gimmy è stato un viaggio bellissimo in posti splendidi grazie non  solo per la tua guida ma per le attenzioni e consigli in questa meravigliosa avventura un grande abbraccio!
Francesco e Donatella

Grazie Gimmy!!! Ci hai fatto scoprire l’America vera! Quella degli indiani e quella dei camionisti 😁 che Andrea ama molto!!!
Un grazie anche a tutti voi che avete reso con la vostra compagnia questo viaggio un’avventura speciale!! Un abbraccio e a presto!!!
Francesca e Andrea

È  stato  davvero  un bellissimo  viaggio. Grazie al nostro  capo tribù  Gimmy e grazie  a tutti. A presto.
Giovanna

Buongiorno…. Grazie Gimmy x averci accompagnato alla scoperta di questa terra selvaggia e suggestiva… E grazie a tutti i compagni di viaggio…
Veronica

Eccoci.. Arriviamo ultimi perché ci siamo svegliati da poco. Grazie a chi ha pensato questo bel viaggio, ed insistito anche per realizzarlo. E grazie a chi lo ha condiviso con tanto entusiasmo. Gabriele si è divertito tutto il tempo e lo ricorderà a lungo. Rivediamoci presto!  Ciao a tutti
Roberta

È veramente difficile aggiungere qualcosa rispetto a chi mi ha preceduto. Io posso solo ringraziare tutti, nessuno escluso, per questo bellissimo viaggio e questo tempo passato insieme. Con la certezza di vedersi presto, vi abbraccio! A presto!!!
Andrea

L'articolo Indian Nation, commenti dei viaggiatori proviene da www.controradio.it.