Passeggeri Italiani non vogliono scendere a Lisbona dalla ‘MSC Fantasia’

Passeggeri Italiani non vogliono scendere a Lisbona dalla ‘MSC Fantasia’

🔈26 Italiani, tra cui un fiorentino, nell’odissea della nave da crociera Msc Fantasia, partita dal Brasile, alla quale era stato concesso solo l’attracco tecnico, senza la possibilità di discesa a terra a Tenerife, poi dirottata verso Marsiglia, ma che al momento risulta bloccata a Lisbona, dove molti dei 1300 passeggeri ancora a bordo non vogliono scendere senza le assicurazioni di sicuro rientro nei loro Paesi di origine.

La maggior parte dei passeggeri della MSC Fantasia provengono dall’Unione Europea ma anche dal Regno Unito, dal Brasile e dall’Australia ed al momento ci sarebbe, secondo informazioni che ci vengono dai passeggeri, un caso positivo ed uno sospetto di coronavirus a bordo.

Un annuncio delle 21 di ieri dato a bordo della nave avrebbe dato la notizia di un caso confermato di Covid-19, mandando tutti nelle cabine intimando di non uscire fino allo sbarco.

“Oggi inizieranno gli sbarchi per chi ha prenotazioni di biglietti aerei, decisione criminale – si legge su un post Facebook del passeggero Mario Buricchi – Noi italiani non scendiamo e rifiutato per la terza volta un biglietto imposto e non proposto: lisbona/francoforte/milanomalpensa. Non se ne parla minimamente, con il rischio di essere bloccati, ora più che mai dopo i casi di positività, in Germania per la quarantena, e l’arrivo nella regione più infettata d’Italia. Ci devono portare a Genova”.

Gimmy Tranquillo ha intervistato il fiorentino Mario Buricchi a bordo della Msc Fantasia.

L'articolo Passeggeri Italiani non vogliono scendere a Lisbona dalla ‘MSC Fantasia’ proviene da www.controradio.it.

Dalle biblioteche anche quotidiani online

Dalle biblioteche anche quotidiani online

Firenze, libri ma non solo: anche quotidiani e riviste si possono leggere online per chi è iscritto alle biblioteche di Firenze.

Essendo chiuse le biblioteche, a causa delle misure di contenimento del Coronavirus, il sistema Sdiaf (Sistema documentario integrato dell’area fiorentina) mette a disposizione degli iscritti un portale con funzioni di vera e propria biblioteca digitale, consentendo di accedere via internet, da qualunque luogo e gratuitamente, a quotidiani, riviste, e-book, musica, banche dati, film, immagini, audiolibri, corsi a distanza e così via.

L’iniziativa, si spiega da Palazzo Vecchio, si chiama “DigiToscana MediaLibraryOnLine” ed offre non solo risorse in consultazione, ma gestisce anche il servizio di prestito digitale.

I contenuti sono accessibili in streaming o in download: nel primo caso le risorse sono visualizzabili online dallo schermo del computer o del dispositivo mobile, nel secondo si possono scaricare sul proprio pc o sul dispositivo mobile.

Tra le risorse di maggior interesse c’è l’edicola” con quotidiani e riviste italiane e straniere; ci sono poi oltre 300mila ebook open da scaricare liberamente, quasi 37.000 ebook da prendere in prestito tra i quali molte novità editoriali e poi audiolibri, musica, immagini, spartiti musicali e corsi online.

Per accedere ai contenuti occorre essere iscritti a una biblioteca comunale di una delle Reti documentarie toscane, richiedere l’account e fornire un indirizzo di posta elettronica valido. Si riceverà una mail contenente le credenziali di accesso (username e password) e un link per effettuare il primo accesso.

Il progetto è realizzato grazie al contributo della Regione Toscana. “Un piccolo contributo – sottolinea l’assessore alla cultura Tommaso Sacchi – per rendere meno difficile questo momento di forzata permanenza a casa e per far conoscere un po’ meglio la ricchezza dei contenuti delle nostre biblioteche civiche”.

L'articolo Dalle biblioteche anche quotidiani online proviene da www.controradio.it.

Coronavirus, che cosa ha fatto la Corea del Sud meglio dell’Italia?

Coronavirus, che cosa ha fatto la Corea del Sud meglio dell’Italia?

Tornando indietro al 5 di marzo ed analizzando i dati forniti dalla mappa di quel giorno, del Global Cases del Center for Systems Science and Engineering (CSSE), presso la Johns Hopkins University (JHU), si rileva che allora la Corea del Sud era al secondo posto per numero di persone positive al coronavirus con 5.766 e l’Italia terza con 3.089, con rispettivamente 107 e 92 numero di decessi.

Ma passando alla mappa del 15 di marzo, si vede purtroppo che l’Italia è passata al secondo posto con 21.157 casi positivi e 1. 441 morti, mentre la Corea del sud, che intanto è passata al quarto posto, dopo l’Iran, è rimasta ad un numero di casi positivi di 8.086 e  72 decessi.

Naturalmente i fattori che hanno determinato questa diversa evoluzione del contagio da coronavirus, tra le due nazioni, lontane geograficamente e culturalmente, sono probabilmente molteplici, ma leggendo gli articoli di stampa dei giorni scorsi non si può non notare una delle misure importanti prese dal governo sudcoreano per combattere l’epidemia di Covad-19: test gratuiti per tutti.

In un video del 3 marzo pubblicato da Cnn, e tradotto e pubblicato da Controradio, un reporter della stazione di news americana, si sottopone al test attraverso un ‘drive-thru’, più o meno seguendo la procedura di come si acquista un panino con l’hamburger da McDonald’s rimanendo in macchina.

Dal video si apprende che ognuno di questi centri può fare il tampone a 380 persone al giorno, e che al 5 di marzo erano già stati fatti ben 100.000 test.

In un articolo del 15 di marzo, il ‘Sole 24 ore’ scrive: “La Corea del Sud, uno dei Paesi più colpiti dal Coronavirus ma in grado di uscirne (i contagi sono in forte calo) grazie a misure di quarantena e soprattutto a un massiccio utilizzo dei tamponi anche sugli asintomatici. In modo da scovare subito i positivi e isolarli. Hanno fatto il giro del mondo le immagini dei tamponi fatti dai coreani ai semafori. Ora il Veneto ha deciso di percorrere la stessa strada: i tamponi saranno fatti per strada e fuori dai supermercati”.

Il governo della Corea del Sud per la verità, ha implementato anche altre misure ‘radicali’, che avevano suscitato le critiche e quasi la derisione anche della nostra stampa, misure che alla luce della realtà odierna e della irresponsabilità dimostrata da una parte degli italiani, non dovrebbero più destare cotanta indignazione: “Nel tentativo di prevenire e contenere la diffusione del virus, il governo della Corea del Sud ha preso misure contestabili – scriveva ‘La Repubblica’ il 6 marzo – Manda sms, in continuazione, dalla mattina alla sera. Un sovraccarico di informazioni sotto forma di avvisi di sms d’emergenza che oltrepassano ogni limite di privacy, includendo rivelazioni sulla vita privata delle persone infette. Un grande fratello malato e imbarazzante che sta spaventando ancora più del coronavirus. Sono ‘messaggi di orientamento sulla sicurezza’ inviati dalle autorità sanitarie e dagli uffici distrettuali di tutto il Paese. Ricordano alle persone di lavarsi accuratamente le mani, di non toccarsi il viso. Ma non solo. Tracciano i movimenti degli infetti utilizzando dati Gps, riprese delle telecamere di sorveglianza e le transazioni con carta di credito per ricreare i loro percorsi già dal giorno prima della manifestazione dei primi sintomi. Una specie di caccia al contagiato.

Ma sono passati solo una decina di giorni ed il 15 di marzo il ‘Sole 24 ore’ titola: “Veneto come la Corea del Sud: tamponi per tutti, dalle strade ai supermercati. Il Veneto ha attivato uno specifico Piano con l’obbiettivo interrompere tutte le possibili catene di trasmissione del virus responsabile di Covid-19”.

L’Italia per la verità, era partita bene, facendo tamponi, all’inizio dell’epidemia, non solo a chi era malato ed era entrato in contatto con una delle fonti del contagio, ma a chiunque, avendo sintomi influenzali lo richiedeva, ma ‘importanti’ figure politiche ed anche qualche ‘personalità’ del mondo sanitario, avevano iniziato a preoccuparsi dfel fatto che, per l’alto numero dei contagiati registrati, causati dai “troppi tamponi”: l’immagine dell’Italia all’estero ne venisse danneggiata.

Ora si ritorna indietro con la sanità della Regione Veneto che comunica di aver attivato uno specifico Piano di Sanità pubblica con l’obbiettivo di interrompere tutte le possibili catene di trasmissione del virus Covid-19, andando ad individuare tutti i possibili casi sospetti.

“Dalla ricerca puntuale di tutti i casi confermati, sarà possibile avviare le conseguenti inchieste epidemiologiche ed intervenire con le disposizioni di isolamento domiciliare e quarantena – avverte l’assessorato alla Sanità del Veneto, precisando che le Asl – provvedono ad effettuare un’accurata indagine epidemiologica procedendo per centri concentrici ed allargando, per ogni singolo caso, la ricerca all’individuazione oltre che di tutti i possibili contatti ‘stretti’ (familiari e lavorativi) anche di tutti i contatti occasionali (anche definiti come ‘non stretti’ o a basso rischio), e di disporre, per tutti i contatti, le misure di quarantena e isolamento domiciliare fiduciario”.

Forse ora siamo sulla buona strada per rallentare l’epidemia, ma quanto tempo si è perso!

Gimmy Tranquillo

L'articolo Coronavirus, che cosa ha fatto la Corea del Sud meglio dell’Italia? proviene da www.controradio.it.

Letalità alta: “Ai positivi asintomatici non viene effettuato il tampone”

Letalità alta: “Ai positivi asintomatici non viene effettuato il tampone”

Una letalità “fino a 12 volte maggiore rispetto alla Corea del Sud è quella che sta facendo registrare in Italia il Covid-19: a contribuire a questo tragico primato sono l’eterogeneità dei trattamenti in tutto il territorio e la scarsa tracciabilità dei casi positivi asintomatici a cui non viene effettuato il tampone nonostante siano stati a stretto contatto con uno o più pazienti accertati, contribuendo in modo inarrestabile alla crescita del contagio”.

Questo il parere sull’alta letalità in Italia, di pazienti affetti dal coronavirus dell’Associazione Mondiale delle Malattie Infettive e i Disordini Immunologici (WAidid), presieduta da Susanna Esposito. “Diagnosi precoce, isolamento e trattamento sono i cardini per tenere a bada l’epidemia. Ma la tracciabilità si rivela fondamentale – afferma Esposito in una nota, anche Professore Ordinario di Pediatria all’Università di Parma -.

“I positivi asintomatici o con pochi sintomi continuano a mantenere alta la circolazione del virus e recenti dati pubblicati su The Lancet dimostrano come la mediana dell’eliminazione virale sia di 21 giorni e non di 14 giorni. Ciò significa che una parte di positivi in Italia circola liberamente perché non sa di essere positiva e un’altra parte esce di casa ancora positiva dopo la quarantena domiciliare di 14 giorni perché nessuno controlla che il tampone si sia negativizzato”.

“Ritengo sia corretto invitare la popolazione a stare a casa, ma non basta. È essenziale che ai contatti stretti di casi positivi sia effettuato il tampone per la ricerca di COVID-19, cosa che finora è avvenuta in una assoluta minoranza di situazioni. Inoltre, molto importante è rivedere, e continuamente aggiornare a seconda delle evidenze progressivamente disponibili, la modalità di trattamento, che ad oggi risulta essere differente tra un Centro e l’altro”.

L'articolo Letalità alta: “Ai positivi asintomatici non viene effettuato il tampone” proviene da www.controradio.it.

Prolungamento linea 2 della Tramvia fino all’Osmannoro

Prolungamento linea 2 della Tramvia fino all’Osmannoro

🔈Firenze, presentato da Confindustria Firenze, il prolungamento della linea 2 della Tramvia fino all’Osmannoro, tre ipotesi di tracciato per 4 km di lunghezza e 9 milioni di potenziali utenti.

Il prolungamento collegherebbe Ia zona industriale di Sesto Fiorentino e Firenze Nord alla esistente linea 2 della tramvia, lo studio di prefattibilità presenta tre ipotesi di tracciato, per circa 4 chilometri di lunghezza e una potenziale utenza annua di circa 9 milioni di passeggeri, a cui si aggiunge una cospicua diminuzione di tonnellate anno di C02.

Il prolungamento della linea 2 della tramvia risponderebbe alle esigenze di mobilità dei dipendenti delle imprese della maggiore area industriale dell’area metropolitana di Firenze. Nello stesso tempo avrebbe un positivo impatto sull’intenso traffico veicolare quotidiano di parte del territorio Fiorentino, soprattutto di quello del comune di Firenze da cui arriva il 50 per cento dei pendolari giornalieri dell’area.

Lo studio di prefattibilità, presentato oggi, analizza sia sotto il profilo del tracciato che trasportistico (ad esempio il numero di passeggeri) il collegamento tra Novoli e l’area di Osmannoro fino alla rotonda della Motorizzazione.

Soluzione A lato Novoli con capolinea linea Osmannoro a Santoni-Geminiani (lunghezza 4,1 km -10 fermate). Prevede l’attestazione del capolinea della linea Osmannoro in via Santoni proseguimento di Via Geminiani, sfruttando la vicinanza con la fermata Guidoni della linea 2, distante circa 30 metri. Per il collegamento tra le due fermate si prevede la costruzione di un sovrappasso pedonale. In questa soluzione, si stima un numero di passeggeri compreso tra un minimo di 6,3 milioni/anno a un massimo di 7,1 milioni/anno. Il tempo medio di percorrenza è di 13 minuti, con una velocità media di 19,5 Km/h. Si calcolano 1729 km percorsi in meno con mezzo privato nell’ora di punta, con una diminuzione di 1479 tonnellate/anno di CO2

Soluzione B lato Novoli – connessione fermata Palazzi Rossi (lunghezza 4,5 km-11 fermate). Prevede una connessione fisica tra la nuova linea Osmannoro e l’attuale linea 2 in corrispondenza della fermata Palazzi Rossi, con un capolinea della linea Osmannoro che si attesta in prossimità della fermata Palazzi Rossi. Questa soluzione prevede anche l’ipotesi di uno scambio intermodale con la linea ferroviaria Firenze – Pisa/Livorno attraverso la fermata della tramvia “Carraia”, ed una eventuale stazione RFI nelle vicinanze. In questa soluzione si stima un numero di passeggeri compreso tra un minimo di 8,0 milioni/anno a un massimo di 9,0 milioni/anno. Il tempo medio di percorrenza è di 14 minuti, con una velocità media di 19,5 Km/h. Si calcolano 3763 km percorsi in meno con mezzo privato nell’ora di punta, con una diminuzione di 3220 tonnellate/anno di CO2.

Soluzione C lato Novoli – connessione ferrovia. Prevede una forte interconnessione tra la nuova linea tramviaria e la linea ferroviaria Firenze – Pisa/Livorno, attraverso la costruzione di una fermata in quota nei pressi del sottopasso ferroviario di Viale Guidoni dove si ipotizza la realizzazione di una stazione RFI. Per questa soluzione, al momento, non è possibile avere maggiori dettagli in merito alla sua fattibilità. Il tracciato del prolungamento della linea 2 della tramvia all’Osmannoro prosegue, poi, su via Pratese e Via Lucchese, tratto in comune con tutte le tre soluzioni, sino ad arrivare alla rotonda della Motorizzazione. Da qui si prevedono solo sotto il profilo del tracciato ulteriori soluzioni.

  • Soluzione 1 lato Campi Bisenzio – Prevede che il tracciato prosegua su Via Lucchese sino ad arrivare in centro a Campi Bisenzio e attestando il capolinea nell’attuale parcheggio Vittorio Veneto.
  • Soluzione 2 lato Campi Bisenzio – Come la precedente soluzione, prevede che il tracciato prosegua su Via Lucchese, ma attestando il capolinea nei pressi della rotatoria alla fine di Via Allende.
  • Soluzione 3 lato Campi Bisenzio – Prevede che il tracciato rimanga a Sud di Via Lucchese dopo la fermata “Motorizzazione”, attraversando aree non edificate, per inserirsi al centro del futuro tracciato della “nuova Lucchese”, per poi ricongiungersi con la futura linea 4.2.

Gimmy Tranquillo ha raccolto le dichiarazioni del presidente di Confindustria Firenze, Fabrizio Monsani:

L'articolo Prolungamento linea 2 della Tramvia fino all’Osmannoro proviene da www.controradio.it.