Capodanno Pisano, sabato 23 marzo iniziano i festeggiamenti

Capodanno Pisano, sabato 23 marzo iniziano i festeggiamenti

Iniziano sabato 23 marzo i festeggiamenti per il Capodanno Pisano. Tradizione storica che affonda le radici nel Medioevo che fa coincidere l’inizio del nuovo anno con l’Annunciazione a Maria Vergine dell’Incarnazione di Gesù. Per festeggiarlo il Comune di Pisa, insieme a molte associazioni cittadine, ha organizzato un intero fine settimana di eventi e iniziative.

Il programma di sabato prevede alle ore 11.00 la presentazione dei nuovi costumi del Gioco del Ponte (Palazzo Gambacorti, sala Baleari), alle ore 16.00 il professor Pietro Finelli guiderà una visita alla Domus Mazziniana (via Mazzini 71), a cura dell’Accademia dei Disuniti; e alle ore 17.00 la professoressa Alma Poloni del Dipartimento di Storia dell’Università di Pisa terrà in sala Regia di Palazzo Gambacorti la una conferenza su “Pisa nel Trecento. Una città in crisi”, a cura del circolo culturale Rustichello.

Sempre nel pomeriggio, al Giardino Scotto è previsto l’evento “Uno die in stile pisano”, con dimostrazioni di tiro con la balestra, tiro con l’arco, mazza scudo e scherma medievale.

Nel dettaglio il programma prevede alle 15.45 la “partenza della masnada”  che dalla Fortezza Sangallo percorrerà via Sangallo, piazza Toniolo, via Giusti, via di Fortezza. Alle ore 16.00 “l’attacco alla Fortezza”, con la ricostruzione dimostrativa di un assalto di truppe alla porta di accesso di una fortezza; a seguire la “conquista del maniero” con le porte che si spalancano e le schiere prendono possesso della fortezza, “l’acquartieramento, con la proposizione di uno spaccato di accampamento medievale; la presentazione delle schiere e la “ad captandam benevolentiam” con Messer Lurinetto ad iniziar la festa.

Poi, il “tirar con la balestra”, dimostrazione a squadre fra i balestrieri di Pisa e di Volterra, “l’intermezzo dello joculator latino” e “alla corte dello signore”, con dimostrazione di danza medievale; “improvvisazioni in rima” dello sputafuoco verbale; “alla lizza”, dimostrazione dell’ antico gioco del mazza scudo; “lo giullare”, acrobazie di doppi sensi; “tirar con l’arco”, dimostrazione spettacolo di arcieri medievali; “stroncapettini”, intermezzo in equilibrio fra quello che si può e che non si può dire; “ad usum domini”, dimostrazione di danza rinascimentale;, “lo cantastorie”, “tiro al corniolo”, dimostrazione di tiri singoli con balestre da banco, “intermezzo” in rime ardenti; “maneggiar di spada”, dimostrazione di scherma medievale con duelli e scontri fra uomini d’arme.

Infine, “al calar delle ombre” Messer Lurinetto commiata “ad perpetuam memoriam” e alle ore 18.30 il saluto che un nuovo giorno possa sorgere “ad maiorem pisae gloriam”.

Inoltre, per tutta la giornata possibilità di visite guidate a quattro itinerari di grande interesse turistico nei quartieri storici di Pisa (Sant’Antonio, Santa Maria, San Francesco, San Martino) dedicate ai cittadini disabili, grazie al progetto Itaca (Itinerari Turistici ACcessibili e Aperti), a cura dell’Associazione Guide Turistiche con due interpreti LIS (Lingua Italiana dei Segni).

Sempre sabato (dalle ore 14.00 alle 17.30) sarà possibile visitare la villa presidenziale del Gombo e il parco di San Rossore, grazie alle Giornate del FAI. La villa, grandioso esempio di architettura razionalista italiana post-fascista, fu progettata per il presidente della Repubblica Giovanni Gronchi. Faranno da guide gli studenti del Liceo classico “Galilei”. Mentre agli Arsenali Repubblicani, sarà applicata una tariffa speciale per la visita alla mostra “Bosch, Brueghel e Arcimboldo”.

Grazie alla collaborazione con Confesercenti e Confcommercio, i ristoranti cittadini aderenti proporranno menù tematici “in stile pisano” per festeggiare l’ingresso nel nuovo anno.

Capodanno

L'articolo Capodanno Pisano, sabato 23 marzo iniziano i festeggiamenti proviene da www.controradio.it.

Al via il Giugno Pisano 2018

Al via il Giugno Pisano 2018

Al via una nuova edizione del Giugno Pisano, la storica manifestazione della celebre Luminara,  il Palio e il Gioco del Ponte, che il 30 giugno chiuderà la manifestazione.

Anche quest’anno il Giugno Pisano offrirà molte  occasioni per vivere la città con una serie di eventi distribuiti per tutto il mese e oltre. Il programma degli eventi principali si è aperto il fine settimana scorso con il festival Danteprima e continua per tutto il mese con gli appuntamenti in piazza dei Cavalieri: ‘Marionette, Storie e Cavalieri’rassegna di teatro di figura dedicata a grandi e piccoli, gli incontri di arte e scienza, il concerto organizzato da Metarock con Lorenzo Marianelli, Bernardo Sommani e Bonsai Bonsai, il Pisa Concert Band Festival rassegna delle filarmoniche toscane, Nico Gori 10tet per Pisa jazz e il Pisa Folk Festival. In programma anche la lirica con la Cavalleria Rusticana, il festival del teatro accademico itinerante organizzato dalla Scuola Normale e il teatro comico con il festival Utopia del buon gusto che ha scelto di inaugurare proprio a Pisa la sua XXI edizione con uno spettacolo celebrativo.

E poi le grandi mostre, a partire dalla doppia installazione di Michelangelo Pistoletto alla Chiesa della Spinsa e in Sala Baleari, continuando con ‘Il viaggio di Marco Polo nelle fotografie di Michael Yamashita’ a Palazzo Blu, che si affianca alla mostra dell’illustratore Lorenzo Mattotti. E poi la mostra su ‘Pisa città della ceramica’ che si sviluppa in quattro sedi con il cuore al centro SMS sulle Piagge, per finire con le tre esposizioni al Museo della Grafica di Palazzo Lanfranchi: le foto di Robert Doisneau ‘ Pescatore d’immagini’, ‘Navigare tra i segni’ con le incisioni tra Sardegna e Toscana e ‘Dantesca’: motivi e suggestioni legati al sommo poeta nella grafica contemporanea

Insieme a questi grandi appuntamenti, come tutti gli anni il Giugno Pisano è un insieme di iniziative organizzate dalle tante associazioni culturali pisane che contribuiscono in maniera determinante a rendere la città viva. Tutte gli eventi sono visibili sul sito www.pisaeventi.

L'articolo Al via il Giugno Pisano 2018 proviene da www.controradio.it.