Weekend in Mugello: un tuffo nella storia di Giotto

Weekend in Mugello: un tuffo nella storia di Giotto

Il Mugello celebra Giotto, e questo weekend lo fa in particolare con due giorni di eventi tra Vicchio, Borgo San Lorenzo e Firenzuola per esaltare la sua arte.

In occasione del 750° anniversario della nascita di Giotto fino al 29 ottobre il Mugello rende omaggio a questo grande artista: un “viaggio sensoriale” nell’opera del grande pittore da vedere, ascoltare, ma anche gustare.

Per gli appassionati di storia da non perdere la manifestazione “Un tuffo nella storia”, rievocazione di un campo di battaglia della 2° Guerra Mondiale sul Passo del Giogo a Scarperia.

Ed ancora nel fine settimana tanti appuntamenti con mostre, iniziative culturali, visite guidate, mercatini e sport.

Si celebra Giotto con un  itinerario che, dalla “Madonna di San Giorgio alla Costa” esposta al Museo Beato Angelico di Vicchio e dalla Madonna col Bambino alla Pieve di Borgo San Lorenzo, conduce alla scoperta di opere del Trecento presenti nel territorio.

In primo piano
Fino al 29 ottobre – NEL MUGELLO SOTTO IL CIELO DI GIOTTO – 750 anni dalla sua nascita. Le Madonne di Giotto e la pittura del Trecento
A Vicchio nel Museo “Beato Angelico” esposizione del prestito della grande tavola di Giotto “La Madonna di S. Giorgio alla Costa” (visite guidate venerdì ore 15-19 , sabato e domenica ore 10-13/ 15-19). A Borgo San Lorenzo nella Pieve di San Lorenzo “La Vergine col Bambino” di Giotto. Opere del trecento: Palazzo dei Vicari e Oratorio della Madonna di Piazza: visita guidata domenica ore 10,30. Convento di Bosco ai Frati: visita guidata sabato 16, 23 e 30 settembre alle ore 10, domenica 17 settembre alle ore 11,30. Info: www.mugellotoscana.it – 055 84527185-6

16-17/09 – GIOTTO, IL MIO MUGELLO
Vicchio, Borgo S. Lorenzo, Firenzuola
-16/09, Vicchio, Teatro Giotto – dalle 9
“Intorno a Giotto nel suo Mugello”: convegno di studi internazionale con A.Tartuferi storico dell’arte, uno dei maggiori conoscitori dell’opera giottesca, A. Tomei, Università di Chieti, V. M.Schmidt Università di Utrecht, G. Ragionieri, storica dell’arte, G. Bonsanti già Ordinario dell’Università di Firenze, E. Neri Lusanna già ordinario all’Università di Perugia, C.Frosinini e R. Bellucci dell’opificio delle Pietre Dure;
-Borgo S. Lorenzo, piazza Castelvecchio – ore 18,30 una disfida culinaria l'”O di Giotto Masterchef contest”, alle 21 concerto della Funk Off;

-17/09, Firenzuola, loc. Moscheta – ore 9,30 “Sui luoghi di Giotto” passeggiata artistico-ecologica -Borgo S. Lorenzo pomeriggio, ore 16, premiazione del vincitore del concorso per maestri gelatai e pasticceri “Giottino gusto d’autore” e “La musica nel Campanile” con il Coro Mulieres Voces; alle 19 spettacolo con Maurizio Lastrico di Zelig
Info: www.mugellomediceo.it

15-17/09 – 6^ LE VIE DEL GUSTO
Borgo San Lorenzo, centro storico
Rassegna della gastronomia, dei prodotti tipici e del cibo da strada
Venerdì street food internazionale. Dal sabato spazio alle aziende agricole. E poi show cooking, spettacoli itineranti, degustazioni. Info:www.prolocoborgosanlorenzo.it

Tradizioni, rievocazioni storiche
17/09 – UN TUFFO NELLA STORIA (1944-2017)
Scarperia e S. Piero, Scarperia (Passo del Giogo) – dalle 9.30
73° Anniversario della Battaglia di Monte Altuzzo – Rievocazione di un campo di battaglia della 2ª Guerra Mondiale con equipaggiamenti, tende, soldati e veicoli storici
Info: 335 7632983 – www.goticatoscana.eu

Mostre, appuntamenti culturali, iniziative
Fino al 01/10 – MOSTRA DEI FERRI TAGLIENTI “SPLENDORI DI LAME”
Scarperia e San Piero, Scarperia, Palazzo dei Vicari
44° edizione, in particolare selezione di armi da offesa e da parata indiane del Museo Stibbert.
Info: 055 8468165 – www.museoferritaglientiscarperia.it

15/09 – L’ARTE DI DIO
Borgo S. Lorenzo, saletta Pio la Torre – ore 21
Presentazione del libro di Cristina Siccardi: “L’Arte di Dio: sacri pensieri, profane idee”
Info: www.comune.borgo-san-lorenzo.fi.it

15-17/09 – LIBERAMENTE FESTIVAL
Barberino M.llo, circolo Arci
Liberamente Fest III edizione:tre giorni di musica, dibattiti, cene, arte e concerti
Info: www.liberamentebarberino.it

15/09 – FESTA  A CORTE
Scarperia e San Piero, Scarperia, Palazzo dei Vicari – dalle 21
Musica e balli nella corte del meraviglioso Palazzo dei Vicari
Info: 055 8468165 – www.prolocoscarperia.it

16/09 – MADRID VAL BENE UNA COPPA
Scarperia e S. Piero, Scarperia (Palazzo dei Vicari) – ore 11,30
Presentazione del romanzo di Francesco Russo
Info: www.prolocoscarperia.it

16/09 – “GUARDA”
Borgo S. Lorenzo, municipio – ore 11,30
Inaugurazione perosnale di Son ia Fiacchini nella sede del municipio
Info: www.comune.borgo-san-lorenzo.fi.it

16/09 – DIFFUSIONE DELL’ARTE VISIVA
Borgo S. Lorenzo, Villa Pecori Giraldi – ore 16,30
Inaugurazione della mostra collettiva a cura di Operarte, visitabile fino all’8 ottobre. Orario: dal giovedì alla domenica 9-13 e 15-19
Info: www.comune.borgo-san-lorenzo.fi.it

16/09 – IL MUGELLO NEL LIBRO DI MONTAPERTI
Barberino di Mugello, Palazzo Pretorio – ore 17
Presentazione del libro con l’autore Fabrizio Scheggi
Info: www.comunebarberino.it

20/09 – DA VICCHIO “AGL’ITALIANI” – CARDUCCI PER GIOTTO
Vicchio, Biblioteca comunale – ore 17
Incontro culturale nell’ambito delle celebrazioni dei 750 anni dalla nascita di Giotto
Info: biblioteca, tel. 055 8448251, biblioteca@coune.vicchio.fi.it

Fino al 24/09 – D’ARGILLA E D’ARGENTO
Palazzuolo sul Senio, Chiesa di S. Antonio
Inaugurazione della mostra di Fulvio Celico e Loretta Zaganelli.
Info: fulvio.celico@gmail.com  – lorettazaganelli@gmail.com

Fino al 30/09 – BOOKCROSSING
Barberino e Galliano, giardini pubblici
Seconda edizione del progetto di bookcrossing “Un libro in tasca”. Si potranno prendere o donare libri lasciati nelle tasche di variopinti alberi rivestiti di maglia.
Info: www.comunebarberino.it

17/09 – SETE DI LIBERTA’
Firenzuola, Badia di Moscheta – ore 16
Francesca Batisitini presenta la sua autobiografia al Museo del Paesaggio Storico
Info: 055 8144900 – 055 8144304 – 335 7549072

Sport
16/09 – ESCURSIONE CON GUIDA PER TUTTI
Palazzuolo sul Senio, loc. I Diacci – ore 10
Escursione facile, per tutti: dal rifugio ai ruderi dell’Altello e di Pian di Rovigo con sorpresa!
Info: 339 7722208 – 055 0763031 – www.rifugioidiacci.it  – www.rifugimugello.it

16/09 XIII MEMORIAL GASTONE NENCINI
Barberino M.llo, piazza Cavour – ore 14,30
gara ciclistica riservata alla categoria giovanissimi
Info: www.comunebarberino.it

17/09 – XI COPPA SPORTIVI DI BILANCINO
Barberino M.llo, diga di Bilancino – ore 9,30
Gara ciclistica riservata alla categoria esordienti 1° anno
Info: www.comunebarberino.it

17/09 – MEMORIAL BRUNETTO E TIZIANO NENCINI
Barberino M.llo, loc. Galliano – ore 11
Gara ciclistica riservata alla categoria esordienti 2° anno
Info: www.comunebarberino.it

17/09 – I COPPA BILANCINO-TROFEO CHALLENGE
Barberino, Circolo Nautico Mugello (Bilancino) – ore 12,30
Una veleggiata con equipaggi misti fra velisti e atleti delle varie associazioni sportive barberinesi
Info: www.comunebarberino.it

17/09 – 72a COPPA LIBERAZIONE
Borgo S. Lorenzo, Foro Boario – ore 14
Gara ciclistica nazionale per allievi organizzata dalla locale sezione Anpi in collaborazione con il Ciclo Club Appenninico
Info: www.comune.borgo-san-lorenzo.fi.it

Fino al 30/09 – DA BILANCINO ALLA SIEVE (Rafting, kayak e Sup)
Barberino di Mugello, Località Massorondinaio
Percorso sul fiume Sieve di grande interesse naturalistico e ambientale, molto adatta ai ragazzi e famiglie. Info: www.t-rafting.com

Visite guidate
16/09 – VISITA GUIDATA AL CONVENTO E AL MUSEO DI SAN BONAVENTURA AL BOSCO AI FRATI
Scarperia e San Piero, loc. Lucigliano – ore 10
Visite guidate alla chiesa, al convento ed al museo di San Bonaventura al Bosco ai Frati
Info: 348 6033328 – 055 8486791 – 055 8431626

17/09 – D’ESTATE AL CASTELLO
Barberino di Mugello, Castello – ore  11 e 15
Visite guidate al Castello mentre alle 16,30 spettacolo per bambini “Le Scacciapaure” e a seguire Orchestra Sinfonica Giovanile Cupiditas
Info: www.prolocobarberino.net  – info@castellodibarberino.com – 348 4107595

17/09 – APERITIVO SUI MERLI
Scarperia e San Piero, Scarperia, Palazzo dei Vicari – ore 17.30 e 18.30
Lame indiane, tramonto, luna piena e spritz!
Info: www.museoferritaglientiscarperia.it  – 055 8468165

Mercatini
17/09 – MERCATO DEL CONTADINO
Firenzuola, centro storico
Tutte le domeniche da Giugno ad Ottobre, mercatino agricolo per la vendita diretta di prodotti locali. Info: 055 8199477 – firenzuolaproloco@gmail.com

17/09 – MERCATINO PICCOLO ANTIQUARIATO
Dicomano, centro storico
Ogni terza domenica del mese, mercatino del piccolo antiquariato per le vie del paese.
Info: www.comune.dicomano.fi.it

L'articolo Weekend in Mugello: un tuffo nella storia di Giotto proviene da www.controradio.it.

Mugello: due giorni dedicata a Giotto

Mugello: due giorni dedicata a Giotto

🔈Il 16 e 17 settembre nel Mugello due giorni di eventi per conoscere da vicino la rivoluzionaria pittura di Giotto.

In occasione dei 750 anni dalla nascita di Giotto infatti, il consorzio di valorizzazione e promozione territoriale “Mugello Mediceo” conduce i visitatori in un “viaggio sensoriale” nell’opera del grande pittore mugellano, da vedere, ascoltare, gustare.

Un viaggio indietro nel tempo alla ricerca delle eccellenze che hanno reso grande il territorio ci porta al grande pittore del quale, proprio in quest’anno, si è tornato a discutere molto, origini comprese.

“Giotto: il mio Mugello” è il filo conduttore di un originale percorso di due giorni in Mugello, nel quale ci sarà un raffronto tra Giotto e la pittura, ovviamente, il paesaggio, la musica, la poesia, la cucina.

Questa iniziativa del Consorzio Mugello Mediceo si i si inserisce nell’obiettivo del Consorzio stesso, ovvero la valorizzazione del Mugello intesa come crescita territoriale sotto l’aspetto turistico, ma anche come risalto mediatico che dia nuovo impulso alle attività ricettive ed alle imprese che su questo territorio operano.

Il gruppo, presieduto dall’Avvocato Massimo Megli, è stato ideato e poi promosso dal Viceministro alle Infrastrutture e Trasporti Riccardo Nencini, anch’egli mugellano, che ha coinvolto intorno a sé i sindaci del territorio oltre a numerosi professionisti in vari settori e varie aziende di eccellenza, del Mugello ma non solo, che hanno aderito al progetto.

Home Mugello Mediceo

L'articolo Mugello: due giorni dedicata a Giotto proviene da www.controradio.it.

VICCHIO: 750 ANNI DI GIOTTO, VISITA ALLA CASA E AL MUSEO

Cinque_maestri_del_rinascimento_fiorentino,_XVI_sec,_giotto

Sabato 24 giugno appuntamento a Vicchio per una visita dedicata al 750° anniversario della nascita di Giotto di Bondone. L’iniziativa è promossa da Associazione Nazionale Case della Memoria e corpo consolare del TCI.

La visita a quella che la comune tradizione ritiene la casa natale dell’artista, nel comune del Mugello, in località Vespignano includerà anche la vicina chiesa di San Martino dove Francesco, figlio di Giotto, fu priore e sarà anticipata da quella al Museo di arte sacra e religiosità popolare Beato Angelico dove si potrà ammirare La Madonna di San Giorgio alla Costa di Giotto. Il ritrovo è fissato alle ore 16.30 al Museo Beato Angelico a Vicchio dal quale ci si trasferirà poi a Vespignano per la visita a Casa Giotto (ore 17.15).

La Casa Natale di Giotto a Vespignano, restaurata nel 1840, ha subito nel corso dell’Ottocento e del Novecento notevoli trasformazioni. Nel 1975 l’immobile fu acquistato dal Comune e adibito a museo. Recentemente la sistemazione museale è stata rinnovata con un percorso virtuale attraverso l’opera del grande pittore: il museo è stato concepito in chiave contemporanea, puntando sulle opportunità della tecnologia multimediale, curando l’allestimento sia sotto l’aspetto visivo che scientifico.

Inoltre, domenica 25 giugno (ore 17) alla Villa Pecori Giraldi a Borgo San Lorenzo si terrà la conferenza di presentazione del libro “Giotto, la casa, il colle di Vespignano” (Masso delle Fate edizioni) promossa dall’Associazione delle terre di Giotto e dell’Angelico. L’iniziativa si terrà nell’ambito della manifestazione “Artigiani in Villa”. Per l’occasione all’interno della Villa sarà presente un’esposizione di opere degli artisti dell’associazione. Il libro sulla vita di Giotto sarà protagonista anche alla Festa Artusiana di Forlimpopoli (Fc), dove sarà presentato il prossimo 30 giugno (ore 19).

Il calendario delle visite nelle Case della Memoria proseguirà a luglio, il 29, alla Casa di Giorgio Morandi a Grizzana Morandi (Bo) con visita alla mostra “Grizzana, Arcangeli, Morandi 50 anni dopo” ai Fienili del Campiaro. Il 26 agosto tappa al Castello di Castiglione del Terziere a Bagnone (Ms) per approfondire la conoscenza di Loris Jacopo Bononi, mentre il 30 settembre l’appuntamento sarà con Giuseppe Verdi alla Casa Natale a Roncole di Busseto (Pr) e Villa Verdi a Sant’Agata di Villanova sull’Arda (Pc). Si chiude il 28 ottobre a Villa Silvia Carducci e al Museo Musicalia a Cesena (Fc).

I promotori-  Associazione Nazionale Case della Memoria – mette in rete 62 case museo in 11 regioni italiane Piemonte, Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Basilicata, Sicilia e Sardegna che hanno deciso di lavorare insieme a progetti comuni e per promuovere questa forma museale in maniera più incisiva anche in Italia. Abitazioni legate a tanti personaggi della cultura italiana come Dante Alighieri, Giotto, Francesco Petrarca, Giovanni Boccaccio, Francesco Datini, Leonardo da Vinci, Niccolò Machiavelli, Francesco Cavassa e Emanuele Tapparelli d’Azeglio, Agnolo Firenzuola, Pontormo, Benvenuto Cellini, Filippo Sassetti e tanti altri.

Per qualsiasi informazioni vedere il sito: www.casedellamemoria.it

The post VICCHIO: 750 ANNI DI GIOTTO, VISITA ALLA CASA E AL MUSEO appeared first on Controradio.

Nuovo allestimento per la Sala del Colosso

GALLERIA DELL’ACCADEMIA nuovo allestimento per la Sala del Colosso

E’ stato completato il riallestimento della cosiddetta Sala del Colosso e gli altri interventi previsti all’interno della Galleria dell’Accademia. All’interno della  grandiosa Sala del Colosso (che prende il nome dal gesso di una statua antica, uno dei Dioscuri di Montecavallo, qui conservato ma oggi non più presente nella Galleria), i numerosi dipinti su tavola e su tela del XV e XVI secolo sono stati disposti in una maniera completamente nuova e, soprattutto, ad un’altezza finalmente compatibile con la corretta fruizione da parte del pubblico e con le esigenze della conservazione.
Nell’allestimento precedente dipinti di capitale importanza, quali i profeti Isaia e Giobbe di Fra Bartolomeo, la Trinità di Alesso Baldovinetti e la Pala del Trebbio di Sandro Botticelli, tanto per citarne alcuni, erano sottratti in pratica non soltanto alla fruizione da parte del pubblico, ma anche all’indispensabile controllo conservativo.
Il primo intervento effettuato nella prospettiva della risistemazione complessiva dei dipinti della Sala del Colosso è consistito nel trasferimento dei due profeti di Fra Bartolomeo sopramenzionati sulla parete d’ingresso della Galleria dei Prigioni, ai lati della porta. Le due tavole del frate pittore, di grande bellezza e forte spessore spirituale, testimoniano le sue riflessioni sugli affreschi michelangioleschi della Cappella Sistina e si prestano molto bene, a nostro modo di vedere, per introdurre il visitatore in quell’autentico santuario della scultura del Buonarroti che consiste per l’appunto nella Galleria dei Prigioni, attraverso la quale si giunge alla Tribuna del David, vera apoteosi del mito imperituro dell’artista.
I visitatori che fanno il loro ingresso nel salone trovano ora sulla parete a sinistra una parata di pale d’altare che riassume emblematicamente gli sviluppi della pittura fiorentina quattrocentesca. Dalla pala di Andrea di Giusto firmata e datata 1437 per la chiesa di Santa Margherita a Cortona – esempio aggraziato e pure aggiornato della tendenza tardogotica che si protende con piena naturalezza in epoca affatto rinascimentale -, a quella di Domenico Ghirlandaio con Santo Stefano fra i santi Giacomo Maggiore e Pietro, databile al 1493, lontano preludio, solenne e monumentale,della maniera moderna.
Tuttavia, l’attenzione del visitatore interessato anche alle grandi tavole conservate nella Galleria sarà attratta quasi subito, e inevitabilmente, dalla parete opposta. Al centro di essa predomina ora la ricomposizione parziale della grandiosa pala dipinta nel 1500 da Pietro Perugino per l’altare maggiore della chiesa dell’abbazia benedettina di Vallombrosa (inv. 1890 n. 8366), raffigurante l’Assunzione della Vergine fra angeli e Dio Padre, con quattro santi  (inv. 1890 n. 8366). Gli splendidi ritratti di Don Biagio Milanesi  (inv. 1890 n. 8375) e del monaco Baldassarre  (inv. 1890 n. 8376) sono posti ora ai piedi della tavola, nella posizione ipotetica alla base dei pilastri della ricca cornice tabernacolo sommariamente descritta dal Vasari e andata perduta. Il ricongiungimento di questi autentici capisaldi della ritrattistica italiana del Cinquecento all’elemento principale del complesso d’origine è stato attuato tramite lo scambio con la Galleria degli Uffizi, cui sono state ‘restituite’ le icone russe appartenute ai Lorena, che nel 1780-1782 erano state esposte nel ‘Gabinetto dei quadri antichi’, sistemate in precedenza alla Galleria dell’Accademia in maniera poco confacente lungo le scale di accesso al primo piano.
Altri interventi e sistemazioni
La scultura in bronzo dipinto donata da Georg Baselitz nel 2004, intitolata Pace – Piece, che è parsa in contrasto troppo stridente – e comunque assai difficile per essere compreso dal vasto pubblico della Galleria – con i sereni gessi neoclassici del Bartolini in mezzo ai quali si trovava, è esposta adesso nella sala che introduce al Dipartimento della collezione degli strumenti musicali. Accanto ad essa è stato possibile esporre finalmente le due fotografie donate al museo nel 2010 da un altro protagonista di primo piano dell’arte contemporanea, Robert Mapplethorpe, raffiguranti due nudi maschili visti di spalle, intitolate rispettivamente Derrick Cross e Von Hackendahl. Si tratta quindi di un primo ambiente dedicato precipuamente all’arte contemporanea, entrata ormai stabilmente tra i campi d’interesse culturale di fondo della Galleria, grazie soprattutto alle mostre e agli eventi promossi in questo settore da Franca Falletti. Un altro ambiente del museo che a nostro avviso è stato riqualificato e arricchito dall’arte contemporanea è la zona dedicata al bookshop e al merchandising, dove sono state esposte altre due grandi fotografie donate, rispettivamente, nel 2004 da Thomas Struth (Audience 1), e da Candida Hofer nel  2009 (Accademia, Tribuna del David, veduta dal braccio sinistro).
La scala di accesso al primo piano della Galleria è stata completamente ristrutturata e dotata di un nuovo impianto d’illuminazione, mentre le luci di emergenza sono state incassate nelle pareti. La fattiva collaborazione con l’attuale concessionario privato (Opera Laboratori Fiorentini – Civita Group) dei musei statali fiorentini ha consentito di realizzare, in aggiunta al riallestimento del Sala del Colosso, anche altri interventi di minore portata che tuttavia contribuiscono alla migliore fruizione del museo. Il nuovo controllo biglietti all’accesso interno della Galleria si presenta completamente rinnovato e improntato a una maggiore dignità e funzionalità, anche sul piano della comunicazione, con un apparato di pannelli modulari per gli avvisi. Per quest’ultimi è disponibile anche lo schermo digitale posto sopra la cassa. Non meno importante può dirsi la messa in opera di un’adeguata ombrelliera, che in un museo non dotato di guardaroba per motivi di spazio è comunque indispensabile.

Museo Horne

Veduta esterna del museo

Il palazzo che ospita il Museo Horne s’innalza tra due antiche strade del quartiere di Santa Croce: via de’ Benci e corso de’ Tintori, in prossimità dell’antico ponte alle Grazie. Fin dal Trecento le case poste su questa cantonata, già proprietà dei Fagni, facevano parte del patrimonio della potente famiglia Alberti, che qui eresse un palagetto intorno alla metà del XIV secolo. Nel 1489, per un debito contratto dagli Alberti, il tribunale del Podestà assegnò il palazzo ai fratelli Luigi e Simone Corsi che, tra il 1492 e il 1502, ampliarono e modificarono radicalmente l’edificio fino a quadruplicarne il valore e a farne modello di riferimento per tanti palazzi eretti come residenze del ceto dirigente cittadino nel corso del Cinquecento. Le sue modeste dimensioni sono compensare dalla qualità estremamente elevata dei prospetti, dalle studiate proporzioni dei volumi interni, dall’attenta distribuzione delle funzioni, dalla eccezionale ricchezza degli ornamenti in pietra.

Nel 1911 l’architetto e storico dell’arte inglese Herbert Percy Horne acquista il Palazzo Corsi, con l’intento di dare una adeguata cornice alla propria collezione di dipinti, sculture, disegni e arredi, così da ricreare l’atmosfera e gli ambienti di una dimora rinascimentale.
Alla sua morte, nel 1916, Horne lascia la propria raccolta (che nel frattempo si è sviluppata fino ad accogliere oltre seimila opere) allo Stato italiano, dando vita a una fondazione, destinata “a beneficio degli studi”.

Ancora oggi il Museo Horne si presenta ai visitatori così come lo ha voluto il collezionista inglese: un raffinato scrigno di capolavori di pittura e scultura (da Giotto a Simone Martini, a Masaccio, a Filippino Lippi, a Domenico Beccafumi e al Giambologna) ma anche e soprattutto una casa, arredata con pezzi pregiati dal Duecento al Seicento.

Nel cuore di Firenze, luogo-simbolo della cultura e dell’arte del Rinascimento, il Museo Horne si propone così come uno spazio in cui rivivere il passato e scoprire usi, costumi e arte della città tra Quattro e Cinquecento.

INFORMAZIONI UTILI

MUSEO HORNE, via dei Benci, 6 – 50122 Firenze
Linee ATAF 23, C

Orario di apertura:

dal lunedì al sabato 9-13 (chiuso domenica e festivi)