Vaccini: monitoraggio efficacia anticorpi su operatori sanità

Vaccini: monitoraggio efficacia anticorpi su operatori sanità

Progetto pilota approvato dalla Giunta regionale della Toscana per prevenire il rischio da infezione Covid in operatori già vaccinati

Monitoraggio dell’efficacia della vaccinazione anti Covid negli operatori sanitari toscani. Lo prevede un progetto pilota che è stato approvato dalla Giunta toscana su proposta dell’assessore alla sanità Simone Bezzini. Tra gli obiettivi, spiega una nota, prevenire il rischio da infezione Covid negli operatori sanitari già vaccinati, valutare il grado di protezione nel personale sanitario e in un gruppo di controllo (universitari non sanitari) dopo la vaccinazione, oltre a orientare l’acquisto di vaccini in base ai valori degli anticorpi riscontrati e pianificare i programmi di sorveglianza sanitaria. La sorveglianza sanitaria riguarda tutte le professioni sanitarie, compresi gli specializzandi, e interesserebbe oltre 56mila persone in Toscana. Il progetto prevede che a distanza di un mese dal completamento del ciclo vaccinale sia offerta l’opportunità di effettuare un prelievo di sangue per valutare la risposta quantitativa degli anticorpi al Covid.

“In Toscana abbiamo avviato la campagna vaccinale in coerenza con le disposizioni nazionali della fase 1, somministrando il vaccino agli operatori sanitari, fase che stiamo per concludere – spiega Bezzini -. Per tutelare i lavoratori in ambito sanitario e, di conseguenza i pazienti, abbiamo ritenuto opportuno valutare l’efficacia e la durata della protezione immunitaria del vaccino inoculato al personale sanitario, studiando lo sviluppo degli anticorpi non solo per prevenire il rischio di infezioni tra gli operatori sanitari già vaccinati, ma anche per estendere gli esiti di questa indagine al resto della popolazione, a tutela della salute pubblica. Ci muoviamo a 360 gradi, per raccogliere più informazioni possibili su un virus fino a poco tempo fa sconosciuto e che continua a mutare. La ricerca scientifica è uno strumento strategico per ampliare le nostre conoscenze e attrezzarci di conseguenza”.

L'articolo Vaccini: monitoraggio efficacia anticorpi su operatori sanità proviene da www.controradio.it.

Scuola, Nardini: altri 2,5mln di contributi alle famiglie

Scuola, Nardini: altri 2,5mln di contributi alle famiglie

Una proposta di variazione di bilancio da 2,5 milioni di euro, destinati a finanziare il pacchetto scuola che passa così dai 3 milioni di euro di risorse regionali dello scorso anno a 5,5 milioni, a cui si devono aggiungere 6 milioni di contributi statali.

Lo ha deciso la Giunta regionale toscana, su proposta dell’assessora all’istruzione Alessandra Nardini. Fino allo scorso anno scolastico, spiega una nota, hanno beneficiato del contributo circa 30mila studenti delle scuole medie e superiori della Toscana. Quest’anno però le domande sono state 8mila in più. La delibera approvata dalla Giunta passa ora all’esame del Consiglio regionale.

“In un momento così complicato e difficile per la scuola italiana – sottolinea Nardini in una nota -, abbiamo deciso di aumentare, a fronte dell’aumento delle domande, le risorse annualmente stanziate per garantire l’effettivo diritto allo studio delle studentesse e degli studenti toscani”.

L’assessora ricorda che: “Adesso, certo anche a causa della crisi economica, le domande sono arrivate ad essere 38.470. E noi abbiamo deciso di consentire a tutti gli studenti e le studentesse idonei di poter ottenere l’importo massimo previsto per il pacchetto scuola, pari a 300 euro. Una scelta in linea con la nostra volontà di garantire a tutti il diritto allo studio e di favorire in ogni modo la frequenza scolastica”.

Il pacchetto scuola serve infatti a facilitare la frequenza scolastica, cioè a sostenere le famiglie per spese quali l’acquisto dei libri, degli abbonamenti ai mezzi di trasporto e altri sussidi didattici. E’ destinato agli studenti e alle studentesse delle scuole medie e delle superiori residenti in Toscana che hanno un Isee familiare non superiore a circa 15.700 euro e non più di venti anni di età. Con la decisione della Giunta regionale vengono così finanziate le domande di tutti coloro che ne hanno fatto richiesta.

L'articolo Scuola, Nardini: altri 2,5mln di contributi alle famiglie proviene da www.controradio.it.

Barriere architettoniche: dalla Regione 1,7mln per abbattimento

Barriere architettoniche: dalla Regione 1,7mln per abbattimento

La Giunta regionale ha stanziato 1,7milioni di euro per l’abbattimento delle barriere architettoniche nelle case. Le risorse saranno poi destinate alle persone con disabilità che ne hanno fatto richieste e giudicate idonee. “Potersi muovere senza ostacoli e barriere è condizione di base per la qualità della vita”, è il commento di Stefania Saccardi, assessora al diritto alla salute e al sociale.

Le risorse saranno circa 1,7 milioni (661.716 risorse statali + 1.060.000 risorse regionali) destinate grazie alla delibera presentata dall’assessora Stefania Saccardi e approvata dalla Giunta regionale. Comuni, Unioni di Comuni e Società della Salute dovranno rispettare gli adempimenti circa la rendicontazione dei contributi erogati. In assenza della rendicontazione non potranno essere assegnati eventuali ulteriori finanziamenti disponibili per future graduatorie.

“L’abbattimento delle barriere architettoniche è per noi un tema fondametnale, al quale dedichiamo attenzione e risorse”, ha detto Saccardi. “Ogni anno ripartiamo ai Comuni i finanziamenti per l’abbattimento delle barriere architettoniche nelle abitazioni. E questo deve avvenire sia negli spazi pubblici che in quelli privati. Noi vogliamo che le persone con disabilità possano muoversi liberamente, senza ostacoli che limitino i loro movimenti, sia nelle proprie abitazioni che fuori”.

L'articolo Barriere architettoniche: dalla Regione 1,7mln per abbattimento proviene da www.controradio.it.