Pasqua: Betori ‘tuona’ contro interessi ‘etnici o nazionali’

Pasqua: Betori ‘tuona’ contro interessi ‘etnici o nazionali’

Nella sua omelia il cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo edi Firenze, si caglia contro l’egoismo. he ci domina quando mettiamo a tacere le voci dei tanti che soffrono per le guerre, per condizioni di vita inumane, per privazione di diritti e di libertà

DI SEGUITO IL TESTO DELL’OMELIA PRONUNCIATA DAL CARDINALE GIUSPEPPE BETORI

Lasciate che oggi introduca una più profonda comprensione della Pasqua del Signore con le parole di una poesia. Se lo merita, perché quest’anno compie duecento anni. Ci è utile, perché, dopo la parola di Dio, sono i poeti che riescono a dire al meglio gli interrogativi e la ricerca del senso della vita, come l’allora ventenne Giacomo Leopardi. Ascoltiamo:

L’Infinito

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,

E questa siepe, che da tanta parte

Dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.

Ma sedendo e mirando, interminati

Spazi di là da quella, e sovrumani

Silenzi, e profondissima quiete

Io nel pensier mi fingo; ove per poco

Il cor non si spaura. E come il vento

Odo stormir tra queste piante, io quello

Infinito silenzio a questa voce

Vo comparando: e mi sovvien l’eterno,

E le morte stagioni, e la presente

E viva, e il suon di lei. Così tra questa

Immensità s’annega il pensier mio:

E il naufragar m’è dolce in questo mare.

Non mi avventuro di certo nell’interpretazione del testo. Non è nelle mie competenze e poi sto qui a fare un’omelia. A me basta ascoltare il poeta per suscitare qualche interrogativo nel nostro intimo, a partire da una constatazione, se si vuole banale, ma che colpisce ogni lettore senza pregiudizi ideologici. Ciò che è in gioco in questi versi è la tensione che si crea tra il nostro limite, che quella siepe misura, e l’attesa, perfino l’impaurirsi, il timore di ciò che è oltre, di ciò che non ha misura, l’infinito, precisamente. Perché è nel far vivere questa tensione, senza perdere i poli da cui essa si crea, che sta il senso di una vita piena, di un mare in cui, secondo la poesia, è dolce naufragare.

Dentro ciò che è circoscritto e misurato ci sono i nostri giorni – le stagioni del poeta –, giorni pieni di fatti, di cose, di persone, di relazioni, esperienze che, se vissute a prescindere dall’altro polo, quello dell’infinito, si finisce per considerarle solo in termini di possibilità, di efficienza, di utilità, di profitto. Si spiegano così la poca considerazione per la vita nella sua fragilità, in specie al suo inizio e al suo termine naturale; la preoccupazione per la salvaguardia di sé, persona, gruppo di interesse, perfino etnia e nazionalità, quasi che la dignità che è di ogni persona umana non basti a giustificare il prendersene cura, in ogni caso, senza distinzioni; la disattenzione con cui ci poniamo nei riguardi dell’ambiente, quasi che esso possa esistere a prescindere da noi, senza una responsabilità verso il futuro e, nel presente, verso i più deboli; l’egoismo che ci domina quando mettiamo a tacere le voci dei tanti che soffrono per le guerre, per condizioni di vita inumane, per privazione di diritti e di libertà; la solitudine che amareggia l’età avanzata e la malattia di uomini e donne che hanno dato tanto nella loro vita e non hanno più nessuno a cui appoggiarsi; aggiungerei anche la sempre più netta linea di demarcazione che poniamo tra i nostri interessi e quelli della comunità, il venir meno dell’impegno per il bene comune. Potemmo continuare, ma ritengo che questi esempi siano sufficienti a descrivere il mondo che limita lo sguardo al di qua della siepe, quando vien meno la forza di pensare oltre, verso l’ultimo orizzonte, gli interminati spazi, i sovrumani silenzi e la profondissima quiete.

Di questo sguardo che vada oltre abbiamo bisogno per non affogare nel quotidiano e per dare slancio e profondità alla nostra vita. E non ci mancano sollecitazioni a questo, perché al di qua della siepe non mancano i segni dell’infinito e dell’eterno, come lo stesso poeta segnala, cogliendo nel vento che stormisce tra le piante dell’ermo colle qualcosa che permette di legare tra loro la voce di quaggiù e il silenzio infinito. L’amico poeta Davide Rondoni ci invita a cogliere in quest’immagine un riflesso di una nota pagina biblica: il manifestarsi di Dio al profeta Elia sull’Oreb nel «sibilus aurae tenuis» – come leggeva Leopardi nella Bibbia, testo per lui di ripetuti e attenti studi nella sua biblioteca –, «il sussurro di una brezza leggera», leggiamo oggi, o, meglio, ancor più alla lettera: «una voce di esile silenzio» (1Re 19,12). L’oltre, il divino c’è, ed è ciò che solo può dare senso alla vita, proiettandola oltre se stessa.

Che quanto si attende possa divenire realtà è l’annuncio della Pasqua. Sì, finalmente sono giunto a parlare della Pasqua, ma il lungo cammino, che ho voluto fare con una poesia di duecento anni fa, era per dirvi che quando proclamiamo che Cristo è risorto non diciamo qualcosa che ci porta fuori dalla vita, ma stiamo annunciando qualcosa che ci deve premere assolutamente, perché in quell’evento accaduto duemila anni fa si è composta per sempre la tensione del cuore dell’uomo tra il limite e l’infinito, il tempo e l’eterno, la carne e lo spirito, l’uomo e Dio, la tensione di cui quella poesia è testimone e denuncia. Perché Pasqua è proprio questo: non solo il chinarsi di Dio sulle miserie dell’uomo – questo lo contempliamo già a Natale! –, ma l’assumere la carne dell’uomo, quella ferita, martoriata, crocifissa, e portarla nel cuore eterno di Dio. Quel che in Giacomo Leopardi, e nel cuore dell’uomo, è una tensione, diventa realtà compiuta nel corpo risorto di Cristo e, per chi si unisce a lui, diventa promessa di un compimento che si manifesterà alla sua venuta, ma che intanto già fiorisce nei segni di amore di cui siamo resi capaci. È quanto l’apostolo Paolo ci ha rammentato nel testo della lettera ai cristiani di Colossi.

Per nutrire questo legame dobbiamo saper cogliere i segni che il Signore ci offre nel cammino della vita, esili impronte di lui, l’Infinito: i gesti di amore che pur non mancano attorno a noi, i sentimenti di speranza che animano la vita di tanti e aiutano ad andare avanti pur tra sofferenze e difficoltà, la fede salda della nostra gente che non si lascia travolgere dal pensiero unico che tende tutto a materializzare. Questa gente, magari di una fede semplice e che fatica a dirsi, non si lascia turbare da venti forti, fuochi divoranti e terremoti devastanti, per usare le immagini della storia di Elia, cioè le tante manifestazioni di forza con cui i poteri di questo mondo vorrebbero farci credere che, in cambio di una presunta illusoria felicità, possiamo cedere loro la chiave del nostro cuore. Non è così Dio, perché egli si fa spazio nella nostra vita in quella tensione tra limite e infinito che ogni giorno ci interroga, e, attraverso la fragilità dei segni, si mostra e si propone, discretamente, nel pieno rispetto di una coscienza libera.

Di segni da cogliere è intessuto anche il cammino della fede nel Risorto. Lo vediamo nella pagina evangelica che è stata proclamata e che riferisce del primo incontro dei discepoli con il mistero della risurrezione del Signore: Maria di Magdala ne esce sconvolta e senza comprendere; Pietro non si sottrae a quanto la donna annuncia, ma giunto al sepolcro vede senza però riconoscere; solo il cuore dell’altro discepolo, colmo dell’amore di Gesù, dal segno dei teli di lino, posti là dove avevano fasciato il corpo di Gesù ma ora senza più quel corpo, e dal segno del sudario, misteriosamente avvolto a parte, giunge alla fede nella risurrezione di Cristo, una fede che la Scrittura confermerà e illuminerà.

Abbiamo bisogno di un cuore colmo d’amore per vedere le tracce del Risorto attorno a noi. Non lasciamoci confondere dai rumori di questo mondo, dalla voci allettanti che vorrebbero soffocare l’attesa del cuore, e prestiamo attenzione al vento leggero, alla voce di esile silenzio con cui Dio si manifesta e ci si rivela come l’infinito che finora ci ha interrogato:

«La risurrezione come un movimento

già iniziato nelle cose»

(Davide Rondoni, “Verso Sansepolcro”, in Avrebbe amato chiunque, Guanda 2003).

L'articolo Pasqua: Betori ‘tuona’ contro interessi ‘etnici o nazionali’ proviene da www.controradio.it.

Caritas diocesana, Riccardo Bonechi è nuovo direttore

Caritas diocesana, Riccardo Bonechi è nuovo direttore

L’arcivescovo di Firenze, cardinale Giuseppe Betori ha nominato nuovo direttore della Caritas diocesana Riccardo Bonechi, dopo le dimissioni di Alessandro Martini.

Bonechi, 66 anni, sposato, due figli, è già vicepresidente della Fondazione Solidarietà Caritas Onlus che ha in carico la gestione operativa dei servizi (mense, centri di ascolto, case d’accoglienza ecc), ed è presidente della Cooperativa editrice del settimanale Toscana Oggi.
Sotto la guida di Bonechi, si legge in una nota, la Caritas proseguirà con l’attività pastorale nelle parrocchie, nelle famiglie, nelle scuole per accrescere una spiritualità di comunione ecclesiale della carità e del servizio ai poveri.
“Ringrazio Riccardo Bonechi per aver accettato questo incarico che ha una grande valenza pastorale – dice il cardinale Giuseppe Betori -. La Caritas è l’espressione di una chiesa che attraverso la carità testimonia il Vangelo. La Caritas è uno strumento significativo per far conoscere a tutta la comunità situazioni di sofferenza e di bisogno perchè ognuno si senta coinvolto e stimolato ad un impegno generoso. Ed è sempre più importante svolgere un’azione formativa e informativa nelle nostre parrocchie, fra i ragazzi per mettere al centro l’uomo, educare al rispetto della dignità delle persone, confrontarsi con le problematiche della marginalità sociale e dell’immigrazione.
Sul tema educativo la Caritas da tempo è poi anche impegnata nel proporre la visione cristiana della salvaguardia del creato, di cui l’uomo è chiamato ad essere custode: da qui le iniziative per il rispetto dell’ambiente, contro lo spreco alimentare, o per promuovere uno stile di vita sostenibile”.
“Assumo con responsabilità l’impegno che mi è stato chiesto a servizio della Chiesa fiorentina – commenta Riccardo Bonechi -. Ringrazio l’arcivescovo per la fiducia accordatami e sono lieto di portare il mio contributo per continuare a promuovere nella nostra comunità la cultura della solidarietà e dell’attenzione al prossimo, soprattutto quello più fragile e in difficoltà”.

L'articolo Caritas diocesana, Riccardo Bonechi è nuovo direttore proviene da www.controradio.it.

Papa sceglie Padre Bernardo Gianni per Esercizi spirituali

Papa sceglie Padre Bernardo Gianni per Esercizi spirituali

Sarà Padre Bernardo Gianni, abate dell’abbazia di San Miniato al Monte di Firenze, a tenere le meditazioni durante gli Esercizi spirituali della curia romana fissati dal 10 al 15 marzo. E’ quanto anticipa il Corriere Fiorentino precisando che manca solo l’annuncio ufficiale del Vaticano, atteso nel giro di breve tempo.

Papa Francesco, che interromperà nei giorni degli Esercizi tutte le udienze – anche quella generale del 13 marzo -, avrebbe scelto padre Bernardo in una terna di nomi.

La decisione, secondo il quotidiano, sarebbe da riferirsi alla stima che cominciò a maturare nel Pontefice verso padre Bernardo quando l’abate fu membro della giunta del Comitato preparatorio nazionale per il convegno della Cei, che si tenne a Firenze nel 2015 e che venne guidato dal Santo Padre.

Padre Bernardo Gianni, ricorda il Corriere Fiorentino, è un benedettino olivetano che, a un immenso studio della teologia e delle Sacre Scritture, unisce una intensa attività sui social network.

Nato nel 1968 a Prato, ricevette la conversione e la vocazione nella notte di Natale del 1992, nella chiesa di Rosano. Divenne monaco, poi priore dal 2009, quindi dal 2015 abate a vita della abbazia di San Miniato al Monte, che sta celebrando peraltro il millenario dalla fondazione. Venne eletto abate dal capitolo dei monaci benedettini olivetani e consacrato dal cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze.

L'articolo Papa sceglie Padre Bernardo Gianni per Esercizi spirituali proviene da www.controradio.it.

Epifania: Firenze, tanti in Arno e per Cavalcata Magi

Epifania: Firenze, tanti in Arno e per Cavalcata Magi

Befana dappertutto a Firenze: in Arno coi canottieri, in periferia a Brozzi e poi nel pomeriggio alla Loggia dei Lanzi mentre a poca distanza è sfilata la tradizionale Cavalcata dei Magi, da Palazzo Pitti al Duomo.

Queste alcune delle più seguite iniziative nel capoluogo toscano, a cui molti cittadini, ma anche tanti turisti, fra cui numerosi bambini, hanno potuto assistere o partecipare seguendo il ricco programma previsto per il giorno dell’Epifania.
Di mattina c’è stata la Befana dei Canottieri Comunali nel fiume Arno con traghettamento di genitori e bambini a bordo di imbarcazioni, in pratica una gita dove numerose ‘befane’,
remavano o pagaiavano. Tante le calze donate. Poi a Brozzi, periferia nord, la Befana ha spostato il suo raggio d’azione comparendo nella piazza del borgo storico. Ribadita anche
quest’anno la Befana del vigile urbano con le auto d’epoca del Camet i cui conducenti hanno raggiunto l’ospedale pediatrico Meyer. Quindi, nel pomeriggio tradizionale Cavalcata dei Magi, evento che si ripete ogni anno e affonda radici in tempi remoti, al XV secolo quando una compagnia intitolata ai Santi Re Magi, di cui facevano parte i maggiori componenti della famiglia dei Medici, organizzava un fastoso corteo. Dal 1997 l’Opera di Santa Maria del Fiore ha voluto riprendere questa tradizione organizzando un solenne corteo di figuranti con in testa i Re Magi a cavallo. La manifestazione si svolge, sotto gli auspici dell’Arcidiocesi e del Capitolo del Duomo, con il patrocinio del Comune di Firenze e la partecipazione dei comuni della provincia. Presente anche il sindaco Dario Nardella, che ha seguito anche le iniziative della mattina, Luca Bagnoli, presidente dell’Opera di Santa Maria del Fiore, e il cardinale Giuseppe Betori che ha parlato del significato dell’Epifania. Befane in piazza anche a Prato e Pistoia con i vigili del fuoco che nei panni della vecchietta sono scesi dai campanili delle cattedrali. A terra, notevole distribuzione di caramelle e dolciumi a moltissimi bambini.

L'articolo Epifania: Firenze, tanti in Arno e per Cavalcata Magi proviene da www.controradio.it.

Epifania, Betori: “comportamento Erode condanna potere chiuso”

Epifania, Betori: “comportamento Erode condanna potere chiuso”

I Magi “mostrano un’apertura della mente e una disponibilità della volontà che contrasta con la chiusura di chi esercita il dominio nel mondo ebraico del tempo, una chiusura che si esprime come paura e ostilità nell’autorità politica e come superficialità e indifferenza in chi ha in mano le chiavi del sapere culturale e religioso”. Lo ha detto l’arcivescovo di Firenze, cardinale Giuseppe Betori, nel corso dell’omelia per l’Epifania, in cattedrale.

“Chi dovrebbe prendersi cura del benessere del popolo si mostra ostile, temendo di perdere il proprio potere; chi dovrebbe orientare l’esistenza del popolo verso il bene appare
incapace di esercitare la propria responsabilità di guida e di compromettersi in prima persona nella ricerca”, ha ripreso il cardinale Betori.
“Il comportamento di Erode suona condanna di ogni potere chiuso nelle proprie visioni ideologiche, nei propri privilegi e interessi”, ha continuato.
Oggi il Papa ci insegna a dilatare il nostro sguardo “verso le frontiere, verso quei margini della società dove vengono abbandonati coloro che fanno più fatica, subiscono oppressioni,
scontano le debolezze causate dalle vicende della vita e i mali prodotti dalle violenze che si scatenano nella storia”, ha concluso l’arcivescovo di Firenze.

L'articolo Epifania, Betori: “comportamento Erode condanna potere chiuso” proviene da www.controradio.it.