Domani Rossi da Conte: “Sbloccare lavori ospedale Cisanello”

Domani Rossi da Conte: “Sbloccare lavori ospedale Cisanello”

All’inizio di febbraio il Tar ha bloccato l’aggiudicazione dei lavori al vincitore della gara perché non ha rispettato la clausola di segretezza.

“Al presidente del Consiglio domani porrò la questione della necessità di non attendere la fine dei contenziosi legali che riguardano la realizzazione di grandi opere pubbliche. Il Governo deve trovare una soluzione perché le ragioni del pubblico siano tutelate e si possa procedere con i lavori. Gli interessi delle imprese sono sempre legittimi, ma sono comunque interessi privati. A noi non importa chi effettuerà i lavori quanto che possano essere fatti nei tempi previsti. E che i lavori per la realizzazione del nuovo ospedale di Pisa siano sbloccati. Chiederò a Giuseppe Conte di trovare una soluzione per casi come questo. Occorre concertare tra Stato e Regioni per quali opere l’interesse pubblico deve prevalere su quello privato. E l’interesse pubblico è che si possa procedere con la realizzazione di grandi e fondamenta li opere, senza ritardi e senza costi aggiuntivi dovuti al prolungarsi dei tempi”.

Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi nel corso del briefing che ha avuto presso la Presidenza della Regione, in Palazzo Strozzi Sacrati, con i giornalisti.

Il presidente Rossi ha citato il caso dell’ospedale di Cisanello, a Pisa, dove sono previsti lavori per oltre 1 miliardo di euro. All’inizio di febbraio il Tar ha bloccato l’aggiudicazione dei lavori al vincitore della gara perché non ha rispettato la clausola che impone di tenere segreto il nome del Real Estate Manager e avrebbe fornito indicazioni errate su questa figura e sul responsabile del progetto.

Anche la seconda arrivata, autrice del ricorso al giudice amministrativo, avrebbe violato la clusola di segretezza. Quindi per il Tar anch’essa dovrebbe essere esclusa e l’Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana dovrebbe assegnare i lavori alla terza classificata.

In attesa del pronunciamento del Consiglio di Stato, l’AOUP sta procedendo ai controlli anche su questa, ma i tempi di aggiudicazione dei lavori non si preannunciano brevi.

L'articolo Domani Rossi da Conte: “Sbloccare lavori ospedale Cisanello” proviene da www.controradio.it.

Mansi (Confindustria): infrastrutture, “cantieri sono strumenti anticiclici”

Mansi (Confindustria): infrastrutture, “cantieri sono strumenti anticiclici”

I cantieri delle grandi opere italiane “sono strumenti anticiclici, in un periodo in cui l’economia ci sta preoccupando perché il commercio globale è chiaramente rallentato, siamo in una situazione di sostanziale recessione quindi abbiamo bisogno proprio di un’iniezione e di un ‘buster’ che ci possa consentire di avere una spinta ed una marcia in più”. Lo ha detto Antonella Mansi, vicepresidentessa di Confindustria, a margine dell’evento sui rapporti Toscana-Usa in corso oggi a Firenze, parlando con i giornalisti dell’importanza di sbloccare i cantieri.

Parlando poi del via libera allo sviluppo dell’aeroporto di Firenze da parte della Conferenza dei servizi, Mansi ha detto che “è un passaggio che ci da’ fiducia che a questo punto si possa cominciare concretamente a guardare ad una nuova infrastruttura che possa essere all’altezza del bisogno, ma anche all’altezza dei nostri talenti e delle nostre caratteristiche territoriali che sono vocate all’esportazione, all’internazionalizzazione e quindi essere attrattivi e poter usufruire di infrastrutture adeguate è certamente un punto di vantaggio competitivo, ma anche di crescita sociale del territorio”.
Mansi inoltre ha affermato che definire il premier italiano Giuseppe Conte ‘burattino’ durante una seduta al Parlamento europeo “non va bene, noi il senso delle istituzioni ce l’abbiamo e ce l’abbiamo profondo”.
La vicepresidentessa ha aggiunto che “dobbiamo anche abbassare i toni in termini generali e tornare a parlare delle questioni che interessano le persone, e dunque il lavoro principalmente e la crescita economica che poi è la premessa perché il benessere si possa creare e distribuire”.

L'articolo Mansi (Confindustria): infrastrutture, “cantieri sono strumenti anticiclici” proviene da www.controradio.it.

Tramvia, Bonafè: ‘Bene finanziamento UE per estensione’

Tramvia, Bonafè: ‘Bene finanziamento UE per estensione’

La segretaria del Pd Toscano, Simona Bonafè: “Un finanziamento che dimostra l’utilità per i nostri cittadini di far parte dell’Europa e che evidenzia come Conte e i suoi due sodali, Di Maio e Salvini, siano i peggiori nemici degli italiani”.

“È notizia di queste ore, una gran bella notizia, il via libera della Commissione Ue al finanziamento dell’estensione del tramvia di Firenze fino a Bagno a Ripoli, per un importo di 40 milioni. Un finanziamento che dimostra l’utilità per i nostri cittadini di far parte dell’Europa e che evidenzia come Conte e i suoi due sodali, Di Maio e Salvini, siano i peggiori nemici degli italiani perché col loro anti-europeismo sovranista e i loro no alle opere pubbliche li stanno solo danneggiando”. Lo scrive su facebook l’eurodeputata, e segretaria del Pd toscano, Simona Bonafè.

“Con i no alle opere pubbliche, come ad esempio il Tav in Piemonte o il sottoattraversamento Tav da Firenze – aggiunge Bonafè -, porteranno al blocco dei finanziamenti europei per i prossimi 5 anni. Pensate a cosa accadrebbe per la crescita e l’occupazione solo in Toscana dove, secondo i calcoli della Regione, abbiamo opere pubbliche da fare e completare per quasi 3,5 miliardi e che non vedrebbero più i previsti sostegni finanziari Ue”.

Per Bonafè, “con i loro No non solo bloccano lo sviluppo e danneggiano l’ambiente ma costringeranno il Paese a restituire alla Ue i soldi che l’Europa ha messo in quel progetto escludendoci anche da altri contratti. Se questo anti-europeismo gialloverde non è un suicidio, ditemi voi cosa è”

L'articolo Tramvia, Bonafè: ‘Bene finanziamento UE per estensione’ proviene da www.controradio.it.

Decreto Sicurezza: incontro Conte-sindaci, Anci “richieste accolte in parte”

Decreto Sicurezza: incontro Conte-sindaci, Anci “richieste accolte in parte”

Sono state accolte in parte dal governo le richieste presentate dai sindaci in tema di legge sulla sicurezza: lo ha reso noto il presidente dell’Anci Antonio Decaro al termine dell’incontro con il presidente del consiglio Giuseppe Conte.

“Il governo predisporrà circolari esplicative di integrazione delle norme criticate da parte dei sindaci”, ha riferito il presidente Anci. “Abbiamo chiesto interpretazioni sul merito e ora ci sarà un confronto di tipo tecnico”, ha aggiunto. Da ora in poi, ha spiegato ancora Decaro, “verranno comunicati ai Comuni e ai Sindaci i nominativi delle persone domiciliate nei centri di accoglienza”. Inoltre sarà resa uniforme su tutto il territorio nazionale la presa in carico sanitaria dei richiedenti asilo, e tutto ciò riguarderà le Asl. Ci sarà poi “una maggiore attenzione per le categorie vulnerabili, e per questa parte abbiamo sollecitato il governo a inserire il tutto nei circuiti Sprar, tutto ciò al fine di garantire attenzioni di tipo particolare”. Ma in queste ore su questo tema specifico, ha aggiunto Decaro, “siamo rimasti d’accordo per l’avvio di una interlocuzione tecnica”.

Da ultimo l’Anci ha chiesto “maggiori risorse per i minori stranieri non accompagnati, perché dei costi per coloro che poi non dovessero far parte dello Sprar si fanno carico i Comuni”. Per quanto riguarda l’iscrizione all’anagrafe dei richiedenti asilo, ha sottolineato da ultimo Decaro, “tutto è stato risolto in maniera diversa”.

Al tavolo del’Anci “non è stato rappresentato nessun dubbio di costituzionalità, nessuna criticità di rango costituzionale” sulla legge sicurezza. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa. “Correttamente – ha aggiunto – la delegazione Anci ha condiviso il fatto che questo governo ha impresso con questa norma un cambio di rotta, ha ridefinito meglio il sistema di protezione e il sistema di accoglienza”.

“Mi sembra di aver capito che non c’è stata alcuna rimostranza nella delegazione dell’Anci rispetto ai contenuti del decreto. Sono stati aiutati a capire cosa c”è nel decreto che era e rimane esattamente ciò che è. Se poi dieci sindaci su 8mila hanno bisogno di ulteriori chiarimenti glieli daremo”. Lo afferma il vicepremier Matteo Salvini in conferenza stampa a Palazzo Chigi.

L'articolo Decreto Sicurezza: incontro Conte-sindaci, Anci “richieste accolte in parte” proviene da www.controradio.it.

Nardella: “Conte mi ha rassicurato su piano periferie”

Nardella: “Conte mi ha rassicurato su piano periferie”

Il sindaco di Firenze Dario Nardella ha incontrato il Presidente del Consiglio Conte nell’ambito della sua visita all’Università e all’Accademia della Crusca, oltre alle periferie, sul  progetto di potenziamento dello scalo fiorentino, Amerigo Vespucci: ” Il presidente Conte conosce la questione dell’aeroporto: mi ha chiesto una nota nella quale inserirò tutti gli aspetti positivi di una struttura che è attesa ormai da troppi troppi anni, e che non può essere usata come strumento di battaglia politica”.

Per quanto riguarda il piano periferie e sui fondi ad esso collegati, invece, il premier Conte, ha riferito sempre Nardella: “Mi ha detto che auspica di poter arrivare ad una soluzione positiva”.

“Gli ho ribadito – ha spiegato ai cronisti – che come sindaco, come del resto tutti i sindaci hanno detto attraverso la voce del presidente dell’Anci, noi siamo pronti a sederci di nuovo al tavolo, a riallacciare le relazioni istituzionali, a condizione che gli impegni presi vengano mantenuti. A noi non interessa la polemica politica fine a se stessa: ci interessa che questi soldi che riguardano 20 milioni di italiani per la riqualificazione delle periferie vengano erogati secondo gli impegni presi. Spero che l’ottimismo del presidente Conte si realizzi in qualcosa di concreto e rapido”.

“Ogni qual volta ho incontrato il presidente Conte – ha concluso il sindaco – ho sempre avuto un’interlocuzione corretta e rispettosa: e anche oggi, per quanto breve, mi ha soltanto fatto capire che intende approfondire la questione, che tuttavia è di competenza del ministro delle infrastrutture Danilo Toninelli.”

 

L'articolo Nardella: “Conte mi ha rassicurato su piano periferie” proviene da www.controradio.it.