M5S: in Toscana i capolista saranno Licheri e Ricciardi

M5S: in Toscana i capolista saranno Licheri e Ricciardi

Licheri e Ricciardi, parlamentari uscenti, facevano parte del ‘listino’ prioritario di 15 nomi indicati dal presidente del Movimento, Giuseppe Conte; Licheri, oltre che in Toscana, è capolista anche del collegio plurinominale della Sardegna per il Senato.

Dopo le parlamentarie -divise in due fasi: la presentazione e la votazione avvenuta il 16 agosto- M5S  ha scelto i candidati per le prossime elezioni politiche del 25 settembre. In Toscana per il Movimento 5 Stelle Ettore Licheri sarà capolista per il collegio plurinominale del Senato, mentre Riccardo Ricciardi, massese, sarà capolista per i collegi plurinominali Toscana 1 e Toscana 2 della Camera. Andrea Quartini è invece il capolista per il collegio plurinominale Toscana 3.

Questi i nomi comunicati ora dal M5s in seguito alle votazioni del 16 agosto. Licheri e Ricciardi, parlamentari uscenti, facevano parte del ‘listino’ prioritario di 15 nomi indicati dal presidente del Movimento, Giuseppe Conte; Licheri,  è capolista anche del collegio plurinominale della Sardegna per il Senato.

Il fiorentino Quartini, 62 anni, è stato consigliere regionale in Toscana dal 2015 al 2020, ed è stato il secondo più votato dagli iscritti del M5s il 16 agosto per la Camera. Al Senato Licheri è seguito da Manuela Bellandi (502 voti), Gianluca Ferrara (1216 voti) e Donella Bonciani (486 voti).

Ricciardi nel collegio Toscana 1 è seguito da Chiara Bartalini (356 voti), Maurizio Gori (128 voti) e Fiammetta Barbara Tavosanis (181 voti); nel collegio Toscana 2 è seguito da Stella Sorgente (489 voti), Luca Migliorino (666 voti) e Flavia Serena Sandoiu (102 voti). Nel collegio Toscana 3 Quartini è seguito da Francesca Censini (267 voti), Luca Lauricella (122 voti) e Aurora Bartoli (257 voti). (ANSA).

L'articolo M5S: in Toscana i capolista saranno Licheri e Ricciardi da www.controradio.it.

Renzi: chi vota Pd vota per Fratoianni

Renzi: chi vota Pd vota per Fratoianni

Lo ha detto il leader Iv Matteo Renzi intervenendo al Caffè de La Versiliana a Marina di Pietrasanta (Lucca). “A Letta dico: se vuoi perdere le elezioni la prima cosa è dire aumento le tasse” ha aggiunto Renzi

Un fiume in piena. In molti sostengono che Renzi dà il meglio si sè in campagna elettorale (dimenticandosi però il 16% ottenuto dal Pd nel 2018). Di sicuro sul palco della Versiliana è apparso in gran spolvero.

“Oggi chi vota Pd vota per Fratoianni” e “chi vota Di Maio vota per Pd. Non siamo andati via per un problema caratteriale ma perché Pd ha perso se stesso” ha detto tra le altre cose.

“Dalla caduta del governo Letta -ha aggiunto Renzi–  ha fatto una serie di errori. Aveva tre possibilità: urlare allarme, ci sono i fascisti alle porte, lo ha fatto ed è stato un errore. Letta e Meloni poi sono molto amici. Poteva fare un appello repubblicano e chiamare tutti contro questo pericolo. Secondo punto, poteva dire io parto dall’agenda Draghi e poteva fa un raccordo con noi e Azione. Oppure dire io vado da solo con il Pd. Ha fatto invece un appello, ha lasciato noi fuori per rancore personale poi ha allontanato Azione. Poi se vuoi perdere le elezioni la prima cosa è dire aumento le tasse”.

“Io con M5s non ho governato, ho fatto un accordo per mandare a casa Salvini. Pur di bloccare Salvini ho fatto un accordo con i grillini” ha poi precisato Renzi. Che ha aggiunto ancora  “Sibilia ha detto che Calenda e Renzi sono i più antipatici del mondo. Chi è Sibilia? E’ ancora sottosegretario all’Interno, e lo è stato anche troppo, ed è uno che dice che lo sbarco sulla luna non c’è stato. Ma tra un antipatico e un incompetente chi è meglio votare?”.

Infine su Conte “Far cadere il governo Draghi e andare alle urne è un errore clamoroso di Giuseppe Conte su cui hanno messo il carico Salvini e Berlusconi” ha chiosato Renzi.

Che ha concluso “dire che Meloni è fascista è un errore. Ha ragioni culturali che non sono le mie, non è all’altezza di fare la premier per le sue idee economiche e per i suoi alleati”.

L'articolo Renzi: chi vota Pd vota per Fratoianni da www.controradio.it.

Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 16 settembre 2021

Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 16 settembre 2021

Controradio Infonews: ultim’ora, aggiornamenti, cronaca ed eventi in Toscana nella sintesi mattutina di Controradio. Per iniziare la giornata ‘preparati’.

CONTRORADIO INFONEWS – La viceministra per lo Sviluppo economico Alessandra Todde ha convocato il tavolo sulla vertenza Gkn per lunedì 20 settembre alle 15, sia in presenza al Mise che da remoto. “L’azienda non può pretendere un’interlocuzione anche con le parti sindacali – ha affermato Todde – senza considerare che c’è una procedura di licenziamento aperta che, ricordo, scade il 22 di questo mese”. La viceministra  ha visitato ieri la fabbrica di Campi Bisenzio, insieme all’ex premier Giuseppe Conte.
CONTRORADIO INFONEWS – Si è risolta con il pagamento degli stipendi arretrati la vicenda dei 10 dipendenti di una ditta di Napoli che aveva ottenuto in subappalto un cantiere a Pistoia per la realizzazione di 30 appartamenti da destinare al social housing. I lavoratori lo scorso 9 settembre avevano occupato il cantiere, perché da tre mesi non ricevevano lo stipendio. Nel tardo pomeriggio di ieri, al termine di una lunga trattativa tra il sindacato (Filca Cisl) e le due aziende (la società appaltatrice e subappaltatrice) le parti hanno concordato di pagare le spettanze dovute ai 10 lavoratori.
CONTRORADIO INFONEWS- In Toscana la Sala operativa della Protezione civile regionale ha emanato un’allerta meteo fino alle 24 di oggi. Sono previsti rovesci e temporali di forte intensità che colpiranno prima le zone a nord-ovest della regione per poi estendersi in tutta la Toscana.  Scuole chiuse in 13 comuni della Lunigiana  per via dell’allerta meteo. Ai 13 Comuni della Lunigiana si è aggiunto quello di Carrara.   Il Comune di Viareggio (Lucca) informa che saranno chiuse in via precauzionale le pinete e il viale dei Tigli.
CONTRORADIO INFONEWS – Sostenibilità dei sistemi agricoli e alimentari, è il tema al centro del G20 agricoltura a Presidenza Italiana che si terrà a Firenze il 17 e 18 settembre ma che prenderà ufficialmente il via oggi  alle 14.00 con l’Open Forum sull’Agricoltura sostenibile. Un evento G20, organizzato dal ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, che vedrà la partecipazione dei ministri dell’Agricoltura e Delegati dei Paesi G20 e non, di rappresentanti delle organizzazioni degli agricoltori e delle organizzazioni internazionali e di
imprenditrici e imprenditori agricoli. L’apertura e la chiusura dell’evento saranno affidate al ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali,
Stefano Patuanelli.
Un’installazione verde a Firenze per evocare la bellezza del paesaggio agricolo italiano e il rischio di trasformazione e desertificazione che incombe su di esso a causa dei cambiamenti climatici, in un simbolico passaggio dal ‘cerchio del presente’ al ‘cerchio del futuro’. E’ ‘Il cammino del verde’, l’opera che fino al 20 settembre troverà spazio in piazza del Duomo
Taglio del nastro alle 18 a Bagno a Ripoli del nuovo campo sportivo presso l’impianto comunale dei Ponti. Intervengono il sindaco Francesco Casini, Rocco Commisso, Eugenio Giani, Dario Nardella e Luca Lotti.
Al Cenacolo di Santa Croce  “Aspettando Genius Loci. Il futuro della memoria”, una serie di incontri letterari dedicati a figure chiave della nostra identità culturale con la presentazione dei libri: alle 18.30  Aldo Cazzullo racconta ‘Il posto degli uomini’, volume dove esplora e approfondisce le vicende e l’opera del ‘poeta che inventò l’Italia’.

L'articolo Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 16 settembre 2021 da www.controradio.it.

Gkn, Conte: Dl delocalizzazioni è tassello, non soluzione

Gkn, Conte: Dl delocalizzazioni è tassello, non soluzione

Il presidente M5s Giuseppe Conte, arrivato alla Gkn di Campi Bisenzio (Firenze), si è soffermato a parlare fuori dai cancelli coi rappresentanti rsu che gli hanno illustrato la situazione.

Il decreto delocalizzazioni  “non può avere effetto retroattivo e non può risolvere questo problema, ma sicuramente deve essere un tassello che va a integrare una serie di misure che ci devono consentire di gestire quanto più efficacemente le crisi di impresa”. lo ha dichiarato  il presidente M5s, Giuseppe Conte, dopo aver fatto visita ai lavoratori della Gkn di Campi Bisenzio (Firenze). 

“Dobbiamo anche rivedere la legislazione sull’amministrazione straordinaria – ha aggiunto Conte – è un po’ datata, un po’ vecchia, occorre una manutenzione per rafforzare ancor di più la prospettiva della continuità aziendale e poi un altro strumento, che anche nell’esperienza di governo passata ho valutato l’importanza perché all’estero lo usano molto, è il salvataggio da parte dei lavoratori, cioè consentire, favorire che si formino cooperative dei lavoratori che con varie agevolazioni finanziarie possano dare continuità all’azienda”

Conte ha poi reso noto che “ci sarà il 20 settembre un tavolo convocato al Mise da tutti gli attori interessati che speriamo possa scongiurare quello che è un preannunciato licenziamento collettivo. Con la strumentazione legislativa attuale c’è difficoltà a contrastare un’iniziativa della singola azienda di dismettere in blocco e cessare le attività”. Lo ha detto

Conte ha assicurato sostegno affermando che “il M5s è compatto con voi”. Dopo circa un quarto d’ora è ripartito per andare a un evento elettorale a Sesto Fiorentino. Quando è arrivato Conte la vice ministra Alessandra Todde, che aveva varcato i cancelli per parlare coi licenziati, è tornata fuori per andare a incontrare il leader del suo partito. Con Conte c’era l’ex ministro della Giustizia Alfonso Bonafede che non ha fatto dichiarazioni.

L'articolo Gkn, Conte: Dl delocalizzazioni è tassello, non soluzione da www.controradio.it.

GKN: Todde e Conte ai cancelli per parlare con i lavoratori

GKN: Todde e Conte ai cancelli per parlare con i lavoratori

In attesa di convocare il tavolo di crisi sulla  situazione dei 422 lavoratori della Gkn di Campi Bisenzio il viceministro allo sviluppo economico Alessandra Todde e il leader del M5S Giuseppe Conte , incontreranno in tarda mattinata, dopo le 12, i lavoratori in presidio permanente, da circa 3 mesi, davanti ai cancelli della fabbrica.

La vertenza GKN  è a un punto critico: nel tavolo di fine agosto, l’azienda ha confermato di fatto la procedura di licenziamento dei lavoratori. Nel corso dell’incontro di Todde e Conte con i lavoratori  si parlerà probabilmente anche del prossimo dl delocalizzazioni. Sull’atteggiamento dell’azienda la Fiom ha presentato intanto al tribunale di Firenze un ricorso per attività antisindacale per aver chiuso senza preavviso il sito di Campi. La decisione dei giudici dovrebbe arrivare a giorni.
Sarà nel complesso una gornata toscana per il presidente del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte: l’ex premier è in mattinata  a Grosseto, per un’iniziativa a sostegno del candidato sindaco del centrosinistra Leonardo Culicchi, mentre alle 13  sarà a Sesto Fiorentino (Firenze) per sostenere il candidato a sindaco del M5s Giovanni Policastro.
Nel pomeriggio il presidente del M5s sarà a Montevarchi (ore 16) e a Sansepolcro (ore 18) per altre iniziative elettorali legate alle Comunali.
Conte è intervenuto intanto sui temi di politica nazionale.  “Questo governo è nato per due obiettivi: completare la campagna vaccinale e mettere in sicurezza il Paese, e per avviare una buona attuazione del Pnrr: una forza politica che ha accettato di partecipare a questo governo e tradisce una di queste due missioni è una forza politica che prende in giro il suo elettorato, non ha idee chiare, e non fa bene al Paese”.  ha detto  Conte, presidente del in merito alle frizioni nella maggioranza sul Green pass. “Credo che una forza politica che assume una responsabilità di governo debba essere conseguente”, ha proseguito Conte, in una iniziativa elettorale stamani a Grosseto.

L'articolo GKN: Todde e Conte ai cancelli per parlare con i lavoratori da www.controradio.it.