Concerie toscane usate a scopo di riciclaggio

Concerie toscane usate a scopo di riciclaggio

Firenze, denaro frutto di attività illecite per un totale di centinaia di migliaia di euro, che veniva ‘ripulito’ attraverso l’invio ad alcune concerie toscane, con sede tra le province di Firenze e Pisa, grazie a una rete di spedizionieri compiacenti.

Il trasferimento di denaro alle concerie toscane è stato scoperto dai carabinieri nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Firenze che ha portato a due arresti eseguiti su disposizione del gip Silvia Romeo.

Indagate complessivamente 18 persone. In manette, su richiesta del pm Giuseppina Mione, sono finiti due uomini residenti a Napoli, Ciro Taglialatela (figlio di Bruno Taglialatela, esponente di spicco del clan camorristico Lo Russo di Napoli) e Vincenzo Bocchetti.

Le accuse sono di riciclaggio, impiego di denaro di provenienza illecita ed emissione di fatture per operazioni inesistenti. Per l’accusa i due, in qualità di referenti delle ditte ‘Brupel’ e ‘World Pellami’ di Casavatore (Napoli), avrebbero trasferito alle concerie toscane il denaro da riciclare.

In base a quanto emerso, le ditte del Napoletano avrebbero emesso fatture false, verso le concerie del distretto toscano, facendo riferimento a ordini fittizi di merce e ricevendo in cambio pagamenti con bonifici bancari. I soldi venivano poi restituiti in contanti alle ditte del distretto conciario.

Il meccanismo di riciclaggio del denaro, spiegano gli investigatori, è quello già scoperto con l’indagine ‘Vello d’oro’, che portò a 14 arresti il 19 febbraio del 2018. Le indagini, svolte con l’ausilio di attività tecniche e attraverso accertamenti di natura contabile e bancaria, hanno dimostrato che, nell’estate del 2015, Ciro Taglialatela e Vincenzo Bocchetti erano subentrati a soggetti calabresi legati alle famiglie di ‘ndrangheta dei Nirta e dei Barbaro, rilevando i rapporti illeciti di natura economica con gli imprenditori toscani. Intermediario tra gli imprenditori rimaneva Cosma Damiano Stellitano, tra gli arrestati nel febbraio 2018.

In base a quanto accertato dai carabinieri, il denaro versato in contanti alle attività economiche toscane veniva impiegato principalmente per retribuire le prestazioni ‘fuori busta’ dei lavoratori dipendenti, riducendo gli esborsi di carattere previdenziale.

Le fatture per operazioni inesistenti venivano invece utilizzate dai medesimi imprenditori toscani per abbattere gli utili dichiarando elementi passivi fittizi, ai fini di evadere le imposte sul reddito o sul valore aggiunto.

Tra i 18 indagati figurano collaboratori dei due arrestati, titolari di imprese toscane e responsabili di ditte di spedizioni, tutti già perquisiti nell’ambito delle indagini nell’ottobre del 2018.

L'articolo Concerie toscane usate a scopo di riciclaggio proviene da www.controradio.it.

Blitz dei Carabinieri nella notte, arresti per traffico stupefacenti

Blitz dei Carabinieri nella notte, arresti per traffico stupefacenti

Firenze operazione dei Carabinieri iniziata la notte tra mercoledì e giovedì, coordinata dalla Procura Distrettuale Antimafia di Firenze, finalizzata a contrastare il traffico di stupefacenti su larga scala.

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Firenze hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP di Firenze nei confronti di 8 soggetti localizzati nelle province di Firenze, Pistoia, Pisa e Vibo Valentia.

Le indagini, che sono il frutto di una precedente operazione conclusa nel maggio 2019, hanno permesso di disvelare un fiorente traffico di sostanze stupefacenti nella provincia di Firenze, con il coinvolgimento di un soggetto contiguo alla ‘ndrangheta in provincia di Vibo Valentia.

Il provvedimento è stato emesso a conclusione delle indagini dirette dal Sost. Proc. Dott.ssa Giuseppina Mione e svolte, nel periodo ottobre 2018 – marzo 2019, dal Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale dei Carabinieri di Firenze, che hanno consentito di disvelare un fiorente traffico di sostanze stupefacenti.

L'articolo Blitz dei Carabinieri nella notte, arresti per traffico stupefacenti proviene da www.controradio.it.

Firenze: trovato cadavere pensionato in villa, indaga la polizia

Firenze: trovato cadavere pensionato in villa, indaga la polizia

Accertamenti della polizia sono in corso da alcune ore sul cadavere di un pensionato di 84 anni, trovato morto questa mattina in una villa alla periferia sud di Firenze.

Sul posto sono intervenuti squadra volante, squadra mobile e la Scientifica; presente anche il sostituto procuratore Giuseppina Mione, magistrato di turno ed è previsto un sopralluogo del medico legale. Secondo quanto appreso, gli accertamenti avrebbero rilevato profonde lesioni al volto dell’84enne, trovato morto nella villa, di cui, al momento, non sarebbe chiara la causa. Sul punto circolerebbero tra gli investigatori varie ipotesi

(Notizia in aggiornamento)

L'articolo Firenze: trovato cadavere pensionato in villa, indaga la polizia proviene da www.controradio.it.