Follonica: trovato cadavere donna in mare

Follonica: trovato cadavere donna in mare

Il cadavere di una donna di circa 70 anni è stato recuperato in mare questa mattina a Follonica (Grosseto).

L’anziana era stata vista da alcuni bagnanti circa un’ora prima sulla spiaggia. Ancora da stabilire le cause del decesso ma non si esclude l’ipotesi di un malore. Il corpo della donna è stato portato a riva nella spiaggia nella zona centrale della città. Sul posto carabinieri, guardia costiera e polizia municipale.

L'articolo Follonica: trovato cadavere donna in mare proviene da www.controradio.it.

Livorno: prodotti ittici congelati venduti per freschi, sequestrati

Livorno: prodotti ittici congelati venduti per freschi, sequestrati

Quasi 100 kg di prodotti ittici congelati, spacciati ai clienti per freschi, e pesce comune offerto come pregiato, sono stati sequestrati dalla guardia costiera di Livorno dopo un controllo in un ristorante di un campeggio sul litorale sud della costa livornese.

I militari hanno denunciato per frode in commercio la titolare, una ristoratrice livornese di 33 anni, e hanno acquisito la documentazione su tonni pinne gialle congelati servito ai tavoli nei giorni scorsi sotto il nome del più costoso tonno rosso del Mediterraneo.

Dai controlli dei punti vendita al dettaglio, invece, nella zona di Ardenza sono stati rinvenuti alcuni chilogrammi di telline di cui il commerciante, un cinquantenne livornese che è stato sanzionato per 1.500 euro, non ha saputo dimostrare la provenienza: nessuna fattura, nessun documento di accompagnamento. L’ipotesi dei militari è che le telline sequestrate provenissero da attività di pesca illecite svolte presumibilmente nella zona di Tirrenia, attualmente ‘declassificata’ in termini di salubrità per la cattura dei molluschi, condizione che rende necessaria l’esecuzione delle rigorose procedure per la depurazione del prodotto prelevato.

L'articolo Livorno: prodotti ittici congelati venduti per freschi, sequestrati proviene da www.controradio.it.

Cecina: sequestrate 1.5 tonnellate di pesce scaduto

Cecina: sequestrate 1.5 tonnellate di pesce scaduto

Sequestrate a Cecina 1.5 tonnellate di pesce scaduto dalla guardia Costiera, per il proprietario 3500 euro di sanzioni.

Sequestrate 1.5 tonnellate di pesce scaduto da più di un anno a seguito di un controllo svolto ieri a Cecina (Livorno) dalla guardia Costiera livornese in un centro di lavorazione e vendita all’ingrosso di pesce fresco e congelato.

Il nucleo ispettori pesca della direzione marittima della Toscana ha effettuato controlli nei magazzini di stoccaggio della merce, esaminando le informazioni sulla tracciabilità dei prodotti conservati: l’ispezione ha permesso di rilevare una partita di 1.400 kg di calamari, polpi, orate e branzini priva di certificazione, con gran parte della merce congelata che in etichetta aveva date di scadenza superate da quasi un anno.

È scattato dunque il sequestro per evitare che la merce venisse immessa sul mercato, mentre al titolare dell’esercizio commerciale sono state notificate sanzioni amministrative per un ammontare di 3500 euro.

L'articolo Cecina: sequestrate 1.5 tonnellate di pesce scaduto proviene da www.controradio.it.

Ultraleggero ammara e affonda nel Tirreno

Ultraleggero ammara e affonda nel Tirreno

Follonica, la Guardia costiera di Piombino è intervenuta nel pomeriggio a seguito di un incidente in mare che ha coinvolto una persona a bordo di un ultraleggero che è ammarato per un guasto tecnico nel Golfo di Follonica (Grosseto) e poi si è inabissato a 13 metri di profondità.

In salvo il pilota dell’ultraleggero, un 58enne della provincia di Arezzo, soccorso quasi subito dall’equipaggio di una barca da diporto che ha proseguito per il porto di Scarlino dove c’erano i sanitari del 118 per il primo soccorso medico.

Secondo quanto emerge, il pilota è risultato in buone condizioni di salute.

L’intervento della guardia costiera è scattato per una chiamata di emergenza al numero 1530 fatta da un diportista che ha assistito ‘in diretta’ all’ammaraggio del velivolo, avvenuto a circa un miglio dalla spiaggia di Cala Martina.

Subito la guardia costiera di Piombino ha inviato una motovedetta per soccorrere il pilota il quale, comunque, all’arrivo dei militari, era già stato preso a bordo di un’imbarcazione privata.

La motovedetta ha scortato l’imbarcazione fino al Puntone di Scarlino dove era stato allertato il 118.

L’ultraleggero, uno ‘Storm 300’, si è intanto inabissato, successivamente lo stesso pilota aretino, imbarcato sulla motovedetta, ha indicato ai militari il punto esatto dell’ammaraggio e in questo punto è stato fissato un galleggiante con boa di segnalazione per successive operazioni di recupero del mezzo che dovranno essere effettuate a cura del proprietario.

L'articolo Ultraleggero ammara e affonda nel Tirreno proviene da www.controradio.it.