Pisa: viaggiatore scappa alla vista dei cani antidroga, arrestato

Pisa: viaggiatore scappa alla vista dei cani antidroga, arrestato

Un viaggiatore che scendeva da un treno proveniente da Genova ha provato a scappare alla vista dei cani antidroga della Guardia di Finanza, ma è stato arrestato dopo un breve inseguimento. Con sè mezzo kg di stupefacente

Non è passato inosservato mentre scendeva dal treno proveniente da Genova con una grossa e pesante valigia a quadretti. Il cittadino di 33 anni, appena si è accorto della presenza dei cani antidroga della Guardia di Finanza ha cercato di scappare abbandonando il bagaglio nel sottopassaggio della stazione centrale, ma è stato fermato subito dopo da un’altra pattuglia che bloccava le vie di fuga.

All’interno del trolley sono stati trovati oltre 100 gr di cocaina dentro ad una scarpa e circa 400 gr di hashish nascosti all’interno di una consolle da gioco “Playstation”. La sostanza stupefacente, destinata ad essere smerciata nel mercato cittadino, è stata pertanto sottoposta a sequestro e il responsabile tratto in arresto ed associato al carcere di Pisa. Nel corso del 2018 sono stati sequestrati oltre 80 chilogrammi di droga nel territorio cittadino e individuati 120 soggetti in possesso di sostanze stupefacenti destinate allo spaccio o all’uso personale.

L'articolo Pisa: viaggiatore scappa alla vista dei cani antidroga, arrestato proviene da www.controradio.it.

Gdf: sequestrata imbarcazione extra Ue in porto Livorno

Gdf: sequestrata imbarcazione extra Ue in porto Livorno

Sequestrata un’imbarcazione dalla Guardia di Finanza nel porto di Livorno per contrabbando amministrativo. Navigava in acque europee da oltre 18 mesi

Un’imbarcazione da diporto battente bandiera extra Ue, ormeggiata nel porto Mediceo di Livorno, è stata posta sotto sequestro dalla guardia di finanza per contrabbando amministrativo e il proprietario è stato sanzionato per aver evaso 12.100 euro di contributi.

Secondo gli accertamenti delle fiamme gialle, l’imbarcazione, battente bandiera delle Isole Marshall, ha stazionato nelle acque comunitarie per un periodo superiore ai 18 mesi, oltre il quale come stabilisce la normativa doganale dell’Unione europea, il proprietario avrebbe dovuto formalizzare l’importazione nel territorio comunitario con il pagamento dell’Iva dovuta. La sanzione applicabile al proprietario dell’imbarcazione va dai 5 ai 50 mila euro.

L'articolo Gdf: sequestrata imbarcazione extra Ue in porto Livorno proviene da www.controradio.it.

Gdf: sequestrata imbarcazione extra Ue in porto Livorno

Gdf: sequestrata imbarcazione extra Ue in porto Livorno

Sequestrata un’imbarcazione dalla Guardia di Finanza nel porto di Livorno per contrabbando amministrativo. Navigava in acque europee da oltre 18 mesi

Un’imbarcazione da diporto battente bandiera extra Ue, ormeggiata nel porto Mediceo di Livorno, è stata posta sotto sequestro dalla guardia di finanza per contrabbando amministrativo e il proprietario è stato sanzionato per aver evaso 12.100 euro di contributi.

Secondo gli accertamenti delle fiamme gialle, l’imbarcazione, battente bandiera delle Isole Marshall, ha stazionato nelle acque comunitarie per un periodo superiore ai 18 mesi, oltre il quale come stabilisce la normativa doganale dell’Unione europea, il proprietario avrebbe dovuto formalizzare l’importazione nel territorio comunitario con il pagamento dell’Iva dovuta. La sanzione applicabile al proprietario dell’imbarcazione va dai 5 ai 50 mila euro.

L'articolo Gdf: sequestrata imbarcazione extra Ue in porto Livorno proviene da www.controradio.it.

Fisco: agricoltore svende 75 case e terreni,scatta sequestro

Fisco: agricoltore svende 75 case e terreni,scatta sequestro

Accade a Siena, un agricoltore svende 75 case e terreni come espediente per non pagare le tasse, doveva dare 8 milioni di euro di imposte

Maxi-sequestro di 75 beni, tra unità immobiliari e terreni, per un valore complessivo di circa 6 milioni di euro, a un agricoltore di Montepulciano (Siena) che per non pagare le tasse si era spogliato in modo fittizio del patrimonio, assegnandolo a una società di famiglia da lui stesso gestito. L’operazione è della guardia di finanza del comando provinciale di Siena a seguito di indagini coordinate dalla procura della Repubblica di Siena.

L’assegnazione del patrimonio a una nuova società secondo gli investigatori sarebbe stato un espediente dell’indagato per rendere infruttuoso il procedimento di riscossione coattiva delle imposte, che avrebbe dovuto versare all’erario dopo un accertamento fiscale e che ammontano a circa 8 milioni di euro.

Le Fiamme Gialle hanno ricostruito nel dettaglio la serie di operazioni fraudolente fatte dall’imprenditore per alienare totalmente il patrimonio. In particolare ha suscitato il sospetto dei finanzieri un’operazione di vendita di immobili a prezzi stracciati, poche migliaia di euro, un prezzo di gran lunga inferiore al loro valore di mercato, che è milionario.
Così sono scattate le procedure cautelari sugli immobili, che erano stati sottratti alla riscossione coattiva dell’Erario.

L'articolo Fisco: agricoltore svende 75 case e terreni,scatta sequestro proviene da www.controradio.it.

Fisco: agricoltore svende 75 case e terreni,scatta sequestro

Fisco: agricoltore svende 75 case e terreni,scatta sequestro

Accade a Siena, un agricoltore svende 75 case e terreni come espediente per non pagare le tasse, doveva dare 8 milioni di euro di imposte

Maxi-sequestro di 75 beni, tra unità immobiliari e terreni, per un valore complessivo di circa 6 milioni di euro, a un agricoltore di Montepulciano (Siena) che per non pagare le tasse si era spogliato in modo fittizio del patrimonio, assegnandolo a una società di famiglia da lui stesso gestito. L’operazione è della guardia di finanza del comando provinciale di Siena a seguito di indagini coordinate dalla procura della Repubblica di Siena.

L’assegnazione del patrimonio a una nuova società secondo gli investigatori sarebbe stato un espediente dell’indagato per rendere infruttuoso il procedimento di riscossione coattiva delle imposte, che avrebbe dovuto versare all’erario dopo un accertamento fiscale e che ammontano a circa 8 milioni di euro.

Le Fiamme Gialle hanno ricostruito nel dettaglio la serie di operazioni fraudolente fatte dall’imprenditore per alienare totalmente il patrimonio. In particolare ha suscitato il sospetto dei finanzieri un’operazione di vendita di immobili a prezzi stracciati, poche migliaia di euro, un prezzo di gran lunga inferiore al loro valore di mercato, che è milionario.
Così sono scattate le procedure cautelari sugli immobili, che erano stati sottratti alla riscossione coattiva dell’Erario.

L'articolo Fisco: agricoltore svende 75 case e terreni,scatta sequestro proviene da www.controradio.it.