Scandicci (FI): apre nuovo stabilimento Gucci

Scandicci (FI): apre nuovo stabilimento Gucci

Si tratta di un investimento ritenuto necessario per fronte alla crescita della domanda di prodotti Gucci, raddoppiata negli ultimi tre anni. La griffe nel 2017 ha assunto 500 nuovi dipendenti, di cui 130 sono già al lavoro nel nuovo ArtLab, inoltre entro l’anno ne assumerà altri 400 (la candidatura può essere inviata sul sito)

Gucci ha inaugurato oggi, alla presenza anche di Francois-Henri Pinault, il nuovo stabilimento per pelletteria e calzature: si chiama ArtLab, un centro da 37.000 mq e 800 dipendenti, a Scandicci Firenze), poco lontano dalla storica sede di Casellina. Un investimento ritenuto necessario per fronte alla crescita della domanda di prodotti Gucci, che è raddoppiata negli ultimi tre anni: gli accessori della griffe disegnati dal direttore creativo Alessandro Michele sono un sempre più ‘must’  a livello internazionale: pelletteria e calzature pesano il 70% del totale delle vendite Gucci a fine 2017.
 “Gucci ha raddoppiato la capacità produttiva in un tempo limitato. Non sarebbe stato possibile senza la capacità degli artigiani di reagire. Senza questo non avremmo potuto fare un +45% l’anno scorso” spiega il ceo Marco Bizzarri.
“E’ interessante come siamo partiti, a marzo 2015 incontrai Massimo Rigucci (responsabile pelletteria e calzature, e dell’ArtLab), mi parlò di come andavano le vendite degli accessori – continua Bizzarri -. Oggi siamo qui, orgogliosi di questo centro che non ha rivali, è l’investimento di gran lunga più grande della storia industriale di Gucci”. All’interno dell’ArtLab prendono forma le attività di prototipia della pelletteria, ricerca e sviluppo dei nuovi materiali, laboratori per test, laboratorio accessori, formificio interno e tacchificio per le calzature, laboratorio bambù per l’area pelletteria e l’area pre-industrializzazione.

L'articolo Scandicci (FI): apre nuovo stabilimento Gucci proviene da www.controradio.it.

Shopping solidale MERC’ANT

Anche quest’anno torna lo shopping solidale MERC’ANT con le grandi firme organizzato dalla Fondazione ANT,che dal 1978 si occupa di assistenza socio-sanitaria domiciliare per i malati oncologici. Da Venerdì 22 a Domenica 24 Novembre il Palazzo Borghese si trasformerà in una grande boutique solidale dove saranno esposti e offerti al pubblico articoli di abbigliamento, accessori, pelletteria messi a disposizione da circa 90 aziende di moda allo scopo di raccogliere fondi a favore della Fondazione ANT. Il Merc’ANT è organizzato dalla Delegazione ANT di Firenze con il Patrocinio del Comune di Firenze.

Giunta alla sua X edizione, la manifestazione di raccolta fondi si svolgerà nelle giornate del 22, 23 e 24 novembre in una location storica e di grande prestigio come Palazzo Borghese-Aldobrandini – in Via Ghibellina 110  dalle 10 alle 19, con orario continuato. L’evento è possibile grazie al prezioso supporto di: Palazzo Borghese, Anteprima Florence, Accademia Italiana Arte, Moda e design, Omikron – per l’allestimento e l’illuminazione – e Roland’s, che durante i tre giorni offrirà, a partire dalle 16, una degustazione di cioccolatini.

Elenco aziende partecipanti :
ABC, Alex & Co., Alta Rosa, Alviero Martini 1° Classe, Angela Caputi Giuggiù, Anichini, Aprosio & Co.,  Ash, Atelier Profumo Artistico Firenze, Beauty San, Benetton, Bettina, Bijoux Cascio, Boldrini selleria, Borgogni, Braccialini, Bresciani, Brogden Customer Care, Brunello Cucinelli, Bruno Carlo, Bulgari, CAF-Cuoio Artistico Fiorentino, Camarlinghi Capaf, Cecchi & Cecchi, Chiara Guia’s, Claude V., Claudia pelletteria, Club della Moda, Compagnia del Viaggio, Cottymarianne, Desmo, Dettagli per donzelle, comari e sognatori, Dolomite, Ducal calzaturificio, Effebi pelletterie, El Campero, Emilio Cavallini, Emilio Pucci, Ermanno Scervino, Evatini, Exin Group, Faliero Sarti-L’accessorio, Franco Rossi, Fratelli Peroni, Gallo spa, Gianfranco Lotti BMB, Gimignani Patrizia, Gi’n’Gi, GiuliaCarla Cecchi, Gucci, Happy Jack, IVV, Il Bisonte industriale, Leto,  Linea Emmeti, Lorenzo Villoresi, Luisa Via Roma, Maglieria Artigiana-Somers, Mamo, Marco Oliva, Marol, Moon Boot, Montblanc, Montgomery, Morbar, Nannini, Nesti Dante, Nieri Argenti, Nobili Cashmere,  Orobianco, Osvaldo Benvenuti 1947 Firenze, Pal Zileri, Pupa, Quelle Tre, Regina Schrecker, Roberto Cavalli, Salvatore Ferragamo, Sapaf, Save the Queen, Sigma Gi, Stefanel, Teresa Cambi Firenze, Tessilarte, The Bridge, The End, Woolgroup Italia.

Gucci Museo e i bambini

Gucci Museo, polo culturale dedicato all’archivio Gucci e all’ arte contemporanea, presenta CreaKids: quattro innovativi percorsi didattici e laboratori manuali ispirati al Museo e alle sue attività tra Storia, Moda e Arte.


La città laboratorio – porterà i bambini in giro per Firenze alla scoperta di palazzi, strade e chiese che recano tutt’oggi le insegne degli artieri delle corporazioni maggiori e minori che, con estro e ingegno, hanno reso la città una grande capitale internazionale dell’arte, dell’artigianato e del  commercio.
Il percorso  si concluderà all’interno del museo, che ancora conserva gli stemmi originali dell’antico Tribunale, e dove i giovani partecipanti realizzeranno una personalissima interpretazione di una delle insegne.

Florario- condurrà i bambini nel giardino incantato delle leggende e dei simboli di piante e fiori. Dai più noti artisti del Rinascimento fino ad Andy Warhol, il rigoglio della natura raffigurato in dipinti, sculture e miniature, ha da sempre accompagnato le rappresentazioni artistiche, celando messaggi segreti o colti riferimenti.
Successivamente gli alunni saranno invitati a creare a loro volta un “giardino fiorito”, seguendo l’esempio dello straordinario foulard Flora, creato nel 1966 da Vittorio Accornero per Grace Kelly, e oggi conservato nello stesso Museo Gucci.

Tipi alla moda!- Il laboratorio, un percorso storico sulla storia dell’abbigliamento,  ripercorrerà il significato sociale dell’abito all’interno dell’iconografia dei grandi ritratti e dei quadri di genere, a partire dal Settecento fino ad arrivare al XX secolo. Alla presentazione in laboratorio seguirà una visita alle sale del Museo, così da poter vedere da vicino come nasce una collezione (le invenzioni, i materiali, le decorazioni), fin dai suoi albori.
Trascorsa la prima ora di laboratorio ‘storico’, possiamo tornare in laboratorio e costruire una valigia (una sagoma in cartoncino da costruire), da decorare con carte, pennarelli, cartoncini e carta velina.

Sostantivo femminile
Gli incontri, rivolti a un pubblico di alunni delle scuole secondarie inferiori e superiori, ma anche alle Accademie e agli Istituti superiori di Design, prenderà spunto dai lavori che gli artisti contemporanei hanno svolto in questo ambito. Si ritiene infatti che un tema delicato e anche impegnativo, come quello dell’immagine che nella nostra società viene data delle donne, con le ben note – e talvolta anche drammatiche – conseguenze sociali che ne derivano, possa essere veicolato in maniera efficace attraverso un percorso storico artistico.
Gli autori e, soprattutto, le autrici confrontatisi con questi temi sono molti, a partire dalle prime performance dell’esule cubana Ana Mendieta (degli anni Sessanta e Settanta) agli eventi di Vanessa Beecroft, dai travestimenti dello stereotipo femminile messi in scena da Cindy Sherman ai manifesti militanti di Barbara Kruger, dalle Guerrilla Girls a Frida Khalo…