Natura Naturans, Stand Up for Africa

Natura Naturans, Stand Up for Africa

Natura Naturans è un progetto dedicato a “arte natura e spiritualità” che inaugura oggi  29 settembre a Pratovecchio presso la sede di HYmmo Art Lab. Di cosa si tratta?

Natura Naturans arte natura spiritualità è una mostra – aperta al pubblico fino al 30 ottobre – che nasce da una residenza d’artista svoltasi in Casentino in occasione della terza edizione di Stand Up For Africa.  Questa bella iniziativa coinvolge artisti che lavorano a Firenze e giovani rifugiati africani, nonché molte realtà associative e istituzionali locali: dall’Unione dei Comuni Montani del Casentino all’amministrazione comunale di Pratovecchio Stia, fino alla Fondazione Giovanni Paolo II.

Il progetto è stato ideato dall’artista Paolo Fabiani e  da Rossella Del Sere, dell’ HYmmo Art Lab.  Qual’è la bella idea di base? Quella di creare un ponte tra le comunità locali e i migranti ospitati. E di crearlo con l’arte contemporanea.

Infatti inclusione e superamento dei pregiudizi possono rimanere solo belle parole. O possono invece, e infatti devono, essere alla base di lavori che aprano nuove prospettive culturali. Soprattutto, il cuore dell’idea è quello di cercare queste nuove prospettive in luoghi speciali che da secoli ospitano centri di spiritualità. Non è certo un caso che l’Eremo di Camaldoli, il Santuario della Verna e l’Eremo di Romena sorgano nel Casentino. Chiunque sia anche solo passato per quelle zone deve aver sentito come il legame tra gli esseri umani e il cielo e la terra vi sia da sempre particolarmente intenso.

 

Come si è realizzato allora il progetto di Natura Naturans? I tre artisti in residenza hanno lavorato  con tre giovani rifugiati che sono ospitati nella provincia di Arezzo. Così, Albien Alushaj, Marina Arienzale e Daniela Pitré, selezionati da Pietro Gaglianò, hanno lavorato in residenza insieme a Peace Alufokhai, venti anni, nato a Benin City, Nigeria, in Italia dal 2017; a Dian Foula Toure, venti anni, nato a Telimele, Guinea, in Italia dal 2017; e a Mouhamed Yaye Traore, ventitre anni, nato a Djugou, Benin, in Italia dal 2016. Paolo Fabiani ha seguito i lavori del workshop in qualità di tutor.

Durante la permanenza a Pratovecchio gli artisti e i giovani coinvolti hanno esplorato i luoghi. Coadiuvati da un’equipe composta da biologi, storici dell’arte e teologi, sono andati alla ricerca delle fonti ispiratrici di Natura Naturans per creare occasioni di riflessione da trasferire nei workshop. La loro è stata una vera e propria full immersion in un’idea potente di sacro. Con il fine di comporre con nuove tessere un mosaico di una nuova visione del mondo e di provare a delineare nuovi panorami, entro i quali ogni essere umano si senta a proprio agio e possa quindi contribuire al bene di tutti.

Natura Naturans, arte natura spiritualità, a cura di Pietro Gaglianò, con Albien Alushaj / Mouhamed Yaye Traore, Marina Arienzale / Peace Alufokhai, Daniela Pitré / Dian Foula Toure si può visitare all’ HYmmo Art Lab, Pratovecchio, dal 29 settembre al 30 ottobre 2018. Orari: su appuntamento tel. +39 347 8404615; +39 380 3285509. Dove richiedere anche info su progetti collaterali.

Natura Naturans avrà un follow-up nel gennaio 2019 a Firenze presso SRISA new project space.

 

Margherita Abbozzo. Tutte le foto di questo articolo sono di Alessandra Cinquemani ed Enrica Quaranta.

 

 

 

L'articolo Natura Naturans, Stand Up for Africa proviene da www.controradio.it.

Natura Naturans, Stand Up for Africa

Natura Naturans, Stand Up for Africa

Natura Naturans è un progetto dedicato a “arte natura e spiritualità” che inaugura oggi  29 settembre a Pratovecchio presso la sede di HYmmo Art Lab. Di cosa si tratta?

Natura Naturans arte natura spiritualità è una mostra – aperta al pubblico fino al 30 ottobre – che nasce da una residenza d’artista svoltasi in Casentino in occasione della terza edizione di Stand Up For Africa.  Questa bella iniziativa coinvolge artisti che lavorano a Firenze e giovani rifugiati africani, nonché molte realtà associative e istituzionali locali: dall’Unione dei Comuni Montani del Casentino all’amministrazione comunale di Pratovecchio Stia, fino alla Fondazione Giovanni Paolo II.

Il progetto è stato ideato dall’artista Paolo Fabiani e  da Rossella Del Sere, dell’ HYmmo Art Lab.  Qual’è la bella idea di base? Quella di creare un ponte tra le comunità locali e i migranti ospitati. E di crearlo con l’arte contemporanea.

Infatti inclusione e superamento dei pregiudizi possono rimanere solo belle parole. O possono invece, e infatti devono, essere alla base di lavori che aprano nuove prospettive culturali. Soprattutto, il cuore dell’idea è quello di cercare queste nuove prospettive in luoghi speciali che da secoli ospitano centri di spiritualità. Non è certo un caso che l’Eremo di Camaldoli, il Santuario della Verna e l’Eremo di Romena sorgano nel Casentino. Chiunque sia anche solo passato per quelle zone deve aver sentito come il legame tra gli esseri umani e il cielo e la terra vi sia da sempre particolarmente intenso.

 

Come si è realizzato allora il progetto di Natura Naturans? I tre artisti in residenza hanno lavorato  con tre giovani rifugiati che sono ospitati nella provincia di Arezzo. Così, Albien Alushaj, Marina Arienzale e Daniela Pitré, selezionati da Pietro Gaglianò, hanno lavorato in residenza insieme a Peace Alufokhai, venti anni, nato a Benin City, Nigeria, in Italia dal 2017; a Dian Foula Toure, venti anni, nato a Telimele, Guinea, in Italia dal 2017; e a Mouhamed Yaye Traore, ventitre anni, nato a Djugou, Benin, in Italia dal 2016. Paolo Fabiani ha seguito i lavori del workshop in qualità di tutor.

Durante la permanenza a Pratovecchio gli artisti e i giovani coinvolti hanno esplorato i luoghi. Coadiuvati da un’equipe composta da biologi, storici dell’arte e teologi, sono andati alla ricerca delle fonti ispiratrici di Natura Naturans per creare occasioni di riflessione da trasferire nei workshop. La loro è stata una vera e propria full immersion in un’idea potente di sacro. Con il fine di comporre con nuove tessere un mosaico di una nuova visione del mondo e di provare a delineare nuovi panorami, entro i quali ogni essere umano si senta a proprio agio e possa quindi contribuire al bene di tutti.

Natura Naturans, arte natura spiritualità, a cura di Pietro Gaglianò, con Albien Alushaj / Mouhamed Yaye Traore, Marina Arienzale / Peace Alufokhai, Daniela Pitré / Dian Foula Toure si può visitare all’ HYmmo Art Lab, Pratovecchio, dal 29 settembre al 30 ottobre 2018. Orari: su appuntamento tel. +39 347 8404615; +39 380 3285509. Dove richiedere anche info su progetti collaterali.

Natura Naturans avrà un follow-up nel gennaio 2019 a Firenze presso SRISA new project space.

 

Margherita Abbozzo. Tutte le foto di questo articolo sono di Alessandra Cinquemani ed Enrica Quaranta.

 

 

 

L'articolo Natura Naturans, Stand Up for Africa proviene da www.controradio.it.