Verdini: il pm chiede 3 anni per bancarotta Società Toscana Edizioni

Verdini: il pm chiede 3 anni per bancarotta Società Toscana Edizioni

Il processo che vede imputato il senatore del PDL Verdini riguarda il crac della Società Toscana Edizioni.

Il pm Luca Turco ha chiesto di condannare a 3 anni Denis Verdini nel processo per bancarotta fraudolenta della Società toscana di Edizioni che dal 1998 al 2014, anno del fallimento, ha pubblicato Il Giornale della Toscana, quotidiano venduto assieme a Il Giornale. Il pm Turco ha chiesto condanne anche per altri amministratori imputati: 2 anni e 6 mesi per Pierluigi Picerno, ad dal 2007 al 2012 poi liquidatore; 2 anni per Massimo Parisi, nel cda della Ste dal 1998 al 2008, passato da Fi in Ala con Verdini; Girolamo Strozzi Majorca Renzi, presidente dal 15 aprile 1998 al 29 ottobre 2012; Enrico Luca Biagiotti nel cda di Ste dal 2002 al 2012.
“La Ste – ha detto il pm Turco – è stata costituita per un fine nobile, arricchire il pluralismo dell’informazione locale” ma “la storia è stata diversa” e “vede arricchirsi due persone, Verdini e Parisi”. Riguardo all’esame di Verdini stamani in aula, per Turco “è stato fumoso sulle ragioni economiche delle operazioni” distrattive di cui è accusato.
“Io a questo giornale ho solo dato, ho versato soldi, dall’inizio alla fine per tenerlo in vita. Dispiace che alla fine sia arrivato comunque al fallimento nonostante lo sforzo”. Così Denis Verdini, ascoltato questa mattina in aula a Firenze nel processo che lo vede imputato nel processo per bancarotta fraudolenta per il fallimento della Società Toscana di Edizioni (Ste) che editava Il Giornale della Toscana, quotidiano che ha cessato le pubblicazioni.
“Alla fine siamo arrivati comunque al fallimento – ha detto ancora Verdini – perché sono stati sospesi i contributi pubblici”. Nel pomeriggio è prevista la requisitoria del pm Luca Turco. Non è escluso che il processo possa arrivare a sentenza in serata.

L'articolo Verdini: il pm chiede 3 anni per bancarotta Società Toscana Edizioni proviene da www.controradio.it.