SRT 71, parte l’iter per la realizzazione della variante di S. Mama 2

FIRENZE – Parte l'iter per la realizzazione dell'attesa variante alla SRT 71 tra Calbenzano e S. Mama. Verranno infatti  spedite oggi le lettere raccomandate destinate ai proprietari dei terreni interessati dalla realizzazione della variante, complessivamente una ventina, con le quali vengono comunicati l'avvio del procedimento, come previsto dagli articoli 7 e 8 della legge 241 del 90, e l'avvenuto deposito del progetto, secondo quanto richiesto dall'articolo 16 comma 4 del DPR 327 del 2001.

Il progetto viene depositato presso il Settore progettazione e realizzazione viabilità regionale di Arezzo - Funzioni trasversali e l'approvazione del progetto comporterà la dichiarazione di pubblica utilità.

I proprietari dei terreni potranno prendere visione del progetto e presentare osservazioni entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione.

Ferrovie, nuova interruzione della Siena-Grosseto. Ceccarelli: “Intervenire immediatamente”

FIRENZE - Un movimento franoso ha coinvolto il percorso della linea ferroviario Siena-Grosseto, nel tratto fra Buonconvento e Monte Antico causando l'interruzione del servizio.

"Prendo atto della nuova criticità che viene a interessare la linea ferroviaria Siena-Grosseto, già duramente colpita nel recente passato dalle alluvioni del 2013 - ha detto l'assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli dopo aver appreso della nuova chiusura della linea - e sollecito Rete ferroviaria italiana ad intervenire prontamente, per riportare la situazione alla normalità e riattivare in sicurezza il servizio ferroviario nel più breve tempo possibile".

L'assessore ha inoltre aggiunto che "è necessario che immediatamente venga organizzato un efficiente servizio sostitutivo, per rispondere alle esigenze di tutti quesi cittadini che ogni giorno usano il treno per recarsi a scuola e a lavoro" ricordando che la Regione monitorerà l'evolversi della situazione. 

Paesaggio, approvato regolamento per il Garante della comunicazione

FIRENZE - Approvato dalla Giunta regionale il regolamento che disciplina l'attività del Garante per la comunicazione sul paesaggio, previsto dalla lr 65/2014.

La legge regionale per il governo del territorio stabilisce che "la Regione promuove e sostiene l'informazione e la partecipazione dei soggetti interessati al governo del territorio" e per questo prevede l'istituzione di figure garanti dell'informazione e della partecipazione a tutti i livelli: comunale, provinciale e regionale. Il Garante regionale, che ha come funzione principale quella di garantire l'informazione e la partecipazione di cittadini singoli e associati e di tutti i soggetti interessati ai processi per la definizione degli atti di governo del territorio, si occuperà anche del coordinamento e del monitoraggio dell'attività svolta dagli altri garanti, fornendo anche supporto metodologico.
"Questo regolamento - dichiara l'assessore regionale all'urbanistica Vincenzo Ceccarelli - è lo strumento per mettere il garante nelle condizioni di svolgere al meglio il proprio ruolo, che è essenziale per la partecipazione e l'informazione dei cittadini nei procedimenti che riguardano l'assetto del territorio."

Si ricorda che il ruolo di Garante regionale per la comunicazione sul paesaggio è attualmente ricoperto dalla dott.ssa Francesca De Sanctis.

Signa, dalla firma di oggi passo avanti per la circonvallazione

FIRENZE - Firmato oggi dall'assessore ai trasporti Vincenzo Ceccarelli e dal sindaco Alberto Cristianini un accordo che costituisce una tappa fondamentale per la realizzazione della circonvallazione di Signa che collegherà direttamente l'incrocio dell'Indicatore a Ponte a Signa.
Il lotto finanziato fa parte del completamento della variante esterna della provinciale che si collegherà alla viabilità regionale una volta completati tutti i lavori programmati.
L'accordo di programma darà il via alla progettazione esecutiva del primo stralcio del terzo lotto, ovvero il tratto che da Via Amendola porta a Via del Metolo, in zona industriale. L'opera, che rientra nel pacchetto di interventi di adeguamento dei tratti di viabilità locale con funzioni di integrazione con la viabilità di interesse regionale, prevede un costo complessivo di 1 milione e 130mila euro di cui 900mila di risorse regionali e una compartecipazione del Comune pari al 20% (230mila euro). In base all'accordo il Comune avrà il compito di redigere il progetto ed essere stazione appaltante. L'Amministrazione comunale ha preso atto della necessità di doversi fare carico direttamente della progettazione e dell'attuazione di tutto il terzo lotto della circonvallazione ad esclusione delle rotonde all'Indicatore, già realizzate, per agevolare soprattutto l'area industriale.
 
"Sono i primi 900 mila euro - spiega l'assessore - per il primo lotto di una serie di interventi già individuati nei comuni di Lastra a Signa, Signa e Campi Bisenzio per migliorare la viabilità locale e connetterla a quella regionale. Complessivamente si tratta di un importo che sfiora i 14 milioni di euro. Questo primo lotto interviene laddove la progettazione era già pronta, con la firma di oggi il Comune di Signa può andare in gara e avviare il primo tassello di un'opera più vasta destinata a intervenire in uno dei punti più congestionati della nostra regione, migliorando anche la qualità dell'aria".
 
(nella foto il sindaco Alberto Cristianini e l'assessore Ceccarelli) 
 

Ferrovia tirrenica, Ceccarelli a Trenitalia: “Stop a ulteriori perdite di treni”

FIRENZE - Un incontro urgente a Trenitalia per affrontare il problema della linea ferroviaria tirrenica nord e scongiurare perdite di treni su questa tratta. Lo chiede l'assessore al trasporti Vincenzo Ceccarelli, che oggi ha scritto su questi temi all'amministratore delegato Barbara Morgante. 
 
Ceccarelli ricorda che è dal 2013 che la Regione solleva i problemi del progressivo impoverimento del servizio. "Dobbiamo evitare - insiste - l'ulteriore perdita di convogli sulla linea Tirrenica. Una coppia di treni è stata eliminata un paio di anni fa e mai ripristinata. Non possiamo accettare ulteriori ipotesi che prevedano, ad esempio, deviazioni di Frecciabianca sulla linea ad alta velocità Firenze-Roma". 
 
A dimostrazione della mancata condivisione della programmazione da parte di Trenitalia, l'assessore segnala la decisione "del tutto unilaterale" assunta da Trenitalia di eliminare la fermata di Cecina".
 
L'assessore, auspicando la riapertura di un confronto in tempi rapidi, invita Trenitalia a cambiare metodo e a tener conto, nella sua programmazione, della necessità di dialogare con i territori. "Se il percorso di confronto e condivisione - afferma - fosse stato avviato tempestivamente, come da noi richiesto con due lettere nei mesi di ottobre e novembre, avremmo forse potuto prevenire le prevedibili e comprensibili rimostranze di tutti i portatori di interesse coinvolti, a partire dai pendolari dei Freccia Bianca, lavoratori e studenti, per concludere con i vari livelli istituzionali".