Alta Velocità, Ceccarelli domani al tavolo per la stazione Medioetruria

FIRENZE - Si insedierà domani a Perugia il tavolo misto tosco-umbro per lo studio di fattibilità della stazione per l'alta velocità Medioetruria, da realizzare lungo la direttissima Roma-Firenze.

Il tavolo si riunirà domani alle ore 11 nella sala Giunta di Palazzo Donini.
Parteciperanno l'assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli, la presidente della Regione Umbria Katiuscia Marini e l'assessore regionale umbro Silvano Rametti.

“Muoversi in Toscana”: 11 dicembre giornata di studio con Lupi, Nencini, Elia

FIRENZE - Il prossimo 11 dicembre sarà il giorno delle infrastrutture e della mobilità, temi al centro di "Muoversi in Toscana", giornata di studio organizzata dalla Regione per fare il punto sul percorso fatto dall'approvazione del Piano regionale integrato delle infrastrutture e della mobilità (PRIIM).

L'iniziativa si terrà a Firenze presso l'auditorium di S.Apollonia, in via S.Gallo 25/a. Parteciperanno, oltre al presidente della Toscana Enrico Rossi ed all'assessore regionale Vincenzo Ceccarelli, il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Maurizio Lupi, il Viceministro Riccardo Nencini, l'Ad di FS Michele Mario Elia, il presidente dell'Autorità di regolazione dei trasporti Andrea Camanzi e molti altri interlocutori di primo piano.

Sarà l'occasione per analizzare il presente e il futuro della mobilità in Toscana anche attraverso il PRIIM, nuovo strumento di programmazione (istituito con la L.R. n.55/2011) attraverso il quale la Regione  integra le politiche in materia di mobilità, infrastrutture e trasporti, ottenendo così una visione complessiva e coordinata delle politiche relative a ferrovie, autostrade, porti, aeroporti,  interporti, trasporto pubblico locale, viabilità regionale, mobilità ciclabile, infomobilità. Un sistema articolato e complesso tramite il quale la Toscana punta a realizzare una rete integrata di infrastrutture e servizi per la mobilità sostenibile di persone e merci. Gli obiettivi sono concreti e ambiziosi: ottimizzare l'accessibilità delle città ma anche del resto del territorio, sviluppare una piattaforma logistica che aiuti il rilancio della competitività delle aziende toscane, riequilibrare e integrare i mezzi di trasporti per ridurne i costi, incentivare l'uso del mezzo  pubblico, migliorare la sicurezza stradale e diffondere le tecnologie per l'informazione e la comunicazione (es. infomobilità).

Per partecipare ai lavori è necessario iscriversi entro e non oltre il giorno precedente l'iniziativa, utilizzando questo form disponibile sul sito della Regione, dove è consultabile e scaricabile il programma della giornata.

L'evento sarà inoltre trasmesso in diretta streaming dal sito regionale www.regione.toscana.it.

Nota per le redazioni:

I colleghi della stampa che intendono partecipare dovranno necessariamente accreditarsi entro la mattina del 9 dicembre all'indirizzo segreteria.ufficiostampa@regione.toscana.it, tel. 0554384714.

Faentina, in arrivo altri Minuetto: 100% di servizi con treni nuovi

FIRENZE - Altri treni Minuetto in arrivo sui binari della linea Faentina. Due sono entrati in servizio da alcuni giorni, altri due lo faranno entro il 14 dicembre. Con queste nuovi meteriali la linea Faentina sarà servita al 100%, in programmazione, da treni diesel di ultima generazione in sostituzione delle vecchie Aln (che resteranno a disposizione e saranno utilizzate in caso di eventuale sostituzione o fermo dei Minuetto).

"La Faentina non solo è una delle linee regionali più regolari (e in questo senso abbiamo lavorato e continueremo a lavorare), ma sarà anche la linea diesel nella quale viene offerto il servizio qualitativamente migliore", ha detto l'assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli. "Spero che gli utenti sapranno apprezzare gli sforzi messi in campo per venire incontro alle loro esigenze".

L'accordo stretto tra Trenitalia e la Regione va oltre quanto previsto nel contratto di servizio regionale, con l'obiettivo di migliorare ulteriormente la qualità del viaggio quotidiano dei pendolari della Faentina.

"I Minuetto sono tra i treni più moderni adatti a circolare su linee non elettrificate come quella Faentina - ha ricordato Ceccarelli. Per questo ho lavorato per ottenere da Trenitalia che la linea Faentina, sulla quale si spostano ogni giorno centinaia di persone, fosse servita al 100% con questo tipo di convogli. Nel pieno rispetto di quanto preannunciato ai pendolari e addirittura in anticipo sui tempi stabiliti".

Con l'arrivo di questi quattro Minuetto si conclude uno scambio virtuoso di mezzi tra la Regione Toscana e la Regione Piemonte. Infatti, come già avvenuto in passato, la Toscana ha ricevuto dal Piemonte i quattro Minuetto, treni adatti alle linee diesel, in cambio di altrettanti treni ad alta frequentazione (Taf), di vecchia generazione, da noi sostituiti con i nuovi Vivalto.     

Ferrovie, Ceccarelli: “Pracchia nodo intermodale lungo la Porrettana”

PRACCHIA (PT) - "Sono felice di aver evitato il rischio di celebrare il compleanno della Porrettana a ferrovia chiusa al traffico. Questa linea ha e avrà un futuro. Anzi, faremo di Pracchia un nodo per l'intermodalità tra ferro e gomma lungo la Porettana che dovrà funzionare meglio e trasportare più viaggiatori rispetto al suo recente passato".

Lo ha detto l'assessore regionale alle infrastrutture e trasporti, Vincenzo Ceccarelli, nel suo intervento di saluto al termine del viaggio inaugurale della storica vettura a vapore lungo la linea transappenninica che il 14 dicembre prossimo riaprirà, in concomitanza con l'avvio del nuovo orario ferroviario, al regolare servizio passaggeri.

Ceccarelli ha aggiunto che, nonostante il taglio di risorse economiche che ha subito, la Regione Toscana scommette sul ferro e sul trasporto pubblico locale, contando su un sostegno corale e sull'impegno di tutti i soggetti coinvolti, istituzioni locali, pro loco, associazioni. Ha poi parlato di un vero giorno di festa e ha avuto la sensazione di rivivere la giornata inaugurale di un secolo e mezzo fa.

"Il treno – ha concluso Ceccarelli – è fondamentale per il trasporto pubblico toscano e sono convinto che riusciremo a dare un futuro ed un ruolo importante a questa linea anche dal punto di vista turistico. L'attaccamento che le popolazioni locali, qui più che altrove, mostrano per questa linea, mi fa ben sperare. Chiediamo quindi ai cittadini di utilizzare di più questo servizio pubblico".

L'assessore ha concluso osservando come in Toscana le linee ferroviarie non siano state dismesse, ma sono tutte aperte e funzionanti.

Ferrovie, Ceccarelli: Pracchia nodo intermodale lungo la Porrettana

PRACCHIA (PT) - "Sono felice di aver evitato il rischio di celebrare il compleanno della Porrettana a ferrovia chiusa al traffico. Questa linea ha e avrà un futuro. Anzi, faremo di Pracchia un nodo per l'intermodalità tra ferro e gomma lungo la Porettana che dovrà funzionare meglio e trasportare più viaggiatori rispetto al suo recente passato".

Lo ha detto l'assessore regionale alle infrastrutture e trasporti, Vincenzo Ceccarelli, nel suo intervento di saluto al termine del viaggio inaugurale della storica vettura a vapore lungo la linea transappenninica che il 14 dicembre prossimo riaprirà, in concomitanza con l'avvio del nuovo orario ferroviario, al regolare servizio passaggeri.

Ceccarelli ha aggiunto che, nonostante il taglio di risorse economiche che ha subito, la Regione Toscana scommette sul ferro e sul trasporto pubblico locale, contando su un sostegno corale e sull'impegno di tutti i soggetti coinvolti, istituzioni locali, pro loco, associazioni. Ha poi parlato di un vero giorno di festa e ha avuto la sensazione di rivivere la giornata inaugurale di un secolo e mezzo fa.

"Il treno – ha concluso Ceccarelli – è fondamentale per il trasporto pubblico toscano e sono convinto che riusciremo a dare un futuro ed un ruolo importante a questa linea anche dal punto di vista turistico. L'attaccamento che le popolazioni locali, qui più che altrove, mostrano per questa linea, mi fa ben sperare. Chiediamo quindi ai cittadini di utilizzare di più questo servizio pubblico".

L'assessore ha concluso osservando come in Toscana le linee ferroviarie non siano state dismesse, ma sono tutte aperte e funzionanti.