Marina di Carrara, incontro Regione-Comune-Autorità portuale sui progetti per gli interventi ferroviari

FIRENZE – Sono in fase di prossimo avvio gli interventi per l'adeguamento dei collegamenti ferroviari del porto di Marina di Carrara. L'Autorità di Sistema portuale del Mar Ligure Orientale (scali di La Spezia e di Marina di Carrara) ha infatti pubblicato il bando di gara per la tratta di propria competenza, a cui poi seguirà la procedura da parte di RFI per il tratto di rete nazionale.

Il punto sui progetti è stato fatto nel pomeriggio nel corso dell'incontro che si è tenuto presso la sede toscana dell'Autorità alla presenza dell'assessore ai trasporti e alle infrastrutture, Vincenzo Ceccarelli, della presidente e del segretario generale dell'Autorità, Carla Roncallo e Francesco Di Sarcina e del sindaco di Carrara, Francesco De Pasquale.

Si tratta del collegamento tra l'area portuale e la linea ferroviaria, che RFI finanzierà per 2 milioni di euro e poi gestirà le fasi di completamento delle opere. Opere che comportano un impegno complessivo di 5 milioni. L'Autorità di Sistema Portuale concorrerà da parte sua per i restanti 3 milioni di euro. Ad RFI compete la progettazione e la realizzazione della parte dei binari ferroviari, mentre l'Autorità si occuperà di effettuare l'intervento in porto.

Per quanto riguarda infine le questioni relative al progetto water front e alla pianificazione portuale è stato concordato di siglare una intesa tra Regione, Comune ed Autorità di Sistema Portuale che preveda sia indirizzi per la progettazione definitiva del water front, tali da consentire un rapido avvio degli interventi finanziati, che per una possibile variante stralcio del piano regolatore portuale nel quadro delle possibilità previste dalle modifiche, attualmente in corso a livello nazionale, alla legge di riforma del sistema delle autorità portuali.

Casentino, variante Santa Mama-Calbenzano: al via la procedura di gara

FIRENZE –  Una variante di 2 km renderà meglio percorribile e più sicuro il tratto della Strada regionale 71 tra Calbenzano e Santa Mama, nel basso Casentino. Oggi l'assessore regionale ai trasporti e alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli ha illustrato alla stampa  il progetto esecutivo dell'opera, secondo lotto della varinate di Santa Mama, annunciando per i prossimi mesi, e comunque entro il 2017, l'avvio della procedura di gara.

"La Regione – ha spiegato l'assessore - ha deciso di intervenire direttamente soprattutto per garantire maggior sicurezza in un tratto che è stato teatro di molti incidenti, anche mortali. Questo intervento permetterà tra l'altro di evitare ben 11 intersezioni a raso e di superare un passaggio a livello pericoloso".

"Il costo di quest'opera – ha evidenziato ancora  Ceccarelli - supera 5 milioni di euro che saranno interamente a carico della Regione. Anche in momenti difficili per le casse pubbliche – ha evidenziato Ceccarelli – noi vogliamo continuare a investire per migliorare l'unica direttrice che collega il Casentino con Arezzo".

Alla conferenza stampa hanno partecipato anche il sindaco di Subbiano Antonio De Bari, e il consigliere provinciale con delega alla viabilità Gabriele Corei.

De Bari, ha espresso la soddisfazione del suo comune per un'opera che migliorerà la viabilità dell'area e ha anche sottolineato come si è riusciti a ovviare alla potenziale penalizzazione del borgo di Santa Mama, a seguito del superamento del passaggio a livello che collegava l'abitato alla strada regionale: "In prossimità del paese – ha detto - verranno realizzate due rampe di accesso con le quali risolveremo i problemi di connessione dell'abitato. In questo modo anche le esigenze dei residenti saranno salvaguardate. A questo intervento aggiuntivo rispetto alla variante contribuiremo anche con finanze del Comune".

Corei ha infine colto questa occasione per annunciare l'imminente apertura dei lavori del primo lotto della variante di Santa Mama: un intervento da oltre 8 milioni finanziato in larga parte (oltre 7 milioni) dalla Regione e realizzato dalla Provincia di Arezzo."I disagi per i cittadini stanno per finire – ha detto - Sono in fase di conclusione gli ultimi lavori complementari e venerdì la variante sarà aperta definitivamente".

Le caratteristiche della variante Santa Mama-Calbenzano

Il progetto presentato stamani riguarda un breve tratto  nel quale, prendendo a riferimento il quinquennio tra il 2009 e il 2014, si sono registrati 7 incidenti, ma con bilancio gravissimo: 4 morti e 20 feriti. Il progetto di variante (costo complessivo 5 milioni e 200mila euro) riguarda un tratto di circa 1,82 chilometri che si estende dalla sezione finale della variante di Calbenzano, in prossimità del km 167+265 della SRT 71, a quella iniziale della successiva variante di S.Mama, primo lotto. Una parte di quest'intervento avverrà con la realizzazione di un nuovo tracciato  che si svilupperà parallelamente a quello attuale, una parte invece seguirà il tracciato attuale, che verrà allargato in sede. Il vecchio tracciato diventerà viabilità secondaria e su esso saranno convogliati gli undici accessi secondari.

I tempi di realizzazione

L'intervento, inserito nel programma triennale dei lavori pubblici, si svilupperà secondo queste tempistiche: la progettazione esecutiva, come si è detto, è in fase di ultimazione e la procedura di gara si concluderà entro il 2017. L'avvio dei lavori si prevede fra il settembre e il dicembre 2018 e la fine nella primavera 2020.

In 'Documenti' il Power Point di presentazione

 

Rossi di nuovo a Livorno. I lavori sui ponti procedono spediti – FOTO

FIRENZE - Cinquanta cantieri e lavori per somme urgenze già eseguiti pari a cinque milioni. Si continua a lavorare a Livorno dopo l'alluvione del 10 settembre ed anche oggi il presidente della Toscana Enrico Rossi, da sabato commissario nominato dal Governo per gestire l'emergenza, è tornato sul territorio per effettuare un nuovo sopralluogo e verificare lo stato di avanzamento dei lavori di ripristino dei ponti crollati sul rio Maggiore e sul rio Ardenza.

"Terremo aggiornati i cittadini. Ci sentiamo obbligati ad un intervento serio e duraturo che cambi realmente il quadro della situazione – sottolinea Rossi – Cinquanta cantieri si sono già aperti: un risultato per cui mi complimento con il Genio civile, le imprese e i lavori. Anche i cittadini mi sembra che abbiamo sentito la vicinanza della Regione, l'impegno che stiamo mettendo e la prontezza con cui abbiamo reagito". "Continueremo naturalmente a lavorare – dice ancora Rossi – e già per questa settimana ponti e  sistemazioni saranno a buon punto. Non basterà però ed abbiamo davanti un anno di lavoro".

I lavori, come si vede anche dalle foto, proseguono speditamente. Nelle ultime ore sono arrivate lunghe travi in acciaio che Rfi di solito usa per realizzare passaggi per i convogli in situazioni analoghe. I nuovi ponti, lungo 15 metri quello sul rio Maggiore e 25 metri l'altro sul rio Ardenza, saranno i primi in Toscana in cui saranno applicate tecniche ferroviarie su attraversamenti civili. 

Variante Santa Mama, mercoledì 20 settembre la presentazione

FIRENZE - Il progetto della variante alla SRT 71 , tra Calbenzano e Santa Mama, in provincia di Arezzol, sarà al centro della conferenza stampa dell'assessore ai trasporti e infrastrutture Vincenzo Ceccarelli che si terrà domani, mercoledì 20 settembre, alle ore 11, presso la sede del Genio Civile di Arezzo,  via Arrigo Testa, 2. 

L'intervento che permetterà di creare una nuova viabilità in sicurezza in prossimità dell'abitato di Santa Mama dando anche la giusta risposta alle richieste degli abitanti.

I colleghi giornalisti sono invitati   

Viabilità, mercoledì ad Arezzo la presentazione del 2° lotto della Variante alla SRT 71

FIRENZE – Variante alla SRT 71 in località Santa Mama, verrà presentato domani, mercoledì 20 settembre, il progetto del secondo lotto tra Calbenzano e Santa Mama. Il secondo lotto completa il primo, in fase di conclusione.

Il progetto sarà illustrato ai giornalisti nel corso di una conferenza stampa che si svolgerà domani nella sede del Genio civile di Arezzo, via Arrigo Testa 2, alle ore 10.30.