In scena allo spazioK la “pièce-paso doble” tra noi tutti e la danza

In scena allo spazioK la “pièce-paso doble” tra noi tutti e la danza

Venerdì 11 maggio allo spazioK Paola Stella Minni e Konstantinos Rizos in “PA.KO DOBLE” all’interno di “is it my world? #16”, edizione del progetto a cura di Kinkaleri, dedicata ad artisti italiani che hanno sviluppato la propria ricerca all’estero.

La coreografa e interprete bolognese Paola Stella Minni è in residenza allo spazioK di Prato insieme a Konstantinos Rizos, artista con il quale collabora dal 2015, quando si sono incontrati durante il master in coreografia Exerce di Montepellier.

“PA.KO DOBLE” è una pièce costruita sulla base di una collaborazione, di un’amicizia, di una relazione di lavoro intima, iniziata come band neomelodic post punk.

Un duo, meglio: un paso doble. “Ci ha allora divertito l’idea di creare un paso doble, partendo proprio dal senso di fiducia e di squadra che nel nostro immaginario accomuna i partner di una coppia di ballo, permettendoci in fondo di osservarci al lavoro, rivedere le strategie di collaborazione, i ruoli, e porci domande anche banali sulla presenza, sullo sguardo, sulla composizione.”

Il paso doble diventa per il duo un riferimento a immaginari di lotta, di attese, di pathos, di apparizioni e gesti ridicoli, eventualmente, ma mai di un’economia d’intensità. La relazione toro/torero, alla base dell’immaginario del paso doble, è pensata non tanto come relazione tra Paola e Konstantinos, né tra gli artisti e il pubblico, quanto tra noi tutti e la danza che sfugge, davanti ai nostri occhi.

“Ci cerchiamo senza conoscerne il motivo, ma per qualche ragione abbiamo il presentimento che si tratti di una questione di sopravvivenza.”

Il progetto “is it my world?” conferma spazioK come punto attivo della città di Prato, un laboratorio d’interazione creativa in cui la residenzialità è concretamente praticata come un’azione complessa e continua.

L'articolo In scena allo spazioK la “pièce-paso doble” tra noi tutti e la danza proviene da www.controradio.it.