Elba: ripristinata corrente dopo blackout

Elba: ripristinata corrente dopo blackout

Anche se il servizio elettrico è stato ripristinato all’Isola d’Elba per la totalità delle utenze grazie ai cavi sottomarini di media tensione di riserva di E-Distribuzione, continua, ma senza ulteriori disagi per famiglie e aziende dell’isola, il lavoro dei tecnici Terna per la riparazione del tratto guasto del cavo sottomarino di alta tensione.

Da Terna, intanto, fanno sapere che il cavo sottomarino che collega l’isola d’Elba è stato danneggiato da una ditta esterna che stava operando nell’area. I tempi per la ripresa del servizio, spiega Terna, “sono dipesi dalla necessità di un intervento manuale sull’alimentazione di soccorso in media tensione da parte del distributore locale contestualmente al mancato avviamento del gruppo di generazione essenziale presente sull’isola”

“C’è stato un blackout totale e improvviso all’Isola d’Elba. I servizi sanitari dell’ospedale, comprese le attrezzature tecniche sofisticate hanno continuato a funzionare regolarmente senza alcun problema” scrive sul proprio profilo facebook Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana. Dall’Asl fanno sapere che, nonostante il blackout, tutta la struttura è in sicurezza: non sono segnalate interruzioni e sono assicurati tutti gli interventi prioritari e di urgenza. “L’autonomia fornita dai generatori è di ben tre giorni – ha ripreso il governatore -. Un atto dovuto e una conferma della serietà dell’organizzazione dei servizi sanitari regionali”.

A causa dell’interruzione di elettricità all’isola d’Elba che ha lasciato al buio tutta l’isola per circa un’ora, anche le centraline dei telefoni cellulari sono rimaste senza energia, causando un disservizio con alcune linee di telefonia rimaste irraggiungibili.
Al momento, spiega la prefettura, i centrali della Polizia e dei Carabinieri (113 e 112) non possono ricevere le chiamate e per questo la stessa prefettura chiede che, in caso di emergenza, i cittadini si rivolgano al 115, il centralino dei vigili del fuoco che poi girerà le chiamate alle sale operative competenti.

L'articolo Elba: ripristinata corrente dopo blackout proviene da www.controradio.it.

Elba: Consiglio dei Ragazzi, “aprite porto alla Mare Jonio”

Elba: Consiglio dei Ragazzi, “aprite porto alla Mare Jonio”

Marciana Marina, all’Isola d’Elba, con il suoi 5 Km2 di superficie è il più piccolo Comune della Toscana – e uno dei più piccoli d’Italia – ma non manca  certamente di iniziative. Recentemente è stato istituito, dopo regolari votazioni, il Consiglio dei Ragazzi  – che vede come Sindaco Pietro Gentili e che è composto dai consiglieri  Lorenzo Mazzei, Lavinia Lucchesi, Rose Gwen Del Mundo, Francesco Bondi, Chiara Vai, Lara Anselmi, Luca Marzocchini e Marco Martini – e che ha già annunciato iniziative in favore dell’ambiente e dei diritti umani e partecipato allo Sciopero Mondiale per il Clima del 15 marzo.

Una bella squadra di ragazzi in gamba che ora fanno una proposta clamorosa e che forse sarà imbarazzante per la Sindaca Gabriella Allori, a capo di una giunta civica della quale fanno parte sia esponenti di centro-destra che di sinistra.

La Giunta allori nel 2017 ha vinto le elezioni Comunali grazie a una sollevazione popolare contro un progetto di stravolgimento dell’area portuale e del lungomare di Marciana Marina, approvato dalla precedente giunta di centro destra, ora il Consiglio Comunale dei ragazzi chiede di aprire quello stesso porto alla Mare Jonio, il tutto in un’isola dove un altro Comune, Capoliveri, fece le barricate mediatiche contro un operatore turistico che aveva dato la disponibilità ad ospitare temporaneamente delle mamme profughe con i loro figli e dove si discute periodicamente se trasformare l’isola di Pianosa in un campo profughi/prigione per i migranti.

Un’isola che vive di accoglienza dei turisti (in gran parte stranieri) ma le cui amministrazioni comunali – di qualsiasi colore – non hanno mai voluto aprire nemmeno uno spiraglio per far entrare un profugo o un richiedente asilo.

Ma i ragazzi marinesi si fanno interpreti dell’altra Isola, quella che è scesa in piazza il 2 febbraio per i porti aperti, e sottolineano: «La Mare Jonio con 49 esseri umani (di cui 12 bambini) intrappolati a bordo è da ore bloccata fuori dalle coste siciliane per ordine del governo. Noi non vogliamo che quella nave diventi l’ennesima vergogna umanitaria del nostro paese e per questo chiediamo al sindaco di Marciana Marina di aprire i Porti del nostro comune per dare a questi uomini, a queste donne a questi ragazzi, la possibilità di fuggire veramente da guerra e morte certe. Marciana Marina non tradirà se stessa, l’Italia non tradirà se stessa. L’umanità va sopra ogni capriccio e ogni razzismo, l’umanità è più forte, il futuro è più forte».

E spiegano, con radicale innocenza e determinazione, il perché di questo atto in una più lunga nota:

Aprite i porti!

In queste ore, una nave umanitaria battente bandiera italiana (la Mare Jonio) si trova bloccata, insieme a decine di innocenti, a largo delle coste siciliane. La colpa che le verrebbe imputata? aver salvato delle vite umane. averlo fatto disobbediendo agli ordini di una inesistente “Guardia Costiera Libica”. Quella stessa Guardia Costiera che poco dopo avrebbe riportato quei disperati DONNE e BAMBINI in un campo di sterminio sulla punta estrema dell’Africa. Facendo finta di non sapere ciò, l’autorità competente ha emanato (o sta emanando?) una direttiva per chiudere i porti italiani alla Mare Jonio e a ogni altra eventuale O.N.G. futura.

Nel Mar Mediterraneo, casa ospitale del nostro piccolo comune, è legge antica quanto la civiltà l’accoglienza dello straniero. Già i Greci e i Latini consideravano l’Ospitalità un principio essenziale e provavano sdegno per quei regnanti che la negavano. Da quegli anni sono passati venti secoli ma la Legge del Mare non è cambiata. L’accoglienza è e resta imperativo morale. Se l’Etica non bastasse, esistono trattati e norme Internazionali, Europee e Costituzionali che sanciscono l’impegno dello stato a salvare vite umane e ad accogliere, sempre e comunque, chi scappa dalla guerra. Il nostro Consiglio si sente quindi in dovere di chiedere all’amministrazione comunale marinese di aprire i nostri porti e accogliere nel nostro bel borgo quella nave e le persone che vi sono trattenute. Il nostro, non vuole in nessun modo essere un atto di disobbedienza ma, piuttosto, un atto di adesione ai principi costituzionali e all’umanità.

Allora noi giovani, noi studenti, noi cittadini, non possiamo stare fermi.

La nostra generazione è la generazione dell’Europa Unita, del sogno della pace, dell’uguaglianza che abbatte le frontiere. Star fermi a guardare mentre degli incolpevoli restano in balia delle onde nel Mediterraneo, significherebbe tradire noi stessi. Questo non possiamo farlo. Quindi chiediamo ufficialmente, a nome dei ragazzi di Marciana Marina, ma crediamo non solo, di aprire il nostro porto, che, per quanto piccolo sia, non ha mai rifiutato l’ingresso di nessuno. Ci rivolgiamo direttamente al capitano della Mare Jonio, a cui verrà inoltrata copia di questa nota, perché, se lo vuole, faccia rotta verso questa ospitale isola, per far scendere e sentire di nuovo a casa gli eroi dell’equipaggio e i poveri migranti.

Il nostro consiglio si sente particolarmente coinvolto in questa vicenda perché, a quanto riportano fonti di stampa, sulla Mare Jonio, ci sono 12 minori, con ogni probabilità non accompagnati. Minori, che hanno proprio la nostra stessa età e che per questo sentiamo particolarmente vicini e in dovere di aiutare. Nella speranza che l’amministrazione voglia accettare queste nostre richieste, ringraziamo quanti ogni giorno si imbarcano per salvare vite umane, sfidando il mare ma soprattutto le accuse e il fango che contro di loro viene gettato, ogni ora di più. Teniamo a precisare che il nostro non è un atto di colore politico ma di semplice e disinteressata umanità e responsabilità etica e umana.

L'articolo Elba: Consiglio dei Ragazzi, “aprite porto alla Mare Jonio” proviene da www.controradio.it.

Pulizia fondali all’Elba, rimossi ormeggi abusivi

Pulizia fondali all’Elba, rimossi ormeggi abusivi

Capoliveri, Isola d’Elba, sono stati rimossi dai fondali i ‘corpi morti’ di 110 punti di ormeggio sul litorale per un totale di 10 tonnellate di materiali sommersi utilizzati come accosti abusivi in area protetta.

Questo il risultato di operazioni di polizia ambientale e rimozione di ormeggi abusivi, svolte dalla capitaneria di porto col V Nucleo sommozzatori della guardia costiera di Genova dall’11 al 14 marzo scorso.

La guardia costiera di Portoferraio ha fatto controllare accuratamente mare e litorale, tra Porto Azzurro e Capoliveri. In particolare, sui blocchi di calcestruzzo affondati in mare erano stati montati dei ganci metallici utilizzati per legare le cime delle imbarcazioni. Operazioni fatte senza autorizzazione e in un’area protetta del parco nazionale dell’Arcipelago toscano.

Dieci tonnellate di blocchi di cemento sono state quindi rimosse con l’ausilio di palloni di sollevamento, mentre le opere morte non rimovibili sono state rese inutilizzabili per futuri approdi.

Durante l’operazione è stato inoltre individuato il proprietario di un natante da diporto ormeggiato nell’area controllata, la cui unità è stata posta sotto sequestro.

Tutto il materiale è stato recuperato con l’aiuto del Comune di Porto Azzurro e del cantiere navale Golfo di Mola che ha messo a disposizione aree per il deposito temporaneo dei manufatti abusivamente collocati in mare.

L'articolo Pulizia fondali all’Elba, rimossi ormeggi abusivi proviene da www.controradio.it.

Elba: Legambiente, “basta con l’indecente discarica a San Giovanni”

Elba: Legambiente, “basta con l’indecente discarica a San Giovanni”

Legambiente si rivolge ad Amministratori e candidati relativamente alla situazione di degrado in cui verte il “piazzale del Chiccero” di San Giovanni: occorre un progetto di salvaguardia e valorizzazione dell’intera costa.

Riportiamo di seguito il comunicato dell’associazione ambientalista.

Legambiente aveva già più volte denunciato negli anni scorsi il degrado dell’area comunale di San Giovanni a Portoferraio,  usata come discarica prima di residui dell’alluvione del 2002 e dei fanghi di dragaggio portuale, poi diventata ricettacolo di ogni tipo di rifiuti abbandonati dagli incivili che inquinano la nostra isola e ne imbrattano bellezza e paesaggi.

Ma la situazione odierna è quella di uno stato di volontario abbandono con una indecente discarica, tubi sparsi, resti di barche, cumuli di detriti edili, imbarcazioni dappertutto, quasi si volesse, con un intollerabile degrado, favorire interventi urbanistici massicci per porre “rimedio” allo sfacelo con un bel po’ di cemento. E i progetti in questo senso nel passato non sono mancati e fanno costantemente la loro ricomparsa….

Eppure il “piazzale del Chicchero” di San Giovani dovrebbe essere il biglietto da visita di Portoferraio: quest’area martoriata dall’incuria pubblica e dal vandalismo privato  è il balcone sul mare di fronte alla Cosmopoli medicea e al porto, rappresenta il raccordo tra l’area naturalistica e turistica delle saline e terme di San Giovanni, l’omonima frazione, la splendida area archeologica della fattoria romana di San Giovanni, recentemente scoperta e dove sono in corso scavi archeologici di grande importanza, e la Villa Romana delle Grotte.

Ma quel piazzale trasformato in una vergognosa discarica diffusa e in un deposito di barche è anche l’ideale raccordo tra le Zone umide di San Giovanni e di Schiopparello – Le Prade, dove in questi giorni vengono avvistati gru, fenicotteri e altri rari uccelli migratori e stanziali.

Lasciare che la bellezza venga trasformata in una discarica è imperdonabile, per questo Legambiente continua a chiedere che il “piazzale del Chicchero” venga bonificato dalle sue vergognose discariche, per questo continuiamo a chiedere che il Comune di Portoferraio tuteli davvero un’area naturalistica di enorme importanza che va da Punta della Rena fino ai Magazzini, chiedendo che sia istituita una Zona di protezione speciale che salvaguardi le Zone umide costiere e le emergenze archeologiche, con la prospettiva di una loro prossima inclusione nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e la creazione di un percorso naturalistico, paesaggistico e storico/archeologico che vada da Cosmopoli fino al Volterraio.

Lo abbiamo chiesto alle Amministrazioni comunali precedenti, lo abbiamo chiesto a quella attuale, senza ottenere risposta. Ma siamo testardi e lo chiederemo anche ai candidati a sindaco che si presenteranno alle prossime elezioni comunali portoferraiesi. Perché la bellezza non può essere sfregiata in questo modo e perché quella bellezza è anche un’occasione economica per la Portoferraio del futuro.

Elba

L'articolo Elba: Legambiente, “basta con l’indecente discarica a San Giovanni” proviene da www.controradio.it.

Elba: anche a Capoliveri no plastica usa e getta

Elba: anche a Capoliveri no plastica usa e getta

Dopo Marciana Marina, Campo nell’Elba e Porto Azzurro anche il Comune di Capoliveri, con i suoi molti campeggi, alberghi e negozi, ha detto no alla vendita di prodotti di plastica monouso, aderendo così alla campagna Palagos Plastic Free lanciata da Legambiente e Parco Nazionale Arcipelago Toscano.

«L’adesione di Capoliveri, anche se si è preso un po’ più tempo (il divieto entrerà in vigore il primo novembre 2019) per consentire lo smaltimento delle scorte, è molto importante – dice Umberto Mazzantini, responsabile mare di Legambiente Toscana – perché è, insieme a Campo nell’Elba, il Comune con la maggiore quota di turismo e, messi insieme, i 4 comuni che hanno preso provvedimenti contro la plastica monouso rappresentano oltre l’80% dell’economia turistica elbana. L’Elba è davvero diventata un’isola “plastic free”, mettendosi alla testa di chi vuole fare da apripista alla direttiva europea che va in quella direzione e anticipando provvedimenti che comunque dovranno essere presi e implementati a partire dai prossimi anni e entro il 2025».

La seconda ordinanza del sindaco del Comune di Capoliveri vieta, a partire dal 15 maggio 2019,  l’utilizzo di sacchi di plastica neri o comunque non trasparenti, tali da impedire al Gestore della raccolta e/o alle squadre atte alla vigilanza la verifica del corretto conferimento.

Restano ancora fuori dal club dei comuni virtuosi Rio (che si appresterebbe a prendere un provvedimento anti-plastica monouso) e Marciana e il capoluogo elbano Portoferraio, dove una scelta coraggiosa in questo senso sembra ostacolata dalle prossime elezioni comunali e dalla contrarietà di alcuni dettaglianti con grosse scorte da smaltire.  Ma grosse novità sembrano venire proprio dal mondo della grande distribuzione organizzata e i troppo prudenti sindaci ritardatari potrebbero trovarsi scavalcati dai supermercati.

Capoliveri

L'articolo Elba: anche a Capoliveri no plastica usa e getta proviene da www.controradio.it.