La Toscana di Giani: “Una Toscana diffusa ad una sola velocità”

Eugenio Giani ha enunciato oggi quelle che saranno le linee programmatiche del suo programma. L’occasione è stata la prima seduta del nuovo consiglio regionale: "Sarò il presidente di tutti"

The post La Toscana di Giani: “Una Toscana diffusa ad una sola velocità” appeared first on intoscana.

La Toscana di Giani: “Una Toscana diffusa ad una sola velocità”

Eugenio Giani ha enunciato oggi quelle che saranno le linee programmatiche del suo programma. L’occasione è stata la prima seduta del nuovo consiglio regionale: "Sarò il presidente di tutti"

The post La Toscana di Giani: “Una Toscana diffusa ad una sola velocità” appeared first on intoscana.

Rapporto criminalità, Rossi: “Contrastare l’illegalità per promuovere benessere e sviluppo”

FIRENZE – Alzare il livello di consapevolezza per salvaguardare un corpo sociale e un apparato amministrativo che appaiono ancora sostanzialmente sani ma che non sono estranei a fenomeni di illegalità e infiltrazione da parte della criminalità organizzata. Rispondere al bisogno forte di giustizia da parte dei cittadini toscani che, oltre che un sentimento insito nel dna di questa regione, è anche una condizione imprescindibile per la crescita, il benessere e la prosperità economica. Per promuovere investimenti e sviluppo.
Questi alcuni degli spunti che il presidente della Regione Enrico Rossi trae dalla presentazione del Terzo Rapporto sulla criminalità in Toscana curato dalla Scuola Normale superiore di Pisa su incarico della Regione. "Indagare il fenomeno per capire come si presenta nella nostra società è più che mai importante – dice Rossi – e proprio per questo abbiamo deciso, tre anni fa, di promuovere questa ricerca che è uno strumento prezioso e che diffonderemo nei territori come base utile per aumentare la vigilanza e costruire argini di legalità".

Ma se il corpo sociale toscano appare reattivo di fronte a fenomeni come la corruzione, ciò non toglie che il fenomeno, pur non in forme eclatanti, tuttavia esista. "Credo che gli attori politici della nostra regione siano in media meno coinvolti, anche se non possiamo nasconderci che segnali preoccupanti ci sono. E questo, spesso, è dovuto alla poca chiarezza di una legslazione che oggi appare quanto meno confusa. E' quanto spesso ci viene segnalato ad esempio riguardo al codice degli appalti. Credo che mettere mano alla legislazione rendendola più chiara, più incisiva potrebbe servire a togliere terreno alle attività illecite" . In Toscana, ricorda Rossi, "con la legge urbanistica abbiamo cercato di contrastare le opacità del sistema fornendo indicazioni chiare ai sindaci, in modo da non lasciare margini di ambiguità. Ma su questo dobbiamo insistere".
Su un punto, in particolare, è necessario lavorare. "Il traffico di rifiuti genera facilmente illegalità, per questo credo che riuscire a risolvere il problema in modo da trattare tutti i rifiuti in Toscana, chiudendo in loco l'intera filiera,  sia un imperativo per  scongiurare derive criminali che purtroppo riguardano anche di recente sono state evidenziate dalle indagini della magistratura". 

Un altro punto essenziale è quello della formazione. "Rafforzare le competenze degli alti dirigenti della pubblica amministrazione, quelli scelti direttamente dalla politica, sono un altro passaggio decisivo per fare muro rispetto all'illegalità. Così come dovremo interrogarci, in sintonia con il lavoro di forze dell'ordine e magistratura,  su come contrastare fenomeni più gravi come quello del traffico di droga, specialmente nei porti e negli interporti o rafforzare ancora la tutela del lavoro,  combattendo il nero, lo sfruttamento di tipo schiavistico che ancora permane e che alimenta sacche di illegalità diffusa"

Alzare la consapevolezza della società, costruire argini all'illegalità sono temi che vanno di pari passo. Per questo la Regione, ha detto infine Rossi, aderirà alla proposta del prefetto di Firenze Laura Lega di organizzare degli Stati generali sulla mafia in Toscana.

Mafia e criminalità organizzata, Bugli: “Non esistono aree immuni e studiare il fenomeno aiuta a contrastarlo”

FIRENZE - "L'analisi conferma che anche in Toscana mafia e criminalità organizzata ci sono ed operano. Non esistono aree completamente immuni e di fronte a questo abbiamo deciso di intervenire: studiando il fenomeno e facendolo conoscere, per non rimanere indifferenti".
Lo sottolinea l'assessore alla legalità della Toscana Vittorio Bugli, durante la presentazione, oggi, del terzo rapporto sui fenomeni di criminalità curato dalla Scuola Normale superiore di Pisa su incarico della Regione. "Un'iniziativa – anticipa Bugli – che ha dato buoni risultati e che, giunta al termine dell'accordo di tre anni, intendiamo rinnovare".

L'attività di ricerca ha innescato peraltro altre iniziative. "Ci ha permesso di organizzare tre corsi di formazione sugli appalti e sui rischi di infiltrazione criminale, seguitissimi - racconta Bugli - Ci ha permesso di disseminare a livello locale numeri e analisi, tra le istituzioni e nella società, per allargare il fronte di quanti non vogliono rimanere indifferenti".

Un'attività di costruzione di una cultura delle legalità, ha ricordato l'assessore che passa anche dall'aiuto offerto ai comuni per ristrutturare, con una norma ad hoc, beni confiscati alla criminalità organizzativa in modo che tornino patrimonio di tutti o che passa attraverso i campi per ragazzi e gli eventi organizzati nella tenuta di Suvignano nei comuni di Monteroni d'Arbia e Murlo, beni simbolo tra quelli confiscati in Toscana alla mafia e dall'anno scorso affidata finalmente alla Regione.

Mafia e criminalità organizzata: “Non esistono aree immuni e studiare il fenomeno aiuta a contrastarlo”

FIRENZE - "L'analisi conferma che anche in Toscana mafia e criminalità organizzata ci sono ed operano. Non esistono aree completamente immuni e di fronte a questo abbiamo deciso di intervenire: studiando il fenomeno e facendolo conoscere, per non rimanere indifferenti".
Lo sottolinea l'assessore alla legalità della Toscana Vittorio Bugli, durante la presentazione, oggi, del terzo rapporto sui fenomeni di criminalità curato dalla Scuola Normale superiore di Pisa su incarico della Regione. "Un'iniziativa – anticipa Bugli – che ha dato buoni risultati e che, giunta al termine dell'accordo di tre anni, intendiamo rinnovare".

L'attività di ricerca ha innescato peraltro altre iniziative. "Ci ha permesso di organizzare tre corsi di formazione sugli appalti e sui rischi di infiltrazione criminale, seguitissimi - racconta Bugli - Ci ha permesso di disseminare a livello locale numeri e analisi, tra le istituzioni e nella società, per allargare il fronte di quanti non vogliono rimanere indifferenti".

Un'attività di costruzione di una cultura delle legalità, ha ricordato l'assessore che passa anche dall'aiuto offerto ai comuni per ristrutturare, con una norma ad hoc, beni confiscati alla criminalità organizzativa in modo che tornino patrimonio di tutti o che passa attraverso i campi per ragazzi e gli eventi organizzati nella tenuta di Suvignano nei comuni di Monteroni d'Arbia e Murlo, beni simbolo tra quelli confiscati in Toscana alla mafia e dall'anno scorso affidata finalmente alla Regione.