Fiera Didacta Italia

Presentata oggi dalla Ministra Fedeli a Roma Fiera Didacta Italia, dal 27 al 29 settembre alla Fortezza da Basso
4.000 docenti iscritti, 90 workshop, 150 gli espositori su un’area estesa di 25.000 mq. Sono questi solo alcuni dei dati di partenza di Fiera Didacta Italia che è stata presentata oggi a Roma da Valeria Fedeli, Ministra dell’Istruzione, Cristina Grieco, Assessore Regione Toscana all’Istruzione, Dario Nardella, Sindaco di Firenze, Giovanni Biondi, Presidente Indire, Leonardo Bassilichi, Presidente Firenze Fiera e Wassilios E.Fthenakis, Presidente Didacta International.

La Fiera nasce con l’obiettivo di innovare la didattica, favorire il dibattito sul mondo dell’istruzione e creare un luogo di incontro tra le scuole e le aziende del settore. La manifestazione è rivolta in particolare a docenti, dirigenti scolastici, educatori, formatori oltre a professionisti e imprenditori del settore scuola e tecnologia.

Fiera Didacta Italia è organizzata da FirenzeFiera in collaborazione con Regione Toscana, Comune di Firenze, Camera di Commercio di Firenze e con Didacta International, grazie al supporto di Camera di Commercio italiana per la Germania (Itkam) e di Florence Convention & Visitors Bureau. Fiera Didacta Italia è patrocinato dal Miur, dal Dipartimento delle Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dall’Ambasciata della Repubblica Federale Tedesca in Italia, dal Centro Italo-Tedesco Villa Vigoni, da Unioncamere e da Assocamerestero.

L’organizzazione dei workshop è curata dall’Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa (Indire) che è partner scientifico della manifestazione mentre l’università telematica IUL è partner tecnico. La Fiera ospita aziende della filiera della scuola e dell’istruzione. La Fiera si sviluppa anche fuori le mura della Fortezza con Didacta Off, una serie di appuntamenti (seminari, spettacoli teatrali e cinema) rivolti principalmente ai giovani.

“Per l’Italia – dichiara il Presidente di Firenze Fiera Leonardo Bassilichi – è un grandissimo successo essere riusciti a portare, per la prima volta fuori dalla Germania, Fiera Didacta, non solo per la rilevanza dell’appuntamento, ma per i temi affrontati: innovazione della didattica, accesso alle nuove tecnologie e, di conseguenza, creare nuove connessioni fra il mondo della scuola e quello del lavoro sono le carte vincenti per dare impulso al Paese di domani. Diffondere nuovi metodi di formazione, scambiarsi esperienze e studiare le buone pratiche attivate in Italia e nel mondo in un settore così strategico è una straordinaria occasione di crescita per tutto il Paese. Sono contento che Firenze Fiera e la sua Fortezza da Basso sia stata giudicata il luogo ideale. A espositori, docenti e visitatori do un caloroso benvenuto. Così come desidero ringraziare tutti gli altri soggetti, pubblici e privati, che hanno consentito di trasformare una bella intuizione in realtà”.

Bright 2017: intervista al Rettore di Pisa sulla Notte dei Ricercatori

Bright 2017: intervista al Rettore di Pisa sulla Notte dei Ricercatori

Le strade della città di Pisa tornano a essere palcoscenico della ricerca con BRIGHT 2017, la notte dei ricercatori dedicata alla scienza e alla ricerca. L’evento vede il coinvolgimento di tutti gli enti della ricerca del territorio pisano: Università di Pisa, Scuola Normale Superiore, Scuola Superiore Sant’Anna, CNR, INGV e INFN.

A Pisa il programma di BRIGHT 2017 prevede una mappa di eventi che seguirà il percorso ideale di una “metropolitana del sapere”, pensato per collegare tra loro le università e i centri di ricerca promotori dell’iniziativa.

Per sottolineare la connessione fra le tante sedi in cui si fa ricerca a Pisa, città della ricerca per eccellenza, le attività saranno infatti organizzate secondo 5 “linee” (Salute e benessere, Nuove tecnologie, Sviluppo sostenibile, I regni della natura, Patrimonio culturale) che si snoderanno dalle vie del centro fino all’Area San Cataldo (CNR e Dipartimento di Chimica), passando per i musei dell’Ateneo (aperti gratuitamente al pubblico dalle 18 alle 22), fino a Calci.

Tutto il programma è consultabile sul sito ufficiale dell’evento: http://www.bright-toscana.it/pisa-2017/

Chiara Brilli ne ha parlato col Paolo Mancarella, rettore dell’ateneo pisano

L'articolo Bright 2017: intervista al Rettore di Pisa sulla Notte dei Ricercatori proviene da www.controradio.it.

Università: pubblicati risultati del test di Medicina

Università: pubblicati risultati del test di Medicina

Pubblicati i risultati del test di Medicina e Odontoiatria.

Da oggi sono disponibili sul sito www.universitaly.it, nell’area riservata ai candidati e nel rispetto delle norme per la protezione dei dati personali. I punteggi sono pubblicati in forma anonima.
I candidati che lo scorso 5 settembre hanno sostenuto la prova sono stati 60.038 (66.907 le domande pervenute). Gli idonei, quelli che hanno totalizzato i 20 punti minimi necessari per concorrere alla graduatoria nazionale e alla distribuzione dei posti disponibili, sono quest’anno 52.389, l’87,26% del totale.
I partecipanti al test hanno dovuto rispondere a 60 quesiti in 100 minuti.
Il punteggio medio nazionale registrato fra coloro che sono risultati idonei è di 44,68. Il punteggio medio piu’ alto a livello di ateneo è di 49,81 a Pavia. La percentuale di idonei più alta (93,61%) si è registrata a Padova mentre il punteggio più alto (88,5) è stato conseguito a Milano.
I primi 100 classificati sono concentrati in 26 atenei. Quelli che hanno avuto piu’ candidate e candidati tra i primi 100 sono Bologna (19), Padova (17) e Milano (15).
I risultati nominali saranno pubblicati il 29 settembre e la graduatoria nazionale di merito nominativa sarà pubblicata il 3 ottobre.

L'articolo Università: pubblicati risultati del test di Medicina proviene da www.controradio.it.

Didattica robotica: nasce la rete RoboToscana

Didattica robotica: nasce la rete RoboToscana

Con 24 scuole di tutte le province toscane nasce la rete ‘RoboToscana’ per la didattica della robotica, di cui è capofila l’Isis Valdarno di San Giovanni Valdarno (Arezzo).

Primo impegno della rete RoboToscana sarà realizzare un censimento delle buone pratiche diffuse negli istituti. Le adesioni all’accordo, presentato oggi a Firenze presso l’Ufficio scolastico regionale, saranno aperte fino al 31 ottobre.

“Sarà un collettore tra il mondo della scuola, il mondo dell’università e della ricerca, e il mondo delle aziende presenti sul territorio”, spiega il dirigente scolastico dell’Isis, Lorenzo Pierazzi, secondo cui “tra i nostri obiettivi principali c’è quello di realizzare un curriculum di studi che vada dai bambini della scuola dell’infanzia fino al mondo dell’università; dall’altra parte, vogliamo incrementare il rapporto con il territorio in maniera tale che la scuola possa veramente rendersi un attore principale della filiera che, dal mondo dello studio, va verso il mondo del lavoro”.

L'articolo Didattica robotica: nasce la rete RoboToscana proviene da www.controradio.it.

La Normale dedicherà un istituto di studi avanzati a Ciampi

La Normale dedicherà un istituto di studi avanzati a Ciampi

Il primo novembre 2018 è la data in cui partirà l’Istituto di Studi Avanzati “Carlo Azeglio Ciampi”, a Firenze, a Palazzo Strozzi. Lo ha annunciato il direttore della Scuola Normale di Pisa, Vincenzo Barone, durante la giornata di studi sul presidente emerito della Repubblica che si è svolta oggi a Pisa, alla Scuola Normale Superiore, in occasione del primo anniversario della scomparsa.

“Per rilanciare pubblicamente la nostra gratitudine e il nostro debito a Carlo Azeglio Ciampi, allievo della Normale dal 1937 al 1941 – ha detto Barone – rinnovo qui il nostro impegno a realizzare un Istituto di Studi Avanzati a lui intitolato, il primo che nascerà in Italia sul modello di analoghe istituzioni internazionali, e dedicato agli
incroci ed alle contaminazioni tra le diverse anime del sapere: dalle
scienze dure alle scienze umane, a quelle sociali, politiche ed
economiche”.
“Abbiamo avviato nelle scorse settimane attraverso un avviso pubblico le procedure per reclutare il primo professore per la cattedra ‘Ciampi’ in seno all’Istituto – ha spiegato Barone – una figura con caratura e visione europea per il seguente insegnamento: ‘Political Economy and Historical Dynamics of Modern Capitalism’. Siamo certi che le candidature che riceveremo saranno all’altezza dell’ambizione di
questo progetto. All’altezza del nome a cui sono dedicati al contempo il nuovo Istituto di Studi Avanzati e la sua prima cattedra”.

“L’appartenenza alla Scuola Normale costituiva per Ciampi un’autentica radice culturale, strettamente legata alla formazione civile di quegli anni, e alla propria personale maturazione che concretamente ha coinciso con l’alba della Resistenza, della lotta per la democrazia, della fondazione della Repubblica”. Inizia così il messaggio che il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ha inviato in occasione della giornata di studi che la Scuola Normale ha dedicato a Ciampi.
“Ai valori democratici che la Costituzione consacra – ha aggiunto il Capo dello Stato – Ciampi è rimasto fedele in tutti i ruoli di responsabilità che gli sono stati affidati. E” stato un uomo di stato con altissimo senso delle istituzioni: lo ha dimostrato con le visioni lungimiranti che hanno ispirato scelte politiche significative – a cominciare dalla nascita dell’euro e dall’ingresso dell’Italia nel gruppo di testa – e lo ha
dimostrato nella sobrietà dei propri comportamenti, sempre consapevole dei limiti che ogni istituzione deve saper mantenere nella sua azione per consentire un equilibrio tra i poteri, e così rendere pieno l’esercizio dei diritti da parte dei cittadini”.

“Carlo Azeglio Ciampi è stato un uomo delle Istituzioni:  un grande Presidente della Repubblica, amato da tutti gli italiani e prima di questo un servitore dello Stato che, sia nella sua esperienza in Banca d’Italia sia nella veste di Ministro seppe affrontare con coraggio e dedizione le  grandi sfide cui il nostro Paese è stato chiamato. Per questo oggi più che mai è giusto ricordare la sua persona e la sua figura politica con il rilievo che merita”. Lo afferma la vicepresidente del Senato, Rosa Maria Di Giorgi nel primo anniversario della scomparsa dell’ex Presidente.

“Ho avuto modo di incontrarlo più volte: un uomo pieno di energia, gentile, determinato. A lui dobbiamo anche la riscoperta  dell’Inno nazionale,  che tutti abbiamo ricominciato a cantare con convinzione,  e la  Festa della Bandiera italiana da lui istituita nel 1996, e che ogni anno, da assessore del Comune di Firenze, celebravo il 7 gennaio  con gli studenti delle scuole fiorentine e con le associazioni che credono nei valori anche simbolici della nostra nazione”, aggiunge Di Giorgi.
“Per noi che oggi ci troviamo a rappresentare le Istituzioni dello Stato Italiano la figura di Ciampi rappresenta un punto di riferimento costante. La lealtà democratica,  l’attaccamento ai valori della Costituzione, l’abnegazione e la pratica costante di quel senso degli equilibri istituzionali che mai lo portò a travalicare il suo ruolo, rendono il suo esempio  oggi più che mai presente ed attuale”, conclude Di Giorgi.

L'articolo La Normale dedicherà un istituto di studi avanzati a Ciampi proviene da www.controradio.it.