Renzi: “Noi siamo qui perché tu vinca contro la Ceccardi”

Renzi: “Noi siamo qui perché tu vinca contro la Ceccardi”

?Firenze, Matteo Renzi, durante un evento elettorale con i candidati di Italia Viva alle prossime elezioni regionali per la Toscana, evento al quale era presente anche Eugenio Giani, riferendosi al candidato presidente per il centro sinistra ha detto: “Noi siamo qui perché tu vinca contro la Ceccardi”.

“Queste elezioni – ha poi aggiunto Renzi – sono elezioni complicate dal punto di vista della gestione politica: c’è una grande situazione di tensione nel paese, di difficoltà. Però noi sappiamo che o vince Giani o vince la Ceccardi”.

“Italia Viva è la casa di chi un anno fa ha mandato a casa Salvini. E pensando a tutto quello che abbiamo fatto in questi mesi, siamo contenti di aver mandato a casa Salvini, ma senza fare polemica con il Pd, noi non saremo mai quelli dell’alleanza strutturale con i 5 Stelle”.

Sull’aeroporto di Firenze “l’emendamento dei 5 Stelle non passa, perché se passa l’emendamento non passa il decreto perchè non non diamo i voti al decreto. Non è pensabile che i 5 Stelle cerchino di bloccare il futuro di Firenze e del suo territorio”.

Gimmy Tranquillo ha raccolto le voci di alcuni candidati di Italia Viva, di Stefania Saccardi e di Matteo Renzi:

L'articolo Renzi: “Noi siamo qui perché tu vinca contro la Ceccardi” proviene da www.controradio.it.

Regionali Toscana: pronto simbolo Iv con +Europa

Regionali Toscana: pronto simbolo Iv con +Europa

Pronto il simbolo dell’alleanza Italia Viva e +Europa per le elezioni regionali del 20 e 21 settembre in Toscana.

“La nostra alleanza rappresenta un esito naturale per due forze che hanno fatto della lotta ai populisti e del senso di appartenenza all’Europa due capisaldi della loro azione politica – sottolineano in una nota gli esponenti Iv Nicola Danti e Stefania Saccardi -. La prossima tornata elettorale rappresenta per la Toscana un momento fondamentale. Lotta all’assistenzialismo, crescita, e creazione di posti di lavoro sono le nostre parole d’ordine. Chi ci sceglierà deciderà di garantire alla Toscana cinque anni di buon governo e di eleggere consiglieri regionali che faranno da argine a possibili derive populiste dannose per il futuro dei nostri territori”.
“Questa alleanza – proseguono Davide Bacarella e Costanza Hermanin, esponenti di +Europa – può esprimere la visione di una regione lungimirante, capace di innovarsi, di attrarre investimenti e talenti per promuovere uno sviluppo ambientale e tecnologico sostenibile, che punti sull’empowerment femminile e sui giovani, sulle sinergie tra impresa e ricerca. Con questa lista intendiamo rappresentare un’area politica liberaldemocratica e ambientalista di cui oggi più che mai il nostro paese ha bisogno”. (ANSA).

L'articolo Regionali Toscana: pronto simbolo Iv con +Europa proviene da www.controradio.it.

Toccafondi e Grazzini “Evasiva risposta MIBACT a interrogazione su Franchi”

Toccafondi e Grazzini “Evasiva risposta MIBACT a interrogazione su Franchi”

Firenze, “Ho presentato una interrogazione in Commissione alla Camera nella quale chiedevo esplicitamente al MIBACT se avesse intenzione di intervenire sui vincoli di tutela dello stadio Franchi – ha dichiarato il deputato fiorentino Gabriele Toccafondi, capogruppo di Italia Viva in Commissione Cultura alla Camera – Ma il ministero non ha risposto su questo punto, limitandosi a ricordare che le disposizioni di tutela non “congelano” lo stadio al non utilizzo”

“Firenze ha bisogno di un impianto sportivo moderno, a misura di famiglie, dove le partite si vedano bene e comodamente – ha aggiunto il deputato Toccafondi, assieme al coordinatore fiorentino di Italia Viva Francesco Grazzini – La società calcistica ha messo sul piatto la volontà di investire ingenti risorse private, che genererebbero importanti occasioni di sviluppo economico e occupazionale che Firenze non può perdere.”

“A dire del ministero poi non c’è contrasto tra le norme di tutela e la realizzazione di un impianto moderno ed efficiente. Ma siamo realisti: se non saranno modificati i vincoli di tutela per impianti del genere quelle risorse finiranno per essere destinate alla costruzione dell’impianto in un’altra area, lasciando campo di marte con un impianto, pur bellissimo, ma che senza interventi, senza società calcistica e senza eventi rischierebbe di essere costosissimo per le casse pubbliche.” Hanno concluso i due esponenti di Italia Viva.

L'articolo Toccafondi e Grazzini “Evasiva risposta MIBACT a interrogazione su Franchi” proviene da www.controradio.it.

Renzi su ripartenza: “Perso tempo utilizzando terrorismo psicologico, si rischia nuova tangentopoli”

Renzi su ripartenza: “Perso tempo utilizzando terrorismo psicologico, si rischia nuova tangentopoli”

Il senatore e leader di Italia Viva Matteo Renzi, questo pomeriggio, ha incontrato la stampa sotto il Loggiato di Palazzo Strozzi a Firenze per parlare del suo ultimo libro “La mossa del cavallo”, edito da Marsilio. Ma durante la conferenza stampa, l’ex premier ha affrontato piu’ argomenti, tra tutti quello della crisi post Covid-19.

Nel  lungo intervento, e prima di rispondere alle domande dei giornalisti, l’ex sindaco di
Firenze ha voluto ringraziare l’assessora regionale alla Sanita’ Stefania Saccardi e referente toscana di IV, “per il lavoro che ha svolto durante l’emergenza”, e il governatore Enrico Rossi. “La Toscana, tra tutte le Regioni italiane e’ quella che ha reagito meglio”.

Ma sulla ripartenza e sulla verifica di come sia stata gestita l’emergenza gli abbiamo rivolto due domande specifiche.

La commissione d’inchiesta sulle morti nell’emergenza Coronavirus è “doverosa e mi auguro che possa fare chiarezza; certamente noi non chiediamo presidenze: noi vogliamo stare sulla politica, non sulle poltrone”. Lo ha detto ai nostri microfoni  l’ex premier Matteo Renzi, leader di Italia Viva, presentando a Firenze il suo libro “La mossa del cavallo”.

La magistratura, ha aggiunto Renzi, “farà le sue indagini e porterà avanti il suo compito sui singoli casi”, “ma la politica deve intervenire” per chiarire i meccanismi di quanto accaduto. “Si rischia una nuova Tangentopoli non perché ci siano state tangenti ma perché si crea la stessa rabbia nei confronti della classe dirigente: politica debole, magistratura divisa, comunicazione esasperata”.

Renzi
Foto di Chiara Brilli

Nel tema della ripartenza che Renzi aveva anticipato a fine marzo c’era anche il fronte scolastico. “Oggettivamente riaprire le scuole sarebbe stato importante già a maggio. Al presidente Conte e al ministro Azzolina noi mandiamo un messaggio: niente scherzi a settembre! La didattica a distanza anche basta. Noi dobbiamo tornare in classe e se i ragazzi non vanno in classe avranno un danno pazzesco. La scuola è stata chiusa prima delle funivie. Poi abbiamo riaperto i pub prima delle scuole”.

Il leader di Italia Viva ha poi risposto anche a domande di carattere locale bocciando di fatto l’appello di Nardella ai mecenati per aiutare la città, ritenendo inutile il passaggio della tramvia da Via Martelli e chiarendo la propria posizione sullo stadio.

“Dario Nardella ha il suo stile, che è diverso dal mio: io avrei detto ‘ragazzi, mettiamoci al lavoro’, non andiamo a dire che è come l’alluvione, se no il rischio è che la comunità internazionale non torni più a Firenze, perché così passa un messaggio di paura”. Ha detto Renzi, riferendosi all’appello internazionale del sindaco di Firenze,  per aiutare la città a ripartire dopo la crisi sanitaria. “Puoi chiedere aiuto ai newyorchesi ma a New York ci sono stati più morti che a Firenze, e ci sono stati più morti anche a Parigi, Barcellona… – ha aggiunto Renzi – Non do consigli a Nardella trovo insopportabile il tocco dell’ex, parlo da senatore di Firenze, ho legittimazione a parlare”.

“Noi in Parlamento voteremo per eliminare i vincoli del Franchi”. Lo ha affermato Renzi,
rispondendo alle domande dei giornalisti sulla questione del nuovo stadio della Fiorentina, “Nel decreto semplificazione – ha aggiunto – che il presidente del Consiglio ci assicura che porterà rapidamente in Consiglio dei ministri, abbiamo chiesto e ottenuto che ci sia un pezzo sui temi dello sport. Deve essere normata a livello nazionale la disciplina sugli stadi vecchi: non posso accettare che si butti giù San Siro e che il Franchi non si possa toccare. Su Campi Bisenzio e sulla Mercafir ho una mia idea e la tengo per me, ma da senatore dico che in Parlamento chiederò a tutte le forze politiche di disciplinare allo stesso modo gli stadi, perché non ci può essere un vincolo architettonico sul Franchi tale da impedire il progetto di riorganizzazione”.

Infine in vista delle elezioni regionali in Toscana, ha esordito: “Noi saremo la sorpresa. Italia Viva sarà decisiva per far vincere la coalizione guidata da Eugenio Giani e come IV puntiamo ad ottenere un risultato superiore a quello dei Cinque Stelle”, ha aggiunto.

L'articolo Renzi su ripartenza: “Perso tempo utilizzando terrorismo psicologico, si rischia nuova tangentopoli” proviene da www.controradio.it.

Saccardi: ‘mai problemi con Rossi’

Saccardi: ‘mai problemi con Rossi’

“Non abbiamo mai avuto problemi io e il presidente Rossi, ci eravamo sentiti, mai avuto nessun fraintendimento o difficoltà con Rossi.” Afferma la Saccardi.

“Per quello che mi riguarda abbiamo sempre lavorato bene in questi anni, siamo d’accordo sugli obiettivi, sui programmi e per quello che mi riguarda su questo non cambia assolutamente niente. Se il presidente ritiene di andare avanti così per me va bene”.

Lo ha detto l’assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi, rispondendo ai cronisti che le chiedevano se avesse risolto con il presidente della Regione Enrico Rossi la questione della sua delega alla sanità dopo il passaggio dal Pd a Italia Viva.

L'articolo Saccardi: ‘mai problemi con Rossi’ proviene da www.controradio.it.