Fiorentina: Malagò in visita al Viola Park

Fiorentina: Malagò in visita al Viola Park

Fiorentina:  presidente del Coni, Giovanni Malago’, ha raggiunto da pochi minuti l’area di Bagno a Ripoli dove sono in corso da alcuni mesi i lavori per il completamento del “Viola Park”, futuro centro sportivo della Fiorentina.

Si tratta di una visita organizzata dal club per far conoscere al numero uno dello sport italiano il progetto che la societa’ viola sta portando avanti per consentire, a partire verosimilmente da fine 2022-inizio 2023, a tutte le proprie squadre, maschili, femminili e giovanili, di allenarsi all’interno di un’unica area.

Ad accompagnare Malago’, in rappresentanza della Fiorentina, il direttore generale Joe Barone.

L’annuncio della visita del presidente del Coni era stato fatto poco più di un mese fa dallo stesso Rocco Commisso in occasione del sopralluogo al cantiere con il presidente della FIGC Gabriele Gravina e del presidente della Lega di A Paolo Dal Pino.

Uno stralcio delle dichiarazioni di Malagò all’uscita dal Viola Park secondo quanto riportato da violanews.com “Sono stupefatto dall’importanza e dalla qualità di questo progetto. Penso di essere un discreto conoscitore di realtà analoghe, anche superblasonate, ma realisticamente quello che ho visto qui oggi non l’ho visto da nessuna altra parte. Questa straordinaria capacità di riunire tutti i settori della squadra, la possibilità di stare qua a dormire, studiare, allenarsi, curarsi.  E’ un investimento importante, molto coraggioso, ma è la cosa migliore che la Fiorentina potesse fare.”

Circa 120 gli operai impegnati quotidianamente. In base al cronoprogramma entro 15 mesi dall’inizio dei lavori (marzo scorso) saranno pronti la villa (già completato il restauro) con gli annessi, il media center e gli ambienti per i giovani e le donne; 3 mesi in più occorreranno per finire i due edifici della prima squadra maschile e il padiglione-eventi; altri 2 per la conclusione dei lavori dei due mini stadi. Inaugurazione prevista a 20 mesi dall’avvio del cantiere, a Natale 2022. Inoltre nelle prossime settimane dovrebbe iniziare la piantumazione delle nuove alberature.

L'articolo Fiorentina: Malagò in visita al Viola Park da www.controradio.it.

Insulti razzisti a giocatori del Napoli, la Fiorentina chiede scusa

Insulti razzisti a giocatori del Napoli, la Fiorentina chiede scusa

Insulti razzisti a giocatori del Napoli: “La società viola si è fermamente dissociata dai cori e le offese razziste provenuti dagli spalti del Franchi dopo Fiorentina-Napoli all’ indirizzo di alcuni giocatori avversari”.

E’ quanto precisa la Fiorentina dopo gli insulti razzisti nei confronti del giocatore del Napoli, Koulibaly, durante l’intervista a bordo campo a fine gara con Dazn. Offese che sarebbero state rivolte anche ai suoi compagni di squadra Osimhen e Anguissa. Il difensore del Napoli, secondo quanto riporta Dazn, si è rivolto a chi gli ha dato della ‘scimmia’ replicando: “Vieni qui a dirmelo in faccia”. Il direttore generale della Fiorentina, Joe Barone, informato dell’ accaduto ha chiesto scusa al giocatore a fine gara esprimendogli la vicinanza della società.

Dal senatore Sandro Ruotolo e lo scrittore Maurizio De Giovanni arriva poi un appello ai vertici della Fiorentina e al sindaco della citta’: “Senza aspettare la miserevole multa per discriminazione territoriale, presidente Commisso chiuda la curva oscena per tre giornate. Sindaco Nardella, la sua Firenze e’ una citta’ democratica, antifascista, culla della cultura italiana, prenda le distanze dalle urla razziste dei suoi concittadini”.

Dal punto di vista calcistico, “E’ stata una partita un po’ sofferta. Non l’abbiamo strappata, ma e’ stata meritata come vittoria, anche se risicata. Non e’ facile dal punto di vista fisico quando trovi squadre che giocano in questa maniera a tutto campo. Abbiamo davanti per fortuna giocatori veloci e quindi sono difficili da prendere, e bastano due palle che superino la difesa avversaria per fare la differenza”. Cosi’ Luciano Spalletti commenta la vittoria ottenuta dal Napoli al “Franchi” contro la Fiorentina.

L'articolo Insulti razzisti a giocatori del Napoli, la Fiorentina chiede scusa da www.controradio.it.

Insulti razzisti a giocatori del Napoli, la Fiorentina chiede scusa

Insulti razzisti a giocatori del Napoli, la Fiorentina chiede scusa

Insulti razzisti a giocatori del Napoli: “La società viola si è fermamente dissociata dai cori e le offese razziste provenuti dagli spalti del Franchi dopo Fiorentina-Napoli all’ indirizzo di alcuni giocatori avversari”.

E’ quanto precisa la Fiorentina dopo gli insulti razzisti nei confronti del giocatore del Napoli, Koulibaly, durante l’intervista a bordo campo a fine gara con Dazn. Offese che sarebbero state rivolte anche ai suoi compagni di squadra Osimhen e Anguissa. Il difensore del Napoli, secondo quanto riporta Dazn, si è rivolto a chi gli ha dato della ‘scimmia’ replicando: “Vieni qui a dirmelo in faccia”. Il direttore generale della Fiorentina, Joe Barone, informato dell’ accaduto ha chiesto scusa al giocatore a fine gara esprimendogli la vicinanza della società.

Dal senatore Sandro Ruotolo e lo scrittore Maurizio De Giovanni arriva poi un appello ai vertici della Fiorentina e al sindaco della citta’: “Senza aspettare la miserevole multa per discriminazione territoriale, presidente Commisso chiuda la curva oscena per tre giornate. Sindaco Nardella, la sua Firenze e’ una citta’ democratica, antifascista, culla della cultura italiana, prenda le distanze dalle urla razziste dei suoi concittadini”.

Dal punto di vista calcistico, “E’ stata una partita un po’ sofferta. Non l’abbiamo strappata, ma e’ stata meritata come vittoria, anche se risicata. Non e’ facile dal punto di vista fisico quando trovi squadre che giocano in questa maniera a tutto campo. Abbiamo davanti per fortuna giocatori veloci e quindi sono difficili da prendere, e bastano due palle che superino la difesa avversaria per fare la differenza”. Cosi’ Luciano Spalletti commenta la vittoria ottenuta dal Napoli al “Franchi” contro la Fiorentina.

L'articolo Insulti razzisti a giocatori del Napoli, la Fiorentina chiede scusa da www.controradio.it.

Antognoni vs Fiorentina per bonus e diritti di immagine

Antognoni vs Fiorentina per bonus e diritti di immagine

Clima surriscaldato fra la Fiorentina e Giancarlo Antognoni dopo la separazione. In una nota diffusa dall’ormai ex dirigente viola, attraverso lo studio legale Galgano a cui si e’ rivolto, Antognoni fa sapere che “quanto dichiarato dalla ACF Fiorentina, e in particolare dal Direttore Generale Barone, con nota ufficiale del 16 luglio u.s. non corrisponde al vero.

Vero e’ invece che Giancarlo Antognoni e’ stato convocato da Joe Barone, il quale gli ha comunicato la volonta’ della societa’ di chiudere definitivamente il rapporto in essere che lo vedeva club e tecnical manager con contratto di direttore sportivo – si legge nella nota – Non solo. E’ stato infatti comunicato anche che non sarebbero stati pagati i bonus previsti dal contratto, anche se dovuti. La societa’ era disponibile solo a concedergli un ruolo per l’area scouting nel settore giovanile”.

“Alla luce di un si’ grave comportamento Giancarlo Antognoni ha quindi chiesto ai propri legali di verificare la legittimita’ della cessazione del rapporto e del contenuto contrattuale, in particolar modo relativamente a quanto previsto al suo art. 5 in tema di sfruttamento esclusivo della sua immagine per iniziative promo-pubblicitarie in tutto il mondo”.

“Oltre a quanto sopra – si legge ancora nel comunicato – ha chiesto di essere tutelato in merito alle modalita’ ingiuriose con le quali e’ stato cessato il rapporto e alle dichiarazioni diffuse a mezzo stampa e attraverso i social per lui denigratorie ed evidentemente finalizzate a ledere l’indissolubile rapporto tra il Campione, la propria Squadra, i Tifosi e la citta’ di Firenze, che sono stati sempre al centro di ogni sua scelta”.

L'articolo Antognoni vs Fiorentina per bonus e diritti di immagine da www.controradio.it.

Barone, il Franchi sembrava le Cascate del Niagara

Barone, il Franchi sembrava le Cascate del Niagara

”Con la pioggia allo stadio Franchi sembrava ci fossero le cascate del Niagara…”. Lo ha detto il direttore generale della Fiorentina, Joe Barone, intervenendo in una trasmissione di Italia 1 dopo il sofferto pareggio di ieri sera contro il Genoa.

”E’ un impianto che dimostra tutti i suoi 90 anni, molto fragile – ha aggiunto il dirigente viola – Siamo disposti a fare lo stadio nuovo, abbiamo detto sì alla proposta del sindaco di
Firenze, sl resto deve intervenire il Comune”.
Quindi Barone ha voluto lanciare provocatoriamente una proposta: ”Si potrebbe costituire un fondo e tutti quelli che scrivono e parlano del Franchi, iniziando dalle archistar,
potrebbero mettere soldi per il Comune. Vediamo se saranno abbastanza per restaurare lo stadio”.

Poi ha commentato il risultato di ieri arrivato per i viola al 98′: ”La squadra ha lottato fino all’ultimo dimostrando di non voler uscire dal campo senza ottenere qualcosa ed è stato un
segnale importante, magari avremmo meritato più di un punto ma adesso dobbiamo già pensare alla prossima gara”. Che sarà la difficile trasferta a Bergamo contro l’Atalanta
contro cui Prandelli sarà uno degli ex: ”Appena ci ha dato la sua disponibilità ci siamo orientati su di lui, ha voglia di portare la Fiorentina in alto, le voci su Sarri e Spalletti non
sono vere”.

L'articolo Barone, il Franchi sembrava le Cascate del Niagara proviene da www.controradio.it.