Alta Velocità: fermata Chiusi-Chianciano da giugno 2019

Alta Velocità: fermata Chiusi-Chianciano da giugno 2019

Anche la Val di Chiana rientra nel progetto per sviluppare il turismo con il treno a cui sta lavorando Fs Italiane e in quest’ottica da giugno 2019, per tutto il periodo estivo, i treni Av fermeranno anche alla stazione di Chiusi-Chianciano Terme con l’obiettivo di favorire i flussi turistici.

La stazione Chiusi-Chianciano sarà così un hub strategico per la connessione anche con la Val di Chiana, la Val d’Orcia, Siena, le terre degli Etruschi e l’Umbria. E’ quanto emerso nel corso di un incontro, a Roma, tra l’assessore alle infrastrutture e alla mobilità della Toscana Vincenzo Ceccarelli, l’amministratore delegato e direttore generale di Fs Italiane Gianfranco Battisti e, tra gli altri, il sindaco di Chiusi Juri Bettollini.

Nel corso dell’incontro, sono state condivise le linee progettuali per lo sviluppo del turismo diffuso con i collegamenti ferroviari convenzionali e con i treni storici della Fondazione Fs Italiane. Da marzo 2019 sarà attiva una campagna promozionale, a carico della Regione Toscana. Per promuovere il territorio e i collegamenti.

Il sistema dei treni storici della Fondazione Fs Italiane, già operativo in Toscana sulla linea della Val d’Orcia, da Asciano a Monte Antico e da Siena a Chiusi, con i treni a vapore e le Littorine, vedrà impegnato anche lo storico elettrotreno Arlecchino.

“Siamo soddisfatti della collaborazione con Fs Italiane su un progetto così importante”, ha sottolineato Ceccarelli. “Siamo impegnati – ha detto Battisti – a sviluppare un sistema integrato di offerta che crei le condizioni di accessibilità allo sviluppo turistico del Paese, contribuendo alla redistribuzione dei flussi turistici.”

L'articolo Alta Velocità: fermata Chiusi-Chianciano da giugno 2019 proviene da www.controradio.it.

Alta Velocità: fermata Chiusi-Chianciano da giugno 2019

Alta Velocità: fermata Chiusi-Chianciano da giugno 2019

Anche la Val di Chiana rientra nel progetto per sviluppare il turismo con il treno a cui sta lavorando Fs Italiane e in quest’ottica da giugno 2019, per tutto il periodo estivo, i treni Av fermeranno anche alla stazione di Chiusi-Chianciano Terme con l’obiettivo di favorire i flussi turistici.

La stazione Chiusi-Chianciano sarà così un hub strategico per la connessione anche con la Val di Chiana, la Val d’Orcia, Siena, le terre degli Etruschi e l’Umbria. E’ quanto emerso nel corso di un incontro, a Roma, tra l’assessore alle infrastrutture e alla mobilità della Toscana Vincenzo Ceccarelli, l’amministratore delegato e direttore generale di Fs Italiane Gianfranco Battisti e, tra gli altri, il sindaco di Chiusi Juri Bettollini.

Nel corso dell’incontro, sono state condivise le linee progettuali per lo sviluppo del turismo diffuso con i collegamenti ferroviari convenzionali e con i treni storici della Fondazione Fs Italiane. Da marzo 2019 sarà attiva una campagna promozionale, a carico della Regione Toscana. Per promuovere il territorio e i collegamenti.

Il sistema dei treni storici della Fondazione Fs Italiane, già operativo in Toscana sulla linea della Val d’Orcia, da Asciano a Monte Antico e da Siena a Chiusi, con i treni a vapore e le Littorine, vedrà impegnato anche lo storico elettrotreno Arlecchino.

“Siamo soddisfatti della collaborazione con Fs Italiane su un progetto così importante”, ha sottolineato Ceccarelli. “Siamo impegnati – ha detto Battisti – a sviluppare un sistema integrato di offerta che crei le condizioni di accessibilità allo sviluppo turistico del Paese, contribuendo alla redistribuzione dei flussi turistici.”

L'articolo Alta Velocità: fermata Chiusi-Chianciano da giugno 2019 proviene da www.controradio.it.