Kerry Kennedy: “Problema immigrazione viene esagerato da alcuni politici”

Kerry Kennedy: “Problema immigrazione viene esagerato da alcuni politici”

🔈Firenze, Kerry Kennedy, attivista per i diritti umani, figlia del senatore Robert F. Kennedy e nipote dell’ex presidente John Fitzgerald, partecipando qualche giorno fa al Flagship Event della RFK Human Rights Italia, ha rispsto ad alcune nostre domande.

“Il problema dell’immigrazione viene esagerato da alcuni politici perché li aiuta a guadagnare voti usando la paura la paura della gente – ha detto Kerry Kennedy – La realtà è che ci sono 60 milioni di persone in Italia, 60 milioni, e fino ad ora 30mila migranti”.

“In una città come Lucca, che è una piccola città, più di 1 milione di Italiani sono emigrati, hanno lasciato Lucca, e tanti di loro sono venuti negli Stati Uniti – ha spiegato la presidente della ‘RFK Human Rights’ – e sono molto, molto grata nei confronti degli Italiani che sono venuti negli Stati Uniti perché i miei tre figli sono metà irlandesi e metà italiani, e questo grazie agli immigrati, immigrati dall’Italia, immigrati dall’Irlanda che si sono conosciuti negli Stati Uniti ed ecco che io ho 3 figli. Il punto è che l’Italia può facilmente, molto facilmente integrare queste 30mila persone. Compassione per le persone che veramente soffrono che scappano dalla guerra, nessuno vuole lasciare la propria casa”.

Alla domanda su cosa ne pensasse sulla decisione del Presidente degli Stati Uniti di schierare l’esercito a protezione dei confini per fermare le migliaia di persone in marcia dal Messico ha risposto: “Io penso che c’è una elezione in un paio di settimane, che i sondaggi tra la base dei Repubblicani dicono che supportano l’odio che Donald Trump sente contro i migranti e che sta usando e abusando questo argomento per guadagno politico per aumentare il suo stesso potere. Questo è cinico, è orribile per il nostro paese, è terribile per il nostro mondo, ma più di tutto fa del male alle genti che sono le più disperate. Persone che sono povere, persone che scappano dalla violenza e persone che hanno bisogno del nostro aiuto e compassione e non del razzismo, delle bugie e dell’odio”.

Alla domanda sull’esito delle Midterm elections negli Stati Uniti che si terranno il 6 novembre, Kerry Kennedy ha così risposto: “I sondaggi prevedono che ci riusciremo, ma i sondaggi avevano previsto che Hillary Clinton avrebbe vinto nell’ultima elezione, quindi noi tutti dobbiamo votare, questa è la cosa più importante, se tutti andranno a votare avremo un paese diverso e migliore. Abbiamo bisogno di una democrazia vera, dove tutti esercitano il proprio diritto al voto, allora avremo il tipo di governo che meritiamo”.

Gimmy Tranquillo ha intervistato Kerry Kennedy:

In English:

Con traduzione in italiano:

 

 

L'articolo Kerry Kennedy: “Problema immigrazione viene esagerato da alcuni politici” proviene da www.controradio.it.

Migranti: Kerry Kennedy, diamo loro un lavoro per aiutarli

Migranti: Kerry Kennedy, diamo loro un lavoro per aiutarli

Kerry Kennedy, fondatrice del Robert F. Kennedy Center for Human Rights, è intervenuta alla Robert F. Kennedy Flagship Initiative di Firenze, iniziativa con la quale vengono premiati progetti di inclusione

“Se c’è una cosa che possiamo fare per aiutare i migranti è quella di dar loro un lavoro”: lo ha affermato Kerry Kennedy, fondatrice del Robert F. Kennedy Center for Human Rights, intervenendo alla Robert F. Kennedy Flagship Initiative di Firenze, iniziativa con la quale vengono premiati progetti di inclusione.

“Oggi siamo qui a parlare di quelle che sono le sfide che ha dovuto affrontare l’Italia come regione dell’Europa nel gestire l’immigrazione, e stiamo cercando delle soluzioni”, ha spiegato, sottolineando che “siamo qui proprio per riconoscere la sinergia tra istituzioni governative, aziende private e Ong che hanno trovato le migliori pratiche per mettere in atto l’integrazione e l’inclusione tramite il lavoro”.

Per coltivare un ideale di pace, giustizia e compassione “la differenza si fa a livello locale” nelle istituzioni, ha proseguito la Kennedy. “Io ho piena fiducia nelle persone – ha spiegato – sono gli individui che riescono a portare avanti questo concetto di pace, giustizia, e compassione verso quelli che soffrono: e perlopiù riusciamo a vederlo a un livello locale. Spesso crediamo di doverlo cercare nel primo ministro, in un presidente, ma in verità sono le istituzioni locali quelle più vicine alle persone, che sia un consiglio comunale o un sindaco, come il sindaco di Firenze che sta facendo un ottimo lavoro in questo senso”.

Pace, giustizia e compassione verso coloro che soffrono, ha ricordato Kerry Kennedy, era anche il messaggio del padre Robert nella corsa alla nomination per le elezioni presidenziali degli Usa del 1968. “C’è un grande bisogno nel mondo oggi di questo messaggio, e le persone lo reclamano – ha concluso – quindi il suo messaggio è sempre più attuale”.

Un corso di cucina e accoglienza, un percorso di mentoring per l’inserimento in azienda, un laboratorio di ceramica artigianale sono i progetti vincitori del bando Rfk Flagship Event for Mediterranean Challenges per l’inclusione lavorativa di migranti e rifugiati. Per le associazioni e Ong selezionate sono previsti contributi economici e assistenza legale pro bono per un totale di 150 ore.

“Cucinare per ricominciare” è un corso professionalizzante di cucina e di accoglienza, promosso dalla Fondazione Avsi di Cesena con partner quali Sephora, Teddy, Lavazza, Ca’puccino, Galdus, Pescarìa, Autogrill, Rosso Pomodoro, Martesana, Facebook, LinkedIn, Multimethod, Panino Giusto, Panini Durini, Grom. “Singa Professional Mentoring” è invece percorso di mentoring per l’inserimento in azienda, condotto in Lombardia da Singa Italia, mentre “Terre di Monale” è un laboratorio di ceramica artigianale per la produzione di servizi da tavola venduti in tutto il mondo sviluppato da Piam Onlus di Asti.

L'articolo Migranti: Kerry Kennedy, diamo loro un lavoro per aiutarli proviene da www.controradio.it.

Migranti: Kennedy a Firenze per la premiazione dei migliori progetti di inclusione

Migranti: Kennedy a Firenze per la premiazione dei migliori progetti di inclusione

Sarà Kerry Kennedy, figlia del senatore Robert F. Kennedy e nipote dell’ex presidente degli Stati Uniti, a presentare i migliori progetti di inclusione sociale dei migranti in Italia, martedì 23 ottobre a Firenze (Auditorium Fondazione CR Firenze, via Folco Portinari 5), in occasione della Robert F. Kennedy Flagship Initiative, appuntamento annuale della RFK Human Rights Italia, associazione attiva in ambito di diritti civili

La mattinata, condotta dal giornalista Jacopo Storni e pensata come occasione di networking e di condivisione di buone pratiche, avrà inizio alle ore 9 con i saluti istituzionali di Sara Funaro, assessore al welfare del Comune di Firenze, Vittorio Bugli, assessore regionale all’immigrazione, Donato Tramuto, manager e filantropo nonché principale sostenitore dell’iniziativa, Maria Lina Marcucci, Presidente Robert F. Kennedy Human Rights Italia.

Oltre all’intervento di Kerry Kennedy (previsto per le ore 10.30), sono attesi i contributi di Laura Zanfrini, Professore Ordinario di Sociologia delle Migrazioni all’Università Cattolica di Milano, Dino Guido Rinoldi, Professore Ordinario Diritto Internazionale alla Cattolica e Nicoletta Parisi, Professore Ordinario in Diritto internazionale all’Università di Catania e Componente del Consiglio dell’Autorità nazionale anticorruzione (A.N.A.C.).

Seguirà la presentazione dei progetti vincitori del bando RFK Flagship Event for Mediterranean Challanges, “Cucinare per ricominciare”, corso professionalizzante di cucina e di accoglienza, promosso dalla Fondazione AVSI di Cesena con partner quali Sephora, Teddy, Lavazza, Ca’puccino, Galdus, Pescaria, Autogrill, Rosso Pomodoro, Martesana, Facebook, LinkedIn, Multimethod, Panino Giusto, Panini Durini, Grom, “SINGA Professional Mentoring”, percorso di mentoring per l’inserimento in azienda, condotto in Lombardia da Singa Italia, “Terre di Monale”, laboratorio di ceramica artigianale per la produzione di servizi da tavola venduti in tutto il mondo (dagli chef stellati europei fino ai ristoranti giapponesi), sviluppato da PIAM Onlus di Asti.

Per le associazioni e ONG selezionate sono previsti contributi economici e assistenza legale pro bono per un totale di 150 ore, grazie alla partnership stretta da RFK Human Rights Italia con il Dott. Paolo Gaspare Conforti Di Lorenzo, partner presso Argos Group – Corporate Finance.

A chiudere la mattinata di networking, a cui sono attesi circa 100 ospiti tra rappresentanti istituzionali, del terzo settore e del mondo delle imprese, una sessione dedicata alle buone pratiche attuate da grandi aziende, associazioni, fondazioni e università tra cui il progetto “Welcome”, presentato da UNHCR, “Accogliamo Sorrisi”, promosso da Comune di Firenze e Coop. Fontenuova, “Nessuno Escluso” della Fondazione CR Firenze, MigrAID sviluppato da Erasmus + e Università di Milano. Previsti inoltre gli interventi di ISMU e Rete Migrazioni e Lavoro. Le conclusioni della giornata sono affidate a Donato Tramuto, alle ore 13.15 circa.

L'articolo Migranti: Kennedy a Firenze per la premiazione dei migliori progetti di inclusione proviene da www.controradio.it.