Pisa: non vedenti saranno ‘sommelier’ delle mele

Pisa: non vedenti saranno ‘sommelier’  delle mele

Non si fanno distrarre dai dati ‘estetici’, per questo, come appurato dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, gli assaggiatori ipovedenti o non vedenti sono particolarmente abili nel contribuire alla definizione della qualità intrinseca delle mele, fresche o disidratate

Persone non vedenti o ipovedenti assaggeranno la  qualità di frutta toscana, in particolare varietà di mele tipiche della Lucchesia, per valutarne le qualità intrinseche ed esprimere un giudizio sulla loro qualità, senza prendere in considerazione gli aspetti esteriori. Il progetto che si chiama ‘Percorso sensoriale oltre la vista’ fa parte di una linea di ricerca dell’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa ed è  coordinato da Susanna Bartolini, ricercatrice in Arboricoltura generale e coltivazioni arboree e coinvolge. In qualità di assaggiatori saranno coinvolti  una ventina di soci con disabilità visive dell’Unione Italiana ciechi e ipovedenti di Lucca.
L’analisi è basata solo su gusto, tatto e olfatto ed è parte integrante di un’attività per valorizzare i frutti di vecchie varietà locali di mele della Lucchesia che, a fronte di un’elevata qualità gustativa e nutrizionale, possono risultare poco attrattive in termini estetici.
Le malformazioni o le alterazioni, che non intaccano la ricchezza e le qualità nutrizionali, possono frenare l’interesse dei consumatori che sono portati a “mangiare con gli occhi”. Gli assaggiatori ipovedenti o non vedenti si sono dimostrati abili nel contribuire alla definizione della qualità intrinseca delle mele, fresche o disidratate, nell’ambito della linea di ricerca della Sant’Anna. Ne viene fuori una stima più obiettiva legata ai caratteri intrinseci piuttosto che a quelli esteriori.
Allo studio hanno partecipato circa 20 persone con deficit visivi, che hanno espresso il loro grado di gradimento per i frutti, traducendo le proprie sensazioni tattili, olfattive e sensoriali rispetto a tre vecchie varietà di melo della Lucchesia (“Casciana”, “Ruggine” e “Rosa”). Queste varietà, coltivate secondo le regole dell’agricoltura biologica, sono state fornite dall’azienda ‘Il Corniolo’ di Castiglione di Garfagnana (Lucca). La nuova esperienza è stata guidata dai ricercatori, spiega Susanna Bartolini, “per ampliare la possibilità di ‘addestrare’ alla degustazione di alimenti freschi e trasformati persone con disabilità visive, il cui coinvolgimento contribuisce in maniera significativa alla valutazione della qualità intrinseca e sostanziale di un prodotto”.

L'articolo Pisa: non vedenti saranno ‘sommelier’ delle mele proviene da www.controradio.it.

A Peccioli Mobot, primo robot-carrello spesa al mondo

A Peccioli Mobot, primo robot-carrello spesa al mondo

Peccioli, in provincia di Pisa, è stato presentato, nell’ambito del Festival internazionale della robotica di Pisa, in anteprima mondiale, Mobot, il carrello della spesa robotico che nel giro di pochi mesi sarà utilizzato nella realtà quotidiana.

Basta installare una App sullo smartphone e Mobot, il carrello della spesa robotico, arriva direttamente all’ingresso del negozio ed è poi in grado di muoversi da solo, in maniera autonoma e sicura, anche evitando le automobili, per raggiungere la casa del cliente.

L’automa è stato sviluppato da Mediate, azienda spin-off dell’Istituto di biorobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa grazie a Comune di Peccioli e Belvedere Spa.

Il sistema è stato pensato per il trasporto delle merci fra il parcheggio e le abitazioni del centro storico (chiuso al traffico privato), che sta per trasformarsi in un grande laboratorio per dare vita a una delle più importanti e “diffuse” sperimentazioni al mondo per la robotica collaborativa.

Il robot è stato progettato per Peccioli, ma in prospettiva potrà essere utilizzato in altri centri urbani, per aumentarne la vivibilità a beneficio di residenti, commercianti, turisti, ma anche in centri commerciali e supermercati.

“Uniamo – ha detto il sindaco di Peccioli, Renzo Macelloni – innovazione sociale alle tecnologie che ci aiuteranno a evitare lo spopolamento del centro storico, per aumentarne la vivibilità. Il progetto una volta concluso resterà di proprietà del Comune”.

L'articolo A Peccioli Mobot, primo robot-carrello spesa al mondo proviene da www.controradio.it.