Assisi, Nardella accende lampada votiva di San Francesco

Assisi, Nardella accende lampada votiva di San Francesco

“Con questo simbolico gesto esprimiamo l’amore che tutti gli italiani hanno per te. Vigila Francesco sul nostro popolo, veglia sulle sorti dell’Italia, guarda con benevolenza la nostra Toscana, benedici i lavoratori, dona loro prosperità e pace”: il sindaco di Firenze, Dario Nardella, lo ha detto ad Assisi durante l’accensione della lampada votiva che arde sulla tomba di San Francesco.

In occasione della festa del Poverello Patrono d’Italia, quest’anno infatti ad offrire l’olio che alimenta la fiamma della lampada votiva è stata la Toscana, a nome dell’Italia intera. Sono presenti ad Assisi oltre 4 mila pellegrini e 50 sindaci giunti dalla regione. Per un intero anno la Lampada arderà con l’olio offerto; la suggestiva cerimonia si ripete dal 4 ottobre 1939.

Proprio ieri sul suo profilo Twitter il sindaco di Firenze Dario Nardella aveva pubblicato un post sul santo protettore dell’Italia: “Iniziamo le celebrazioni per festa di San Francesco Patrono d’Italia con la collega sindaca di Assisi Stefania Proietti e 50 sindaci da tutta la Toscana. Il Santo Poverello esempio di semplicità e fratellanza per tutti noi”.

In occasione di questa ricorrenza, al Cenacolo di Santa Croce, ore 12:30, verrà firmato l’accordo sul ‘Cammino di San Francesco’ da Firenze a La Verna per promuovere il turismo ‘lento’ e la delocalizzazione dei flussi ai comuni dell’area metropolitana.

L'articolo Assisi, Nardella accende lampada votiva di San Francesco proviene da www.controradio.it.

Assisi, Nardella accende lampada votiva di San Francesco

Assisi, Nardella accende lampada votiva di San Francesco

“Con questo simbolico gesto esprimiamo l’amore che tutti gli italiani hanno per te. Vigila Francesco sul nostro popolo, veglia sulle sorti dell’Italia, guarda con benevolenza la nostra Toscana, benedici i lavoratori, dona loro prosperità e pace”: il sindaco di Firenze, Dario Nardella, lo ha detto ad Assisi durante l’accensione della lampada votiva che arde sulla tomba di San Francesco.

In occasione della festa del Poverello Patrono d’Italia, quest’anno infatti ad offrire l’olio che alimenta la fiamma della lampada votiva è stata la Toscana, a nome dell’Italia intera. Sono presenti ad Assisi oltre 4 mila pellegrini e 50 sindaci giunti dalla regione. Per un intero anno la Lampada arderà con l’olio offerto; la suggestiva cerimonia si ripete dal 4 ottobre 1939.

Proprio ieri sul suo profilo Twitter il sindaco di Firenze Dario Nardella aveva pubblicato un post sul santo protettore dell’Italia: “Iniziamo le celebrazioni per festa di San Francesco Patrono d’Italia con la collega sindaca di Assisi Stefania Proietti e 50 sindaci da tutta la Toscana. Il Santo Poverello esempio di semplicità e fratellanza per tutti noi”.

In occasione di questa ricorrenza, al Cenacolo di Santa Croce, ore 12:30, verrà firmato l’accordo sul ‘Cammino di San Francesco’ da Firenze a La Verna per promuovere il turismo ‘lento’ e la delocalizzazione dei flussi ai comuni dell’area metropolitana.

L'articolo Assisi, Nardella accende lampada votiva di San Francesco proviene da www.controradio.it.

Assisi, Nardella accende lampada votiva di San Francesco

Assisi, Nardella accende lampada votiva di San Francesco

“Con questo simbolico gesto esprimiamo l’amore che tutti gli italiani hanno per te. Vigila Francesco sul nostro popolo, veglia sulle sorti dell’Italia, guarda con benevolenza la nostra Toscana, benedici i lavoratori, dona loro prosperità e pace”: il sindaco di Firenze, Dario Nardella, lo ha detto ad Assisi durante l’accensione della lampada votiva che arde sulla tomba di San Francesco.

In occasione della festa del Poverello Patrono d’Italia, quest’anno infatti ad offrire l’olio che alimenta la fiamma della lampada votiva è stata la Toscana, a nome dell’Italia intera. Sono presenti ad Assisi oltre 4 mila pellegrini e 50 sindaci giunti dalla regione. Per un intero anno la Lampada arderà con l’olio offerto; la suggestiva cerimonia si ripete dal 4 ottobre 1939.

Proprio ieri sul suo profilo Twitter il sindaco di Firenze Dario Nardella aveva pubblicato un post sul santo protettore dell’Italia: “Iniziamo le celebrazioni per festa di San Francesco Patrono d’Italia con la collega sindaca di Assisi Stefania Proietti e 50 sindaci da tutta la Toscana. Il Santo Poverello esempio di semplicità e fratellanza per tutti noi”.

In occasione di questa ricorrenza, al Cenacolo di Santa Croce, ore 12:30, verrà firmato l’accordo sul ‘Cammino di San Francesco’ da Firenze a La Verna per promuovere il turismo ‘lento’ e la delocalizzazione dei flussi ai comuni dell’area metropolitana.

L'articolo Assisi, Nardella accende lampada votiva di San Francesco proviene da www.controradio.it.

Assisi, Nardella accende lampada votiva di San Francesco

Assisi, Nardella accende lampada votiva di San Francesco

“Con questo simbolico gesto esprimiamo l’amore che tutti gli italiani hanno per te. Vigila Francesco sul nostro popolo, veglia sulle sorti dell’Italia, guarda con benevolenza la nostra Toscana, benedici i lavoratori, dona loro prosperità e pace”: il sindaco di Firenze, Dario Nardella, lo ha detto ad Assisi durante l’accensione della lampada votiva che arde sulla tomba di San Francesco.

In occasione della festa del Poverello Patrono d’Italia, quest’anno infatti ad offrire l’olio che alimenta la fiamma della lampada votiva è stata la Toscana, a nome dell’Italia intera. Sono presenti ad Assisi oltre 4 mila pellegrini e 50 sindaci giunti dalla regione. Per un intero anno la Lampada arderà con l’olio offerto; la suggestiva cerimonia si ripete dal 4 ottobre 1939.

Proprio ieri sul suo profilo Twitter il sindaco di Firenze Dario Nardella aveva pubblicato un post sul santo protettore dell’Italia: “Iniziamo le celebrazioni per festa di San Francesco Patrono d’Italia con la collega sindaca di Assisi Stefania Proietti e 50 sindaci da tutta la Toscana. Il Santo Poverello esempio di semplicità e fratellanza per tutti noi”.

In occasione di questa ricorrenza, al Cenacolo di Santa Croce, ore 12:30, verrà firmato l’accordo sul ‘Cammino di San Francesco’ da Firenze a La Verna per promuovere il turismo ‘lento’ e la delocalizzazione dei flussi ai comuni dell’area metropolitana.

L'articolo Assisi, Nardella accende lampada votiva di San Francesco proviene da www.controradio.it.

“Percorsi cosimiani”, itinerari in Toscana alla scoperta de’ Medici

“Percorsi cosimiani”, itinerari in Toscana alla scoperta de’ Medici

Ripartono da fine agosto i “Percorsi cosimiani” a Firenze e in Toscana. Dalle architetture tuttora presenti a Pisa, Arezzo, Siena e Livorno ai luoghi più intimi come Cerreto Guidi o La Verna: dalla fine di agosto ripartono i “Percorsi cosimiani”, un ciclo di itinerari gratuiti alla scoperta delle “testimonianze” del governo di Cosimo I de’ Medici organizzati dal Comune di Firenze e MUS.E, con il supporto di Unicoop Firenze in occasione del cinquecentenario della nascita di Cosimo e Caterina de’ Medici.

Con un’importante novità: il ciclo di appuntamenti non interesserà soltanto Firenze ma si estenderà ad altre parti della regione. Durante il suo percorso politico Cosimo I – straordinariamente acuto e carismatico, ma anche “principe tremendo e spaventevole”, come scrive l’ambasciatore veneto Vincenzo Fedeli – disegnò in forma indelebile un nuovo assetto architettonico e urbanistico della città di Firenze e dell’intera Toscana: eletto appena diciassettenne “capo e primario del governo della città di Firenze e suo dominio” si trovò a governare un ampio e fragile territorio che includeva vaste aree di campagna, piccoli borghi, grandi centri urbani: fra questi i vicariati di San Giovanni Valdarno, Certaldo e Scarperia; le enclaves della Lunigiana e della Garfagnana; le città di Arezzo, Pisa, Pistoia, Volterra, Cortona, a cui si aggiungerà dal 1555, dopo una guerra tanto breve quanto intensa, anche Siena.

L’itinerario dei “Percorsi in Firenze” prenderà il via dalla sua casa di famiglia, Palazzo Medici su via Larga, per ampliarsi al “quartiere mediceo” circostante, alle residenze di dignitari e consiglieri e proseguire con l’Accademia delle Arti del Disegno, la piazza e al palazzo ducale (poi divenuto il palazzo vecchio di piazza), le eleganti architetture delle magistrature e degli “uffizi”, palazzo Pitti, nuova e monumentale reggia medicea.

Fra gli emblemi di Cosimo I figurano due áncore con la scritta latina «duabus», a significare i due fondamenti del suo potere: l’alleanza con l’Impero e la fortificazione dello Stato di Toscana. Se l’alleanza con l’imperatore Carlo V marca le sorti del governo fiorentino e del giovane duca posto al suo vertice, le fortezze e i presidi costruiti per volere di Cosimo I in ogni angolo della regione si offrono come evidenti capisaldi della sua politica territoriale: i “Percorsi in Toscana” permetteranno di coglierne le evidenze più significative, da Pisa, Arezzo, Siena e Livorno a Cerreto Guidi e La Verna, testimoniando tanto la politica di riordino, controllo e difesa del Duca quanto la sua assidua frequentazione del territorio.

Per coloro che vorranno proseguire in autonomia l’applicazione multimediale sui luoghi cosimiani a cura dell’Accademia delle Arti del Disegno, sviluppata da Centrica con il supporto di Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, è scaricabile su Android https://play.google.com/store/apps/details?id=it.centrica.ubilia
e iOS https://itunes.apple.com/it/app/ubilia/id805448028.

A cura di Ufficio UNESCO – Area di Coordinamento Amministrativa del Comune di Firenze e MUS.E
Grazie a Unicoop Firenze
Per chi: giovani e adulti.
Costi: gratuito.
La prenotazione è obbligatoria. Per informazioni e prenotazioni 055-276224 info@muse.comune.fi.it, www.musefirenze.it, www.500cosimocaterina.it
Percorsi in Firenze
Quando: 29 settembre – 27 ottobre – 24 novembre h 10 e h 11.30
Dove: centro storico (partenza da Palazzo Medici Riccardi, via Cavour 1)
Durata: 1h15’ per ciascuna visita

Percorsi in Toscana
Quando e dove
– 25 agosto: Arezzo h 10 e h 11.30 e La Verna h 15.30 e h 17
– 15 settembre: Siena h 10 e h 11.30
– 20 ottobre: Villa di Cerreto Guidi h 10 e h 11.30
– 17 novembre: Pisa h 10 e h 11.30 e Livorno h 14.30 e h 16
Durata: 1h15’ per ciascuna visita
Il primo appuntamento di ogni visita è riservato ai soci Unicoop Firenze. L’eventuale viaggio per raggiungere i luoghi di visita è a cura dei singoli partecipanti. Le visite prevedono tratti da percorrere a piedi. Per lo specifico punto di inizio di ogni visita: 055-2768224 info@muse.comune.fi.it

L'articolo “Percorsi cosimiani”, itinerari in Toscana alla scoperta de’ Medici proviene da www.controradio.it.