Lavia presenta la nuova stagione della Pergola

Lavia presenta la nuova stagione della Pergola.
“Il Teatro della Pergola è finalmente pronto ad innalzare le vele ed a riconquistare il mare del teatro”. Così ha inaugurato la conferenza di presentazione della prossima stagione teatrale Marco Giorgetti, direttore generale della Fondazione Teatro della Pergola, di fronte ad una platea gremita.

nuova-stagione-2014-2015

Dopo un iniziale riepilogo sul bilancio 2013/2014, e più in generale sull’ultimo triennio di gestione, che ha registrato un sostanziale passo in avanti riguardo a risorse, ricavi e presenze (percentuali di riempimento fra le più alte d’Italia), l’attenzione si è spostata sulle novità che caratterizzeranno la prossima stagione, introdotte da Sergio Givone, Assessore alla Cultura e Contemporaneità del Comune di Firenze oltre che Presidente della Fondazione Teatro della Pergola.
L’elemento più importante del nuovo corso è senza dubbio costituito dall’arrivo di Gabriele Lavia in qualità di consulente artistico, il quale porta con sé un cospicuo bagaglio di esperienze e la volontà di riportare all’antico splendore il primo esempio di “teatro all’italiana”. Per l’attore e regista milanese il Teatro della Pergola sarà “casa fra le case”, così come l’avevano immaginato gli Accademici Immobili nell’atto di fondazione, non solo in quanto edificio architettonicamente simile agli altri, ma soprattutto perchè si fa “casa accogliente aperta a tutti, sempre”.
Nel presentare la stagione 2014/2015 il nuovo consulente artistico ha introdotto in modo sentito e passionale ognuna delle rappresentazioni che andranno in scena dal prossimo ottobre, a partire dallo spettacolo di apertura, ovvero “Sei personaggi in cerca d’autore”, testo di Pirandello che riaprì la Pergola restaurata dopo il secondo conflitto mondiale, per finire con “Vita di Galileo”, che invece ne rappresenterà l’epilogo. Poi la parola è passata agli attori Luca Barbareschi, Federica Di Martino, Emanuele Gamba e Flavio Gismondi, che saranno protagonisti rispettivamente di “Cercando segnali d’amore nell’universo”, “L’amore rubato” e “Spring Awakening”, cioè di una piccola ma significativa parte dei ventidue spettacoli, delle due produzioni e delle quattro prime nazionali presenti nel programma.
Compongono il novero delle proposte, oltre alla stagione, l’emersione di isole di programmazione al Teatro Goldoni, numerose attività collaterali e l’istituzione del “Premio Pergola”, che verrà attribuito annualmente all’autore di un’opera drammaturgicamente originale in lingua italiana o in dialetto, mai rappresentata in pubblico e mai edita, che si ispiri ad un tema individuato dalla giuria, quest’ultima composta da nove componenti scelti fra le personalità del mondo teatrale e culturale e presieduta da Franco Cordelli.
Il “corso nuovo” inaugurato quest’anno dalla Pergola si è tradotto anche in una nuova immagine coordinata ed in un nuovo logo, realizzati da Walter Sardonini. Un particolare significativo dell’innovativa gestione artistica saranno le prove aperte al pubblico, ulteriore mezzo adoperato per avvicinare il pubblico alla vita artistica e culturale che si svolgerà all’interno dei locali.

I Pilastri della Società in prima nazionale alla Pergola

Nella doppia veste di interprete e regista, Gabriele Lavia debutta in prima nazionale martedì 5 novembre al Teatro della Pergola di Firenze con I pilastri della società di Henrik Ibsen, portando in scena il malessere, i tormenti, le debolezze della società borghese per denunciare la corruzione e l’ipocrisia del potere e per far emergere la verità e la libertà individuale.

I PILASTI DELLA SOCIETA' regia di Gabriele Lavia .02 - foto di Tommaso Le Pera

 

 

Con I pilastri della società, la nuova produzione del Teatro di Roma in coproduzione con la Pergola di Firenze e lo Stabile di Torino, Lavia affronta temi di scottante attualità come la menzogna sociale e la mancanza di moralità declinate attraverso i personaggi ibseniani del testo del 1877 con cui l’autore norvegese, tra i più importanti dell’Ottocento, riformò i criteri della sua produzione teatrale segnando una svolta verso il dramma sociale.
Dopo il debutto e le dieci repliche fiorentine in programma fino al 15 novembre, lo spettacolo andrà in scena al Teatro Argentina di Roma dal 20 novembre al 22 dicembre e proseguirà le rappresentazioni in tournée fino ad aprile.
Prigioniero di un passato che lo esclude dalla vita del presente, il Console Bernick mette in discussione la sua credibilità, il ruolo sociale e il successo personale per confessare le proprie colpe pubbliche e private. “Pilastro morale della società”, Bernick vive in realtà da oltre quindici anni una vita di inganni. Ha infatti sedotto e abbandonato una giovane che per il dolore ne è morta, e ne ha lasciato ricadere la colpa sul fratello minore di sua moglie Betty, Johan, emigrato subito dopo in America con la sorellastra Lona. Nel piccolo ambiente borghese in cui vive, il Console è un uomo corretto, potente e rispettabile fino a quando il rientro improvviso di Johan e Lona, lo costringeranno a confessare gli errori commessi tanti anni prima. Spinto da Lona, forse l’unica donna che lo abbia amato, confessa i suoi errori e riscatta dal tormento e dal peccato la lunga parentesi in cui è vissuto.

Nella sua ansia di verità e di libertà, Bernick esalta il ruolo purificatore dell’onestà e della fedeltà del singolo contro una società codarda ed ipocrita, dominata dai pregiudizi e dalle disuguaglianze sociali e culturali. Il valore artistico e il carattere simbolico espresso nel titolo, rendono il dramma efficace ancora oggi, nonostante le differenze e le specificità politiche della nostra epoca.

«Su cosa fonda una società di uomini? Questa è la domanda che pone il testo di Ibsen. E lo stesso Ibsen risponde con molta chiarezza, alla fine dell’opera. I fondamenti sono due: la libertà e la verità. Non può esserci libertà senza verità, perché chi mente è schiavo della propria menzogna – commenta Gabriele Lavia – Del trinomio rivoluzionario francese ‘Liberté, Egalité, Fraternité’ è rimasta solo la libertà. Cui si aggiunge la verità. Solo la libertà di ‘essere’ è il dovere fondamentale che fa essere ‘liberamente’ veri. Libertà e verità congiunte nello stesso concetto. Nessuna verità senza libertà. Nessuna libertà senza verità. Libertà lo stesso della verità».

A quasi 150 anni di distanza dalla stesura del testo che racconta l’intreccio di calcolo politico e di ipocrisia perbenista e moralista della Norvegia, Ibsen continua a riverberare sulla nostra contemporaneità la stessa domanda rimasta irrisolta: «la verità è necessaria al progresso e al vivere civile? Può una società reggere e progredire senza la menzogna?». Il console Bernick edifica proprio sulla menzogna la sua carriera di uomo rispettabile e cittadino incorruttibile, celando nel passato una colpa inconfessabile. “Una menzogna ti ha fatto quello che sei”: a ricordarglielo sarà Lona, la sola donna che l’abbia amato e simbolo stesso della verità che tenta di smuovere la sua coscienza.

La menzogna sistematica, le ipocrisie sociali e il tentativo di negare la realtà, distruggono il mondo costruito sull’atto criminoso dell’abile e spregiudicato capitano d’industria. Sarà la donna stessa a chiamare in causa la colpa che nasconde per riscattarlo dal desiderio di ricchezza, dall’ambizione sfrenata e dal potere corrotto, in favore della libertà e della verità indicati da Ibsen come “i pilastri della società”. «La società fondata sull’ipocrisia, sulla falsità, cioè su fondamenta sbagliate, è una società ‘schiava’ e non ‘libera’ dalla corruzione – continua a riflettere Lavia – Forse un terzo ‘pilastro della società’ può far rinascere la speranza: le donne. Tutti in questa comunità piccolo borghese hanno qualcosa da nascondere, una colpa di cui vergognarsi. Tranne le donne… forse le ‘donne’ sono il cambiamento mite che può aiutare il mondo a ‘rimettersi in sesto’».