Giovani toscani più vicini al mondo del lavoro con i bandi di istruzione tecnica superiore

FIRENZE – Sono pari a circa 12 milioni 400mila euro da fondi europei gli investimenti operati dalla Regione, nell'ambito del progetto Giovanisì, sui percorsi di istruzione tecnica superiore (ITS) affidati alle Fondazioni ITS, l'importante segmento di formazione terziaria non universitaria nato per rispondere alla domanda di nuove ed elevate competenze tecniche e tecnologiche da parte delle imprese.

Dieci i progetti finanziati nelle province di Firenze, Livorno, Lucca, Pisa e Siena; i giovani interessati tra i 18 e i 30 anni non ancora compiuti, in possesso del diploma di scuola secondaria, potranno presentare la propria candidatura e, se selezionati, partecipare gratuitamente ai percorsi di durata biennale. I percorsi ITS lavorano per favorire l'autonomia dei giovani, e costituiscono un efficace strumento di avvicinamento al mercato del lavoro. I dati occupazionali degli studenti ai corsi validati negli anni passati (fonte INDIRE) parlano di oltre il 90 per cento di occupati a 6 mesi e più del 70 per cento a 12 mesi dal diploma.

"Si tratta di un'offerta di percorsi di alta formazione nelle aree tecnologiche e strategiche per lo sviluppo economico e la competitività della Toscana, attraverso i quali si intende rispondere alla domanda delle imprese di nuove e sempre più elevate competenze tecniche e tecnologiche" spiega l'assessora all'istruzione e formazione Cristina Grieco.

"L'interazione e l'integrazione tra scuola e impresa attraverso questo strumento è molto elevata – aggiunge Grieco -. Basti pensare che la docenza deve essere composta per almeno la metà da esperti provenienti dal mondo della produzione, delle professioni e del lavoro. Inoltre almeno un terzo della durata complessiva del corso è riservata a stage aziendali e tirocini formativi, da svolgere obbligatoriamente in imprese coerenti rispetto al percorso formativo, anche all'estero".

I bandi di iscrizione finanziati sono consultabili sul sito di Giovanisì.

Officine Ristori, oggi incontro con azienda, commissario e istituzioni

FIRENZE - Un incontro con i rappresentanti dell'azienda Ristori, i sindaci di Pontedera Simone Millozzi e Santa Maria a Monte Ilaria Parrella, il commissario giudiziale nominato dal Tribunale è stato convocato oggi in Regione dal consigliere per il lavoro Gianfranco Simoncini.

Simoncini, anche facendo seguito all'incontro avuto la scorsa settimana con le organizzzazioni sindacali, ha sollecitato i rappresentanti dell'azienda a valutare la possibilità di aprire con i sindacati un confronto stringente per verificare la possibilità di ridurre il numero degli esuberi preannunciato per il 5 ottobre. La richiesta nasce dalla constatazione che, ad oggi, non vi sarebbe stato un pieno utilizzo della Cassa integrazione.
Simoincini ha pertanto richiesto all'azienda di valutare la possibilità di fare ricorso agli ammortizzatori sociali, per avere più tempo a disposizione per trovare una soluzione in grado di salvaguardare produzione e posti di lavoro. 

L'azienda ha fatto presente che, in relazione alla procedura concorsuale in atto e ai carichi di lavoro attuali, non è in condizione di scendere sotto i 61 esuberi (dopo l'uscita di due lavoratori per pensionamento). A fronte delle sollecitazioni delle istituzioni, l'azienda ha comunque ribadito che laddove la situazione di stagionalità facesse emergere un maggior fabbisogno, riutilizzerà comunque i lavoratori in mobilità.
A conclusione dell'incontro il consigliere Simoncini ha chiesto all'azienda che, nella riunione prevista per oggi pomeriggio con i sindacati, vi sia uno sforzo per mettere in campo tutte le proposte utili a contenere la forte tensione sociale oggi presente e favorire lo sblocco della produzione ad oggi esistente.        

Officine Ristori, oggi incontro con azienda, commissario e istituzioni

FIRENZE - Un incontro con i rappresentanti dell'azienda Ristori, i sindaci di Pontedera Simone Millozzi e Santa Maria a Monte Ilaria Parrella, il commissario giudiziale nominato dal Tribunale è stato convocato oggi in Regione dal consigliere per il lavoro Gianfranco Simoncini.

Simoncini, anche facendo seguito all'incontro avuto la scorsa settimana con le organizzzazioni sindacali, ha sollecitato i rappresentanti dell'azienda a valutare la possibilità di aprire con i sindacati un confronto stringente per verificare la possibilità di ridurre il numero degli esuberi preannunciato per il 5 ottobre. La richiesta nasce dalla constatazione che, ad oggi, non vi sarebbe stato un pieno utilizzo della Cassa integrazione.
Simoincini ha pertanto richiesto all'azienda di valutare la possibilità di fare ricorso agli ammortizzatori sociali, per avere più tempo a disposizione per trovare una soluzione in grado di salvaguardare produzione e posti di lavoro. 

L'azienda ha fatto presente che, in relazione alla procedura concorsuale in atto e ai carichi di lavoro attuali, non è in condizione di scendere sotto i 61 esuberi (dopo l'uscita di due lavoratori per pensionamento). A fronte delle sollecitazioni delle istituzioni, l'azienda ha comunque ribadito che laddove la situazione di stagionalità facesse emergere un maggior fabbisogno, riutilizzerà comunque i lavoratori in mobilità.
A conclusione dell'incontro il consigliere Simoncini ha chiesto all'azienda che, nella riunione prevista per oggi pomeriggio con i sindacati, vi sia uno sforzo per mettere in campo tutte le proposte utili a contenere la forte tensione sociale oggi presente e favorire lo sblocco della produzione ad oggi esistente.        

Coop La Boscaglia, incontro per fare il punto con istituzioni e sindacati

FIRENZE - I problemi della Cooperativa La Boscaglia con sede a Santa Fiora, che si occupa di lavori forestali e occupa circa 120 dipendenti in particolare nella Val di Merse e sull'Amiata, sono stati affrontati oggi in un incontro convocato dal consigliere per il lavoro Gianfranco Simoncini e al quale hanno partecipato il sindaco di Radicondoli Emiliano Bravi, il presidente di Legacoop settore agroalimentare Sara Guidelli, il presidente del Cda dell'azienda, le organizzazioni sindacali oltre ad un rappresentante della direzione agricoltura e foreste della Regione.

Il presidente della Cooperatva ha illustrato le iniziative in corso per far fronte alle difficoltà che sta vivendo l'azienda, in un quadro che potrebbe migliorare a breve a fronte della partenza dei bandi sulla forestazione.

Le istituzioni hanno preso atto del prossimo avvio di un tavolo, in sede sindacale, che affronterà la discussione sul piano di rilancio dell'azienda. La Regione ha inoltre informato delle prossime uscite dei
nuovi bandi per l'attività di forestazione, manifestando la sua disponibilità ad un'azione di supporto alla cooperativa nella realizzazione del nuovo piano industriale di rilancio. Simoncini ha poi ricordato che la Regione continuerà a monitorare lo stato di avanzamento del confronto sindacale.

Officine Ristori, domani incontro in Regione con sindacati e sindaci

FIRENZE – Incontro domani a Palazzo Strozzi Sacrati, presso la presidenza della giunta regionale, per analizzare la situazione critica dell'azienda metalmeccanica Officine Ristori di Montecalvoli, frazione del Comune di Santa Maria a Monte (PI).

Un tavolo, convocato dal consigliere per il lavoro del presidente Rossi, Gianfranco Simoncini, e al quale sono stati invitati i rappresentanti sindacali ed i sindaci di Pontedera e Santa Maria a Monte, per individuare possibili iniziative per scogiurare il pericolo dei 63 esuberi annunciati dalla proprietà in questi giorni.