Unicoop Tirreno, Regione e Comune incontrano l’azienda

FIRENZE - Dopo l'incontro dei giorni scorsi con le organizzazioni sindacali, il consigliere del presidente Rossi per il lavoro Gianfranco Simoncini ha convocato i vertici di Unicoop Tirreno. All'incontro hanno partecipato il presidente del Cda Marco Lami, l'Ad Pietro Canova, il presidente dell'Associazione nazionale delle cooperative di consuno Stefano Bassi e per Legacoop Toscana Niclo Vitelli e il sindaco di Piombino Massimo Giuliani. 
 
Al gruppo dirigente di Unicoop Tirreno la Regione ha chiesto di conoscere le strategie aziendali, anche alla luce delle proccupazioni manifestate dai lavoratori, in particolare per quanto riguarda il rispetto degli accordi sindacali e il percorso del piano industriale.     
 
Presidente e amministraztore delegato hanno prima di tutto ribadito il valore, presente e futuro, dell'autonomia di Unicoop Tirreno, confermando la volontà di portare avanti il percorso indicato dal piano e il raggiungimento degli obiettivi dati per il risanamento e il rilancio dell'azienda per il 2017. Inoltre, da parte dell'azienda, sono stati sottolineati i positivi risultati del fatturato toscano. Di fronte alle sollecitazioni della Regione, è stata ribadita la volontà di recuperare un sereno clima nelle relazioni sindacali in modo da superare l'attuale fase di tensione. 
 
La Regione ha quindi deciso di riconvocare nei prossimi giorni le organizzazioni sindacali per dare conto delle informazioni fornite dai vertici aziendali, dicendosi inoltre disponibile, nel caso si rivelasse necessario, ad esercitare un ruolo per favorire un avvicinamento fra le parti.   

Al via la seconda edizione dell’Employers’ Day dal 13 al 24 novembre

FIRENZE - Al via la seconda edizione dell'Employers'Day, l'iniziativa volta a favorire l'incontro tra i servizi pubblici per l'impiego e le imprese, lanciata nel 2016 dalla Rete europea dei servizi pubblici per l'impiego (PES Network).

Dal 13 al 24 novembre 2017 ciascuno Stato membro, nel quadro della comune strategia europea, organizza varie iniziative, declinate in base alle priorità nazionali/regionali.

Dopo la positiva esperienza del 2016, anche quest'anno l'Italia contribuisce all'iniziativa, con il coordinamento di Anpal, che intende proporre a livello nazionale la costruzione di una strategia dei servizi pubblici per l'impiego rivolta alle imprese e ai loro fabbisogni.

La Regione Toscana, che già lo scorso anno aveva dato grande impulso all'iniziativa promuovendo nei territori 32 eventi, anche quest'anno ha colto al volo l'opportunità offerta per approfondire, zona per zona, tutti i servizi disponibili per le imprese.
Oltre ad un evento regionale, verranno organizzate oltre 160 iniziative territoriali (seminari, workshop, recruitment day, job cafè, servizi dedicati), che coinvolgeranno i centri per l'impiego e promuoveranno presso le aziende i servizi pubblici per l'impiego e offriranno occasioni di lavoro a cittadine e cittadini.

Saranno date informazioni anche sul progetto Giovanisì per presentare le opportunità offerte dalla Regione per l'autonomia dei giovani.

"Questa iniziativa - commenta l'assessore all'istruzione formazione e lavoro Cristina Grieco - è un'opportunità importante per far conoscere ancora meglio la realtà dei nostri centri per l'impiego e la molteplicità di servizi che offrono ai cittadini e alle imprese.
La rete regionale dei servizi per l'impiego, costituita da 54 sedi (45 Centri per l'impiego e 9 servizi territoriali), distribuite sull'intero territorio regionale, rappresenta il nodo territoriale fondamentale per l'erogazione delle politiche attive del lavoro nei confronti delle persone in cerca di un'occupazione, al fine di offrire loro i percorsi più adeguati ed efficaci di inserimento/reinserimento nel mercato del lavoro".

Alle imprese del territorio verranno offerte informazione e consulenza su servizi e opportunità disponibili: incontro fra domanda e offerta di lavoro, tirocini formativi e di orientamento, collocamento obbligatorio dei disabili, consulenza per la creazione di impresa e lavoro autonomo, consulenza sulle novità normative in materia di lavoro, opportunità di assunzione agevolata.
Il programma degli eventi

Rossi a Massa: “Presto un Accordo di programma per il porto di Carrara”

MASSA - "Abbiamo un tesoretto di 30 milioni, di cui 15 della Regione, destinati a finanziare i lavori per il porto di Carrara e le opere per il waterfront. E presto sottoscriveremo con Comune e Autorità portuale un Accordo di programma finalizzato a questo".

È uno degli annunci che il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, ha fatto questa mattina a Massa nel corso della conferenza stampa che ha tenuto presso la sede del Genio civile.

"A questi - ha precisato Rossi - vanno aggiunti i 5 milioni di euro per il collegamento ferroviario tra l'area portuale e la zona industriale, i cui lavori, finanziati da Rfi e dall'Autorità portuale, dovrebbero iniziare con il prossimo anno. Con l'Accordo di programma determineremo i tempi degli interventi e gli impegni dei vari soggetti coinvolti".

Il presidente ha poi ricordato come è in corso la redazione dei progetti per la sistemazione idraulica della zona industriale ai quali verrà poi data attuazione pratica.

"Le nostre verifiche periodiche - ha concluso - proseguiranno, perché vogliamo portare avanti tutto il progetto che riguarda l'area apuana nel suo complesso, così come ci è stato sollecitato da parte delle istituzioni locali e delle organizzazioni sindacali".
 

Rossi a Massa: “Presto un Accordo di programma per il porto di Carrara”

MASSA - "Abbiamo un tesoretto di 30 milioni, di cui 15 della Regione, destinati a finanziare i lavori per il porto di Carrara e le opere per il waterfront. E presto sottoscriveremo con Comune e Autorità portuale un Accordo di programma finalizzato a questo".

È uno degli annunci che il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, ha fatto questa mattina a Massa nel corso della conferenza stampa che ha tenuto presso la sede del Genio civile.

"A questi - ha precisato Rossi - vanno aggiunti i 5 milioni di euro per il collegamento ferroviario tra l'area portuale e la zona industriale, i cui lavori, finanziati da Rfi e dall'Autorità portuale, dovrebbero iniziare con il prossimo anno. Con l'Accordo di programma determineremo i tempi degli interventi e gli impegni dei vari soggetti coinvolti".

Il presidente ha poi ricordato come è in corso la redazione dei progetti per la sistemazione idraulica della zona industriale ai quali verrà poi data attuazione pratica.

"Le nostre verifiche periodiche - ha concluso - proseguiranno, perché vogliamo portare avanti tutto il progetto che riguarda l'area apuana nel suo complesso, così come ci è stato sollecitato da parte delle istituzioni locali e delle organizzazioni sindacali".