Iniziative Industriali Sarplast, la Regione pronta a sostenere rilancio

 

FIRENZE – Il punto sulla situazione e le prospettive di rilancio dell'azienda Iniziative Industriali, Sarplast spa, che produce tubi in vetroresina a Santa Luce, provincia di Pisa, è stato fatto oggi nel corso di un incontro convocato dall'assessore alle attività produttive lavoro e formazione Gianfranco Simoncini. All'incontro hanno partecipato le organizzazioni sindacali provinciali e di categoria, i vertici aziendali e le istituzioni.

L'assessore Simoncini ha preso atto del quadro prospettato dai rappresentanti della nuova società che dovrà sostituire la vecchia azienda.

"Prendiamo atto dell'esistenza di un progetto – ha detto – potenzialmente in grado di rilanciare l'attività produttiva e riassorbire la totalità dei lavoratori diretti e buona parte di quelli indiretti. Credo che ora la parola debba passare al tavolo sindacale e concretizzarsi in un accordo, che auspico possa essere raggiunto e diventare operativo quanto prima. A settembre su questo siamo disponibili a riconvocare una nuova riunione a livello regionale. La Regione, inoltre, a fronte di un progetto credibile e condiviso, si impegna, insieme alle istituzioni, a sostenere questo percorso con le modalità e gli strumenti di cui dispone".

 

Supermercati Centro e DueGi, la Regione convoca i vertici aziendali

FIRENZE – Una lettera al ministero del Lavoro per sollecitare la rapida definizione delle procedure per la Cassa integrazione straordinaria a favore dei 130 dipendenti dei supermercati Il Centro, la catena presente in molte città toscane, oggi sotto procedura fallimentare. Ad inviarla è l'assessore alle attività produttive credito e lavoro Gianfranco Simoncini che stamani ha affrontato la complessa vicenda, insieme a quella, collegata, del gruppo aretino CaDla, che gestisce la rete dei supermercati DueGi.
 
All'incontro, svoltosi presso l'assessorato al Lavoro, hanno partecipato le organizzazioni sindacali delle due realtà e le istituzioni locali interessate.
 
"Contatteremo il curatore fallimentare del gruppo Il Centro – ha detto l'assessore Simoncini – per fare il punto della situazione in vista delle ulteriori iniziative che prevedono, fra l'altro, la cessione dei punti vendita. Chiederemo che l'eventuale cessione possa avvenire in maniera unitaria e garanzie sul mantenimento dell'occupazione".
 
L'assessore ha aggiunto che la Regione è fin da ora disponibile ad attivare per i lavoratori del gruppo lo strumento dell'anticipo, per sostenere il reddito dei dipendenti in attesa della effettiva erogazione della Cassa Integrazione straordinaria da parte del ministero.
 
L'incontro ha quindi affrontato la crisi della Cadla, azienda di logistica di Arezzo che, oltre a lavorare per Il Centro, gestisce anche la rete di supermercati DueGi. Anche questa società, che conta 200 dipendenti ad Arezzo e circa 600 in 36 punti vendita distribuiti su più regioni, è da tempo in difficoltà ed ha richiesto per i suoi lavoratori, fino ad oggi in contratto di solidarietà, la cassa integrazione straordinaria. "Chiederemo un incontro urgente con i rappresentanti dell'azienda – ha concluso l'assessore – per capire le prospettive e sollecitare garanzie a tutela dei livelli occupazionali".

MTM, accordo in Regione per la Cassa in deroga ai 108 lavoratori

FIRENZE - Un accordo per assicurare ai lavoratori della MTM di Guasticce, nel Comune di Collesalvetti, la Cassa integrazione in deroga fino alla fine di agosto, è stato siglato oggi all'assessorato al lavoro della Regione Toscana, da organizzazioni sindacali, aziendali e di categoria e dai vertici dell'azienda.

 

L'incontro di oggi segna una nuova tappa della vertenza apertasi a seguito della crisi dell'azienda che opera nel settore della componentistica auto e che conta oggi 108 addetti.

 

All'incontro erano presenti, oltre alla Regione, la Provincia di Livorno e il Comune di Collesalvetti.

 

 

Lunedì incontro in Regione sul futuro della raffineria Eni di Livorno

FIRENZE – Il punto sul futuro e il ruolo della raffineria Eni di Livorno. E' questo il tema dell'incontro che l'assessore a lavoro e attività produttive, Gianfranco Simoncini, ha convocato per lunedì 4 agosto a Firenze, accogliendo la richiesta che era stata avanzata dai sindacati dei chimici FILCTEM-Cgil, FEMCA-Cisl e UILTEC-Uil. Alla riunione sono stati invitati i sindaci dei Comuni di Collesalvetti e Livorno e il presidente della Provincia di Livorno.

"E' necessario – spiega Simoncini – seguire con la massima attenzione quanto si sta muovendo attorno agli orientamenti nazionali sulla raffinazione da parte di Eni. Al tavolo di lunedì ascolteremo le valutazioni e le preoccupazioni delle organizzazioni sindacali e valuteremo anche l'opportunità di un intervento della Regione, in accordo con le istituzioni locali, su Eni e sul Governo al fine di ottenere rassicurazioni sulle prospettive del polo livornese".

Colacem-Italcementi di Pelago, incontro per il rilancio del sito produttivo

FIRENZE – L'obiettivo è costruire un futuro produttivo per i lavoratori ex Colacem e per il sito produttivo di proprietà Italcementi e per fare questo è necessario rispettare tutti gli impegni e i passaggi necessari a dare concretezza a questa prospettiva. Si è conclusa con questa comune valutazione la riunione sulla situazione dell'azienda di Pelago che si è tenuta oggi ed alla quale hanno partecipato l'assessore a lavoro e attività produttive, Gianfranco Simoncini, il sindaco di Pelago, Renzo Zucchini, rappresentanti della provincia di Firenze e delle due società.

Nel corso dell'incontro è stato preso atto della notizia che Colacem, l'azienda che gestisce il sito, è in grado di individuare in tempi brevi i soggetti specializzati in grado di smaltire i macchinari. Si tratta di un'operazione fondamentale, necessaria per poi avviare la bonifica del sito, che spetta a Italcementi, proprietaria dell'impianto, e poter successivamente passare alla fase del rilancio produttivo del sito stesso.

L'assessore Simoncini ha chiesto a Colacem di mettere in campo tutte le azioni per garantire la conferma di un secondo anno di Cig straordinaria per i dipendenti. Dopo il primo anno è infatti necessario, per andare avanti, che almeno un 30 per cento dei lavoratori possano trovare altre collocazioni o uscire volontariamente dall'azienda. Colacem ha assicurato il suo impegno in questo senso.

"Il percorso è complesso – ha commentato Simoncini – ma il tavolo ha evidenziato la volontà di tutti i soggetti coinvolti di impegnarsi per dare soluzione alla crisi. In questa direzione vanno sia la disponibilità di Italcementi a lavorare per nuove attività produttive nel sito, sia quella del Comune a favorire il processo attraverso la pianificazione territoriale. Ho confermato – ha concluso – la piena disponibilità della Regione ad intraprendere ogni iniziativa utile ad attrarre investimenti sull'area".

Un nuovo incontro tecnico, coordinato dal Comune di Pelago, per fissare il calendario di smaltimento dei macchinari e avvio delle bonifiche è già stato previsto subito dopo la pausa estiva.