IRPET: CON FORMAZIONE PROFESSIONALE PIÙ PROBABILITÀ DI TROVARE LAVORO

IRPET: CON FORMAZIONE PROFESSIONALE PIÙ PROBABILITÀ DI TROVARE LAVORO

Firenze, secondo una ricerca Irpet, presentata dalla Regione Toscana, chi ha formazione professionale ha una probabilità maggiore di trovare un lavoro stabile (9,5% contro 5,4%), o di lavorare più a lungo (17 settimane contro 10 settimane).

Sempre secondo la stessa ricerca Irpet ad usufruire maggiormente della formazione professionale sarebbero i disoccupati più maturi, con durata della disoccupazione medio-lunga.

Le attività più ‘efficaci’ in termini di probabilità di occupazione nei 18 mesi successivi al corso si sono rivelate quelle collegata al Made in Italy e al settore turismo e vendite.

Aver partecipato ad un tirocinio all’interno dell’attività formativa, inoltre, porta a +11,8% la differenza tra i disoccupati ‘formati’ e ‘non formati’ che trovano un lavoro.

La ricerca ha poi evidenziato che gli assegni individuali di formazione ed i corsi finanziati dalla Regione hanno esiti occupazionali simili; chi cerca un primo impiego ha difficoltà maggiori a trovare un’occupazione rispetto ai disoccupati con precedenti esperienze lavorative; la formazione professionale compensa la mancanza di qualifiche acquisite a scuola per i giovani che hanno abbandonato precocemente gli studi.

“La ricerca Irpet – ha detto l’assessore regionale a formazione e lavoro, Cristina Grieco – conferma l’efficacia della formazione professionale e delle azioni che la Regione Toscana porta avanti in tal senso, per favorire l’occupazione, tra i giovani, ma anche tra chi ha perduto un precedente impiego e deve ripartire con una nuova esperienza professionale”.

Secondo Grieco “è importante mettere in campo tutti gli interventi possibili per favorire la ripresa dell’occupazione sul territorio regionale e in particolare nelle aree di crisi e strumenti come assegni individuali di formazione e i corsi finanziati dalla Regione si sono confermati efficaci per fornire nuove competenze e nuove opportunità.

Nei prossimi anni, ha spiegato l’assessore, “concentreremo l’attenzione sulla costruzione di una ‘infrastruttura formativa regionale’ basata sui seguenti pilastri: alleanze formative tra scuola, imprese e organismi formativi, revisione dei criteri di accreditamento, orientamento al risultato, centralità dei fabbisogni e investimenti in filiere formative collegate alle vocazioni produttive e alle prospettive di Industria 4.0.

Vogliamo rendere la formazione professionale ancor più funzionale ad un mercato del lavoro che è in pieno mutamento e che richiede nuove professionalità”.

L'articolo IRPET: CON FORMAZIONE PROFESSIONALE PIÙ PROBABILITÀ DI TROVARE LAVORO proviene da www.controradio.it.

AUTOSTRADE, PRESIDIO CONCESSIONARIE AUTOSTRADALI A SCANDICCI

Autostrade🔈200 lavoratori al presidio del casello A1 Firenze Scandicci. Sindacati: “nuovo Codice appalti mette a rischio migliaia posti lavoro.” Capogruppo Mdp Spinelli: “solidarietà ai lavoratori, Governo intervenga.”

Quasi 200 lavoratori delle concessionarie autostradali, provenienti da Firenze, Arezzo, Bologna e Piacenza, stanno dando vita a un presidio con volantinaggio al casello autostradale di Firenze Scandicci sull’A1, con bandiere e pettorine gialle o arancioni, per protestare contro la modifica del nuovo Codice degli appalti che limita la possibilità per le concessionarie di eseguire direttamente manutenzioni e progettazione.

Una norma che per Fillea-Cgil, Filca-Cisl e Feneal-Uil mette a rischio migliaia di posti di lavoro in tutta Italia, e prelude a una precarizzazione del lavoro stesso, con riflessi negativi anche sull’utenza autostradale. “Lavoro e qualità delle autostrade sono una priorità”, afferma Giulia Bartoli (Fillea-Cgil), mentre la nuova norma “è stata scritta male – accusa Stefano Tesi (Filca-Cisl) – e con questo presidio vogliamo fare un segnale”.

Stante la convocazione del tavolo al Mise per venerdì 14, lo sciopero indetto per quella giornata è sospeso, ma “se il tavolo non dovesse dare risposte esaurienti – avverte Laura Zucchini (Feneal-Uil) – ci riserviamo di continuare la protesta.” “Ci scusiamo per il disagio” aveva dichiarato i sindacalisti Giulia Bartoli, Ottavio De Luca e Ernesto in un comunicato: “ma la vertenza dei lavoratori delle concessionarie è finalizzata non solo alla salvaguardia dell’occupazione ma anche alla qualità del lavoro e delle prestazioni effettuate nella manutenzione delle autostrade e, quindi, a garantire la sicurezza degli automobilisti stessi.”

“Solidarietà ai lavoratori delle concessionarie a cui ho portato la mia vicinanza condividendo la loro legittima preoccupazione”. Lo afferma il capogruppo Mdp in Consiglio regionale Serena Spinelli. “Mi unisco all’appello di lavoratori e sindacati che chiede al Governo di porre tempestivamente rimedio a quanto previsto dal nuovo Codice Appalti – aggiunge in una nota -, che limitando la possibilità per le concessionarie di eseguire direttamente manutenzioni e progettazione mette a rischio 3 mila  posti di lavoro in tutta Italia, 200 in Toscana”.

Inoltre, dice ancora, “colpisce una specializzazione industriale necessaria a questo tipo di interventi legati alla sicurezza di chi viaggia. Uno scenario inaccettabile al quale auspico il Governo trovi un rimedio adeguato già a partire dal prossimo 14 luglio, giorno in cui è stato convocato il tavolo al Mise”. Per Spinelli “è evidentemente da scongiurare uno scenario in cui a seguito del nuovo Codice Appalti a rimetterci sia l’anello più debole della catena, ovvero i lavoratori”, conclude.

Claudio Gherardini ha intervistato Barbara Cerruti del sindacato Filca Cisl Nazionale:

170710_04_MANIFESTAZIONE LAVORATORI AUTOSTRADE_CERRUTI

The post AUTOSTRADE, PRESIDIO CONCESSIONARIE AUTOSTRADALI A SCANDICCI appeared first on Controradio.

LUCCA, TAMBELLINI PRESENTA NUOVA GIUNTA

Lucca Tambellini

Nove assessori tra cui cinque sono del Pd e uno è un manager: la nuova giunta presentata a Lucca dal rieletto sindaco Tambellini presso Palazzo Orsetti. Tre consiglieri per lavoro, sanità e affari animali. Soddisfazione dal Pd.

Cinque conferme e quattro novità, cinque elementi del Pd, due di Lucca Civica, uno di Sinistra con Tambellini e un manager. Ecco la giunta del secondo mandato del neorieletto sindaco di Lucca Alessandro Tambellini (Pd), presentata alla stampa e alla città nella Sala degli Specchi di Palazzo Orsetti.

Una squadra sotto il segno della continuità, ma anche delle novità alla luce del recente risultato elettorale. Intanto le conferme: Giovanni Lemucchi (Lucca Civica) sarà vicesindaco con deleghe al bilancio, controllo di gestione, tributi, società partecipate; Serena Mammini (Pd) avrà le deleghe a urbanistica, edilizia privata e progetti ex Piuss; Celestino Marchini (Lucca Civica) deleghe ai lavori pubblici, piano di regolazione del traffico, sicurezza stradale e manutenzione del verde pubblico; Francesco Raspini (Pd) assessore ad ambiente, protezione civile, sicurezza, organizzazione della struttura del Comune; Ilaria Vietina (Pd) politiche formative, politiche di genere e continuità della memoria storica.

I nomi nuovi sono Gabriele Bove (Pd), nominato assessore ai patti di confine, mobilità, Tpl, arredo e decoro urbano, patrimonio, processi di partecipazione, servizi al cittadino, innovazione; Lucia Del Chiaro (Sinistra con Tambellini) avrà le deleghe alle politiche sociali, interventi su vecchie e nuove povertà, politiche della casa, politiche giovanili, cooperazione internazionale; Valentina Mercanti (Pd) assessore ad attività produttive, sviluppo economico e politiche europee; infine per l’ex amministratore del Teatro del Giglio Stefano Ragghianti le deleghe a cultura, turismo e il nuovo assessorato mura-mare, sport, edilizia sportiva e gemellaggi.

Il sindaco ha poi nominato anche tre consiglieri delegati: Roberto Guidotti si occuperà di lavoro, Cristina Petretti si occuperà di sanità e Francesco Battistini di affari animali. Sarà il sindaco in prima persona a dedicare particolare attenzione alle questioni che riguardano la riqualificazione dell’ex ospedale Campo di Marte e gli assi viari. Come amministratore unico del Teatro del Giglio il sindaco nominerà a breve l’avvocato Giovanni Del Carlo.

Plauso alla nuova giunta dal commissario lucchese del Pd Stefano Bruzzesi, dal senatore democratico Andrea Marcucci e dalla deputata, sempre del Pd, Raffella Mariani. “È una bella squadra di governo – scrive sulla sua pagina Fb Marcucci – che mi sembra avere tutte le capacità per amministrare bene nei prossimi anni. Sono molto contento che ci sia finalmente una delega a cultura e turismo. In bocca al lupo ai nuovi assessori, in modo particolare a Valentina Mercanti e Gabriele Bove. Ed infine auguri all’amico
Gianni Del Carlo nuovo amministratore del Teatro del Giglio.  Ora tutti al lavoro per Lucca, basta con i chiacchiericci e le polemiche meschine delle ultime settimane”, conclude il senatore.

“Molto soddisfatto delle scelte” di Tambellini si dice poi Bruzzesi: “Il Pd è chiamato a dare un grande contributo sia con i confermati Mammini, Raspini e Vietina, sia con le new entry Bove e Mercanti. A tutti i migliori auguri di buon lavoro”. “Ottimo avvio della nuova esperienza amministrativa a Lucca: la giunta appena annunciata dal sindaco Tambellini vede al suo interno un giusto equilibrio di volti nuovi e persone in continuità con il mandato concluso”, le parole di Mariani.

The post LUCCA, TAMBELLINI PRESENTA NUOVA GIUNTA appeared first on Controradio.

LUCCA, TAMBELLINI PRESENTA NUOVA GIUNTA

Lucca Tambellini

Nove assessori tra cui cinque sono del Pd e uno è un manager: la nuova giunta presentata a Lucca dal rieletto sindaco Tambellini presso Palazzo Orsetti. Tre consiglieri per lavoro, sanità e affari animali. Soddisfazione dal Pd.

Cinque conferme e quattro novità, cinque elementi del Pd, due di Lucca Civica, uno di Sinistra con Tambellini e un manager. Ecco la giunta del secondo mandato del neorieletto sindaco di Lucca Alessandro Tambellini (Pd), presentata alla stampa e alla città nella Sala degli Specchi di Palazzo Orsetti.

Una squadra sotto il segno della continuità, ma anche delle novità alla luce del recente risultato elettorale. Intanto le conferme: Giovanni Lemucchi (Lucca Civica) sarà vicesindaco con deleghe al bilancio, controllo di gestione, tributi, società partecipate; Serena Mammini (Pd) avrà le deleghe a urbanistica, edilizia privata e progetti ex Piuss; Celestino Marchini (Lucca Civica) deleghe ai lavori pubblici, piano di regolazione del traffico, sicurezza stradale e manutenzione del verde pubblico; Francesco Raspini (Pd) assessore ad ambiente, protezione civile, sicurezza, organizzazione della struttura del Comune; Ilaria Vietina (Pd) politiche formative, politiche di genere e continuità della memoria storica.

I nomi nuovi sono Gabriele Bove (Pd), nominato assessore ai patti di confine, mobilità, Tpl, arredo e decoro urbano, patrimonio, processi di partecipazione, servizi al cittadino, innovazione; Lucia Del Chiaro (Sinistra con Tambellini) avrà le deleghe alle politiche sociali, interventi su vecchie e nuove povertà, politiche della casa, politiche giovanili, cooperazione internazionale; Valentina Mercanti (Pd) assessore ad attività produttive, sviluppo economico e politiche europee; infine per l’ex amministratore del Teatro del Giglio Stefano Ragghianti le deleghe a cultura, turismo e il nuovo assessorato mura-mare, sport, edilizia sportiva e gemellaggi.

Il sindaco ha poi nominato anche tre consiglieri delegati: Roberto Guidotti si occuperà di lavoro, Cristina Petretti si occuperà di sanità e Francesco Battistini di affari animali. Sarà il sindaco in prima persona a dedicare particolare attenzione alle questioni che riguardano la riqualificazione dell’ex ospedale Campo di Marte e gli assi viari. Come amministratore unico del Teatro del Giglio il sindaco nominerà a breve l’avvocato Giovanni Del Carlo.

Plauso alla nuova giunta dal commissario lucchese del Pd Stefano Bruzzesi, dal senatore democratico Andrea Marcucci e dalla deputata, sempre del Pd, Raffella Mariani. “È una bella squadra di governo – scrive sulla sua pagina Fb Marcucci – che mi sembra avere tutte le capacità per amministrare bene nei prossimi anni. Sono molto contento che ci sia finalmente una delega a cultura e turismo. In bocca al lupo ai nuovi assessori, in modo particolare a Valentina Mercanti e Gabriele Bove. Ed infine auguri all’amico
Gianni Del Carlo nuovo amministratore del Teatro del Giglio.  Ora tutti al lavoro per Lucca, basta con i chiacchiericci e le polemiche meschine delle ultime settimane”, conclude il senatore.

“Molto soddisfatto delle scelte” di Tambellini si dice poi Bruzzesi: “Il Pd è chiamato a dare un grande contributo sia con i confermati Mammini, Raspini e Vietina, sia con le new entry Bove e Mercanti. A tutti i migliori auguri di buon lavoro”. “Ottimo avvio della nuova esperienza amministrativa a Lucca: la giunta appena annunciata dal sindaco Tambellini vede al suo interno un giusto equilibrio di volti nuovi e persone in continuità con il mandato concluso”, le parole di Mariani.

The post LUCCA, TAMBELLINI PRESENTA NUOVA GIUNTA appeared first on Controradio.

FERROVIE, SINDACATI: “APPALTI TOSCANI A RISCHIO: VOGLIAMO GARANZIE”

ferrovie trasporti proposte Fs regionali

“A rischio i lavoratori e la qualità servizi sui treni” mettono in guardia Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti. “Appalti settore pulizie e servizi accessori frammentarie: chiediamo confronto con Trenitalia e Regione.”

“Ennesimo momento di preoccupazione fra i lavoratori degli appalti ferroviari in Toscana. A rischio c’e l’occupazione e la qualità del servizio offerto agli utenti che utilizzano i treni. I settori delle pulizie e dei servizi accessori dei treni hanno subito molte variazioni organizzative negli ultimi anni che hanno determinato una già considerevole perdita di posti di lavoro”. Lo affermano Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti.”Negli ultimi anni abbiamo assistito a un’emorragia occupazionale, chiediamo che la Regione si faccia parte attiva nella gestione del settore.” Il 12 e 13 luglio sarà sciopero regionale del comparto.

“Oggi – affermano – l’occupazione e calibrata sulle attività necessarie agli standard di qualità richiesti, ma tuttavia assistiamo alla costruzione di gare di appalto, talvolta senza il riconoscimento della clausola sociale, che tendono a frammentare le attività, producendo diseconomie e ricadute negative sui livelli occupazionali, restringendo strumentalmente il perimetro delle attività messe a gara ed escludendo da esso lavorazioni necessarie, al solo scopo di ridurre i costi ufficiali. Abbiamo chiesto da tempo un confronto con Trenitalia e la Regione Toscana che da anni investe notevoli risorse sul trasporto su ferro, ma ci scontriamo costantemente con le indisponibilità di tali soggetti. In Toscana ci sono le condizioni per mettere in sicurezza il settore anche attraverso la costruzione di un confronto serio con tutti i soggetti che in questo settore operano sia come committenti che come appaltatori. Chiediamo quindi alla Regione che si faccia parte attiva nella gestione del settore nel rispetto del servizio che essa stessa richiede e nel rispetto delle condizioni di lavoro di chi vi opera”.

The post FERROVIE, SINDACATI: “APPALTI TOSCANI A RISCHIO: VOGLIAMO GARANZIE” appeared first on Controradio.