Nasce albo delle botteghe storiche a Firenze

Nasce albo delle botteghe storiche a Firenze

Nasce l’albo delle attività storiche fiorentine da tutelare e promuovere con vincoli di salvaguardia. La delibera, che ha avuto ieri il via libera dalla giunta (dopo il termine dei lavori della commissione tecnica), prevede due categorie: 150 attività di eccellenza (che hanno ricevuto almeno un vincolo di salvaguardia) e 120 attività storiche tradizionali. L’obiettivo è far sì che non siano snaturate le attività, mantenendo la storia e la tradizione del luogo.

Secondo l’assessora allo sviluppo economico del Comune di Firenze Cecilia Del Re (che ha presentato la delibera della giunta) si tratta di “un lavoro coraggioso, primo del genere in Italia”. Per la prima volta vengono dati ai comuni “gli strumenti per tutelare le attività storiche”.

Tra i luoghi storici coinvolti il caffè delle Giubbe Rosse, in piazza della Repubblica: “Siamo contenti che questo lavoro – ha detto Del Re – troverà piena applicazione per la prima volta per il caffè storico Giubbe Rosse, che ad oggi non era sottoposto ad alcun vincolo di tutela”.

Il percorso è partito a maggio 2017 con l’approvazione del regolamento Unesco e della norma dedicata alle attività storiche, con la quale si rinviava a un censimento per individuare gli oggetti di tutela delle attività storiche presenti sul territorio del Comune di Firenze facenti parte del precedente Albo.

E’ stato quindi dato incarico al dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze, con il coordinamento del professor Bertocci, di analizzare singolarmente le attività inserite nell’albo degli esercizi storici, in modo da individuare gli elementi di pregio che all’Amministrazione interessava tutelare.

Completato questo lavoro, a giugno 2018, è stato approvato il nuovo regolamento per le Attività storiche, che ha costituito anche la Commissione chiamata ad individuare gli oggetti di salvaguardia. Tale salvaguardia può coincidere anche con l’attività stessa, che può riguardare sia l’eccellenza della lavorazione, che la caratteristica di svolgere un servizio per il quartiere e la cittadinanza (nell’elenco sono state infatti inserite  anche attività di ortolano o mercerie del centro storico).

All’interno della nuova lista, sono state mappate le attività inserite nel precedente albo degli esercizi storici: al momento dell’approvazione definitiva della lista saranno georeferenziate e inserite (con gli elementi da salvaguardare) nel database della direzione Urbanistica. Il lavoro di censimento sta andando avanti e l’Università sta ricercando altre attività con più di 50 anni, che potrebbero poi essere inserite nella lista e sottoposte all’esame della commissione.

Il 25 marzo nel salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio le 270 attività individuate riceveranno un riconoscimento formale anche con la consegna degli attestati.

Gimmy Tranquillo ha intervistato l’assessora allo Sviluppo economico Cecilia Del Re:

 

“L’identità di città come Firenze non si costruisce solo con la tutela dello straordinario patrimonio monumentale, ma, come ben asserito dalla  Convenzione di  Parigi del  17 ottobre 2003, anche attraverso la protezione di  quella fitta rete di valori culturali legati alle tradizioni, agli usi e ai costumi,  come l’artigianato, e una rete commerciale di attività tradizionali  a servizio del residente. Per questo l’iniziativa del Comune di Firenze appare non solo opportuna, ma necessaria” dichiara Rosa Maria Di Giorgi, deputata del Partito Democratico.

“E’ una risposta puntuale a chi accusa le amministrazioni del centrosinistra di aver svenduto l’anima della nostra Firenze. Al contrario: attraverso il Regolamento Unesco e questo ulteriore tassello, si stabilisce un livello di tutele che non ha pari” aggiunge Di Giorgi.

“Molto dovrebbe e potrebbe  invece fare il Parlamento ed il Governo, ad esempio riprendendo in mano il ddl di cui sono prima firmataria  “Misure per tutela e fruizione dei siti italiani  posti sotto la tutela dell’UNESCO” il cui obiettivo è proprio quello di rafforzare il sistema di tutele previste al fine di  preservare efficacemente il nostro straordinario patrimonio. Attraverso strumenti  in grado di garantire anche la componente  intangibile o immateriale presente nei nostri centri storici, di cui il commercio e le botteghe storiche sono parte fondamentale”, conclude la Parlamentare Dem.

L'articolo Nasce albo delle botteghe storiche a Firenze proviene da www.controradio.it.

Contratto sanità privata fermo da 12 anni, via alle mobilitazioni

Contratto sanità privata fermo da 12 anni, via alle mobilitazioni

Per Marco Bucci, segretario della Cisl Fp regionale, i salari mensili della sanità privata sono inferiori di 200 euro rispetto alla controparte pubblica ed è “una situazione non più tollerabile”.

I delegati toscani di Cgil, Cisl, Uil della sanità privata, provenienti da tutti i territori in rappresentanza degli oltre tremila operatori del settore, hanno chiesto alle tre organizzazioni sindacali di proclamare lo stato di agitazione e il rafforzamento della mobilitazione.

“E’ una situazione vergognosa e inaccettabile – ha detto Riccardo Bartolini, segretario Funzione Pubblica Cgil – che vede il contratto nazionale fermo dal 2007. E nonostante il rinnovo del contratto della sanità pubblica del 2018 prosegue il blocco e la melina da parte delle associazioni datoriali Aiop e Aris” per quanto riguarda quello della sanità privata.

Per Marco Bucci, segretario della Cisl Fp regionale, i salari mensili della sanità privata sono inferiori di 200 euro rispetto alla controparte pubblica ed è “una situazione non più tollerabile”.

Le categorie di Cgil, Cisl e Uil regionali chiedono un intervento anche al presidente della Regione Enrico Rossi e all’assessore alla Salute Stefania Saccardi, perché anche la politica si muova a sostegno dei lavoratori. Si tratta di servizi per i quali il grosso dei finanziamenti delle case di cura e dei centri di riabilitazione rimane pubblico.

Le segreterie regionali hanno pertanto chiesto un incontro per approfondire il problema e chiedere una rapida presa di posizione in Conferenza delle Regioni.

L'articolo Contratto sanità privata fermo da 12 anni, via alle mobilitazioni proviene da www.controradio.it.

Anci Toscana in crisi per Quota 100, via in 1200 da Enti locali

Anci Toscana in crisi per Quota 100, via in 1200 da Enti locali

Una riduzione di personale negli Enti locali della Toscana che potrebbe aggirarsi sulle 1.200 unità: è questa una prima stima fatta da Anci Toscana in merito agli effetti di ‘quota 100’ che, si spiega, “rischiano di mettere in seria difficoltà anche i Comuni toscani”.

L’associazione spiega che si tratterebbe di “un’ulteriore riduzione del personale”, in media una diminuzione aggiuntiva, rispetto a pensionamenti ‘ordinari’, pari a meno 5,4% degli attuali dipendenti in servizio.
L’effetto stimato di quest’emorragia per alcuni capoluoghi avrebbe numeri importanti: meno 200 dipendenti a Firenze, meno 40 a Lucca, meno 14 a Grosseto, meno 48 a Pistoia. Mentre per i Comuni più piccoli anche trovarsi con poche unità in meno avrebbe conseguenze nefaste per l’organizzazione del lavoro”.
La situazione preoccupa molto Anci, si spiega, anche perchè alla diminuzione del personale corrisponde l’aumento dei compiti per la gestione delle pratiche relative al reddito di cittadinanza.
“E’ necessaria una norma transitoria per sopperire all’esodo” ha detto Filippo Nogarin, sindaco di Livorno e vicepresidente di Anci Toscana e di Anci nazionale, richiesta avanzata anche ieri nell’audizione di Anci al Senato, dove è stato auspicata una maggiore flessibilità nel turn-over e “più spazio per la spesa del personale e per rendere meno rigidi i vincoli temporali legati alle regole pensionistiche, consentendo la facoltà di utilizzo tempestivo della capacità assunzionali dovute alle cessazioni programmate”.

L'articolo Anci Toscana in crisi per Quota 100, via in 1200 da Enti locali proviene da www.controradio.it.

Pisa, Landini su reddito: per ora casino e nuova precarietà

Pisa, Landini su reddito: per ora casino e nuova precarietà

“Il contrasto alla povera è un tema molto caro anche al sindacato, assai prima di quando se ne sono occupati loro. La verità è che il reddito di cittadinanza così com’è mischia lotta alla povertà e politiche per il lavoro e fare un miscuglio, significa fare un casino, tra l’altro come si è visto con i navigator, creando nuova precarietà”. Lo ha detto il leader della Cgil, Maurizio Landini, a margine di un’assemblea alla Vodafone di Pisa.

“Non possono essere solo i centri per l’impiego gli strumenti per creare nuovo lavoro – ha aggiunto – e infatti il messaggio che si manda con i navigator è tutt’altro che positivo perché si crea nuova precarietà anziché lavoro vero e stabile”. Il sindacato, ha concluso Landini, “ha unitariamente molte idee sul contrasto alla povertà e anche sulla riforma delle pensioni oltre che sulle politiche per lo sviluppo e auspichiamo che dopo il 9 febbraio (la manifestazione unitaria dei sindacati a Roma, ndr) il governo apra un tavolo di discussione su tutto questo”.

“Il governo ha un’ampia maggioranza in Parlamento ma non è un problema nostro se regge o meno fino alle elezioni europee. Non spetta al sindacato far cadere il governo oppure no”. Lo ha detto Landini rispondendo alle domande dei giornalisti. “Il problema è che le due forze di governo – ha spiegato – si sono presentate alle elezioni con programmi politici alternativi l’uno all’altro e poi hanno deciso di mettersi d’accordo con un contratto tra privati che ora impedisce qualsiasi discussione in Parlamento e con le organizzazioni sociali. Loro possono girarla come vogliono ma Cgil, Cisl e Uil hanno 12 milioni di iscritti, 12 milioni di persone che liberamente hanno scelto di farsi rappresentare dal sindacato e quindi il problema è se l’esecutivo ha interesse ad aprire un dialogo con noi per cambiare la politica economica e sociale”.

“Avere fatto il job’s act e avere provato a mettere in discussione il rapporto con il sindacato non mi pare abbia portato benissimo al governo di centrosinistra. Noi seguiamo con rispetto ma senza interferire la discussione interna al Pd ma credo che un partito che vuole essere di centrosinistra debba riflettere anche su questo”. Lo ha detto il leader della Cgil,  commentando la fase congressuale dem.
“Penso – ha concluso – che tra me ragioni elettorali della sua sconfitta ci sia stata proprio la rottura con il mondo del lavoro e quindi credo che ora debba cercare di recuperare quel
rapporto di fiducia con tanti lavoratori che hanno scelto di non andare a votare o hanno votato altre forze politiche”.

“Il problema non è solo la discussione
sulle grandi opere, su quelle si metta d’accordo il Governo al
suo interno, ma ciò che serve davvero è un piano straordinario
di investimenti per far ripartire il Paese”. Lo ha detto il
segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, dopo avere
partecipato a un’assemblea sindacale alla Vodafone di Pisa, la
prima da quando è stato eletto alla guida del sindacato.
“Le grandi opere – ha aggiunto – sono anche gli asili nido
dove ce ne è bisogno, la sanità dove non c’è e così via. E’
necessario capire che Paese si immagina tra 10-15 anni ed è su
questo che vogliano confrontarci”.

L'articolo Pisa, Landini su reddito: per ora casino e nuova precarietà proviene da www.controradio.it.

Firenze: sospesa attività per carenze igienico sanitarie

Firenze: sospesa attività per carenze igienico sanitarie

Nel Corso della giornata di ieri, i Carabinieri dei NAS coadiuvati dall’Arma hanno notificato un provvedimento di immediata sospensione dell’attività, emesso dalla locale azienda sanitaria, nei confronti del ristorante Hama sito in via San Gallo.

Nello specifico, nel corso di un’ispezione igienico sanitaria, i militari operanti hanno accertato gravi carenze igienico sanitarie (sporcizia diffusa e non rimossa da tempo, promiscuità tra prodotti vegetali crudi, sushi ed altri alimenti) e la non corretta applicazione del piano di autocontrollo alimentare (haccp), con particolare riguardo alle procedure di abbattimento del pesce crudo. Sono state elevate sanzioni amministrative  di  euro 2.000.

L'articolo Firenze: sospesa attività per carenze igienico sanitarie proviene da www.controradio.it.