Le Murate contro la violenza sulle donne: “Gli ultimi saranno ultimi”

Le Murate contro la violenza sulle donne: “Gli ultimi saranno ultimi”

Domenica 25 novembre il Caffè Letterario Le Murate ospita Gaia Nanni che si esibirà in un monologo scritto da Massimiliano Bruno, “Gli ultimi saranno ultimi”

L’associazione culturale La Nottola di Minerva, nell’ambito del Festival dei diritti promosso dalla Direzione Cultura e Sport – Ufficio Giovani e Pari Opportunità del Comune di Firenze, presenta “Gli ultimi saranno ultimi”. Un monologo di Massimiliano Bruno con Gaia Nanni, sonorizzazioni dal vivo di Gabriele Doria e regia di Marco Contè.

Un’operaia incinta si ritrova disoccupata alla vigilia del parto. La donna è disperata e la sua reazione è improvvisa: irrompe sul posto di lavoro e prende in ostaggio la responsabile del suo licenziamento. Una vicenda vissuta tutta in una notte, in cui si incrociano i destini di uomini e donne normalmente distanti tra loro: una fredda dirigente d’azienda piegata alle leggi di mercato, un’ingenua poliziotta di provincia, un transessuale sarcastico e disilluso, una saggia donna delle pulizie fissata con le canzonette e un bambino che sta per nascere… e se decidesse di venire al mondo proprio quella notte? Una sola attrice in scena interpreta tutti i protagonisti di questa storia in un monologo esilarante e dissacrante. Un autentico capolavoro tragicomico, figlio dei nostri tempi, pronto a sorprendervi commossi e divertiti.

In un monologo esilarante e dissacrante, autentico capolavoro tragicomico figlio dei nostri tempi, una “malkovichiana” Gaia Nanni.

L'articolo Le Murate contro la violenza sulle donne: “Gli ultimi saranno ultimi” proviene da www.controradio.it.

Sui Generis: Le Murate. 
Un reading e una talk su identità e genere

Sui Generis: Le Murate. 
Un reading e una talk su identità e genere

Sui Generis: Le Murate. Giovedì 8 novembre, Chiara Camoni e Cecilia Canziani 
leggeranno delle pagine scelte e apriranno un dibattito insieme al pubblico

Appuntamento giovedì 8 novembre alle 15:30 a Le Murate. Progetti Arte Contemporanea con il progetto Identities (realizzato con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze – progetto Mur°arte – in collaborazione con La Nottola di Minerva e con il contributo di Regione Toscana, progetto ToscanaInContemporanea 2018. ) che per l’occasione propone Sui Generis, un incontro con l’artista Chiara Camoni e la curatrice Cecilia Canziani che discuterranno insieme al pubblico di identità e generi.
La prima parte del pomeriggio (alle 15:30) sarà dedicata al reading con pagine scelte tratte da “Gender. Per una critica storica dell’uguaglianza” di Ivan Illich, da “Incantare il mondo” di Silvia Fererici, “L’uomo artigiano” di Richard Sennet, da “I geni in testa e il feto in grembo” di Barbara Duden e da “Medea” di Christa Wolf. Alle 17:30 spazio invece alla talk durante la quale Chiara Camoni e Cecilia Canziani apriranno un dialogo su identità e genere, produzione artistica e pratiche curatoriali, con particolare attenzione alle pratiche di lavoro collettivo e di condivisione.
Chiara Camoni 1974, Piacenza; vive e lavora a Giustagnana, sulle Alpi Apuane. L’artista lavora con un ampio ventaglio di materiali e seguendo molteplici processi artistici. Esplora la metamorfosi di forme e percezioni nel corso del tempo, mettendo in luce la poeticità di questo costante flusso di apparizione e scomparsa. Diplomata nel 1999 in Scultura presso l’Accademia di belle arti di Brera, dal 2000 è direttore artistico dell’Istituto per la Diffusione delle Scienze Naturali di Napoli. Nel 2007 fonda insieme ad altri artisti il MAGra, Museo d’Arte Contemporanea di Granara (PR) e ne segue la programmazione. Fa parte del gruppo Vladivostok.
Cecilia Canziani critico d’arte e curatrice, il suo lavoro si concentra sulla pratica artistica contemporanea come interrogazione dello spazio culturale e del suo contesto e sulla didattica della cultura visiva contemporanea. E’ membro fondatore dello spazio non profit 1: 1projects, insegna presso l’Accademia di Belle Arti di Palermo e l’Università di Roma La Sapienza. Da gennaio 2009, insieme a Ilaria Gianni, sono direttrici artistiche della Nomas Foundation, Roma.

 

L'articolo Sui Generis: Le Murate. 
Un reading e una talk su identità e genere proviene da www.controradio.it.

“RiVista”: il festival della piccola e media editoria

“RiVista”: il festival della piccola e media editoria

Dal 21 al 23 settembre alle Murate torna Firenze RiVista: un festival, un’occasione per incontrarsi, discutere, immaginare quello che sarà.

A Firenze RiVista ci saranno una serie di incontri su letteratura, cinema e giornalismo e un’opportunità per il pubblico di incontrare gli autori e scoprire in anteprima le novità del mondo della rivista e della piccola e media editoria.

Quest’anno la quarta edizione del festival sarà incentrata sul tema delle Mutazioni, dopo le passate edizioni a tema Futuro (2016) e Ricerca (2017).

Importante novità della nuova edizione sarà la presenza della piccola e media editoria. Chiaramente il ruolo di protagonista spetterà al mondo delle riviste, fiorentine e nazionali: saranno infatti presenti anche numerosi magazine cartacei e online diffusi in tutta Italia.

Ma non c’è solo letteratura. Si parlerà di cinema, di come Netflix ha trasformato il modo in cui guardiamo la televisione e ci saranno due incrontri in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti sulla mutazione della comunicazione, oltre che una lectio magistralis al giorno con professori dell’Università di Firenze.

L'articolo “RiVista”: il festival della piccola e media editoria proviene da www.controradio.it.

“RiVista”: il festival della piccola e media editoria

“RiVista”: il festival della piccola e media editoria

Dal 21 al 23 settembre alle Murate torna Firenze RiVista: un festival, un’occasione per incontrarsi, discutere, immaginare quello che sarà.

A Firenze RiVista ci saranno una serie di incontri su letteratura, cinema e giornalismo e un’opportunità per il pubblico di incontrare gli autori e scoprire in anteprima le novità del mondo della rivista e della piccola e media editoria.

Quest’anno la quarta edizione del festival sarà incentrata sul tema delle Mutazioni, dopo le passate edizioni a tema Futuro (2016) e Ricerca (2017).

Importante novità della nuova edizione sarà la presenza della piccola e media editoria. Chiaramente il ruolo di protagonista spetterà al mondo delle riviste, fiorentine e nazionali: saranno infatti presenti anche numerosi magazine cartacei e online diffusi in tutta Italia.

Ma non c’è solo letteratura. Si parlerà di cinema, di come Netflix ha trasformato il modo in cui guardiamo la televisione e ci saranno due incrontri in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti sulla mutazione della comunicazione, oltre che una lectio magistralis al giorno con professori dell’Università di Firenze.

L'articolo “RiVista”: il festival della piccola e media editoria proviene da www.controradio.it.