Genius Loci: tutto esaurito e grande emozione per la kermesse nei choistri di Santa Croce

Genius Loci: tutto esaurito e grande emozione per la kermesse nei choistri di Santa Croce

Genius Loci è organizzato da Controradio Club, Controradio e Opera di Santa Croce in collaborazione con l’associazione La Nottola di Minerva, il contributo del Comune di Firenze per l’Estate Fiorentina 2021 ed il patrocinio della Città Metropolitana di Firenze ed il supporto di Gucci.

Tutti gli appuntamenti sono andati sold out in prenotazione, e chi ha partecipato porta con sè il ricordo di performance e spettacoli di grandissima emozione. Chi non ha potuto parteciparea Genius Loci  avrà  invece  l’occasione per rivivere i momenti salienti del festival: video e interviste saranno disponibili nei prossimi giorni sulla piattaforma digitale EDO di Controradio

Due serate e un’alba nel segno del tutto esaurito per Genius Loci, il festival che lo scorso weekend ha “invaso” il Complesso monumentale di Santa Croce, a Firenze. La rassegna si è conclusa sabato con lo splendido concerto all’alba del Ghimel Trio.

Tanti appuntamenti che hanno visto protagonisti, tra gli altri, Stefano Massini, Ginevra di Marco, Chiara Frugoni e Dacia Maraini, Stefano Bartezzaghi, Elina Duni, Oliphantre con Leila Martial, Letizia Renzini, Pino Ninfa e Dimitri Grechi Espinoza. Molto partecipati anche il ciclo di viste guidate a Santa Croce e gli incontri di “Aspettando Genius Loci” con Marco Malvaldi, Aldo Cazzullo, Marcello Fois, Enzo Fileno Carabba e Piero Trellini.

“Tra Memoria e Futuro” è stato il fil rouge della quarta edizione di Genius Loci, festival che, tra spettacolo e talk show, invita il pubblico alla scoperta del Complesso monumentale di Santa Croce e del suo genius loci, sulle orme di artisti, teologi, religiosi, letterati, umanisti e politici di cui, in questo luogo simbolo, si custodisce e si rende attuale la memoria per le generazioni che verranno.

L'articolo Genius Loci: tutto esaurito e grande emozione per la kermesse nei choistri di Santa Croce da www.controradio.it.

Happening! il primo festival di arti performative fino al 4 ottobre alla Manifattura Tabacchi

Happening! il primo festival di arti performative fino al 4 ottobre alla Manifattura Tabacchi

Da oggi, 25 settembre al 4 ottobre 2020 va in scena Happening! il festival ideato e a cura dell’artista multidisciplinare e regista Letizia Renzini, prodotto e realizzato da NAM – Not A Museum, la piattaforma d’arte contemporanea di Manifattura Tabacchi.

 

NAM – Not A Museum fa della sperimentazione e dell’interdisciplinarità i suoi principi guida, con l’intenzione di costruire una comunità di artisti, maestranze, innovatori contemporanei, esperti di diversi settori capaci di raggiungere ogni tipologia di pubblico.

Se un museo è uno spazio per l’arte, NAM – Not A Museum è uno spazio per gli artisti, un luogo flessibile che li mette in condizione di esplorare diverse tipologie di collaborazioni e inventare nuove forme d’arte. In questo contesto Happening! rappresenta il primo evento-manifesto di NAM. La commistione tra diverse discipline artistiche, la forte specificità delle performance e delle installazioni rispetto agli spazi di Manifattura Tabacchi, la creazione di una comunità temporanea attraverso l’arte, l’interazione con l’ambiente naturale, si concentrano infatti all’interno di un unico accadimento, che rende lo spettatore parte del processo creativo nel suo svolgersi.

“Ho pensato a Happening! – dice Letizia Renzini – come a un festival che testimoniasse e indagasse quello che vedo come un dato di fatto nel campo della produzione artistica contemporanea: la multidisciplinarietà, gli smarginamenti tra i linguaggi artistici e tra le arti del tempo e dello spazio, e un rapporto innovativo con il passato, spesso usato come repertorio, o come vocabolario storico al quale riferirsi per creare qualcosa di nuovo: un’opera totale, inclusiva e aperta. Ho trovato in Manifattura Tabacchi e nel nuovo progetto dedicato all’arte NAM – Not A Museum la rappresentazione concettuale, architettonica e plastica di tutto questo, il contesto naturale per un evento osmotico che non divida il contenuto dal contenitore, ma che permetta accadimenti (Happening!) i cui protagonisti, sia indipendenti che istituzionali, sia interni che esterni a Manifattura, dialogano insieme come in una grande jam-session, con l’intenzione comune di promuovere un nuovo concetto di fare, produrre e fruire l’arte e le performing arts.”

Caratteristica principale di Happening! è la proposta sperimentale che vuole accogliere ogni tipologia di fruitore. Il programma di Happening! riunisce artisti e performer di rilievo internazionale, che interagiranno tra loro, e con alcune eccellenze fiorentine che hanno una dimensione internazionale: New Generation Festival, Tempo Reale, Scuola di Musica Di Fiesole, Fondazione Studio Marangoni per la fotografia, l’etichetta OOH-sounds di Michele Pardo Pauli, e i designer/artisti che compongono la comunità stabile creativa di Manifattura: Mòno, Canificio, Duccio Maria Gambi e Veronica Cornacchini, co-fondatrice di SuperDuper Hats.

Il programma e tutti gli appuntamenti di Happening! sono disponibili su: www.manifatturatabacchi.com/eventi/happening/

L'articolo Happening! il primo festival di arti performative fino al 4 ottobre alla Manifattura Tabacchi proviene da www.controradio.it.