Nuovo striscione Fn contro Don Biancalani: ”tanto fumo, poco incenso”

Nuovo striscione Fn contro Don Biancalani: ”tanto fumo, poco incenso”

Uno striscione di Forza Nuova contro don Massimo Biancalani, il parroco della chiesa di Vicofaro a Pistoia da sempre in difesa dei migranti e della loro accoglienza, è stato affisso la notte scorsa a Montecalvoli, frazione di Santa Maria a Monte (Pisa) dove stasera è atteso lo stesso sacerdote, ospite della festa di Liberi e uguali Valdarno Inferiore in programma fino a domenica.

Sullo striscione si legge ‘Don Biancalani: tanto fumo, poco incenso’. “Il nostro messaggio goliardico – commenta il segretario pisano di Fn, Augusto Gozzoli – vuole mettere alla berlina il fallimentare progetto di integrazione portato avanti da Biancalani nella sua parrocchia e invitarlo a dedicarsi maggiormente all’attività pastorale e alla cura spirituale dei fedeli”.

“I nipotini degli squadristi del Ventennio ci riprovano: e non c’è niente di goliardico nel tentare di intimidire don Biancalani e pure nell’affrontare il dramma delle migrazioni”. E’ quanto dichiara Nicola Fratoianni di Liberi e Uguali in merito allo striscione con il religioso affisso da Fn a Montecalvoli (Pisa) dove stasera il sacerdote è atteso come ospite per la festa di Leu.

“Siamo certi – prosegue il leader di Si – che le forze dell’ordine individueranno i responsabili della schifezza di questa notte”. “Non siamo più disposti a tollerare – aggiunge Fratoianni – che gruppuscoli neofascisti si rendano protagonisti di azioni di questo genere intimidatorio. Ci auguriamo davvero che prefetto e questore di Pisa garantiscano serenità e la tranquillità per la nostra festa, impedendo ogni gazzarra fascista durante il suo svolgimento”.

L'articolo Nuovo striscione Fn contro Don Biancalani: ”tanto fumo, poco incenso” proviene da www.controradio.it.

Alluvione Livorno, Muroni (LeU): ”mio impegno per corretta gestione del territorio”

Alluvione Livorno, Muroni (LeU): ”mio impegno per corretta gestione del territorio”

A un anno dall’alluvione che provocò nove vittime a Livorno, Rossella Muroni, deputata di Liberi e Uguali e prima firmataria di due proposte di legge per il contrastato al consumo di suolo e all’abusivismo edilizio, ha affermato: ” il modo migliore per ricordare le vittime è mettere in campo serie politiche di riduzione del rischio idrogeologico e prevenzione.

”Tanto più considerando, come certifica il recente rapporto Ispra sul fenomeno-prosegue Muroni- che è a rischio il 91% dei comuni e che oltre 3 milioni di famiglie vivono in aree ad alta vulnerabilità. Rischi aggravati dai cambiamenti climatici in atto. Per questo una politica lungimirante deve dare priorità alla riduzione dei gas a effetto serra, alla messa in sicurezza e alla corretta gestione del territorio, investendo risorse adeguate.”

”In questa direzione è importante l’invito del Presidente della Repubblica Mattarella ad operare per il ripristino degli equilibri ambientali, per la riduzione del rischio e per aumentare gli standard di sicurezza. Oltre a garantire maggiore sicurezza ai cittadini, una tale azione di cura del territorio sarebbe anche ad alta intensità di lavoro e di buona economia. È necessario poi diffondere maggiormente nel Paese la coscienza dei rischi e la cultura della prevenzione.”

”Proprio pensando alla corretta gestione del territorio, alla mitigazione del dissesto idrogeologico, alla sicurezza, alla legalità e alla salute dei cittadini,-ha concluso Muroni- il primo giorno di Legislatura ho presentato una proposta di legge contro il consumo di suolo e una per contrastare l’abusivismo edilizio, che favorisce e disciplina le demolizioni degli abusi e il ripristino dei luoghi. Per dare una risposta efficace in chiave di prevenzione anziché di emergenza”.

L'articolo Alluvione Livorno, Muroni (LeU): ”mio impegno per corretta gestione del territorio” proviene da www.controradio.it.