Cinema, Libreria, Caffetteria: 400 mq di Cultura allo Stensen

Cinema, Libreria, Caffetteria: 400 mq di Cultura allo Stensen, riunito un unico spazio di 400 mq, che rimane aperto ogni giorno fino a dopo cena: questa è la nuova sfida della Fondazione Stensen di Firenze e Alzaia Sas, con l’apertura della nuova Libreria “Alzaia” in Viale Don Minzoni 25/a.

Fino ad un anno fa era la Libreria Parterre, separata da un muro dal Cinema Stensen; quando lo spazio, tuttavia, viene ripreso in gestione, quel muro, fisico e simbolico, viene abbattuto, allargando confini e barriere e creando uno luogo multiculturale e polivalente, unico nel suo genere non solo a Firenze, ma anche in Italia, che racchiude eventi culturali, cinema e momenti di relax (e perchè no, di approfondimenti e riflessione “intellettuale-intellettiva”) davanti a un caffè.
Michele Crocchiola dello Stensen Cinema precisa infatti che “questo tipo di unificazione fisica è unica in Italia, perchè la legislazione italiana non prevede che uno spazio di pubblico spettacolo sia direttamente collegata ad altri ambienti; ma grazie anche al sostegno della Provincia e della Regione, sono riusciti in questa iniziativa, volta a creare sinergia e compartecipazione tra i vari “contenitori culturali” e ad offrire una formula nuova e fresca di passatempo culturale. “Gli spazi culturali stanno diventando sempre più luoghi di aggregazione e volevamo costruire una sorta di open space che mettesse in comunicazione il cinema Stensen con la libreria e coniugasse le varie proposte di film e di libri”, in modo che ogni area sia di supporto all’altra all’interno di un luogo piacevole per chiacchere e ricerca.
La libreria è gestita da tre giovani ragazzi fiorentini Anna Maria Bondi, Giuseppina Muratore e Enrico Ricci e il suo nome, come spiega quest’ultimo, “è una parola che racchiude il significato di questa iniziativa: l’alzaia è infatti la fune con cui si trascinavano controcorrente le barche lungo i fiumi e ci sembrava perfetto per quest’avventura nel mondo culturale, in particolare in quello dei libri, un settore attraversato da una forte crisi a cui abbiamo deciso di rispondere provando a ribaltare le tendenze”. Uno spazio di 80 mq contenente circa settemila titoli tra romanzi, saggistica, storia, attualità e novità letterarie e un’apertura non solo fra l’Alzaia e lo Stensen, ma anche fra i cittadini, in quanto si dicono aperti e disponibili alle proposte e alle esigenze degli utenti.
L’Alzaia ha tuttavia pensato anche a “nutrire la pancia”, oltre che lo Spirito: è infatti presente una caffetteria che propone, oltre ai prodotti tradizionali, cibi e bibite del commercio equo solidale, biologici e a chilometro zero, e pasticceria americana (dai cupcake al brunch domenicale).
Sarà possibile usufruire di questo spazio multiuso a partire dalle ore 19.30 di Venerdì 23 Gennaio, giorno che sancirà l’inizio dell’attività e darà il via a tre giorni inaugurali.
In seguito all’inaugurazione, alle ore 21.30 ci sarà infatti la proiezione del film “Gemma Bovery” di Anne Fontaine in antemprima nazionale; Sabato 24 Gennaio, alle ore 15.30, la programmazione continua con gli incontri del “Novembre Stenseniano” sui temi “Le passioni sportive” con Giovanni Boniolo e “Le solidarietà e condivisioni sociopolitiche” con Emilio Barucci e alle ore 20.00 e alle ore 22.00 verrà proiettato il nuovo attesissimo film “Difret” di Zeresenay Berhane Mehari; e infine Domenica 25 Gennaio, alle ore 11.00 ci sarà l’anteprima di “Turner” di Mike Leigh in lingua originale, sottotitolato (proiezione della domenica mattina è una formula che vogliono mantenere).
Normalmente la libreria sarà aperta dal martedì alla domenica con orario 10.00-  22.00 (la domenica 15.30- 22.00) e sono previste tanti altri eventi, da definirsi meglio nei prossimi mesi, con musica dal vivo e, due volte a settimana, l’Aperilibro, un modo per combinare aperitivo e lettura dei libri e accompagnarsi all’ultima proiezione cinematografica.
Un luogo dinamico, un luogo di divertimento in cui rilassarsi, in cui rifugiarsi con l’immaginazione dei libri e dei film, ma anche di pensiero, “un luogo artisticamente ricco e creativo, caratterizzato da una politica culturale che vuole riflettere insieme per trovare una via che rigeneri il tessuto sociale condiviso, la partecipazione e la complicità tra gli abitanti, in quanto questo è il ruolo della cultura”, come ha detto Ennio Brovedani, Presidente della Fondazione Stensen.

Per maggiori informazioni: www.stensen.org / www.alzaia.org